Lavoro 6 Novembre 2020

Osteopati e chiropratici, approvati i profili professionali. Via libera dalla conferenza Stato-Regioni

Sciomachen (ROI): «Da oggi abbiamo la nostra identità, l’osteopatia è finalmente degli osteopati»

Osteopati e chiropratici, approvati i profili professionali. Via libera dalla conferenza Stato-Regioni

La Conferenza Stato-Regioni ha raggiunto l’accordo sui criteri di valutazione dell’esperienza professionale e su quelli per il riconoscimento dei titoli equipollenti necessari per l’istituzione delle professioni dell’osteopata e del chiropratico.

L’intesa è arrivata sull’ultima versione del testo messo a punto dal ministero della Salute dopo aver recepito alcune modifiche richieste dalle Regioni.

Si completa così il primo passaggio formale dell’iter istitutivo delle due figure professionali stabilito dalla legge 3 del 2018 – Legge Lorenzin – riguardo il riordino delle professioni sanitarie e per la dirigenza sanitaria.

ROI: «DA OGGI ABBIAMO NOSTRA IDENTITÀ»

«Con il voto favorevole della Conferenza Stato-Regioni si completa il primo passo per l’istituzione della nuova professione sanitaria» riferisce in una nota il Registro degli Osteopati d’Italia (ROI).

«Gli osteopati italiani hanno raggiunto un nuovo importantissimo traguardo. Da oggi abbiamo la nostra identità, l’osteopatia è finalmente degli osteopati» ha dichiarato con soddisfazione Paola Sciomachen, Presidente del ROI.

«Il profilo professionale, ciò che ci identifica e che ci caratterizza come professionisti sanitari, è realtà. Il nostro grazie – ha aggiunto Paola Sciomachen – va a tutti gli osteopati che hanno sostenuto sempre, con fiducia e grande pazienza, questo lungo cammino nonostante le difficoltà e gli ingiustificati attacchi di cui sono stati oggetto, soprattutto in queste ultime settimane. Il nostro grazie va anche a tutte le istituzioni che in questi anni ci hanno interpellato e ascoltato, dal Ministero della Salute al Parlamento agli Assessori regionali».

«Il ROI è pronto ad offrire la propria collaborazione e tutto il supporto necessario affinché i prossimi passaggi istituzionali possano svolgersi rapidamente – ha concluso Paola Sciomachen -. Adesso i temi sul tavolo sono di fondamentale importanza, dovremo parlare di formazione e di equipollenze. Lo faremo come sempre in modo costruttivo e leale».

«Un risultato fondamentale che non sarebbe mai stato possibile se non si fosse impostato sin dall’approvazione della legge un dialogo costruttivo tra le associazioni di categoria – si legge nella nota congiunta delle associazioni di categoria Roi, Aiso, Apo, Fesiosche hanno lavorato per la prima volta unite per la valorizzazione della professione e per tutelare utenti e professionisti».

«Il percorso non è finito e continueremo a collaborare insieme perché si possa procedere celermente alla definizione del decreto sulla formazione, avendo oggi posto con orgoglio le basi su cui impostare il lavoro futuro» concludono.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, siglato accordo tra ISS e Accademia dei Lincei per la condivisione dei dati epidemiologici
Brusaferro (ISS): «Credo fermamente nell’importanza di rendere disponibili i dati alla comunità scientifica». Il presidente dell' Accademia Nazionale dei Lincei Giorgio Parisi: «Tassello importante per comprendere i meccanismi di contagio»
Medici fiscali, firmato l’accordo collettivo nazionale
Piera Mattioli, la responsabile nazionale, commenta la firma dell'accordo collettivo nazionale dei medici fiscali. «Riconosciuti diritti fondamentali»
Lettera aperta degli Osteopati italiani: «Sbloccare l’iter per la creazione del profilo professionale»
Il profilo professionale è da tempo in un cassetto della Conferenza Stato-Regioni, in attesa della calendarizzazione, dell’esame e di un accordo che possa portare a un primo passaggio ufficiale e dare il via all’istruttoria sulla formazione
Osteopati, fase 2: «Siamo pronti a ripartire in sicurezza»
Sciomachen (ROI): «Dodicimila professionisti di nuovo a lavoro. Seguiremo le indicazioni del maxi ordine delle professioni sanitarie e le direttive delle singole regioni. Già redatte anche le linee guida per la sicurezza degli ambienti e la gestione dell’uso dei DPI con i pazienti»
di Isabella Faggiano
Giornata della prematurità, Registro Osteopati lancia video per far conoscere i benefici del trattamento per i neonati pretermine
 La presidente Paola Sciomachen: «Con il trattamento manipolativo osteopatico è possibile ottenere un miglioramento clinico evidente per questi bambini, accorciandone i tempi di degenza in terapia intensiva». A novembre in programma “Le giornate del trattamento solidale”: ambulatori osteopatici aperti per sostenere il progetto RAISE
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli