Lavoro 3 Luglio 2020 17:50

Medici di famiglia, l’ennesima beffa del mancato indennizzo per le vittime di Covid-19

Per le casse private non è infortunio sul lavoro, l’Inail non li tutela. Scotti (FIMMG): «Urge intervento normativo per estendere copertura ai convenzionati»

Medici di famiglia, l’ennesima beffa del mancato indennizzo per le vittime di Covid-19

Finita la prima ondata di Covid, con lo spauracchio di una seconda in autunno, si iniziano a tirare le somme. Letteralmente, perché il punto caldo all’ordine del giorno è il fatto che i medici di famiglia, la categoria più falcidiata in termini di vite umane dall’inizio dell’epidemia, deve fare i conti con un problema, l’ennesimo, di natura economica. Che in realtà sottende una questione ideologica: la mancanza di qualsiasi indennizzo per morte da Coronavirus, dal momento che le compagnie assicurative private non riconoscono il contagio tra i casi di infortunio sul lavoro.

A differenza di quanto prevede l’Inail che, grazie a una interpretazione estensiva della norma, ha potuto allargare la copertura per infortunio anche alle malattie “ad alta virulenza”. Come il Covid, appunto. Peccato che l’Inail tuteli solo i medici dipendenti dal Ssn e non i medici convenzionati. Insomma, non pagano le assicurazioni, non paga l’Inail, e alle famiglie dei medici di medicina generale deceduti si somma amarezza a dolore, l’ennesimo mancato riconoscimento a chi è sceso in campo in prima linea, pagando con la propria vita.

LEGGI ANCHE BONUS AI SANITARI PER IL “DISAGIO” COVID. PALERMO (ANAAO): «SU MILLE EURO, UN MEDICO NE INTASCA 350»

Abbiamo chiesto, sulla questione, il parere del Segretario Nazionale FIMMG, Silvestro Scotti. «Il primo punto sui cui improntare la questione è lampante – esordisce Scotti – e cioè la necessità di uno strumento legislativo che permetta all’Inail di assicurare anche il personale convenzionato». «Il secondo punto nevralgico – continua – risiede nel fatto che, come sappiamo, l’Inail è un ente statale con una consolidata giurisprudenza sull’infortunistica dell’area sanitaria, e ha ritenuto estensibile la copertura come infortunio ai casi di malattia ad alta virulenza. Sappiamo anche che però le coperture assicurative dei medici di famiglia sono state determinate con gli stessi criteri delle coperture dell’Inail».

«Va da sé – aggiunge il Segretario Fimmg – che se io medico di famiglia ho un’assicurazione per infortunio sul lavoro, e so che l’Inail considera infortunio sul lavoro, alla luce di giurisprudenza e di normativa, anche le malattie infettive ad alta virulenza, avrei tutto il diritto di aspettarmi, in sede generale e di contenzioso, dall’assicurazione privata lo stesso riconoscimento».

LEGGI ANCHE BONUS COVID, FONDI PER BORSE DI SPECIALIZZAZIONE E STABILIZZAZIONE PRECARI: TUTTE LE NOVITA’ IN SANITA0 DEL DL RILANCIO

Un altro punto sottolineato da Scotti è l’opportunità che una eventuale estensione della norma a favore dei medici di medicina generale non si ripercuota poi, economicamente, proprio su di loro. «Sappiamo che l’azienda sanitaria dei medici dipendenti ha l’obbligo di versamento all’Inail. La domanda è – osserva Scotti –  perchè l’azienda sanitaria non ha quest’obbligo anche rispetto ai medici convenzionati? È chiaro, come prima sottolineato, che l’Inail senza un intervento legislativo può poco. Intervento legislativo che noi come Fimmg abbiamo peraltro sollecitato a sostegno del disegno di legge del senatore Pd, Vincenzo Pittella». «Un disegno di legge – conclude il Segretario Fimmg – che prevede, appunto, che venga estesa anche alla medicina generale la copertura attraverso l’Inail, con un finanziamento specifico per questo tipo di attività, cosicché la spesa ricada sulle aziende sanitarie e non sui medici».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Medicina di famiglia, tra presente e futuro i nodi da sciogliere per una sanità migliore
La pandemia ha evidenziato l’ovvio: la branca meno valorizzata è quella di cui avremo sempre più bisogno. Tra riforme sbandierate e finanziamenti arenati c’è necessità di rinnovare, per i mmg ma soprattutto per il bene della comunità
Patologie croniche respiratorie, MMG e istituzioni concordi: «Serve assistenza più vicina alle persone»
Se ne parlerà all’evento “La gestione delle cronicità respiratorie: la lezione di Covid-19” organizzato da Fortune Italia con il contributo non condizionante di Chiesi Italia
Campania Digital Summit, così cambia (in meglio) la sanità regionale
Dal cambio di passo segnato dall’avvento della piattaforma unica ai big data per prevedere l’impatto della pandemia: ecco come la Campania sta rimontando uno storico gap
Vaccino anti-Covid dal medico di famiglia, dopo l’accordo nazionale ecco come verrà attuato il piano nelle Regioni
In Campania si parte a breve anche negli studi, nel Lazio la fornitura è a macchia di leopardo, l’Emilia Romagna marcia a ritmi sostenuti con il personale sanitario
Case di comunità: e se fossero un altro flop come quelle della salute? La soluzione della Fimmg in tre modelli flessibili
L’analisi del vicesegretario nazionale Fimmg Domenico Crisarà: «Le case di comunità non risolveranno il problema dell’assistenza territoriale. Il progetto prevede di istituirne una ogni 24.500 abitanti, che in Basilicata significa una casa ogni 435 kmq»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 maggio, sono 158.957.229 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.303.877 i decessi. Ad oggi, oltre 1,30 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco