Lavoro 20 Giugno 2019 11:52

Al Policlinico di Catania c’è una UOC di odontoiatria dedicata ai pazienti disabili in cui non si curano solo i denti

Marco Terranova, l’odontoiatra che ha ideato il progetto insieme a Riccardo Spampinato: «Abbiamo iniziato portando in giro le nostre apparecchiature con la mia station wagon. Adesso abbiamo anche il cardiologo, il fisioterapista, lo psicologo e l’otorinolaringoiatra. Non so se in Italia ci siano altre strutture simili, ma se esistono sono contento»

Al Policlinico di Catania c’è una UOC di odontoiatria dedicata ai pazienti disabili in cui non si curano solo i denti

Un’avventura nata nel 2003, quando gli odontoiatri Riccardo Spampinato e Marco Terranova hanno deciso di istituire un’unità operativa dedicata ai pazienti disabili. «Eravamo consapevoli di andare incontro ad un’esperienza che ti tira dentro del tutto, ma siamo andati avanti. Abbiamo iniziato portando in giro i nostri apparecchi e le nostre attrezzature nella mia station wagon – ricorda Terranova ai nostri microfoni -; poi abbiamo avuto il primo localino, poi un vero e proprio reparto. Adesso siamo al Policlinico Vittorio Emanuele di Catania, ma a breve ci trasferiremo nel presidio ospedaliero Santa Marta e Santa Venera di Acireale, in provincia di Catania, dove si intende realizzare un grande polo di attrazione per i pazienti di nostra competenza, che necessitano di una sanità speciale orientata alla risoluzione di special needs».

LEGGI ANCHE: REPARTI SOPPRESSI E LISTE DI ATTESA INFINITE, IL LENTO DECLINO DELL’ECCELLENZA ODONTOIATRICA DELL’EASTMAN

Nell’Unità Operativa Complessa di Odontoiatria speciale per il paziente disabile del Policlinico di Catania, si curano i denti di «persone non collaboranti a causa di patologie psichiche, fisico-psichiche, psichiatriche, patologie croniche altamente invalidanti, patologie trasmissibili, trapiantati, cardiopatici severi, emopatici, e quant’altro».

Ma la peculiarità di questa struttura è che la presa in carico del paziente è complessiva, a 360°: «Noi qui – prosegue Terranova – non ci occupiamo solo di patologie odontoiatriche, ma eseguiamo interventi di chirurgia di primo livello, offriamo l’assistenza dello psicologo e del fisioterapista, abbiamo il cardiologo e l’otorinolaringoiatra, e se non abbiamo le professionalità necessarie, siamo comunque in grado di facilitare un percorso assistenziale complessivo e integrato, volto a risolvere le necessità del paziente con un unico accesso. E questo ci permette da un lato di risparmiare, e dall’altro di facilitare la vita delle famiglie che hanno il gravame di un parente affetto da grave disabilità».

«Io non so se in Italia ci siano altre strutture come la nostra – prosegue l’odontoiatra -, ma non credo che le caratteristiche che siamo riusciti a conglobare noi si ritrovino da altre parti del territorio nazionale. Poi se c’è un posto così, sono contento».

LEGGI ANCHE: LA STORIA | «DISABILE DOPO UN INCIDENTE IN MOTO, ORA SONO CAMPIONE DEL MOTOCICLISMO ITALIANO ED INTERNAZIONALE»

Mentre parliamo con il dottor Terranova, si affaccia proprio la dottoressa Dafne Zappalà, l’otorinolaringoiatra che lavora in questa UOC: «Il disabile può soffrire di una serie di patologie otorinolaringoiatriche che non è possibile affrontare in assenza di narcosi – ci spiega -. Penso alla fibroscopia, all’estrazione di un tappo o alla medicazione autologica».

«Io non avevo mai lavorato con i disabili – prosegue – ma è un’esperienza particolarmente bella. È una maniera diversa di affrontare la medicina, più umana, che ti arricchisce molto».

«Ci vuole empatia, per lavorare con i disabili – aggiunge Terranova -. Ci vuole compassione, ma non pietismo. Bisogna saperci parlare e saperli ascoltare. Bisogna star loro vicini, capire che queste famiglie hanno un peso titanico da sopportare, e spesso si sentono emarginate e abbandonate dalla società e dalle istituzioni. A volte basta offrir loro un canale di ascolto per aiutarle», conclude.

Articoli correlati
Meno interventi massicci, più attenzione alla sostenibilità. Le proposte del Congresso AIO a Roma
Le nuove generazioni dell’Odontoiatria salgono in cattedra a Roma al 30° Congresso Nazionale di Associazione Italiana Odontoiatri-2°Congresso AIO Academy
Allarme dei dentisti, troppi italiani rinunciano alle cure per motivi economici
Spaventa anche il rischio contagio. Burioni: «Riprendiamo in mano la prevenzione a tutto tondo». Sileri: «PNRR per odontoiatria del territorio e sociale»
Lovegiver: ecco chi è e cosa fa
Maximiliano Ulivieri, nel 2013, ha fondato il Comitato Lovegiver, per promuovere la professione dell’O.E.A.S., l’operatore per l’assistenza emotiva, affettiva e sessuale di persone con disabilità fisico e/o cognitiva
L’ordinanza “pilota”: i laureati in Odontoiatria possono accedere a graduatorie specialisti territoriali
Iandolo (Cao nazionale): «Massima soddisfazione, recepita appieno la nostra posizione. Ora intervenga il Legislatore»
Il miracolo di Catania, nel reparto Maternità del Garibaldi sei bimbi nati durante l’inondazione
La testimonianza del direttore del reparto di Ginecologia e Ostetricia, Giuseppe Ettore
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...