Lavoro 29 Gennaio 2018 18:37

Pensioni in cumulo, ancora niente di fatto. Si attende accordo con Inps per sciogliere i nodi

Due i punti su cui manca l’accordo: l’individuazione dell’Ente istruttore della pratica in caso di pensione di vecchiaia e le modalità tecniche con cui si forma la provvista ideata dall’Istituto pubblico

Ancora niente di fatto per il cumulo. Le 134 domande pervenute all’Enpam rimangono in attesa di un accordo tra la cassa dei medici e l’Inps. Per definire le procedure esecutive della norma, entrata in vigore nel gennaio 2017, è infatti necessario un accordo tra l’associazione delle casse previdenziali e l’Istituto che stenta ad essere raggiunto. Sono due i punti da risolvere: l’individuazione dell’Ente istruttore della pratica in caso di pensione di vecchiaia in regime di cumulo e le modalità tecniche con cui si forma la provvista ideata dall’Istituto pubblico.

Su questo secondo aspetto, le Casse hanno richiesto la possibilità di un controllo preventivo sulle somme richieste dall’Inps (che materialmente invierà l’assegno al pensionato) all’ente previdenziale privato di riferimento per il professionista. L’istituto pubblico da parte sua ha invece proposto un conguaglio a posteriori su quanto eventualmente corrisposto in più dagli enti previdenziali.

«Al 90% siamo d’accordo», spiega il vicedirettore generale della cassa Vittorio Pulci. Ecco perchè al termine dell’incontro tecnico di qualche giorno è stato espresso «un cauto ottimismo circa la possibilità di arrivare in tempi rapidi a una soluzione che permetta all’istituto pubblico di erogare le prime pensioni», si legge sul sito dell’Enpam.

LEGGI ANCHE: PENSIONI ENPAM: «IL CUMULO STA ARRIVANDO». VICINO IL REGOLAMENTO ATTUATIVO DI INPS E CASSE

 

 

 

 

Articoli correlati
Invalidità civile, OMAR contro l’ipotesi INPS di vincolare importi al reddito
Ciancaleoni (Osservatorio Malattie Rare): «Non si può solo voler risparmiare, va migliorato il sistema. Occorre inserire tutte le patologie nelle tabelle e lavorare sul tema della rivedibilità». Su 700 malattie rare hanno un codice di esenzione solo 7 e solo queste sono inserite nelle tabelle INPS: una su 100. Fare un aggiornamento su tutte è però possibile, il modello esiste
Chi deve pagare la Quota B?
In collaborazione con l'ENPAM
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 agosto, sono 199.570.445 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.246.242 i decessi. Ad oggi, oltre 4.15 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva