Lavoro 20 Marzo 2018 12:51

Sei un pensionato? La vacanza estiva te la paga l’Inps. Ecco come partecipare al bando

Una vacanza estiva con il contributo delle spese, parziale o totale, da parte dell’Inps. È quanto prevede il bando di concorso bandito dall’Ente previdenziale dedicato ai pensionati, tra cui gli ex dipendenti del SSN, in scadenza il 26 marzo.

Si chiama Estate INPSieme Senior 2018 il bando di concorso per vincere una vacanza gratis per l’estate 2018, pubblicato dall‘Inps e rivolto a tutti i pensionati INPS, tra cui ex dipendenti del Servizio Sanitario Nazionale. L’Istituto di previdenza, infatti, mette in palio un soggiorno estivo da utilizzare in Italia tra luglio e settembre, comprensivo dei costi di viaggio, vitto, alloggio, attività sportive, gite ed escursioni.

DI COSA SI TRATTA?

Come si legge sul sito dell‘Inps, Estate INPSieme Senior è un bando di concorso annuale che offre a circa 4mila pensionati – loro coniugi e figli disabili conviventi che compaiono nell’attestazione ISEE – la possibilità di fruire di soggiorni estivi in località marine, montane, termali o culturali italiane tra luglio e settembre. Il bando di concorso è consultabile sul sito dell’Inps nella sezione Welfare, assistenza e mutualità.

A CHI È RIVOLTO IL BANDO?

Possono partecipare al concorso i pensionati:

  • a carico della Gestione Dipendenti Pubblici o che abbiano aderito alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali ai sensi del decreto ministeriale 7 marzo 2007, n. 45;
  • a carico della Gestione Fondo ex IPOST.

COME FUNZIONA E A CHI SPETTA

L’INPS riconosce un contributo a totale o parziale copertura del costo di un pacchetto di soggiorno, fornito da tour operator e agenzie di viaggio, che comprenderà spese di viaggio, vitto, alloggio ed eventuali spese connesse a gite, escursioni, attività sportive e attività ludico-ricreative. Il contributo erogabile è determinato dall’ISEE del nucleo familiare del titolare del diritto, in percentuale al valore massimo stabilito dal bando di concorso.

 

COME PARTECIPARE

I requisiti per la richiesta di soggiorno sono specificati nel bando di concorso. L’ammissione alla vacanza dipende da graduatorie elaborate per ordine crescente di indicatore ISEE, accordando priorità di accesso ai disabili. La domanda di partecipazione al soggiorno deve essere presentata online attraverso il servizio dedicato entro il 26 marzo; per procedere, occorre essere iscritti in banca dati come “richiedente” della prestazione. Il soggetto richiedente deve essere in possesso del “PIN” dispositivo – da richiedere con le modalità indicate dal bando – utilizzabile per l’accesso a tutti i servizi messi a disposizione dall’Istituto. Una volta iscritti nell’area riservata del servizio dedicato, compare la procedura “Estate INPSinsieme Senior – Domanda” che permette la compilazione e la presentazione della domanda di partecipazione al concorso. Nella sezione “Segui iter domanda” dell’area riservata sarà anche possibile consultare l’esito del concorso e tutte le informazioni relative al soggiorno.

Articoli correlati
Viaggiatore o turista? Ad ogni persona la sua vacanza ideale: come sceglierla
Attenzione agli eccessi: «Esiste la sindrome del viaggiatore. Chi ne soffre può restare nello stesso luogo solo per brevi periodi. La necessità di viaggiare è così spiccata da poter essere paragonata a una vera e propria dipendenza»
Gli invalidi parziali che lavorano non avranno più diritto all’assegno di assistenza. L’appello: «Sanare stortura»
CoorDown e Uniamo a Governo e Parlamento: «Intervenire subito per restituire un segnale positivo a favore dell’occupabilità delle persone con disabilità». Il question time di Orlando
di Isabella Faggiano
Alimentazione e luce solare: un binomio salutare
di Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
di Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
Alimentazione, l’estate è la stagione giusta per disintossicarsi
Avoledo (nutrizionista): «Proteine fondamentali anche nei periodi caldi. Quelle che si trovano in carne, uova, pesce e latticini sono di alto valore biologico: più nutrienti, complete e digeribili»
di Isabella Faggiano
Invalidità civile, OMAR contro l’ipotesi INPS di vincolare importi al reddito
Ciancaleoni (Osservatorio Malattie Rare): «Non si può solo voler risparmiare, va migliorato il sistema. Occorre inserire tutte le patologie nelle tabelle e lavorare sul tema della rivedibilità». Su 700 malattie rare hanno un codice di esenzione solo 7 e solo queste sono inserite nelle tabelle INPS: una su 100. Fare un aggiornamento su tutte è però possibile, il modello esiste
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 maggio, sono 527.841.227 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.284.538 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...