Lavoro 20 Giugno 2019

Al Policlinico di Catania c’è una UOC di odontoiatria dedicata ai pazienti disabili in cui non si curano solo i denti

Marco Terranova, l’odontoiatra che ha ideato il progetto insieme a Riccardo Spampinato: «Abbiamo iniziato portando in giro le nostre apparecchiature con la mia station wagon. Adesso abbiamo anche il cardiologo, il fisioterapista, lo psicologo e l’otorinolaringoiatra. Non so se in Italia ci siano altre strutture simili, ma se esistono sono contento»

Immagine articolo

Un’avventura nata nel 2003, quando gli odontoiatri Riccardo Spampinato e Marco Terranova hanno deciso di istituire un’unità operativa dedicata ai pazienti disabili. «Eravamo consapevoli di andare incontro ad un’esperienza che ti tira dentro del tutto, ma siamo andati avanti. Abbiamo iniziato portando in giro i nostri apparecchi e le nostre attrezzature nella mia station wagon – ricorda Terranova ai nostri microfoni -; poi abbiamo avuto il primo localino, poi un vero e proprio reparto. Adesso siamo al Policlinico Vittorio Emanuele di Catania, ma a breve ci trasferiremo nel presidio ospedaliero Santa Marta e Santa Venera di Acireale, in provincia di Catania, dove si intende realizzare un grande polo di attrazione per i pazienti di nostra competenza, che necessitano di una sanità speciale orientata alla risoluzione di special needs».

LEGGI ANCHE: REPARTI SOPPRESSI E LISTE DI ATTESA INFINITE, IL LENTO DECLINO DELL’ECCELLENZA ODONTOIATRICA DELL’EASTMAN

Nell’Unità Operativa Complessa di Odontoiatria speciale per il paziente disabile del Policlinico di Catania, si curano i denti di «persone non collaboranti a causa di patologie psichiche, fisico-psichiche, psichiatriche, patologie croniche altamente invalidanti, patologie trasmissibili, trapiantati, cardiopatici severi, emopatici, e quant’altro».

Ma la peculiarità di questa struttura è che la presa in carico del paziente è complessiva, a 360°: «Noi qui – prosegue Terranova – non ci occupiamo solo di patologie odontoiatriche, ma eseguiamo interventi di chirurgia di primo livello, offriamo l’assistenza dello psicologo e del fisioterapista, abbiamo il cardiologo e l’otorinolaringoiatra, e se non abbiamo le professionalità necessarie, siamo comunque in grado di facilitare un percorso assistenziale complessivo e integrato, volto a risolvere le necessità del paziente con un unico accesso. E questo ci permette da un lato di risparmiare, e dall’altro di facilitare la vita delle famiglie che hanno il gravame di un parente affetto da grave disabilità».

«Io non so se in Italia ci siano altre strutture come la nostra – prosegue l’odontoiatra -, ma non credo che le caratteristiche che siamo riusciti a conglobare noi si ritrovino da altre parti del territorio nazionale. Poi se c’è un posto così, sono contento».

LEGGI ANCHE: LA STORIA | «DISABILE DOPO UN INCIDENTE IN MOTO, ORA SONO CAMPIONE DEL MOTOCICLISMO ITALIANO ED INTERNAZIONALE»

Mentre parliamo con il dottor Terranova, si affaccia proprio la dottoressa Dafne Zappalà, l’otorinolaringoiatra che lavora in questa UOC: «Il disabile può soffrire di una serie di patologie otorinolaringoiatriche che non è possibile affrontare in assenza di narcosi – ci spiega -. Penso alla fibroscopia, all’estrazione di un tappo o alla medicazione autologica».

«Io non avevo mai lavorato con i disabili – prosegue – ma è un’esperienza particolarmente bella. È una maniera diversa di affrontare la medicina, più umana, che ti arricchisce molto».

«Ci vuole empatia, per lavorare con i disabili – aggiunge Terranova -. Ci vuole compassione, ma non pietismo. Bisogna saperci parlare e saperli ascoltare. Bisogna star loro vicini, capire che queste famiglie hanno un peso titanico da sopportare, e spesso si sentono emarginate e abbandonate dalla società e dalle istituzioni. A volte basta offrir loro un canale di ascolto per aiutarle», conclude.

Articoli correlati
SSN e odontoiatria, Pergola (Cisl Medici Lazio): «Avvilente non poter dare la dentiera ad anziani con basso reddito»
«Nel pubblico è prevista un'esenzione completa per le cure e per le estrazioni, però quando si arriva alle protesi il costo medio si aggira sugli 800 euro. Purtroppo esistono pazienti con 500 euro di pensione. Non sono previsti bonus o rateizzazioni, non c'è modo per aiutarli»
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Disabilità e sesso, il film “Hand in the cap” vince il festival “Uno sguardo raro”
Conclusa con la cerimonia di premiazione alla Casa del Cinema di Roma la quinta edizione dell’unico festival internazionale dedicato alle malattie rare. A Violante Placido il premio per la migliore interpretazione. Overesxposed di Andrea Minoglio premiato dalla giuria popolare
Odontoiatria, 1231 posti all’università nel 20/21. Iandolo (CAO): «Tenere conto dei laureati all’estero nei fabbisogni»
Il presidente della Commissione Albo Odontoiatri nazionale si dice preoccupato per i numeri troppo alti: «Se sforiamo quale sarà il loro destino? La disoccupazione»
Disabili, le vittime indirette della pandemia. Rota (Anffas): «Riaccendere i riflettori sul “Dopo di noi”»
Durante l’emergenza Covid arrivato un importante impulso dal governo, il presidente della Fondazione nazionale “Dopo di noi”: «Il decreto Rilancio prevede un incentivo di 20 milioni di euro per il Fondo nazionale istituito dalla legge 112 del 2016, che consente di pianificare il futuro delle persone con disabilità grave».
di Isabella Faggiano
Coronavirus e RSA, Senior Italia FederAnziani: «Porre fine a mattanza, tamponi a tappeto nelle strutture per anziani e disabili»
Il Presidente Senior Italia FederAnziani Roberto Messina: «Non è il tempo di polemiche, ora è il momento di agire per salvare vite e fermare il senicidio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...