Lavoro 27 marzo 2018

Pensioni in cumulo, ecco perchè lo stallo prosegue. Cavallero (Cosmed): «Prossimo incontro decisivo»

L’Inps ha proposto una nuova convenzione che consentirebbe lo sblocco dei pagamenti. Mercoledì una riunione tra l’Istituto e le Casse potrebbe sbrogliare la matassa mentre il Comitato Cumulo e Casse Professionali minaccia un esposto alla Procura per omissione o ritardo di atti d’ufficio

È la storia infinita, quella del cumulo contributivo. Ogni volta che la conclusione della vicenda, che va avanti da oltre 15 mesi, sembra avvicinarsi, c’è un colpo di scena che allontana la chiusura del sipario. L’ultima vicenda che impedisce ai medici che ne hanno fatto richiesta di ricevere la pensione in cumulo è un braccio di ferro tra Inps e Adepp per la divisione dei costi di gestione pari a 65 euro a pratica. Una situazione «assolutamente sproporzionata – scrive la Cosmed – tra il disagio e i danni che si arrecano ai contribuenti e all’immagine delle Istituzioni e la materia del contendere».

Ed è proprio alle Istituzioni che la Confederazione si è rivolta, ritenendo «indispensabile un forte intervento del Governo e del Ministero del Lavoro, anche in considerazione del suo ruolo di Ministero vigilante di entrambi i contendenti». Per questo una delegazione, guidata dal Segretario Generale della Cosmed Giorgio Cavallero, lunedì è stata ricevuta dai funzionari del Dicastero. «Abbiamo fatto presente ai funzionari – dichiara Cavallero a Sanità Informazione – l’importanza di questa questione e l’utilità di un intervento politico per sbloccarla. Ci è stato detto che è loro interesse che le cose vadano a buon fine, sottolineando come la questione del cumulo sia una questione di equità. Come tale l’hanno sempre considerata e auspicano quindi una soluzione. Ma la questione è gestionale e riguarda le Casse».

«Corre voce – rivela il Segretario – che mercoledì 28 ci sia una riunione tra Inps e tutte le Casse che potrebbe essere decisiva.  Speriamo che entro la fine della settimana si arrivi alla firma della convenzione, completando con l’ultima pagina questo voluminoso dossier».

L’accordo sulla convenzione, d’altro canto, era già stato annunciato lo scorso 20 febbraio in una conferenza stampa congiunta di Inps e Adepp; poi si è invece scoperto che i testi dei due enti non collimavano proprio per la divisione dei 65 euro. «E anche questo non è normale – commenta Cavallero -. Quando ci si sposa, il consenso viene espresso contemporaneamente e simultaneamente. Stiamo parlando, poi, di una cifra che non compenserebbe neanche una minima parte del contenzioso che potrebbe scatenare la mancata firma della convenzione».

L’Inps sta inviando alle Casse Professionali un nuovo testo di convenzione che prevede la divisione dei costi in base alla quota di pensione erogata da ciascun ente. «In particolare – si legge in una nota – il testo rimette ad una commissione di esperti la determinazione dell’importo da dividere e lascia alle parti, in caso di mancata identificazione dell’importo nei tempi previsti, la possibilità di adire al giudice». Un sistema che consentirebbe di «sbloccare subito i pagamenti e di lasciare che le parti risolvano le difficoltà burocratiche in un secondo momento, senza che questo abbia ulteriori ripercussioni sui professionisti coinvolti».

Una proposta su cui, ad oggi, l’Adepp non si è espressa. Sottolinea tuttavia a gran voce come il Ministero del Lavoro abbia dato ragione agli enti di previdenza dei professionisti: «È emerso – comunica l’Associazione – come già il 14 marzo il Ministero avesse inviato all’Inps una risposta a firma del Capo di Gabinetto che non avallava la richiesta dei 65 euro».

Intanto, il Comitato Cumulo e Casse Professionali, composto da professionisti interessati ad usufruire della facoltà del cumulo contributivo, chiarisce che «in caso di perdurante stallo» presenterà «alla Procura della Repubblica di Roma un esposto» affinché «la magistratura accerti eventuali reati penali di omissione o ritardo degli atti d’ufficio da parte dell’Inps e/o delle Casse Professionali».

«Come hanno sottolineato i funzionari del Ministero del Lavoro – conclude Cavallero -, quella del cumulo è una questione di equità, e quella che noi stiamo conducendo è una battaglia di equità. È veramente una vicenda sconcertante. Stiamo solo chiedendo che uno più uno faccia due, e se in questo Paese non si riesce nemmeno a far questo sarebbe un ulteriore motivo di demoralizzazione».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Rinnovo contratto, Cosmed: «La verità documentale evidenzia la responsabilità politica delle regioni su quanto accaduto»
«Le parole vanno e vengono, ma i fatti restano e anche grazie all’intelligenza artificiale sono reperibili e documentabili. L’accordo sulle aree è stato stipulato il 13 luglio 2016 e approvato all’unanimità da tutte le parti che lo hanno sottoscritto, vincolante anche per le Regioni e le autonomie. Tale accordo sostituiva il precedente del 1° febbraio […]
SSN, nel 2025 mancheranno 16.500 specialisti. L’allarme dell’Anaao: «È vera emergenza nazionale»
Tra i fattori della carenza di specialisti, secondo lo studio condotto dal sindacato, imbuto formativo, blocco del turnover ed emorragia di pensionamenti. A mancare, saranno soprattutto medici d'emergenza-urgenza, pediatri, internisti e anestesisti
Contratto dirigenza SSN, Cosmed: «Una norma in legge di Bilancio stravolge accordo quadro e rischia paralisi iter»
L'allarme lanciato dalla Confederazione sindacale dei medici e dirigenti: «Sono in gioco l'autonomia e l'indipendenza delle organizzazioni sindacali. Governo, Regioni, ARAN e Comitato di settore chiariscano subito il perimetro della norma e le loro reali intenzioni. Se non viene ritirata immediatamente, sarà inevitabile lunga mobilitazione»
Pensioni d’oro, Cavallero (Cosmed): «No al taglio di un diritto acquisito. È un gravissimo precedente da contrastare. Andremo alla Corte Costituzionale»
«Il governo sa bene che la Corte dichiarerà illegittimo il taglio alle pensioni più alte. È una campagna di propaganda». L’intervista al segretario generale della Cosmed Giorgio Cavallero, che sul contratto della dirigenza aggiunge: «Pare ci siano spiragli per la firma, ma aspettiamo la versione definitiva della Legge di Bilancio»
Medici fiscali, Sinmevico e FP CGIL contro emendamento per concorso aperto: «Significa la perdita del lavoro per 2/3 colleghi»
In Commissione Bilancio della Camera, è stato presentato un emendamento alla legge di Bilancio 2019, poi dichiarato inammissibile, con il quale si chiedeva di abrogare le norme che tutelano gli incarichi dei medici fiscali appartenenti alla cosiddetta lista ad esaurimento. «In realtà questo è solo uno dei tanti attacchi che i medici fiscali INPS, circa […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano