Lavoro 16 Dicembre 2021 16:52

Ospedalità privata, nasce Acop. Il presidente Vietti: «Avviare nuova fase di interlocuzione con governo»

Presentata a Roma la neonata Associazione Coordinamento Ospedalità Privata che riunisce più di 150 aziende, per oltre 15mila posti letto e 25mila dipendenti

Un’associazione per «portare avanti le istanze della sanità privata», in un momento in cui è apparso chiaro quanto questa «abbia dato il suo contributo nella lotta alla pandemia» e nello «smaltimento delle liste d’attesa» e che «non può essere trattata da Cenerentola» ora che sono previsti ingenti investimenti proprio nel settore sanitario. Michele Vietti, presidente di Acop (Associazione Coordinamento Ospedalità Privata), spiega a Sanità Informazione cosa si prefigge questa organizzazione presentata oggi a Roma e che riunisce più di 150 aziende, per oltre 15mila posti letto e 25mila dipendenti.

«Acop vuole avviare nuova fase di interlocuzione con il governo»

Acop vuole «rappresentare i diritti e gli interessi delle strutture sanitarie private, nella consapevolezza che fanno parte a pieno titolo del Servizio sanitario nazionale. Le nostre strutture – ha spiegato Vietti – hanno contribuito a fronteggiare l’epidemia, sono venute incontro ai bisogni dei cittadini e hanno risposto alle richieste pressanti del servizio sanitario» ma oggi vogliono «avviare una nuova fase di interlocuzione con il governo». Perché, se «giustamente le risorse per la sanità aumentano, non può essere trattata come Cenerentola soltanto la sanità privata, a cui si chiede ma non si dà nulla».

«Disponibili a mettere a disposizione le nostre strutture per nuovi reparti Covid»

Andando nel concreto, Vietti spiega che «nei primi incontri che abbiamo già avuto con il Ministero della Salute abbiamo detto che ben volentieri siamo disponibili a mettere le nostre strutture al servizio dello smaltimento delle liste d’attesa, che siamo pronti a rimettere a disposizione posti letto per reparti Covid e che vogliamo adeguare il contratto dei nostri dipendenti a quello del pubblico». Tutto questo, però, «comporta l’esigenza di avere le adeguate coperture finanziarie».

«Le nostre strutture sanitarie devono perseguire un equilibrio di bilancio»

E se l’ospedalità privata è stata importante nel contrastare i momenti più difficili della pandemia da Covid-19, non ci si deve dimenticare che «queste strutture sanitarie sono imprese e, in quanto tali, sono tenute a perseguire un equilibrio di bilancio. Per questo motivo, quando il nostro cliente è il servizio sanitario italiano, è necessario che di questo equilibrio di bilancio il servizio sanitario ne tenga conto».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Boom di prenotazioni online di prestazioni mediche. Bisegna (Eccellenza Medica): «Con pandemia picchi del 25%»
Il General Manager di Eccellenza Medica, portale attivo da oltre 15 anni, spiega i motivi e le prospettive dell’aumento delle prenotazioni effettuate via web
Rapporto Crea Sanità: «Quasi 800mila famiglie rinunciano a spese sanitarie». I più graditi gli MMG
Pubblicato il XVII Rapporto dell’Università di Tor Vergata. L’Italia è il Paese Ue che fa minore ricorso all’ospedalizzazione in rapporto alla popolazione: «Il minor utilizzo è stato accompagnato da una progressiva chiusura di posti letto». Tutte le problematiche che generano insoddisfazione «legate alla organizzazione nella prenotazione ed erogazione dei servizi». L’Italia ha una quota di finanziamento pubblico del SSN fra le più basse in Europa
Il ministro Speranza celebra i 43 anni del SSN
L'anniversario che celebra i tre principi fondanti: universalità, uguaglianza ed equità
Ospedalità privata, Faroni (Acop): «Non esiste una sanità di serie A e una di serie B»
Ai microfoni di Sanità Informazione, Jessica Faroni spiega da cosa si deve partire per un maggior riconoscimento delle strutture private
Covid, Speranza: «Massima cautela, in Cdm ulteriori scelte. Vaccino ai bambini non è materia da talk show»
Le prenotazioni ai più piccoli inizieranno giovedì, domani v-day nel Lazio. Il ministro invita ad affidarsi ai pediatri per fare una scelta così delicata: «Non è una materia da talk show televisivi o che può essere delegata ai social network o alle discussioni che si fanno la mattina nei bar»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 gennaio, sono 362.588.865 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.627.080 i decessi. Ad oggi, oltre 9,88 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre