Lavoro 28 giugno 2018

Nuovo Maxi Ordine Professioni Sanitarie: dal 1° luglio scatta l’obbligo di iscrizione ai nuovi albi

L’obbligo di iscrizione al maxi-Ordine delle Professioni sanitarie riguarda circa 250mila operatori interessati e prevede una procedura telematica attraverso un portale dedicato

Immagine articolo

Il decreto attuativo del Ministero della Salute del 13 marzo 2018 ha istituito i 17 nuovi albi delle professioni sanitarie, come previsto dalla riforma degli ordini (Legge Lorenzin n. 3/2018). I nuovi albi delle professioni sanitarie entreranno a far parte del maxi Ordine dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione (Federazione Nazionale Ordini Tsr-Pstrp) e si aggiungeranno a quelli già esistenti dei Tecnici sanitari di radiologia (Tsrm) medica e degli Assistenti sanitari.

LEGGI ANCHE: DDL LORENZIN APPROVATO IN VIA DEFINITIVA AL SENATO: ISTITUITE PROFESSIONI SOCIOSANITARIE

Riunire in un solo ordine un numero così elevato di professioni sanitarie non è semplice; mantenere una coesione interna ed attuare un’obbligatoria distinzione delle differenti specificità professionali è la sfida a cui il super ente professionale è chiamato a rispondere.

Secondo le stime, sono 250mila i professionisti sanitari chiamati a iscriversi, dal 1 luglio 2018, ai rispettivi albi di appartenenza: dal logopedista al dietista, dell’educatore professionale al tecnico della riabilitazione psichiatrica fino ad arrivare all’igienista dentale: per poter esercitare le professioni sanitarie indicate è obbligatoria l’iscrizione all’albo. In che modo? L’iscrizione avverrà attraverso il portale dedicato: il professionista dovrà registrarsi inserendo i dati anagrafici, il titolo formativo e l’indicazione dell’Albo cui intende iscriversi. Questa autocertificazione andrà stampata, firmata, scansionata e caricata sul portale con documento di identità e poi sarà valutata dagli Ordini territoriali dei tecnici sanitari di radiologia medica insieme ai rappresentanti delle associazioni delle altre categorie (Ramr).

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, FIRMATO IL DECRETO SULLE PROCEDURE ELETTORALI DEGLI ORDINI

A questo punto, la pratica sarà inviata al Consiglio direttivo dell’Ordine territoriale di riferimento per ulteriori verifiche. Arrivato il via libera, il professionista dovrà stampare il modulo di autocertificazione verificato, apporre la marca da bollo da 16 euro ed effettuare tutti i pagamenti richiesti: tassa di concessione governativa (168 euro) e tassa di iscrizione annua (da 80 a 120 euro). Le ricevute andranno caricate sul portale insieme alla foto per il tesserino. Dal momento del perfezionamento della domanda il consiglio direttivo dell’Ordine avrà tre mesi per esprimersi.

Come precisato sul sito della Federazione, l’esercizio di una professione sanitaria in assenza dell’iscrizione al relativo albo si configura come abusivo, perseguibile ai sensi dell’art. 348 del codice penale, così come modificato dall’art. 12 della legge 3/2018.

LEGGI ANCHE: OSTEOPATIA E CHIROPRATICA SONO PROFESSIONI SANITARIE? DE SENA (SIMMFIR): «LA LEGGE C’È, MANCANO I DECRETI ATTUATIVI»

Articoli correlati
Podologia, XXXII Congresso Aip. Il presidente Ponti: «In Italia c’è ancora chi confonde il podologo con l’estetista»
«Per la formazione - sottolinea il numero uno dell'Associazione italiana podologi - raggiunti importanti traguardi. Approvati  tre master professionalizzanti in podologia dello sport, del piede diabetico e in onicopatia»
di Isabella Faggiano
Con 90 nuovi master nasce il professionista sanitario del futuro. Marcuccilli (ANTEL): «Sarà requisito essenziale per avanzamento di carriera»
È stato l’Osservatorio per le professioni sanitarie presso il Miur a stabilire i 90 nuovi corsi, che saranno a numero chiuso: circa 25 persone ciascuno. Il rappresentante dei Tecnici di laboratorio biomedico in seno all’Osservatorio: «I professionisti potranno acquisire le nuove competenze tenendo conto delle esigenze tecnologiche e di mercato»
Legge di Bilancio, Cittadini (Aiop): «Dai tetti di spesa delle Regioni alle iscrizioni agli albi delle professioni sanitarie, molte nostre ragioni accolte»
La presidente dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata sottolinea: «Non è certamente la finanziaria che avremmo desiderato, ma ci sono diversi aspetti che testimoniano che l’impegno associativo non è stato vano». Sull’Ires al terzo settore: «Il Presidente Conte si è impegnato a cambiare questa norma»
Maxi Ordine professioni sanitarie, Laila Perciballi (Movimento Consumatori): «Strumento fondamentale per combattere abusivismo»
L’avvocato, volto noto in tv, sottolinea le potenzialità della legge Lorenzin: «Finalmente cittadini sanno come poter riconoscere un professionista». Sulle liste di attesa: «Sono migliaia le lamentele che arrivano ai nostri call center. Lesi principi costituzionali»
Master professioni sanitarie, Nursing Up: «No al limite del numero di posti»
«Apprendiamo dagli organi di stampa che l’Osservatorio nazionale per le professioni sanitarie ha definito, dopo sei anni di lavoro, i 90 master universitari specialistici destinati alle 22 professioni sanitarie, riorganizzando così un comparto che vede impegnati oltre 650mila operatori. Ma leggiamo che ci sarebbe anche la volontà di delineare ‘a monte’ gli ordinamenti dei nuovi […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...