Lavoro 20 marzo 2018

Pensioni medici, l’applicazione del cumulo è bloccata per 65 euro. Lo scontro Inps-Casse professionali

Cosmed: «Per una cifra risibile si è creata una sorta di nuovi esodati senza stipendio né pensione». Ecco perché i professionisti che hanno richiesto la pensione in cumulo devono ancora aspettare

Immagine articolo

I medici che hanno fatto richiesta di pensione in cumulo devono ancora aspettare. È infatti in corso un duro scontro tra l’Inps e le Casse dei professionisti, come l’Enpam, che non raggiungono un accordo su chi debba sostenere la spesa di 65,04 euro per ogni pratica di cumulo. È questo il nodo che ha bloccato l’applicazione della misura, dando vita ad un botta e risposta che vede protagonisti da un lato l’istituto pubblico e dall’altro l’Adepp, l’Associazione degli enti previdenziali privati.

LA POSIZIONE DELL’ADEPP

Ad un mese dalla firma dell’intesa tra i due enti, l’ultimo passaggio necessario per dare il via all’erogazione delle pensioni era la firma delle convenzioni tra l’Inps e le singole Casse private. Firma arrivata nella giornata di ieri «rimuovendo l’ultimo ostacolo formale al pagamento degli assegni» e togliendo «ogni alibi all’istituto pubblico», comunica l’Adepp in una nota. «Se l’Istituto continuerà a non pagare – prosegue l’Associazione -gli interessati potranno azionare eventuali rimedi giudiziari nei confronti dell’Inps». Centrale la questione dei 65 euro, definita «Tassa Boeri» dalle Casse, che l’Inps intende addebitare per ogni pratica di cumulo; una «pretesa senza fondamento», a detta dell’Adepp, visto che lo «lo Stato ha riconosciuto all’Inps un maggiore finanziamento che raggiungerà l’importo di 89 milioni di euro l’anno, finanziati con le tasse pagate dai contribuenti» proprio per sostenere l’estensione del cumulo alle casse professionali.

LA RISPOSTA DELL’INPS

Immediata la replica dell’Inps contro i «toni assolutamente inaccettabili nei confronti dell’Istituto e del Presidente Boeri» utilizzati dall’Adepp nei comunicati diffusi alla stampa, elencando una serie di precisazioni. A partire dalla divisione degli oneri gestionali, e quindi dei 65 euro, su cui «la normativa sul cumulo non si pronuncia», rimandando la questione «ad un accordo tra le parti». A tal proposito, l’Inps ritiene che il costo debba essere sostenuto «da tutti gli Enti coinvolti nella liquidazione, in misura proporzionale alle rispettive quote di pensione erogate», modalità che «sembrava inizialmente condivisa dall’Adepp, tanto che il testo di convenzione concordato prevedeva esplicitamente questa ripartizione».

«LA CONVENZIONE NON HA VALENZA»

Ma la Convenzione firmata da alcune Casse ha eliminato la parte che prevedeva il pagamento di un corrispettivo all’Inps per la copertura degli oneri amministrativi ed è pertanto «non accettabile da parte dell’Istituto». Non rispondendo ad un accordo tra le parti, la Convenzione «non ha valenza», precisa la nota dell’Istituto previdenziale, che ha invitato le singole Casse a «sottoscrivere la convenzione quadro precedentemente disposta».

IL FINANZIAMENTO DELLO STATO

Per quanto riguarda il finanziamento da parte dello Stato per la copertura del cumulo, l’Inps precisa che questo riguarda solo «i maggiori oneri di spesa previdenziale» e non «gli oneri diretti» nei quali rientrano i 65 euro, che invece «riguardano le spese del personale utilizzato in attività legate alla gestione del pagamento della pensione come, ad esempio il cambio dell’ufficio pagatore o il cambio dell’Iban, la gestione delle trattenute o di eventuali cessioni del quinto».

LA COSMED: «ECCO I NUOVI ESODATI»

Intanto la Cosmed denuncia il paradosso venutosi a creare che, «per una cifra risibile», ha dato vita ad «una sorta di nuovi esodati senza stipendio né pensione». È questa la condizione in cui versano, infatti, i professionisti che hanno abbandonato il lavoro confidando nell’imminente pensione e che, invece, dopo oltre 15 mesi dall’emanazione della legge di bilancio che ha esteso il cumulo anche agli iscritti alle casse professionali, continua a non essere pagata. «È stupefacente – commenta la Cosmed in una nota – che il pensionamento venga bloccato in attesa di definire la ripartizione di 65 euro» e che venga ritenuta «impossibile la liquidazione di una pensione provvisoria con 65 euro in meno una tantum da definire successivamente». La vicenda del cumulo non può quindi ancora dirsi conclusa. Chissà quali ulteriori sorprese riserverà.

LEGGI ANCHE: SEI UN PENSIONATO? LA VACANZA ESTIVA TE LA PAGA L’INPS. ECCO COME PARTECIPARE AL BANDO

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

Articoli correlati
Carenza medici, l’assessore Arru (Sardegna): «Con quota cento rischio boom di pensionamenti. Aumentare borse di studio per MMG»
Il titolare della Sanità sarda difende la riforma della rete ospedaliera regionale: «Problema non è la carenza di servizi, ma un eccesso di servizi mal distribuiti che molto spesso non raggiungono i volumi indicati e suggeriti dal Piano nazionale esiti». Poi rilancia la medicina multiprofessionale per affrontare cronicità
Caso ‘INPS’, Fnomceo: «Chiediamo al Ministro Grillo un tavolo sui medici fiscali e convenzionati»
«Chiediamo che il Ministro della Salute Giulia Grillo intervenga per lo stralcio, da parte dell’Inps, di quelle parti del Piano della Performance incompatibili con il Codice di Deontologia Medica, e istituisca un Tavolo sulle problematiche della Medicina fiscale». Torna a parlare del “caso Inps” il Presidente della Fnomceo Filippo Anelli, a una settimana di distanza […]
Medici precari INPS, interrogazione di De Poli (Udc) a Di Maio e Grillo: «Non hanno ferie né malattie, profilo professionale umiliato»
Sono 900 i camici bianchi a partita Iva dell’Istituto di previdenza che vengono rinnovati di anno in anno. Nella stessa situazione anche 300 operatori sociali
Previdenza, la proposta di Oliveti (Enpam): «Creiamo cassa comune che unisca medici dipendenti e non»
Il presidente di Enpam e Adepp elenca le proposte presentate al ministero del Lavoro, dalla costituzione di un fondo di solidarietà intercasse a maggiori investimenti per welfare circolare
Taglio alle pensioni d’oro, Damiano (Pd): «No al ricalcolo retroattivo: è un principio pericoloso»
«Un contributo di solidarietà temporaneo, della durata di tre anni, sulle pensioni al di sopra dei 4-5 mila euro netti mensili. La Corte Costituzionale lo approverebbe». La proposta dell’ex ministro del Lavoro, Cesare Damiano
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila