Salute 27 Giugno 2018

Osteopatia e chiropratica sono professioni sanitarie? De Sena (Simmfir): «La legge c’è, mancano i decreti attuativi»

Avrebbero dovuto attenere il riconoscimento, al pari degli ostetrici, dei tecnici di radiologia o degli infermieri, già prima di questa estate. Almeno stando alla legge 11 gennaio 2018 n. 3. Ma mancano i decreti attuativi. L’intervista a Giampaolo de Sena vice segretario del Sindacato Italiano Medici di Medicina Fisica e Riabilitativa

di Isabella Faggiano
Osteopatia e chiropratica sono professioni sanitarie? De Sena (Simmfir): «La legge c’è, mancano i decreti attuativi»

Manipolazioni, mobilizzazioni, micromovimenti. Così, Osteopati e Chiropratici alleviano i dolori e perfezionano le posture. Ma chi è realmente abilitato a praticare questa professione? Fino a ieri chiunque avesse frequentato uno specifico corso. Da quest’anno solo specialisti regolarmente laureati. Almeno in teoria.

Sì, perché con la legge 11 gennaio 2018 n. 3, agli articoli 7 e 8, sono state decretate due nuove professioni sanitarie: l’osteopata e il chiropratico. Negli stessi articoli sono stati determinati anche i tempi per la definizione dei profili professionali e per il riconoscimento di un corso di laurea triennale. Le scadenze erano fissate, rispettivamente, in tre e sei mesi. Il primo termine è già scaduto, per il secondo è questione di giorni. Eppure, osteopati e chiropratici sono ancora in attesa.

A che punto siamo? Lo abbiamo chiesto a Giampaolo de Sena, medico fisiatra, vice segretario nazionale Simmfir, il Sindacato Italiano Medici di Medicina Fisica e Riabilitativa.

LEGGI ANCHE: DDL LORENZIN APPROVATO IN VIA DEFINITIVA AL SENATO: ISTITUITE PROFESSIONI SANITARIE

Dottore de Sena, la Legge 11 gennaio 2018 n. 3 (che dispone anche il riordino delle professioni sanitarie) ha determinato tempi ben precisi per la definizione della professione e del titolo di studi di osteopati e chiropratici. I termini sono stati rispettati?

«Nonostante la già avvenuta scadenza dei tempi presenti nella legge n.3 11.01.2018, ad oggi non sono stati proposti gli emendamenti previsti. Ma questa cosa non sorprende, perché i mancati decreti attuativi sono una pratica che è già stata adottata per il decreto “mille proroghe” del 2009 sull’istituzione della figura del chiropratico e, per la legge 2006, per l’istituzione degli ordini professionali».

E intanto come si accede alla professione?

 «Queste due professioni, in Italia, non hanno alcun percorso ufficiale e, pertanto, sia per la osteopatia che per la chiropratica si parla di corsi privati ed extrauniversitari. Proprio per la eterogeneità della formazione, non è possibile individuare specifici percorsi formativi, pertanto non è possibile nemmeno definire con certezza le eventuali differenze tra l’osteopatia e la chiropratica. L’unica certezza è che si tratta di professioni di terapia manuale».

È possibile stabilire quanti professionisti, tra osteopati e chiropratici, operano in Italia?

«Non ci sono numeri precisi. Innanzitutto è possibile che molti tra coloro che si presentano come chiropratici o osteopati, in realtà non abbiano avuto una formazione specifica, esattamente come succede per i falsi dentisti o fisiatri o i falsi fisioterapisti. Inoltre, non sono professioni riconosciute e pertanto censite. Quello che è sicuramente vero è che oggi i numeri di queste figure professionali sono fioriti fuori da ogni controllo».

La mancanza di regole precise per la formazione crea delle difficoltà di accesso alla professione?

«No, al contrario. Queste professioni sono professioni agevolate perché non sono regolamentate da numeri chiusi, non sono previsti concorsi per l’accesso, come invece capita a medicina o a fisioterapia. Non sono da considerarsi corsi particolarmente impegnativi perché generalmente richiedono pochi weekend all’anno, circa 5 o 6, per un totale di pochi giorni di lezione.  Sicuramente il costo esorbitante di questi corsi è il principale ostacolo e forse unico ostacolo alla loro frequenza».

Terminata la formazione, quali sono le criticità che ci si trova ad affrontare nel  mondo del lavoro?

«Come bene indicato nelle deviazioni di tipo A della norma CEN sulla osteopatia, nel momento in cui questi professionisti accedono al  mondo del lavoro, cosa che generalmente avviene in ambito libero professionale, sono a rischio di compiere atti a rischio impugnazione legale, almeno fino a quando non saranno definiti competenze e percorsi formativi».

Come risolvere queste difficoltà?

«Intraprendere percorsi formativi di “medicina alternativa” senza avere una precedente formazione “ufficiale e tradizionale” può portare a una grave limitazione di conoscenze. Il suggerimento è che l’accesso a queste professioni venga limitato unicamente a professionisti già in possesso di un titolo abilitante».

Articoli correlati
Salute, Regimenti (Lega): «Programma EU4Health sia inizio di nuova politica sanitaria europea»
«L’impegno della Lega è finalizzato proprio a cambiare un’Europa ancora troppo lontana dai cittadini e dalle loro esigenze» spiega l'eurodeputata Luisa Regimenti
Anziani, De Poli (Udc): «Sì a una lista ‘priority’ per over 65 in sanità»
«Oggi in tempo di pandemia, è urgente creare una corsia preferenziale per i cittadini over 65 in sanità.  Analogamente a quanto accade già nei supermercati, si dia la precedenza agli anziani» spiega il senatore UDC
“Protocollo domiciliare uniforme” per uscire da emergenza. Siclari (FI): «Riaprire ospedali chiusi o depotenziati»
Nel corso della conferenza “Covid: come uscire dall’emergenza” Giovanni Carnovale, Presidente del forum medico Nuovo Rinascimento, ha chiesto lo stop alla regionalizzazione della sanità: «La sanità non può essere gestita da venti protocolli diversi, da venti task force diverse». Tra gli ospiti anche Ranieri Guerra (OMS) e Annamaria Parente (Presidente Commissione Sanità)
Intervista ad Antonella Polimeni, prima Rettrice della Sapienza: «Didattica sempre più innovativa e internazionale»
«Mi auguro che questa emergenza sia un’occasione per finanziare in maniera adeguata la formazione e la ricerca, e a stimolare un’importante riflessione sul SSN. Vorrei che le tre Facoltà romane di Medicina sviluppassero insieme una progettualità per migliorare l’offerta sanitaria ai cittadini e l’offerta didattica»
LEA 2010-2018, Gimbe: «Il 25% delle spese per la sanità non ha prodotto servizi per i cittadini»
L’analisi Gimbe documenta una percentuale cumulativa degli adempimenti delle regioni ai LEA del 75% con una forbice molto ampia: in testa alla classifica 11 regioni tutte del centro-nord, ad eccezione della Basilicata
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli