Salute 27 giugno 2018

Osteopatia e chiropratica sono professioni sanitarie? De Sena (Simmfir): «La legge c’è, mancano i decreti attuativi»

Avrebbero dovuto attenere il riconoscimento, al pari degli ostetrici, dei tecnici di radiologia o degli infermieri, già prima di questa estate. Almeno stando alla legge 11 gennaio 2018 n. 3. Ma mancano i decreti attuativi. L’intervista a Giampaolo de Sena vice segretario del Sindacato Italiano Medici di Medicina Fisica e Riabilitativa

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Manipolazioni, mobilizzazioni, micromovimenti. Così, Osteopati e Chiropratici alleviano i dolori e perfezionano le posture. Ma chi è realmente abilitato a praticare questa professione? Fino a ieri chiunque avesse frequentato uno specifico corso. Da quest’anno solo specialisti regolarmente laureati. Almeno in teoria.

Sì, perché con la legge 11 gennaio 2018 n. 3, agli articoli 7 e 8, sono state decretate due nuove professioni sanitarie: l’osteopata e il chiropratico. Negli stessi articoli sono stati determinati anche i tempi per la definizione dei profili professionali e per il riconoscimento di un corso di laurea triennale. Le scadenze erano fissate, rispettivamente, in tre e sei mesi. Il primo termine è già scaduto, per il secondo è questione di giorni. Eppure, osteopati e chiropratici sono ancora in attesa.

A che punto siamo? Lo abbiamo chiesto a Giampaolo de Sena, medico fisiatra, vice segretario nazionale Simmfir, il Sindacato Italiano Medici di Medicina Fisica e Riabilitativa.

LEGGI ANCHE: DDL LORENZIN APPROVATO IN VIA DEFINITIVA AL SENATO: ISTITUITE PROFESSIONI SANITARIE

Dottore de Sena, la Legge 11 gennaio 2018 n. 3 (che dispone anche il riordino delle professioni sanitarie) ha determinato tempi ben precisi per la definizione della professione e del titolo di studi di osteopati e chiropratici. I termini sono stati rispettati?

«Nonostante la già avvenuta scadenza dei tempi presenti nella legge n.3 11.01.2018, ad oggi non sono stati proposti gli emendamenti previsti. Ma questa cosa non sorprende, perché i mancati decreti attuativi sono una pratica che è già stata adottata per il decreto “mille proroghe” del 2009 sull’istituzione della figura del chiropratico e, per la legge 2006, per l’istituzione degli ordini professionali».

E intanto come si accede alla professione?

 «Queste due professioni, in Italia, non hanno alcun percorso ufficiale e, pertanto, sia per la osteopatia che per la chiropratica si parla di corsi privati ed extrauniversitari. Proprio per la eterogeneità della formazione, non è possibile individuare specifici percorsi formativi, pertanto non è possibile nemmeno definire con certezza le eventuali differenze tra l’osteopatia e la chiropratica. L’unica certezza è che si tratta di professioni di terapia manuale».

È possibile stabilire quanti professionisti, tra osteopati e chiropratici, operano in Italia?

«Non ci sono numeri precisi. Innanzitutto è possibile che molti tra coloro che si presentano come chiropratici o osteopati, in realtà non abbiano avuto una formazione specifica, esattamente come succede per i falsi dentisti o fisiatri o i falsi fisioterapisti. Inoltre, non sono professioni riconosciute e pertanto censite. Quello che è sicuramente vero è che oggi i numeri di queste figure professionali sono fioriti fuori da ogni controllo».

La mancanza di regole precise per la formazione crea delle difficoltà di accesso alla professione?

«No, al contrario. Queste professioni sono professioni agevolate perché non sono regolamentate da numeri chiusi, non sono previsti concorsi per l’accesso, come invece capita a medicina o a fisioterapia. Non sono da considerarsi corsi particolarmente impegnativi perché generalmente richiedono pochi weekend all’anno, circa 5 o 6, per un totale di pochi giorni di lezione.  Sicuramente il costo esorbitante di questi corsi è il principale ostacolo e forse unico ostacolo alla loro frequenza».

Terminata la formazione, quali sono le criticità che ci si trova ad affrontare nel  mondo del lavoro?

«Come bene indicato nelle deviazioni di tipo A della norma CEN sulla osteopatia, nel momento in cui questi professionisti accedono al  mondo del lavoro, cosa che generalmente avviene in ambito libero professionale, sono a rischio di compiere atti a rischio impugnazione legale, almeno fino a quando non saranno definiti competenze e percorsi formativi».

Come risolvere queste difficoltà?

«Intraprendere percorsi formativi di “medicina alternativa” senza avere una precedente formazione “ufficiale e tradizionale” può portare a una grave limitazione di conoscenze. Il suggerimento è che l’accesso a queste professioni venga limitato unicamente a professionisti già in possesso di un titolo abilitante».

Articoli correlati
Salute, De Poli (Udc): «Serve Piano Marshall per ‘nuova primavera’ sanità italiana»
«Il Servizio Sanitario nazionale ha da poco compiuto i 40 anni. Nonostante i limiti presenti e passati, rimane uno tra i migliori al mondo. C’è un ‘ma’. Oggi dobbiamo chiederci cosa fare per mantenere questo modello sostenibile, considerando la stagione dei tagli in sanità, gli aumenti dei costi dovuti all’invecchiamento della popolazione e all’aumento della […]
Autonomia differenziata, nord avanti ma crescono i dubbi. Luca Zaia (Veneto): «Governo ha ribadito più volte che si farà»
Per la FNOMCeO a rischio «l’uguaglianza dei cittadini nell’accesso al diritto alla salute», ma Zaia e Toti confermano. «Vogliamo trovare accordo ma nessuna soluzione annacquata», annuncia il Presidente della Regione Veneto. «Presenteremo testo al Ministro Stefani con cui chiederemo un’intesa al Governo», spiega invece il Governatore della Liguria
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Autonomia differenziata, nodo sanità. Michele Emiliano (Puglia): «Bloccare processo separatista e aumentare poteri di tutte le Regioni»
Il governatore della Puglia è favorevole ad un aumento dei poteri delle Regioni ma non al processo che vede coinvolte solo Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna. Intanto è scontro nel governo tra Lega e M5S sul tema, nulla di fatto in Consiglio dei Ministri
Fondo sanitario, Regioni approvano riparto 2019. Antonio Saitta: «SSN sottofinanziato, in nuovo Patto della Salute risorse certe»
Alla Conferenza delle Regioni suddiviso il Fondo di 111,2 miliardi. Il Presidente Stefano Bonaccini: «Così diamo un contributo importante alle successive azioni del ministero e consentiamo alle Regioni di avviare una programmazione in tempi certi». Sul tema dell’autonomia differenziata posizioni diverse dei governatori. L’Assessore alla Sanità del Piemonte: Su alcune materie, come la formazione, non possiamo stare con le mani in mano. Servino regole certe»
Autonomia differenziata, lo SMI lancia petizione online per fermare voto del Parlamento: «Con riforma avremo una somma di Servizi sanitari regionali»
Il Sindacato guidato da Pina Onotri si mobilita contro il provvedimento fortemente voluta dalla Lega. Sarà inviata una lettera aperta ai deputati e ai senatori di tutti i gruppi politici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...