Lavoro 22 marzo 2018

Le aggressioni ai medici si combattono anche su Facebook. “Nessuno tocchi Ippocrate”, o a rimetterci saranno i pazienti

Manuel Ruggiero, fondatore della pagina Facebook che segnala gli episodi di aggressione subiti da medici e professionisti sanitari: «Se la scena dell’intervento non è sicura, il personale del 118 è autorizzato ad andarsene e a tornare con le forze dell’ordine. La paura di denunciare? Per eventuali ritorsioni»

L’aggressione, per i medici e i professionisti sanitari che la subiscono, è solo parte del problema. Se infatti il momento della violenza, fisica o verbale, passa, la paura che l’accompagna rimane nel tempo. Paura di ritorsioni da parte degli aggressori o paura delle reazioni di colleghi, responsabili e conoscenti. Ed è proprio questo timore che porta molte vittime a non denunciare gli episodi di violenza subiti. C’è sempre, però, il desiderio di far conoscere la propria storia, le condizioni in cui si lavora, le vicende che si è costretti a vivere quasi quotidianamente. Come conciliare, allora, questi due aspetti? Da un lato la ricerca dell’anonimato e dall’altro la necessità di dar voce alla propria esperienza? Con una pagina Facebook.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AI MEDICI, ANTONIO MAGI (OMCEO ROMA): «SERVONO PROTOCOLLI DI COMPORTAMENTO PER PREVENIRE ATTI DI VIOLENZA»

Si chiama “Nessuno tocchi Ippocrate” ed è stata fondata, nel giugno dello scorso anno, da Manuel Ruggiero, medico del 118 di Napoli. «Ho creato questa pagina quando ho saputo che un medico aveva ricevuto un pugno in faccia all’Ospedale Cardarelli. Sono episodi sempre più frequenti e che non fanno nemmeno più notizia, allora proprio per denunciare le aggressioni che medici e personale sanitario subiscono sempre più spesso è nata questa pagina Facebook». Il numero degli episodi a Napoli è in aumento: «Se in tutto il 2017 – racconta Ruggiero – abbiamo registrato circa 12 aggressioni, dall’inizio del 2018 siamo già a 15 casi. Sono dati piuttosto allarmanti e a Napoli sta diventando, più che in altre Regioni d’Italia, un problema veramente preoccupante».

LEGGI ANCHE: DONNE MEDICO, PINA ONOTRI (SMI): «SIAMO PENALIZZATE. SI FACCIA DI PIÙ SU AGGRESSIONI E TEMPI DI CONCILIAZIONE»

Dal tentativo di rubare un’ambulanza del personale del posto di primo intervento, che non può fare servizio di 118, per andare a soccorrere un amico investito a poche centinaia di metri dall’ospedale, ai pugni a medici ed infermieri che si ritrovano con gli occhiali o il setto nasale rotti, sono numerose le segnalazioni pubblicate sulla pagina in modo anonimo: «Noi pubblichiamo solo il nome della strada in cui avviene l’episodio, a meno che chi ci invia la segnalazione esprima esplicitamente il consenso alla pubblicazione di altre informazioni. Ma l’anonimato è garantito».

Ritorna, quindi, il discorso della paura: «Coloro che ci aggrediscono a Napoli – dichiara il dottore – sono spesso persone poco raccomandabili, quindi chi denuncia ha paura di eventuali ritorsioni. Noi lavoriamo in mezzo alla strada, quindi c’è sempre il rischio di incontrare gli aggressori. Anche perché loro sanno in quale postazione 118 lavori e che zona copri e, soprattutto se è un quartiere degradato, il personale è portato a non denunciare».

LEGGI ANCHE: E ALLA SALUTE DEL MEDICO, CHI CI PENSA?

Ma la pagina Facebook “Nessuno tocchi Ippocrate” è anche rivolta all’utenza, non solo per «educarla all’uso corretto dei servizi di emergenza sanitaria territoriale 118», spiega Ruggiero, ma anche per «far capire a tutti che sfogare la propria rabbia o preoccupazione attraverso aggressioni sul personale sanitario non può essere la cosa giusta da fare. È infatti controproducente, perché se noi vediamo che la scena non è sicura siamo autorizzati ad allontanarci dal luogo del soccorso e a tornare solo nel momento in cui sopraggiungono le forze dell’ordine. Chi sta male dovrà quindi aspettare ulteriore tempo prima di essere aiutato. Una cosa deve essere chiara a tutti – conclude -: noi siamo la mano che vi aiuta e di certo non veniamo per aggravare la situazione ma solo per curarvi. Se ci aggredite, siete soprattutto voi a perdere».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Aggressioni ai medici, Frittelli: 76,6% delle strutture ha programma di prevenzione specifico
Il 76,67% delle strutture sanitarie ha elaborato un programma di prevenzione specifico per le aggressioni, mentre il 50% ha avviato accordi con Forze dell’ordine pubblico o altri soggetti (Polizia, Comune Polizia Municipale/Provinciale, Prefettura ecc.) in grado di fornire un supporto per identificare le strategie atte ad eliminare o attenuare la violenza nei servizi sanitari. Sono […]
Aggressioni, Rostan (LeU): «Serve credito d’imposta per studi medici che intendono dotarsi di impianti di sicurezza»
La vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera al Congresso Fimmg:  «Abbiamo registrato oltre tremila episodi negli ultimi tempi con il 65% di medici e infermieri che, almeno una volta nel corso della loro carriera, hanno subito violenze o intimidazioni. Per questo ho chiesto incontro a Salvini»
Legge Bilancio, rapporto deficit-Pil fissato al 2,4%. Sileri (Comm. Sanità): «C’è volontà di sbloccare il rinnovo del contratto dei medici»
«Stiamo lavorando contro le ingerenze politiche in sanità», commenta l’esponente Cinque Stelle. Ieri il Cdm ha approvato in via definitiva il ddl contro le aggressioni ai camici bianchi: prevista aggravante e Osservatorio nazionale
Violenza di genere, Roberto Carlo Rossi (OMCeO Milano): «C’è bisogno di fatti concreti, pochi si impegnano davvero per risolvere il problema»
L’OMCeO Milano, il Comune di Milano, la Regione Lombardia, il Policlinico Ca’ Granda e Club Medici scendono in campo insieme per contrastare il fenomeno. Al via il 27 ottobre la nuova edizione del corso di formazione ECM "Violenza sulle donne, violenza di genere” di Club Medici
Liste d’attesa, violenza e autonomie: OMCeO Bari chiede convocazione urgente del Consiglio sanitario regionale
Filippo Anelli, in qualità di Presidente dell’Ordine dei medici di Bari ha inviato al Presidente Emiliano, nella sua veste di Assessore alla Sanità una richiesta di convocazione urgente del Consiglio Sanitario Regionale della Puglia. L’Omceo ha richiesto di inserire all’ordine dei giorno della seduta il tema delle liste d’attesa e delle due proposte di legge […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...