Politica 2 Settembre 2021 13:06

Presentato ddl per far rientrare gli odontotecnici tra i professionisti sanitari

Marin (ANTLO): «Speriamo in un giusto riconoscimento utile anche contro l’abusivismo nella professione». Pollice verso dal CAO: «L’attività dell’odontotecnico resta un atto ausiliario»

Presentato ddl per far rientrare gli odontotecnici tra i professionisti sanitari

Una nuova categoria potrebbe a breve entrare a far parte della schiera delle professioni sanitarie in Italia: quella degli odontotecnici. È stato infatti di recente presentato, su iniziativa della senatrice Paola Boldrini, un disegno di legge per istituire, appunto, la professione sanitaria di odontotecnico, con relativo corso di laurea.

La formazione degli odontotecnici

Ad oggi questa categoria professionale, specializzata nella costruzione delle protesi dentarie, è inquadrata nel settore dell’artigianato e prevede una formazione specifica triennale in istituto professionale al termine della quale, previo superamento di un esame, lo studente ottiene il diploma di Operatore Meccanico del settore Odontotecnico, qualifica che consente esclusivamente l’attività dipendente. Per esercitare l’attività in forma autonoma è invece necessario frequentare ulteriori due anni di formazione, al termine dei quali è previsto un esame per ottenere l’abilitazione all’esercizio della professione odontotecnica e un esame per ottenere il diploma di maturità professionale.

«Dopo una serie di iniziative presentate negli ultimi anni e purtroppo arenatesi – afferma Mauro Marin, presidente dell’Associazione Nazionale Titolari di Laboratorio Odontotecnico (ANTLO) – questo disegno di legge che ha messo d’accordo la nostra e le altre associazioni di categoria e poi portato in Senato dalla senatrice Boldrini, potrebbe essere la nostra occasione. Non ci facciamo illusioni, sappiamo che il processo sarà lungo e tortuoso, ma è importante averlo intrapreso».

«Gli obiettivi? Maggior tutela del paziente e lotta all’abusivismo»

«La pandemia – prosegue Marin – che ha messo in nuova luce i fattori legati alla sicurezza dei pazienti e all’importanza dell’integrazione tra professioni, fornisce una buona chiave di lettura per comprendere le motivazioni dietro le nostre richieste: la maggior tutela possibile, appunto, dei pazienti. Il mondo sanitario è il mondo che ci appartiene, senza dubbio, e le responsabilità che ci assumiamo nel nostro lavoro incidono direttamente sulla salute del paziente, ferma restando la nostra assenza di contatto diretto con quest’ultimo e senza aver nessuna pretesa di andare oltre le nostre competenze».

«Inoltre, il nostro obiettivo è la lotta all’abusivismo nel nostro ambito e ottenere un inasprimento delle sanzioni per i prestanome. Restiamo dunque in attesa delle decisioni della politica – conclude il presidente ANTLO – per quel che riguarda sì il progresso della nostra categoria, ma anche, cosa che ha sempre animato la nostra professione, il benessere del paziente».

Iandolo (CAO): «Si creerebbe confusione di ruoli»

Parere contrario arriva invece dagli odontoiatri, come commenta Raffaele Iandolo, presidente della Commissione Albo Odontoiatri: «Riteniamo opportuno che la formazione specialistica degli odontotecnici venga sì implementata e rafforzata anche alla luce delle innovazioni tecnologiche in materia, ma sempre nell’ambito di un percorso scolastico superiore, così com’è oggi. L’inserimento degli odontotecnici tra i professionisti sanitari – aggiunge Iandolo – genererebbe, a nostro parere, una confusione di ruoli anche nel rapporto con i pazienti. Le competenze dell’odontotecnico sono prettamente di carattere ingegneristico, manca la matrice clinico-biologica che caratterizza le professioni sanitarie e, appunto, il rapporto diretto con il paziente – conclude il presidente CAO – che resta appannaggio dell’odontoiatra».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Professioni sanitarie, Consulcesi: «Dopo caos domande medicina vigiliamo su test di ammissione»
In attesa del test di ammissione alle facoltà per le professioni sanitarie, in programma oggi in tutta Italia, Tortorella e il team di avvocati Consulcesi ritengono che ci siano, anche quest’anno, tutti i margini per un ricorso collettivo ed una vittoria schiacciante per accedere alla facoltà di medicina
Decreto Green Pass, Bologna (Coraggio Italia): «Aprire tavolo ministeriale di confronto tra le professioni sanitarie per evitare tensioni»
«Ho chiesto al sottosegretario Costa come rappresentante del Ministero della Salute e del Governo l’apertura di un tavolo ministeriale di confronto tra le professioni sanitarie per trovarci preparati e coordinati alla sfida dei progetti del PNRR che guardano ad una Sanità con processi multidisciplinari e coordinati. Dobbiamo evitare tensioni tra professionisti del settore Sanitario che […]
Emilia Romagna, FNO TSRM PSTRP: «Bene iter legge sulla figura del Direttore assistenziale»
«La scelta di inserire tale figura all’interno della Direzione aziendale rappresenta una grande opportunità a  favore della necessaria riorganizzazione del servizio sanitario», sottolinea la FNO TSRM PSTRP
Assistenti sociali, l’allarme del CNOAS: «Età media in sanità è più di 50 anni, serve ricambio generazionale. Sfruttare PNRR»
Il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Assistenti Sociali festeggia l’ingresso nel ruolo sociosanitario della professione. La responsabile Sanità Mirella Silvani: «Ora declinare bene quali sono le funzioni, le attività, le competenze di chi entra a far parte di questo ruolo»
FNO TSRM PSTRP, avviata interlocuzione con Ministero del Lavoro per una Cassa previdenziale
In previsione del prossimo incontro con il Ministero la FNO TSRM PSTRP lavorerà per predisporre un piano di sostenibilità economica attuariale e per definire l’iter tecnico, come previsto dalla norma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 settembre, sono 226.391.916 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.659.920 i decessi. Ad oggi, oltre 5,78 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Covid-19, che fare se...?

Chi ha diritto alla certificazione di esenzione dal vaccino anti Covid-19?

Il vademecum della SIMG, in collaborazione con ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità, sui casi particolari in cui la vaccinazione contro il Covid-19 è controindicata o ri...