Lavoro 8 ottobre 2018

Previdenza, la proposta di Oliveti (Enpam): «Creiamo cassa comune che unisca medici dipendenti e non»

Il presidente di Enpam e Adepp elenca le proposte presentate al ministero del Lavoro, dalla costituzione di un fondo di solidarietà intercasse a maggiori investimenti per welfare circolare

Immagine articolo

L’ha chiamata “la casa previdenziale comune del medico”, il presidente dell’Enpam Alberto Oliveti. A margine della “Giornata della previdenza” organizzata dalla Cosmed, ci ha spiegato perché, secondo lui, si potrebbe dar vita ad una cassa dedicata a tutti i laureati in medicina che esercitano la professione del medico o dell’odontoiatra, a prescindere dal loro rapporto di lavoro. Liberi professionisti e medici convenzionati, oggi gestiti dall’Enpam, insieme ai medici dipendenti, che versano i contributi all’Inps, accomunati in un’unica cassa (o casa) previdenziale, appunto, che evidenzi «l’orgoglio dell’essere medico». «È una proposta e non è mai troppo tardi per realizzarla – commenta Oliveti -. Andrebbe superato un periodo di transizione, ma secondo me si può fare».

L’Enpam è destinato a gestire esclusivamente il rapporto di lavoro autonomo, ma di fatto un caso in cui gestisce in senso previdenziale un reddito di lavoro dipendente già c’è, ed è rappresentato dai cosiddetti transitati: «Si tratta – spiega il presidente – di medici del 118 e specialisti ambulatoriali che versavano i contributi all’Enpam e che, in qualche regione, sono poi passati alla dipendenza, mantenendo tuttavia la contribuzione all’ente di previdenza dei medici. Sono l’unica eccezione, ma utilizzando questo canale anche per il mondo della dipendenza tutti i medici e gli odontoiatri iscritti agli albi verserebbero in una casa comune previdenziale».

«Credo che i fatti dimostrino – prosegue Oliveti – che gli attivi di gestione del mondo della dipendenza non diano segnali di salute, poiché sono stati utilizzati per compensare altre gestioni negative. In questo modo invece rimarrebbero positivi e costituirebbero quel patrimonio analogo a quello che è stato costruito dall’Enpam gestendo il rapporto di lavoro autonomo».

LEGGI ANCHE: ENPAM, PENSIONI AL SICURO. IL PRESIDENTE OLIVETI: «COSI’ RESISTEREMO ALL’IMPATTO DEI CAMBIAMENTI DEMOGRAFICI»

Parlando di casse in difficoltà, Oliveti indossa quindi le vesti di presidente dell’Adepp (Associazione degli enti previdenziali privati) ed elenca ai nostri microfoni le richieste presentate qualche giorno fa al primo incontro al ministero del Lavoro dopo la formazione del nuovo Governo, a partire dalla creazione di un fondo di solidarietà intercasse: «Alcune casse, come quella dei giornalisti, sono in difficoltà per motivi legati alla sottostante professionale che è in crisi. Ad oggi, tuttavia, ogni amministratore di cassa ha il mandato di gestire al meglio i soldi che prende dalla sua platea per finalità proprie della sua platea, per cui l’Enpam per esempio non può intervenire a sostegno dei giornalisti. Tuttavia – prosegue -, visto che noi siamo sottoposti alla doppia tassazione dei patrimoni e contribuiamo quindi alla fiscalità generale, pur non ricevendone nulla, ho proposto di mantenere questo volano virtuoso che va dalle casse al sistema generale indirizzandolo non più alla fiscalità generale ma a fiscalità di scopo, creando quindi un fondo solidale intercasse. Per poterlo fare però sarebbe necessaria una previsione di legge specifica, ma i dirigenti del ministero del Lavoro erano interessati alla proposta».

Oliveti ha poi «ribadito che la doppia imposizione fiscale sia ingiusta e che ci muoviamo per abolirla. Ma essendo consapevoli che in questo momento non ci sono le condizioni per cancellarla, chiediamo di ampliare quel perimetro di esenzione fiscale sul 5% degli investimenti, purchè fatti in determinate aree, e di portarlo all’8%».

Inoltre, il presidente ha chiesto di «elevare i tetti agli investimenti in welfare che ogni cassa ha, e identificare quindi sugli avanzi di bilancio gestionali una quota che possa essere utilizzata per prestazioni di welfare professionale o circolare». Un concetto, quello di welfare circolare, su cui Oliveti si è soffermato a lungo nella sua relazione, ma che può essere definito con il sintetico concetto «chi lavora non aiuta solo chi ha lavorato ma anche chi sta ancora lavorando e chi lavorerà». I contributi versati alle casse previdenziali, in sostanza, non vengono utilizzati solo per pagare le pensioni ma anche per offrire un sostegno a lavoratori e studenti.

Infine, Oliveti ha proposto di anticipare l’abolizione della spending review per le casse private al 2019: «La Corte Costituzionale ha chiarito che la spending review riguarda la pubblica amministrazione e quindi a noi non deve essere applicata. Questo passaggio è stato recepito dal 2020, ma abbiamo chiesto che venga reso operativo con la prossima legge di Bilancio», conclude.

LEGGI ANCHE: BLOCKCHAIN, OLIVETI (ENPAM): «CON QUESTA TECNOLOGIA GIUSTO RICONOSCIMENTO E REMUNERAZIONE (ANCHE PREVIDENZIALE)»

Articoli correlati
Carenza medici, l’assessore Arru (Sardegna): «Con quota cento rischio boom di pensionamenti. Aumentare borse di studio per MMG»
Il titolare della Sanità sarda difende la riforma della rete ospedaliera regionale: «Problema non è la carenza di servizi, ma un eccesso di servizi mal distribuiti che molto spesso non raggiungono i volumi indicati e suggeriti dal Piano nazionale esiti». Poi rilancia la medicina multiprofessionale per affrontare cronicità
Taglio alle pensioni d’oro, Damiano (Pd): «No al ricalcolo retroattivo: è un principio pericoloso»
«Un contributo di solidarietà temporaneo, della durata di tre anni, sulle pensioni al di sopra dei 4-5 mila euro netti mensili. La Corte Costituzionale lo approverebbe». La proposta dell’ex ministro del Lavoro, Cesare Damiano
di Isabella Faggiano
Il 22 e 23 settembre l’ottava edizione di “Venezia in Salute”. 31 gazebo in piazza per difendere il SSN
Una grande festa per ribadire che, a 40 anni dalla sua nascita, il Servizio Sanitario Nazionale è un tesoro, un’esperienza da difendere e, se possibile, da rafforzare. Questo sarà l’edizione 2018 di Venezia in Salute, la manifestazione in programma il 22 e il 23 settembre tra laguna e terraferma, organizzata dall’Ordine veneziano dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (OMCeO) e dal […]
Contratto, parla Carlo Palermo (Anaao): «Per firmare va sbloccata Retribuzione Individuale di Anzianità. Ecco come fare…»
Dai nodi da scogliere per arrivare a sbloccare il contratto alle soluzioni per rispondere alla carenza di specialisti, passando per le “autodimissioni” dei medici ospedalieri fino al taglio delle pensioni d’oro: l’intervista a tutto tondo al segretario nazionale di Anaao Assomed
Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»
Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi prende 4mila euro non è un ladro...». L'ex ministro del Lavoro Maurizio Sacconi: «La strada giusta è quella del prelievo di solidarietà»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila