Salute 8 marzo 2018

Donne medico, Pina Onotri (SMI): «Siamo penalizzate. Si faccia di più su aggressioni e tempi di conciliazione»

Il segretario generale del Sindacato Medici Italiani sottolinea: «Il 60% delle donne medico ha solo un figlio. E la percentuale delle donne medico single rispetto agli uomini è sicuramente maggiore». Sul tema della parità di genere, poi, aggiunge: «Sono l’unica donna alla guida di un sindacato medico. Questo la dice lunga»

Immagine articolo

«È importante che le donne medico festeggino l’8 marzo perché c’è ancora molto da fare per arrivare alla parità». Pina Onotri, medico generico e segretario generale del Sindacato Medico Italiano, traccia un quadro del ruolo dei camici rosa in Italia. Ieri la FNOMCeO aveva fornito alcuni numeri: 159.669 i medici donna in Italia, 11.825 le odontoiatre, 4.439 le professioniste iscritte a entrambi gli Albi. In totale quasi 176mila professioniste che, nelle fasce di età sotto i 50 anni, hanno ‘sorpassato’ per numero i colleghi uomini. Un quadro che si scontra con la realtà, che vede, ad esempio, ancora poche donne medico nelle posizioni apicali della sanità e il 70% delle aggressioni ai camici bianchi coinvolgere donne.

Dottoressa, secondo i dati riportati dalla FNOMCeO, sotto i 50 anni le donne sono maggioranza tra i medici. Nonostante questo nelle posizioni apicali del mondo sanitario non sono adeguatamente rappresentate. Come si spiega questa discrepanza?

«Perché il nostro Paese non ha mai fatto nulla riguardo ai tempi di conciliazione. Il carico genitoriale ma anche il carico di accudimento di persone anziane ricade sempre sulle spalle delle donne, che siano medico o meno non fa la differenza. Tra l’altro noi facciamo una professione per cui non timbriamo il cartellino, ci dobbiamo dedicare a tempo pieno. Questo spiega il perché quasi il 60% delle donne medico abbia solo un figlio. E la percentuale delle donne medico single rispetto agli uomini è sicuramente maggiore. Oggi fare la donna medico significa che siamo anche di fronte a condizioni di violenza che vengono perpetrate verso le donne proprio in quanto donne che svolgono una determinata professione. È di questi giorni la notizia di un tentativo di stupro nei confronti di una collega pugliese durante il servizio notturno di guardia medica. Tutto questo avviene nonostante noi sulla violenza abbiamo fatto una battaglia, abbiamo svolto diverse audizioni in Commissione Sanità al Senato, ci siamo fatti promotori di una raccolta di firme dopo gli ultimi accadimenti in Sicilia dove una collega è stata sequestrata e violentata per tutta la notte. Purtroppo, però, ancora oggi siamo lontani dall’avere una soluzione. Subiamo violenze come le subiscono tutti gli operatori sanitari che stanno in condizioni di front office e anche violenze di genere perché l’aggravante che abbiamo è l’essere donne».

Proprio ieri i dati della FNOMCeO dicevano che il 70% delle aggressioni avvengono nei confronti di operatori sanitari donne…

«Sì perché all’aggressione verbale, a mano armata, alle violenze e alle percosse si aggiunge anche la violenza di genere. Le persone che hanno perso la vita per questi fatti sono tutte donne. In Puglia due, in Sardegna una, e ancora oggi, a tanti anni da questi accadimenti, siamo ancora qui a chiederci cosa si può fare per arginare il fenomeno. Credo che mai come oggi la festa della donna in generale, e per le donne medico in particolare, andrebbe festeggiata».

Lei è anche sindacalista. Nel mondo sindacale com’è la situazione?

«Per quanto riguarda i sindacati medici io sono l’unica donna che è segretario generale di un sindacato. Questo la dice lunga».

Lei è medico di base. Il medico di base è un ruolo delicato, ha un rapporto molto stretto con i pazienti. La donna può avere una marcia in più in questa professione?

«Noi donne siamo un po’ più empatiche, in genere siamo più accudenti. In fondo, al di là delle patologie che hanno e che ci presentano, i pazienti vogliono essere accolti. Ciò non toglie che esistono dei colleghi uomini che sono bravissimi anche sotto questo aspetto».

Magari c’è qualche paziente che preferisce un medico donna…

«Tanti mi scelgono perché sono donna e lì si instaura un rapporto di fiducia».

Articoli correlati
Formazione medico, la proposta di riforma di FNOMCeO: percorso unico, specialità per MMG e crediti al liceo
I centosei presidenti degli ordini territoriali dei Medici hanno approvato all’unanimità una Mozione, con l’intento di far fronte alla grave carenza di specialisti e di medici di medicina generale attesa per i prossimi cinque anni per via della cosiddetta ‘gobba pensionistica’, e di portare al completamento del percorso di specializzazione i 15cimila medici ancora intrappolati nell’‘imbuto formativo’
Gemelli, da dicembre accesso h 24 nella Terapia Intensiva Neonatale
Da dicembre 2018 verrà garantito l’accesso ai genitori h 24 nei Reparti di Terapia Intensiva Neonatale (TIN), Sub-TIN e Patologia Neonatale della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS al fine di promuovere un più stretto contatto tra i genitori e i piccoli prematuri, anche attraverso la “Kangaroo mother care”, la pratica di fornire un continuo […]
40 anni SSN, Filippo Anelli (FNOMCeO): «Medici hanno sempre garantito diritto alla salute. Ora però governo intervenga per scongiurare sciopero»
Kermesse organizzata al Plaza di Roma in occasione del quarantesimo della legge 833 del 1978. Oliveti (Enpam): «Prossime sfide sono quelle legate al cambiamento demografico e tecnologico»
Chirurgia Vertebrale: a Bologna il Memorial Patrizio Parisini
Un meeting scientifico per ricordare, a dieci anni dalla sua scomparsa, il chirurgo Patrizio Parisini, che ha diretto per 18 anni la Divisione di Chirurgia Ortopedica traumatologica vertebrale dell’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna. L’appuntamento con il “Memorial Patrizio Parisini” – organizzato dall’Istituto Ortopedico Rizzoli e dalla Società scientifica SICV&GIS – è per il 23 e […]
Aggressioni ai medici, Leoni (FNOMCeO): «Causano stress, autodimissioni anche per questo. Intervenire con posti di polizia e schedatura violenti»
Il vicepresidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici lega le violenze agli operatori al fenomeno dell’abbandono del servizio pubblico da parte dei camici bianchi. Boccia il Daspo negli ospedali e chiede l’equiparazione al pubblico ufficiale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Liste d’attesa, Aceti (Cittadinanzattiva): «Prima voce di segnalazione per malcontento cittadini. Ecco cosa cambia con Piano Nazionale»

«50 milioni per abbattimento e interventi regionali. Ridiamo le gambe al SSN per tornare in piedi» Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...