Lavoro 23 Marzo 2018 16:50

Bari, arrestato un molestatore seriale di dottoresse. Sono almeno 10 le vittime

Andava di notte ai servizi di guardia medica con dottoresse in servizio. Lamentava dolori addominali e dopo essersi spogliato cercava il contatto fisico. Le dottoresse della zona avevano creato un gruppo WhatsApp per scambiarsi informazioni

Dal 2011, ha molestato dieci dottoresse di guardia medica in 17 diversi episodi. I Carabinieri di Monopoli lo hanno individuato e arrestato. È un quarantanovenne di Modugno (Bari), incensurato e sposato, il presunto molestatore seriale, che dovrà rispondere di violenza sessuale continuata aggravata e false dichiarazioni sulla propria identità.

Le indagini sono partite nel novembre 2017 da una denuncia presentata ai Carabinieri da una dottoressa in servizio a Castellana Grotte che ha raccontato di aver ricevuto di notte la visita di un paziente che accusava dolori addominali. Rimasto solo con la dottoressa, si era denudato completamente e l’aveva costretta a toccargli le parti intime, dandosi alla fuga quando la donna è riuscita a chiamare il 112.

LEGGI LO SPECIALE DI SANITA’ INFORMAZIONE #BASTAGGRESSIONI

Le ricerche dei Cc hanno accertato che il paziente non solo aveva molestato altre dottoresse, ma aveva seguito sempre lo stesso modus operandi: nelle ore notturne, dopo aver contattato telefonicamente i servizi di guardia medica per accertarsi che vi fossero medici di sesso femminile, il molestatore si presentava negli ambulatori e, approfittando del fatto che non vi erano altri pazienti in attesa, con la scusa di accusare dolori addominali si denudava e cercava il contatto fisico.

Fra le guardie mediche si era creata un’autentica psicosi, tanto che le dottoresse in servizio presso gli ambulatori di Castellana Grotte, Noicattaro, Bitritto, Casamassima, Triggiano, Conversano, Putignano e Acquaviva delle Fonti avevano deciso di creare un gruppo WhatsApp in cui si scambiavano informazioni sul molestatore e dove condividevano le proprie storie.

LEGGI ANCHE: LE AGGRESSIONI AI MEDICI SI COMBATTONO ANCHE SU FACEBOOK. “NESSUNO TOCCHI IPPOCRATE”, O A RIMETTERCI SARANNO I PAZIENTI

In tutti questi anni, l’uomo è riuscito a nascondere la propria identità soprattutto perché si presentava sempre sotto falso nome ed era riuscito a “riconoscere” le proprie vittime. Infatti, se dalla voce si accorgeva che si trattava di una dottoressa già molestata, automaticamente riagganciava e digitava il numero di un’altra sede. I Carabinieri hanno sono riusciti ad identificare l’uomo risalendo ad un numero telefonico che corrispondeva ad un apparecchio pubblico installato presso un distributore di benzina dove, è stato poi accertato, il molestatore lavorava.

Articoli correlati
Aggressioni, l’allarme di Consulcesi: «Accendere riflettori anche su violenza operatori sanitari. Il 70% sono donne»
Il Presidente Massimo Tortorella: «Tutelare gli operatori sanitari sempre in prima linea». Telefono Rosso: la linea dedicata che risponde al numero 800.620.525
«Un medico donna? No, voglio un vero dottore». Un racconto di ordinaria violenza in un ospedale italiano
La testimonianza è tratta dal volume “Stop alla violenza a danno degli operatori della salute. Prevenire e gestire la violenza sul lavoro” scritto dalla dottoressa Marina Cannavò: «Ancora oggi è molto diffusa la tendenza maschilista a non considerare un medico donna altrettanto capace del suo collega uomo»
Atti vandalici contro medici e sanitari. Tortorella (Consulcesi): «Fatti gravissimi, non lasciamoli soli»
Consulcesi & Partners attiva assistenza Legale gratuita per medici e operatori sanitari
Giornata contro la violenza sugli operatori sanitari. FNOMCeO: «Legge contro aggressioni sia primo passo»
Dal 24 settembre a proteggerli una legge contro le aggressioni. La giornata annuale contro la violenza sugli operatori sanitari continua a sensibilizzare. La Federazione dei medici: «Ora salto culturale che veda la sicurezza, a 360 gradi, come un diritto degli operatori sanitari e medico come alleato»
Ddl aggressioni, UGL Sanità: «Soddisfatti ma non abbassare la guardia. Occorre rafforzare i controlli»
«Si vigili perché, dopo l’approvazione, venga applicata con il massimo della severità e in ogni occasione. Proteggere gli operatori della sanità è compito imprescindibile delle istituzioni di una Nazione civile» sottolinea Gianluca Giuliano, Segretario UGL Sanità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 gennaio, sono 96.868.849 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.074.886 i decessi. Ad oggi, oltre 46,89 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...