Lavoro 31 ottobre 2017

Professioni sanitarie, Sciomachen (ROI): «L’osteopatia sarà una risorsa per il SSN. Non vogliamo pestare i piedi ai medici…»

«È un atto dovuto riconoscere l’osteopatia come professione sanitaria: sono milioni gli utenti che ne usufruiscono». Così ai nostri microfoni Paola Sciomachen, Presidente del Registro Osteopati d’Italia

Pollice all’insù della Camera per il Ddl Lorenzin e con tanto di articolo 7 (ex art. 4) che individua l’osteopatia come professione sanitaria e ne indica il percorso di riconoscimento per definire competenze e formazione. Certo, è solo il primo round e per avere la legge pienamente operativa bisognerà attendere il delicato passaggio in Senato. Una cosa è però certificata: dopo 30 anni di vuoto normativo la categoria vede ufficializzato il suo ruolo all’interno del Sistema Sanitario Nazionale e, a commentare questo risultato, abbiamo sentito Paola Sciomachen, la Presidente del Registro Osteopati d’Italia che conta tra i suoi soci circa 2750 Osteopati.

Che ne pensa del lungo percorso che ha affrontato il Ddl Lorenzin per arrivare all’approvazione di palazzo Montecitorio?

«Siamo molto soddisfatti del risultato, innegabile che sia stato un risultato sofferto ottenuto dopo un cammino che ha incontrato moltissime difficoltà. Devo sottolineare che la Commissione Salute del Senato e la sua Presidente De Biasi,  hanno fatto un ottimo e difficile lavoro per inquadrare la materia . In un primo momento il testo si era arenato alla Camera, poi, grazie al decisivo intervento dell’On. Marazziti e della Commissioni Affari Sociali della Camera,  l’articolo 7 è stato rivisto, più che altro sono state modificate le procedure alla base del riconoscimento delle professioni sanitari. Ma il contenuto è rimasto invariato: è stato decretato che l’osteopatia è una professione sanitaria e come tale verrà riconosciuta al termine dell’iter delineato dal Ddl. Il riconoscimento determinerà un inquadramento univoco e condiviso in tutta Italia delle competenze del professionista, e quindi anche del percorso formativo, a tutela e garanzia  del paziente. Non vogliamo scontri, né pestare i piedi a nessuno, neanche, tantomeno essere riconosciuti senza le corrette procedure, ci siamo impegati affinchè fosse rispettato il principio che l’osteopatia è una professione sanitaria autonoma, come negli altri paesi europei, fino ad arrivare negli Stati Uniti dove la professione è nata ed è giustamente inquadrata a livello normativo».

Cosa pensa dell’alzata di scudi da parte di alcune frange del mondo sanitario rispetto al riconoscimento dell’osteopatia come professione? Come spiega preclusioni e pregiudizi nei confronti della categoria?

«Da una parte capisco che introdurre una nuova professione sanitaria possa creare un inevitabile riassestamento fra le varie professioni; però di fatto l’osteopatia c’è, viene consigliata dai medici stessi, è presente in molte strutture ospedaliere e viene scelta da milioni di italiani ogni giorno, quindi credo sia doveroso dare un riconoscimento e un assetto normativo ad una professione che ha evidenze scientifiche conclamate. Lavorare sulla ricerca in questi anni non è stato semplice: senza riconoscimento fare ricerca in Italia non è stato facile. Tuttavia la ricerca osteopatica è stata ed è attualmente incentivata in tutti i paesi, in Europa e negli Stati Uniti, dove è  da tempo èriconosciuta, quindi era opportuno che anche in Italia si avviasse questo processo in linea con il resto del mondo».

In molti hanno sollevato perplessità riguardo i costi che queste nuove professioni potrebbero provocare su un SSN già in difficoltà, che ne pensa?

«Io ritengo che il costo oggi sia totalmente a carico del paziente. L’osteopatia non essendo riconosciuta come professione sanitaria viene esercitata  privatamente, dunque i costi per l’utenza sono elevati. Credo che considerando il sistema  sanitario nel suo complesso, in una gestione coerente e oculata, l’osteopatia non rappresenti un aggravio ma una risorsa. Con l’occasione vorrei fare riferimento a degli studi indicativi su questo: il miglioramento di salute del paziente (soprattutto del dolore cronico), migliora le performance della persona sul lavoro e nella vita.. All’interno di un sistema dove il concetto di salute è in evidenza, io credo che incentivando l’osteopatia ci possa essere un ritorno da parte di tutti gli attori: meno farmaci, meno assenze sul lavoro, meno assistenza, tutto questo è un valore aggiunto e non un costo aggiunto».

Quale auspica sia il percorso del Ddl in Senato?

«Essendoci stato un accordo politico, penso che il percorso in Senato sia sostanzialmente definito. Oramai non ci dovrebbero essere grossi problemi, la difficoltà più grande è quella del tempo: spero che il voto al Senato venga calendarizzato quanto prima e che ci sia il tempo per poterlo licenziare prima che cambi la situazione politica».

Articoli correlati
Professioni sanitarie, Capaccioli (Tsrm-Pstrp): «Attendiamo ultimi decreti per rendere operativo Ordine. 70% professionisti già iscritto»
«Ancora non abbiamo dati numerici oggettivi delle possibili criticità». E sulla finalità degli elenchi speciali: «Evitano di creare un problema di carattere sociale» così il Vice Presidente della Federazione nazionale
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Podologia, XXXII Congresso Aip. Il presidente Ponti: «In Italia c’è ancora chi confonde il podologo con l’estetista»
«Per la formazione - sottolinea il numero uno dell'Associazione italiana podologi - raggiunti importanti traguardi. Approvati  tre master professionalizzanti in podologia dello sport, del piede diabetico e in onicopatia»
di Isabella Faggiano
Con 90 nuovi master nasce il professionista sanitario del futuro. Marcuccilli (ANTEL): «Sarà requisito essenziale per avanzamento di carriera»
È stato l’Osservatorio per le professioni sanitarie presso il Miur a stabilire i 90 nuovi corsi, che saranno a numero chiuso: circa 25 persone ciascuno. Il rappresentante dei Tecnici di laboratorio biomedico in seno all’Osservatorio: «I professionisti potranno acquisire le nuove competenze tenendo conto delle esigenze tecnologiche e di mercato»
Legge di Bilancio, Cittadini (Aiop): «Dai tetti di spesa delle Regioni alle iscrizioni agli albi delle professioni sanitarie, molte nostre ragioni accolte»
La presidente dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata sottolinea: «Non è certamente la finanziaria che avremmo desiderato, ma ci sono diversi aspetti che testimoniano che l’impegno associativo non è stato vano». Sull’Ires al terzo settore: «Il Presidente Conte si è impegnato a cambiare questa norma»
Maxi Ordine professioni sanitarie, Laila Perciballi (Movimento Consumatori): «Strumento fondamentale per combattere abusivismo»
L’avvocato, volto noto in tv, sottolinea le potenzialità della legge Lorenzin: «Finalmente cittadini sanno come poter riconoscere un professionista». Sulle liste di attesa: «Sono migliaia le lamentele che arrivano ai nostri call center. Lesi principi costituzionali»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...