Lavoro 20 Marzo 2018

Pensioni medici, l’applicazione del cumulo è bloccata per 65 euro. Lo scontro Inps-Casse professionali

Cosmed: «Per una cifra risibile si è creata una sorta di nuovi esodati senza stipendio né pensione». Ecco perché i professionisti che hanno richiesto la pensione in cumulo devono ancora aspettare

Immagine articolo

I medici che hanno fatto richiesta di pensione in cumulo devono ancora aspettare. È infatti in corso un duro scontro tra l’Inps e le Casse dei professionisti, come l’Enpam, che non raggiungono un accordo su chi debba sostenere la spesa di 65,04 euro per ogni pratica di cumulo. È questo il nodo che ha bloccato l’applicazione della misura, dando vita ad un botta e risposta che vede protagonisti da un lato l’istituto pubblico e dall’altro l’Adepp, l’Associazione degli enti previdenziali privati.

LA POSIZIONE DELL’ADEPP

Ad un mese dalla firma dell’intesa tra i due enti, l’ultimo passaggio necessario per dare il via all’erogazione delle pensioni era la firma delle convenzioni tra l’Inps e le singole Casse private. Firma arrivata nella giornata di ieri «rimuovendo l’ultimo ostacolo formale al pagamento degli assegni» e togliendo «ogni alibi all’istituto pubblico», comunica l’Adepp in una nota. «Se l’Istituto continuerà a non pagare – prosegue l’Associazione -gli interessati potranno azionare eventuali rimedi giudiziari nei confronti dell’Inps». Centrale la questione dei 65 euro, definita «Tassa Boeri» dalle Casse, che l’Inps intende addebitare per ogni pratica di cumulo; una «pretesa senza fondamento», a detta dell’Adepp, visto che lo «lo Stato ha riconosciuto all’Inps un maggiore finanziamento che raggiungerà l’importo di 89 milioni di euro l’anno, finanziati con le tasse pagate dai contribuenti» proprio per sostenere l’estensione del cumulo alle casse professionali.

LA RISPOSTA DELL’INPS

Immediata la replica dell’Inps contro i «toni assolutamente inaccettabili nei confronti dell’Istituto e del Presidente Boeri» utilizzati dall’Adepp nei comunicati diffusi alla stampa, elencando una serie di precisazioni. A partire dalla divisione degli oneri gestionali, e quindi dei 65 euro, su cui «la normativa sul cumulo non si pronuncia», rimandando la questione «ad un accordo tra le parti». A tal proposito, l’Inps ritiene che il costo debba essere sostenuto «da tutti gli Enti coinvolti nella liquidazione, in misura proporzionale alle rispettive quote di pensione erogate», modalità che «sembrava inizialmente condivisa dall’Adepp, tanto che il testo di convenzione concordato prevedeva esplicitamente questa ripartizione».

«LA CONVENZIONE NON HA VALENZA»

Ma la Convenzione firmata da alcune Casse ha eliminato la parte che prevedeva il pagamento di un corrispettivo all’Inps per la copertura degli oneri amministrativi ed è pertanto «non accettabile da parte dell’Istituto». Non rispondendo ad un accordo tra le parti, la Convenzione «non ha valenza», precisa la nota dell’Istituto previdenziale, che ha invitato le singole Casse a «sottoscrivere la convenzione quadro precedentemente disposta».

IL FINANZIAMENTO DELLO STATO

Per quanto riguarda il finanziamento da parte dello Stato per la copertura del cumulo, l’Inps precisa che questo riguarda solo «i maggiori oneri di spesa previdenziale» e non «gli oneri diretti» nei quali rientrano i 65 euro, che invece «riguardano le spese del personale utilizzato in attività legate alla gestione del pagamento della pensione come, ad esempio il cambio dell’ufficio pagatore o il cambio dell’Iban, la gestione delle trattenute o di eventuali cessioni del quinto».

LA COSMED: «ECCO I NUOVI ESODATI»

Intanto la Cosmed denuncia il paradosso venutosi a creare che, «per una cifra risibile», ha dato vita ad «una sorta di nuovi esodati senza stipendio né pensione». È questa la condizione in cui versano, infatti, i professionisti che hanno abbandonato il lavoro confidando nell’imminente pensione e che, invece, dopo oltre 15 mesi dall’emanazione della legge di bilancio che ha esteso il cumulo anche agli iscritti alle casse professionali, continua a non essere pagata. «È stupefacente – commenta la Cosmed in una nota – che il pensionamento venga bloccato in attesa di definire la ripartizione di 65 euro» e che venga ritenuta «impossibile la liquidazione di una pensione provvisoria con 65 euro in meno una tantum da definire successivamente». La vicenda del cumulo non può quindi ancora dirsi conclusa. Chissà quali ulteriori sorprese riserverà.

LEGGI ANCHE: SEI UN PENSIONATO? LA VACANZA ESTIVA TE LA PAGA L’INPS. ECCO COME PARTECIPARE AL BANDO

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

Articoli correlati
Enpam, ad aprile adeguamento pensioni: ecco le cifre. Oliveti: «Sempre attenti al costo crescente della vita»
Ci sarà un incremento di 83 centesimi ogni cento euro per le pensioni lorde sino a € 2.198,82 mensili. Oltre questo limite, l’aumento sarà dello 0,55% (pari al 50% dell’indice), cioè 55 centesimi ogni 100 euro
Quota 100, nessuna fuga di medici. Il ministro Grillo rassicura: «Presentate solo 600 domande»
Gli effetti di Quota 100 sul Servizio sanitario nazionale, liste d’attesa, vaccini e digitalizzazione: botta e risposta del ministro della Salute Giulia Grillo intervenuta alla trasmissione 'Coffee Break' su La7
Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»
La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitari, magistrati e altri vogliono restare al lavoro fino a 80 anni e invece molti medici vogliono fuggire», sottolinea il segretario generale della Cosmed
Quota 100, Sottosegretario al Lavoro Durigon (Lega): «Presto nuove assunzioni per gestire uscite nella sanità»
INTERVISTA | L’esponente di Governo della Lega intervenuto all’incontro dell’UDC “Politica e Impresa – Niente trucchi, solo lavoro” risponde ai nostri microfoni ai dubbi del mondo della sanità sull’esodo avviato con i pensionamenti di “Quota 100”
Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»
In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bianchi. Il segretario nazionale: «O si assume, o si rischia di chiudere». L’Anaao fornisce anche chiarimenti sul riscatto agevolato della laurea. E sul rinnovo del contratto aggiunge: «Puntiamo su remunerazione del disagio e carriera professionale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Equivalenza titoli, TAR Lazio accoglie ricorso ANEP. L’avvocato Croce (Consulcesi & Partners): «Risultato apre strada anche alle altre figure»

Questo provvedimento impone l’avvio di iniziative dirette a far sì che si proceda all’individuazione dei criteri e delle modalità per il riconoscimento dell’equivalenza dei titoli conseguiti c...
Lavoro

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)

Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
Salute

Ecco la verità sugli integratori: business o vera salute? Facciamo chiarezza con Alessandro Mugelli (Presidente Società Italiana Farmacologia)

Cosa c’è dietro al boom inarrestabile e miliardario degli integratori alimentari? «Con uno stile di vita corretto ed un’alimentazione varia e completa non c’è nessun motivo di usare integrato...