Lavoro 22 Marzo 2018

Le aggressioni ai medici si combattono anche su Facebook. “Nessuno tocchi Ippocrate”, o a rimetterci saranno i pazienti

Manuel Ruggiero, fondatore della pagina Facebook che segnala gli episodi di aggressione subiti da medici e professionisti sanitari: «Se la scena dell’intervento non è sicura, il personale del 118 è autorizzato ad andarsene e a tornare con le forze dell’ordine. La paura di denunciare? Per eventuali ritorsioni»

L’aggressione, per i medici e i professionisti sanitari che la subiscono, è solo parte del problema. Se infatti il momento della violenza, fisica o verbale, passa, la paura che l’accompagna rimane nel tempo. Paura di ritorsioni da parte degli aggressori o paura delle reazioni di colleghi, responsabili e conoscenti. Ed è proprio questo timore che porta molte vittime a non denunciare gli episodi di violenza subiti. C’è sempre, però, il desiderio di far conoscere la propria storia, le condizioni in cui si lavora, le vicende che si è costretti a vivere quasi quotidianamente. Come conciliare, allora, questi due aspetti? Da un lato la ricerca dell’anonimato e dall’altro la necessità di dar voce alla propria esperienza? Con una pagina Facebook.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AI MEDICI, ANTONIO MAGI (OMCEO ROMA): «SERVONO PROTOCOLLI DI COMPORTAMENTO PER PREVENIRE ATTI DI VIOLENZA»

Si chiama “Nessuno tocchi Ippocrate” ed è stata fondata, nel giugno dello scorso anno, da Manuel Ruggiero, medico del 118 di Napoli. «Ho creato questa pagina quando ho saputo che un medico aveva ricevuto un pugno in faccia all’Ospedale Cardarelli. Sono episodi sempre più frequenti e che non fanno nemmeno più notizia, allora proprio per denunciare le aggressioni che medici e personale sanitario subiscono sempre più spesso è nata questa pagina Facebook». Il numero degli episodi a Napoli è in aumento: «Se in tutto il 2017 – racconta Ruggiero – abbiamo registrato circa 12 aggressioni, dall’inizio del 2018 siamo già a 15 casi. Sono dati piuttosto allarmanti e a Napoli sta diventando, più che in altre Regioni d’Italia, un problema veramente preoccupante».

LEGGI ANCHE: DONNE MEDICO, PINA ONOTRI (SMI): «SIAMO PENALIZZATE. SI FACCIA DI PIÙ SU AGGRESSIONI E TEMPI DI CONCILIAZIONE»

Dal tentativo di rubare un’ambulanza del personale del posto di primo intervento, che non può fare servizio di 118, per andare a soccorrere un amico investito a poche centinaia di metri dall’ospedale, ai pugni a medici ed infermieri che si ritrovano con gli occhiali o il setto nasale rotti, sono numerose le segnalazioni pubblicate sulla pagina in modo anonimo: «Noi pubblichiamo solo il nome della strada in cui avviene l’episodio, a meno che chi ci invia la segnalazione esprima esplicitamente il consenso alla pubblicazione di altre informazioni. Ma l’anonimato è garantito».

Ritorna, quindi, il discorso della paura: «Coloro che ci aggrediscono a Napoli – dichiara il dottore – sono spesso persone poco raccomandabili, quindi chi denuncia ha paura di eventuali ritorsioni. Noi lavoriamo in mezzo alla strada, quindi c’è sempre il rischio di incontrare gli aggressori. Anche perché loro sanno in quale postazione 118 lavori e che zona copri e, soprattutto se è un quartiere degradato, il personale è portato a non denunciare».

LEGGI ANCHE: E ALLA SALUTE DEL MEDICO, CHI CI PENSA?

Ma la pagina Facebook “Nessuno tocchi Ippocrate” è anche rivolta all’utenza, non solo per «educarla all’uso corretto dei servizi di emergenza sanitaria territoriale 118», spiega Ruggiero, ma anche per «far capire a tutti che sfogare la propria rabbia o preoccupazione attraverso aggressioni sul personale sanitario non può essere la cosa giusta da fare. È infatti controproducente, perché se noi vediamo che la scena non è sicura siamo autorizzati ad allontanarci dal luogo del soccorso e a tornare solo nel momento in cui sopraggiungono le forze dell’ordine. Chi sta male dovrà quindi aspettare ulteriore tempo prima di essere aiutato. Una cosa deve essere chiara a tutti – conclude -: noi siamo la mano che vi aiuta e di certo non veniamo per aggravare la situazione ma solo per curarvi. Se ci aggredite, siete soprattutto voi a perdere».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Aggressioni, le proposte di Mazzacane (Cisl Lombardia): «Medici come pubblici ufficiali ed educazione sanitaria per i cittadini»
Il segretario della Cisl Medici Lombardia rilancia il modello dei ‘presidi territoriali’ per decongestionare i Pronto soccorso come durante l’Expo: «Chi deve lavorare, deve essere sereno e dedicarsi a chi sta male veramente, non ai codici bianchi o verdi che possono e devono essere gestiti sul territorio»
di Federica Bosco
Violenze agli operatori, le richieste alla politica di medici e infermieri in occasione della Giornata nazionale
A Bari conferenza stampa FNOMCeO – FNOPI per ricordare tutti gli operatori sanitari che hanno subito aggressioni. Anelli e Mangiacavalli: «Fare al più presto qualcosa». Tra le richieste i requisiti minimi di sicurezza delle sedi e la rapida approvazione del ddl che inasprisce le pene
di Giulia Cavalcanti inviata a Bari
Giornata contro la violenza agli operatori sanitari e formazione, dal 13 settembre Bari capitale della sanità italiana
Conferenza stampa con il Presidente FNOMCeO Anelli e la presidente FNOPI Mangiacavalli per parlare del tema scottante delle violenze. Lo stesso giorno partono le Giornate di approfondimento sulla Formazione del medico. Ecco il quadro degli eventi
Aggressioni ai camici bianchi, a Napoli vertice FNOMCeO-OMCeO. Scotti: «Speriamo in celere risposta legislativa»
Gli esecutivi della Federazione Nazionale e degli Ordini dei Medici campani in visita ai luoghi simbolo dell’emergenza. Anelli (FNOMCeO): «Al nuovo governo chiediamo che la sanità non sia più ancella dell’economia»
“E poi, la vita chi te la salva?”. Nuova campagna dell’OMCeO Bari contro le aggressioni agli operatori sanitari
Il presidente dell’Ordine dei Medici di Bari e della FNOMCeO Filippo Anelli: «Spero che il nuovo governo vari al più presto un progetto di legge, capace di prevenire le aggressioni aumentando le pene, introducendo la procedibilità d’ufficio, mettendo in sicurezza le sedi e prevedendo presidi di polizia nei pronto soccorso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali