Lavoro 29 Marzo 2022 14:48

Nel Ssn mancano gli psicologi, ma i vincitori di concorso pubblico restano senza un lavoro. Il paradosso italiano

Il caso della regione Lazio, l’avvocato Zimbardi: «Nelle aziende sanitarie regionali mancano psicologi e psicoterapeuti. C’è urgenza di coprire interamente i fabbisogni attingendo alla graduatoria del concorso che, dopo essere stato atteso per oltre 15 anni, è stato indetto nel 2019»

Nel Ssn mancano gli psicologi, ma i vincitori di concorso pubblico restano senza un lavoro. Il paradosso italiano

Incerto. Si potrebbe sintetizzare utilizzando un solo aggettivo lo stato d’animo degli psicologi del Lazio che hanno partecipato al concorso per l’assunzione di nuovi professionisti nel sistema sanitario regionale. Bandito nel 2019 e atteso da oltre 15 anni il concorso ha permesso l’accesso in graduatoria di 500 psicologi, ma ad oggi ne sono stati arruolati solo poco più di 100.

Il parere legale

«Quello che abbiamo notato – dice l’avvocato Antonio Zimbardi, che si sta occupando della questione da diversi mesi – è che vengono sempre più prorogati i contratti a termine e il fabbisogno non viene interamente coperto. Abbiamo scritto diverse note alla Regione Lazio e alla Asl titolare della graduatoria (Asl Roma 5 capofila), oltre che alle altre aziende sanitarie regionali ricevendo risposte rassicuranti sul regolare andamento dell’iter di scorrimento, ma in concreto il problema è ancora attuale – aggiunge l’avvocato -. Nelle aziende sanitarie mancano le figure delle discipline afferenti sia la psicologia che la psicoterapia. C’è urgenza di coprire interamente i fabbisogni sin d’ora attingendo da tale graduatoria, dove sono inserite professionalità che hanno dimostrato durante l’iter concorsuale di essere pronte a servire la collettività».

Dal post-Covid alla guerra in Ucraina

Le stime, i sondaggi, fino agli studi più accurati, parlano chiaro: la richiesta di psicologi e psicoterapeuti è molto superiore all’offerta, soprattutto da quando è esplosa la pandemia da Covdi-19. Una situazione che, in questi giorni, poi, si è ulteriormente aggravata a causa del conflitto esploso in Ucraina: molti presidi, infatti, sono a disposizione delle famiglie provenienti dalle zone di guerra che hanno bisogno di un urgente sostegno psicologico.

Il bisogno di assistenza psicologica continuerà ad aumentare

«Presto – avverte l’avvocato Zimbardi – ci troveremo a fare i conti con un altro problema, quello dei futuri pensionamenti, con sempre maggiore necessità. Il difficoltoso scorrimento della graduatoria è, peraltro, alimentato da uno stato di generale confusione». A tal proposito, il legale evidenzia il caso della Asl Roma 3 che, oltre a non utilizzare la graduatoria del 2021 del concorso indetto dalla Asl Roma 5 capofila, ha indetto (nel mese di luglio 2021) un altro concorso per le stesse figure professionali. Bando ora bloccato siccome impugnato da un nutrito gruppo di psicologi e psicoterapeuti che, con il patrocinio dello studio legale Zimbardi, ne hanno chiesto l’annullamento. «La speranza – conclude l’avvocato – è che quanto prima queste figure professionali siano inserite all’interno delle strutture sanitarie e lavoreremo incessantemente per questo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Italiani più longevi e in salute, ma personale sanitario ridotto del 5,6%. I 30 anni delle aziende sanitarie pubbliche
Al Ministero della Salute manager Fiaso a confronto. Tra i Dg età media 58 anni, 22% le donne, solo il 10% ha esperienza in più regioni. Migliore: «Direttori cruciali nel Ssn, ma serve personale: già 10 regioni su 20 hanno avviato le stabilizzazioni Covid»
Ostetriche libero professioniste: l’esercito dei 600
Marzetti (ostetrica): «Durante la pandemia molte donne hanno scelto di partorire in casa, non solo per il timore di contrarre l’infezione da Covid-19 durante un eventuale ricovero in una struttura sanitaria, ma anche per l’impossibilità di avere accanto a sé il papà del proprio bambino, sia in sala parto che successivamente in reparto»
I giovani, le donne, e un contratto “rivoluzionario”. Al 25° Congresso Anaao tracciata la road map della sanità del futuro
Abolire il gender gap, promuovere i diritti LGBT, aumentare retribuzioni e ferie. Il PNRR? La digitalizzazione non distolga dall’investimento sul capitale umano
Professioni sanitarie, Riposati (CdA Educatori professionali): «Abusivismo ancora diffuso, è il momento di un educatore professionale a tutto tondo»
Il Presidente della commissione d’Albo nazionale degli educatori professionali chiede nuove assunzioni in vista della riforma dell’assistenza territoriale. Tra i problemi anche una disomogeneità nella presenza dei corsi di laurea sul territorio nazionale, con corsi di laurea in educazione professionale scarsamente presenti nel sud Italia
di Francesco Torre
Pronta disponibilità, il limite delle 6 chiamate mensili viene sempre rispettato?
Intervista a Muzio Stornelli, dirigente infermieristico: «Problema antico ma con pandemia la situazione è peggiorata»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...