Professioni Sanitarie 31 Ottobre 2018

Osteopatia, Paola Sciomachen (ROI): «Avviato confronto con Ministero per l’individuazione del profilo professionale dell’osteopata»

«È un passaggio fondamentale per istituire la professione», afferma la presidente del Registro Osteopati d’Italia che aggiunge: «Abbiamo realizzato la prima proposta di core competence dell’osteopatia in Italia, in cui sono classificate le competenze esclusive e caratterizzanti»

Immagine articolo

Con la Legge Lorenzin 3/2018 l’osteopatia è stata individuata come professione sanitaria, un passo in avanti atteso da molti anni che ha permesso all’Italia di allinearsi con il resto d’Europa. A questo riconoscimento non è ancora seguita l’emanazione dei decreti attuativi che di fatto andrebbero a formalizzare e a rendere operativa la norma. È lo stesso art.7 della Legge 3/2018 che stabilisce l’iter per l’istituzione della professione sanitaria di osteopata e che prevede la definizione del profilo professionale e del percorso formativo. Su questo tema Sanità Informazione ha intervistato Paola Sciomachen, Presidente del ROI – Registro degli Osteopati d’Italia, l’Associazione più rappresentativo della categoria in Italia con oltre 3mila iscritti.

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, MINISTERO DELLA SALUTE CHIARISCE: OBBLIGO DA SUBITO DI ISCRIZIONE A ORINE O RISCHIO SANZIONI

Presidente, la legge sulla riforma delle professioni sanitarie ha istituzionalizzato la professione di osteopata, lei ha più volte sottolineato che tuttavia questo riconoscimento per ora è rimasto puramente formale. Può spiegarci perché?

«La Legge 3/2018 è il punto di arrivo di un lungo percorso, un risultato storico per tutti gli osteopati in Italia. L’art. 7 individua infatti la professione sanitaria di osteopata e traccia l’iter per la definitiva istituzione della nostra professione. In pratica lo stesso articolo prevede che l’ambito di attività, il profilo professionale, i criteri per individuare le equipollenze e l’iter formativo dell’osteopata vengano definiti attraverso dei decreti attuativi dedicati. Senza questo passaggio, la professione non è, di fatto, ancora istituita. Ed è proprio con l’intento di supportare il Ministero della Salute e le altre Istituzione e commissioni coinvolte che il ROI insieme a Sipem – Società Italiana di Pedagogia Medicaha realizzato la prima proposta di core competence dell’osteopatia in Italia, in cui sono classificate le competenze esclusive e caratterizzanti dell’osteopatia unite a quelle necessarie a un professionista sanitario oggi in Italia. Finalmente, dopo un lungo periodo di attesa, è stato aperto il tavolo di confronto con il Ministero della Salute per l’individuazione del profilo professionale dell’osteopata. Noi ci siamo sempre proposti come interlocutore serio e autorevole a supporto del percorso di regolamentazione e il documento delle core competence va proprio in questa direzione».

Parliamo anche di formazione: lei pensa che con una regolamentazione più delineata si potrebbe vincere la lotta contro l’abusivismo che sappiamo essere una piaga per la categoria?

«Sicuramente, nel momento in cui viene istituita la professione, ci sarà un percorso formativo dedicato, una laurea in osteopatia con la quale ci si potrà iscrivere all’Albo professionale. Questo passo in avanti sarà un vantaggio sia per i pazienti, che avranno una garanzia certa sulla preparazione del professionista a cui si sono rivolti, sia per la professione che avrà una sua identità, un suo ambito di intervento».

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, BEUX (TSRM E PSTRRP): «ORDINE FAVORIRA’ QUALITA’. ORA SERVONO DECRETI ATTUATIVI»

Se dovesse fare un appello alle istituzioni e alla politica cosa chiederebbe per la categoria?

«Sono fiduciosa per la volontà che il Ministero della Salute ci ha manifestato di lavorare con impegno ai decreti attuativi. Mi auguro che ci sia la volontà di riconoscere la professione con i contenuti e gli obiettivi di qualità e di competenze per cui stiamo lavorando e che rispondono agli orientamenti di tutti i Paesi europei a tutela della professione e dei cittadini. Sono oltre 10 milioni infatti gli italiani che ogni anno si rivolgono agli osteopati ed è prima di tutto per loro che è importante normare e regolamentare la nostra professione e allineare l’Italia agli altri Paesi europei e del mondo occidentale».

Cambiano argomento: è vera la conflittualità che, secondo il credere comune, esiste tra osteopati e fiositerapisti?

«Personalmente credo che sia una questione più formale che di fatto. Nella realtà e nella pratica quotidiana non c’è alcun conflitto fra professionisti anzi da sempre si lavora in un’ottica di integrazione e di collaborazione fra le diverse competenze. Non c’è di fatto concorrenza. L’integrazione con le altre professioni della salute è uno dei nostri obiettivi primari e da sempre collaboriamo con i fisioterapisti, a vantaggio dei pazienti».

Articoli correlati
Professioni sanitarie in servizio anche dopo la pensione, aggiornato il Dl Agosto
Anche le professioni sanitarie potranno rimanere in servizio dopo la pensione, aggiornato il Dl Agosto con un emendamento. Non oltre il 70esimo anno di età
Il 7 ottobre è la Giornata Nazionale della Psicologia
Mercoledì 7 ottobre dalle ore 9.30, nell’ambito della Giornata Nazionale della Psicologia 2020, presso la Camera di Commercio di Roma – Sala del Tempio di Adriano a Piazza di Pietra, si terrà il convegno su il diritto alla salute psicologica, organizzato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi. Dopo l’introduzione del Presidente del CNOP, David Lazzari, […]
Osteopatia, De Poli (Udc): «Riprendere in Parlamento percorso su riconoscimento»
«Da troppo tempo questi professionisti attendono una risposta concreta dalla politica e dalle istituzioni. Le persone che si curano con l’osteopatia, oggi, sono più di 10 mln: è un fenomeno ampio che merita il giusto riconoscimento» sottolinea il senatore Antonio De Poli
L’enfant prodige della podologia, a 28 anni Direttrice di Corso di Laurea: «Passione e impegno, ma come donna non è stato facile»
Alive Volpini, giovane podologa di Frascati è anche coordinatrice di due master professionalizzanti a Tor Vergata, un unicum in Italia. «Agli studenti dico che il medico salva la vita del paziente, mentre il professionista sanitario migliora la sua qualità di vita, bisogna avere la capacità di mettersi a disposizione degli altri»
Lettera aperta degli Osteopati italiani: «Sbloccare l’iter per la creazione del profilo professionale»
Il profilo professionale è da tempo in un cassetto della Conferenza Stato-Regioni, in attesa della calendarizzazione, dell’esame e di un accordo che possa portare a un primo passaggio ufficiale e dare il via all’istruttoria sulla formazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 ottobre, sono 41.243.013 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.131.528 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...