Lavoro 20 Marzo 2018

Pensioni medici, l’applicazione del cumulo è bloccata per 65 euro. Lo scontro Inps-Casse professionali

Cosmed: «Per una cifra risibile si è creata una sorta di nuovi esodati senza stipendio né pensione». Ecco perché i professionisti che hanno richiesto la pensione in cumulo devono ancora aspettare

Immagine articolo

I medici che hanno fatto richiesta di pensione in cumulo devono ancora aspettare. È infatti in corso un duro scontro tra l’Inps e le Casse dei professionisti, come l’Enpam, che non raggiungono un accordo su chi debba sostenere la spesa di 65,04 euro per ogni pratica di cumulo. È questo il nodo che ha bloccato l’applicazione della misura, dando vita ad un botta e risposta che vede protagonisti da un lato l’istituto pubblico e dall’altro l’Adepp, l’Associazione degli enti previdenziali privati.

LA POSIZIONE DELL’ADEPP

Ad un mese dalla firma dell’intesa tra i due enti, l’ultimo passaggio necessario per dare il via all’erogazione delle pensioni era la firma delle convenzioni tra l’Inps e le singole Casse private. Firma arrivata nella giornata di ieri «rimuovendo l’ultimo ostacolo formale al pagamento degli assegni» e togliendo «ogni alibi all’istituto pubblico», comunica l’Adepp in una nota. «Se l’Istituto continuerà a non pagare – prosegue l’Associazione -gli interessati potranno azionare eventuali rimedi giudiziari nei confronti dell’Inps». Centrale la questione dei 65 euro, definita «Tassa Boeri» dalle Casse, che l’Inps intende addebitare per ogni pratica di cumulo; una «pretesa senza fondamento», a detta dell’Adepp, visto che lo «lo Stato ha riconosciuto all’Inps un maggiore finanziamento che raggiungerà l’importo di 89 milioni di euro l’anno, finanziati con le tasse pagate dai contribuenti» proprio per sostenere l’estensione del cumulo alle casse professionali.

LA RISPOSTA DELL’INPS

Immediata la replica dell’Inps contro i «toni assolutamente inaccettabili nei confronti dell’Istituto e del Presidente Boeri» utilizzati dall’Adepp nei comunicati diffusi alla stampa, elencando una serie di precisazioni. A partire dalla divisione degli oneri gestionali, e quindi dei 65 euro, su cui «la normativa sul cumulo non si pronuncia», rimandando la questione «ad un accordo tra le parti». A tal proposito, l’Inps ritiene che il costo debba essere sostenuto «da tutti gli Enti coinvolti nella liquidazione, in misura proporzionale alle rispettive quote di pensione erogate», modalità che «sembrava inizialmente condivisa dall’Adepp, tanto che il testo di convenzione concordato prevedeva esplicitamente questa ripartizione».

«LA CONVENZIONE NON HA VALENZA»

Ma la Convenzione firmata da alcune Casse ha eliminato la parte che prevedeva il pagamento di un corrispettivo all’Inps per la copertura degli oneri amministrativi ed è pertanto «non accettabile da parte dell’Istituto». Non rispondendo ad un accordo tra le parti, la Convenzione «non ha valenza», precisa la nota dell’Istituto previdenziale, che ha invitato le singole Casse a «sottoscrivere la convenzione quadro precedentemente disposta».

IL FINANZIAMENTO DELLO STATO

Per quanto riguarda il finanziamento da parte dello Stato per la copertura del cumulo, l’Inps precisa che questo riguarda solo «i maggiori oneri di spesa previdenziale» e non «gli oneri diretti» nei quali rientrano i 65 euro, che invece «riguardano le spese del personale utilizzato in attività legate alla gestione del pagamento della pensione come, ad esempio il cambio dell’ufficio pagatore o il cambio dell’Iban, la gestione delle trattenute o di eventuali cessioni del quinto».

LA COSMED: «ECCO I NUOVI ESODATI»

Intanto la Cosmed denuncia il paradosso venutosi a creare che, «per una cifra risibile», ha dato vita ad «una sorta di nuovi esodati senza stipendio né pensione». È questa la condizione in cui versano, infatti, i professionisti che hanno abbandonato il lavoro confidando nell’imminente pensione e che, invece, dopo oltre 15 mesi dall’emanazione della legge di bilancio che ha esteso il cumulo anche agli iscritti alle casse professionali, continua a non essere pagata. «È stupefacente – commenta la Cosmed in una nota – che il pensionamento venga bloccato in attesa di definire la ripartizione di 65 euro» e che venga ritenuta «impossibile la liquidazione di una pensione provvisoria con 65 euro in meno una tantum da definire successivamente». La vicenda del cumulo non può quindi ancora dirsi conclusa. Chissà quali ulteriori sorprese riserverà.

LEGGI ANCHE: SEI UN PENSIONATO? LA VACANZA ESTIVA TE LA PAGA L’INPS. ECCO COME PARTECIPARE AL BANDO

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

Articoli correlati
Oliveti (Enpam): «Il medico di famiglia sia il primario del suo reparto»
«Il Covid ci lascia un futuro con tante fragilità, che obbligano anche la professione a pensare a quale sarà il proprio ruolo Per questo credo che il medico di famiglia debba diventare e sentirsi il primario del suo reparto di medicina fiduciaria, nell’interesse del cittadino che deve trovare un’assistenza primaria multidisciplinare»
Trattativa pensioni, Cignarelli (Codirp): «Utilizzare risorse del Recovery Fund per prepensionare lavoratori a rischio Covid»
Ai nostri microfoni, la Segretaria generale della Confederazione Dirigenti della Repubblica spiega cosa non sta andando ai tavoli di trattativa con il Ministero del Lavoro e quali sono le soluzioni per riformare il sistema (e prevedere maggiore flessibilità in uscita)
Enpam, ulteriore proroga: entro il 15 ottobre scelta tra rinvio “breve” e “lungo”
L'opzione "rinvio lungo" è riservata a chi ha avuto un calo di fatturato del 33% e ai neo iscritti, va fatta entro il 15 ottobre 2020. Confermate le scadenze per la Quota B 2020
Enpam va verso un nuovo rinvio dei contributi previdenziali
Un ulteriore rinvio per il pagamento dei contributi previdenziali già sospesi per emergenza Covid. La nuova proposta di Enpam
Scadenze fiscali, tutti i termini dei versamenti estivi per i medici di Medicina Generale
Ecco le scadenze fiscali che i medici di continuità assistenziale e di assistenza primaria dovranno affrontare nei prossimi mesi. La prima il 20 agosto per Irpef e Iva
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 ottobre, sono 43.018.215 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.153.964 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 26 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare