Mondo 24 Marzo 2022 18:12

Liviu, gastroenterologo fuggito dall’Ucraina, oggi dà sostegno psicologico ai profughi in Romania

Ha lasciato la sua terra il 24 febbraio con moglie e tre figli. Da un mese è rifugiato a Siret dove presta soccorso come medico di contatto per la Fondazione Emilio Falco

Liviu Acostacoi è un medico gastroenterologo, è fuggito da Chernivtsi il 24 febbraio con la famiglia. Oltre alla moglie Vera ha tre figli di quattro, tre e sei mesi e per questo non è stato chiamato alle armi. Da un mese è rifugiato a Siret dove presta soccorso come medico di contatto ai profughi ucraini. Guadagna 350 euro al mese che è il salario minimo rumeno e da qualche giorno lavora anche per la fondazione Emilio Falco. L’abbiamo incontrato con Fabrizio Protti, direttore della fondazione che permette a molti rifugiati di avere assistenza psicologica, integrazione sociale e un posto di lavoro. «In questo momento non posso fare il gastroenterologo – racconta grazie alla traduzione di Fabrizio Protti – non sono cittadino comunitario e se dovessi fare delle cure e perdere un paziente, il problema sarebbe non solo mio, ma di tutto il sistema sanitario rumeno quindi per ora mi dedico all’attività di accoglienza».

Deroga del governo rumeno per i medici ucraini

Liviu oggi non può svolgere la sua attività clinica, anche se, nelle ultime ore, il governo ha deciso di concedere ai medici ucraini la possibilità di esercitare anche in Romania. «I medici sono pochi e per l’emergenza sanitaria che sta crescendo – spiega Protti – ieri è uscita una circolare del governo secondo la quale le lauree ucraine in medicina, farmacia e odontoiatria sono equiparabili a quelle europee, permettendo così ai medici fuggiti dalla guerra di svolgere la loro professione».

Emergenza psicologica

In attesa di riprendere la sua attività, Liviu accoglie i profughi, li ascolta, e indirizza i più bisognosi ai centri di cura. «Ci sono due strutture, una di prima accoglienza – racconta- dove arrivano i profughi e vengono assistiti da volontari delle organizzazioni umanitarie, da psicologi e psichiatri di stato e una seconda allestita presso il campo sportivo di Siret dove vengono accompagnate le persone prive di documenti e dove c’è un altro punto di osservazione medico fornito dall’ospedale di Siret e dal centro psichiatrico. A quel punto chi ha bisogno di cure specifiche viene indirizzato all’ospedale, per gli altri c’è un programma di assistenza psicologica durante il percorso di integrazione». La vera emergenza nei campi profughi di Siret oggi è psicologica. Liviu racconta di gravi stati di stress, attacchi di panico e tremori che si riscontrano soprattutto negli adulti.  «I bambini invece vengono distratti con il gioco – aggiunge Fabrizio – e dunque non mostrano paura o preoccupazione, probabilmente le difficoltà emergeranno nel lungo periodo».

In Ucraina pericolo epidemie e radiazioni

A pochi chilometri, oltre il confine, la situazione sanitaria si fa di giorno in giorno più grave. «Nelle zone di guerra oggi il problema è rappresentato dall’accumulo di cadaveri civili e militari nelle strade.  Il caldo non aiuta e il rischio di epidemie è molto alto», ammette Liviu che è in costante contatto con amici e parenti rimasti in Ucraina. A preoccupare maggiormente però sono le possibili radiazioni. «Al di là della centrale di Chernobyl – dice – c’è Raphachoia dove ci sono sei reattori nucleari e se dovesse verificarsi una esplosione le conseguenze sarebbero catastrofiche». Abbassa gli occhi e guarda l’orizzonte, meglio non ipotizzare uno scenario del genere, «dobbiamo auspicare la pace, per i nostri figli». Il sogno è di tornare a casa, in Ucraina, a Chernivtsi dove ancora vivono gli anziani genitori che non hanno voluto abbandonare la loro terra. «Se questo non sarà possibile, cercherò di mettere a frutto la mia esperienza di medico gastroenterologo in Romania o in un altro paese europeo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Ucraina: emergenza ferite da scheggia, allo studio IA per valutazioni «lampo»
Con l'invasione della Russia in corso, l'Ucraina sta cercando nuovi modi di utilizzare l'intelligenza artificiale per valutare e curare le ferite causate da schegge. Grazie al contributo di un gruppo di ricercatori britannici, l'IA viene addestrata con l'aiuto di modelli 3D di tessuti lesionati in laboratorio
Se il medico è responsabile c’è il risarcimento alla ASL
La Corte dei Conti lo scorso giugno ha stabilito un risarcimento alla ASL da parte di un medico ritenuto totalmente responsabile di tardiva diagnosi
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Fimmg: ok a «storico» accordo nazionale per medici dell’Inps
Approvato l'accordo nazionale per le attività libero professionali in convenzione dei medici Inps. Ne dà notizia Alfredo Petrone, segretario nazionale settore Fimmg Inps che definisce la firma della convenzione «un momento storico»
Certificato telematico (INPS) di malattia: il medico che emette una prognosi ha l’obbligo di invio. Ecco cosa dice la legge
Caiazza (FIMMG): «Medici ospedalieri, di pronto soccorso, specialisti convenzionati ASL e liberi professionisti non devono demandare l’emissione del certificato telematico (INPS) di malattia al medico di famiglia, che verrebbe indotto a compiere un reato di falso ideologico»
Guerra in Ucraina, Consulcesi lancia il nuovo corso contro le emorragie da ferite da guerra
«Di fronte ai gravissimi attacchi contro l’assistenza sanitaria, mettere il maggior numero di persone in condizione di saper compiere semplici ma efficaci manovre per fermare per esempio la fuoriuscita di sangue può significare salvare una vita in più», commenta Daniele Manno, esperto di Remote e Military Life Support
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...