Lavoro 2 Settembre 2021 13:06

Presentato ddl per far rientrare gli odontotecnici tra i professionisti sanitari

Marin (ANTLO): «Speriamo in un giusto riconoscimento utile anche contro l’abusivismo nella professione». Pollice verso dal CAO: «L’attività dell’odontotecnico resta un atto ausiliario»

Presentato ddl per far rientrare gli odontotecnici tra i professionisti sanitari

Una nuova categoria potrebbe a breve entrare a far parte della schiera delle professioni sanitarie in Italia: quella degli odontotecnici. È stato infatti di recente presentato, su iniziativa della senatrice Paola Boldrini, un disegno di legge per istituire, appunto, la professione sanitaria di odontotecnico, con relativo corso di laurea.

La formazione degli odontotecnici

Ad oggi questa categoria professionale, specializzata nella costruzione delle protesi dentarie, è inquadrata nel settore dell’artigianato e prevede una formazione specifica triennale in istituto professionale al termine della quale, previo superamento di un esame, lo studente ottiene il diploma di Operatore Meccanico del settore Odontotecnico, qualifica che consente esclusivamente l’attività dipendente. Per esercitare l’attività in forma autonoma è invece necessario frequentare ulteriori due anni di formazione, al termine dei quali è previsto un esame per ottenere l’abilitazione all’esercizio della professione odontotecnica e un esame per ottenere il diploma di maturità professionale.

«Dopo una serie di iniziative presentate negli ultimi anni e purtroppo arenatesi – afferma Mauro Marin, presidente dell’Associazione Nazionale Titolari di Laboratorio Odontotecnico (ANTLO) – questo disegno di legge che ha messo d’accordo la nostra e le altre associazioni di categoria e poi portato in Senato dalla senatrice Boldrini, potrebbe essere la nostra occasione. Non ci facciamo illusioni, sappiamo che il processo sarà lungo e tortuoso, ma è importante averlo intrapreso».

«Gli obiettivi? Maggior tutela del paziente e lotta all’abusivismo»

«La pandemia – prosegue Marin – che ha messo in nuova luce i fattori legati alla sicurezza dei pazienti e all’importanza dell’integrazione tra professioni, fornisce una buona chiave di lettura per comprendere le motivazioni dietro le nostre richieste: la maggior tutela possibile, appunto, dei pazienti. Il mondo sanitario è il mondo che ci appartiene, senza dubbio, e le responsabilità che ci assumiamo nel nostro lavoro incidono direttamente sulla salute del paziente, ferma restando la nostra assenza di contatto diretto con quest’ultimo e senza aver nessuna pretesa di andare oltre le nostre competenze».

«Inoltre, il nostro obiettivo è la lotta all’abusivismo nel nostro ambito e ottenere un inasprimento delle sanzioni per i prestanome. Restiamo dunque in attesa delle decisioni della politica – conclude il presidente ANTLO – per quel che riguarda sì il progresso della nostra categoria, ma anche, cosa che ha sempre animato la nostra professione, il benessere del paziente».

Iandolo (CAO): «Si creerebbe confusione di ruoli»

Parere contrario arriva invece dagli odontoiatri, come commenta Raffaele Iandolo, presidente della Commissione Albo Odontoiatri: «Riteniamo opportuno che la formazione specialistica degli odontotecnici venga sì implementata e rafforzata anche alla luce delle innovazioni tecnologiche in materia, ma sempre nell’ambito di un percorso scolastico superiore, così com’è oggi. L’inserimento degli odontotecnici tra i professionisti sanitari – aggiunge Iandolo – genererebbe, a nostro parere, una confusione di ruoli anche nel rapporto con i pazienti. Le competenze dell’odontotecnico sono prettamente di carattere ingegneristico, manca la matrice clinico-biologica che caratterizza le professioni sanitarie e, appunto, il rapporto diretto con il paziente – conclude il presidente CAO – che resta appannaggio dell’odontoiatra».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Salute mentale, Famulari (AITeRP): «La cura va oltre i sintomi: è necessario affrontare lo stress, gestire le emozioni ed avere una prospettiva di vita»
Recovery e neuroscienze al centro del 2° Congresso Nazionale AITeRP: “La nuova sfida delle evidenze scientifiche e buone pratiche nei trattamenti riabilitativi in salute mentale”. La presidente Famulari: «Per la nostra Associazione rappresenterà il completamento della trasformazione da associazione maggiormente rappresentativa dei TeRP ad Associazione Tecnico-Scientifica».
Ostetriche libero professioniste: l’esercito dei 600
Marzetti (ostetrica): «Durante la pandemia molte donne hanno scelto di partorire in casa, non solo per il timore di contrarre l’infezione da Covid-19 durante un eventuale ricovero in una struttura sanitaria, ma anche per l’impossibilità di avere accanto a sé il papà del proprio bambino, sia in sala parto che successivamente in reparto»
Professioni sanitarie, Riposati (CdA Educatori professionali): «Abusivismo ancora diffuso, è il momento di un educatore professionale a tutto tondo»
Il Presidente della commissione d’Albo nazionale degli educatori professionali chiede nuove assunzioni in vista della riforma dell’assistenza territoriale. Tra i problemi anche una disomogeneità nella presenza dei corsi di laurea sul territorio nazionale, con corsi di laurea in educazione professionale scarsamente presenti nel sud Italia
di Francesco Torre
Ortottisti: ecco che ruolo avranno per la realizzazione del PNRR
Lucia Intruglio, presidente della Commissione d’Albo Nazionale degli Ortottisti: «Puntare sulla telemedicina per raggiungere anche le isole minori, dove la figura dell’ortottista è quasi del tutto assente. Sì ad una formazione quinquennale, ma accompagnata da un pari percorso contrattuale»
Gestione del rischio e Covid, Casalino (Tor Vergata): «Con la pandemia abbiamo imparato a lavorare in équipe»
A Tor Vergata le professioni sanitarie hanno così stilato una buona pratica per la gestione del rischio che è stata anche approvata dall’Agenas. Il dirigente Paolo Casalino: «La difficoltà era quella di creare percorsi ben definiti. Ci siamo trovati una pandemia che non sapevamo ancora come poteva evolvere»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...