Lavoro 3 Luglio 2020

Medici di famiglia, l’ennesima beffa del mancato indennizzo per le vittime di Covid-19

Per le casse private non è infortunio sul lavoro, l’Inail non li tutela. Scotti (FIMMG): «Urge intervento normativo per estendere copertura ai convenzionati»

Medici di famiglia, l’ennesima beffa del mancato indennizzo per le vittime di Covid-19

Finita la prima ondata di Covid, con lo spauracchio di una seconda in autunno, si iniziano a tirare le somme. Letteralmente, perché il punto caldo all’ordine del giorno è il fatto che i medici di famiglia, la categoria più falcidiata in termini di vite umane dall’inizio dell’epidemia, deve fare i conti con un problema, l’ennesimo, di natura economica. Che in realtà sottende una questione ideologica: la mancanza di qualsiasi indennizzo per morte da Coronavirus, dal momento che le compagnie assicurative private non riconoscono il contagio tra i casi di infortunio sul lavoro.

A differenza di quanto prevede l’Inail che, grazie a una interpretazione estensiva della norma, ha potuto allargare la copertura per infortunio anche alle malattie “ad alta virulenza”. Come il Covid, appunto. Peccato che l’Inail tuteli solo i medici dipendenti dal Ssn e non i medici convenzionati. Insomma, non pagano le assicurazioni, non paga l’Inail, e alle famiglie dei medici di medicina generale deceduti si somma amarezza a dolore, l’ennesimo mancato riconoscimento a chi è sceso in campo in prima linea, pagando con la propria vita.

LEGGI ANCHE BONUS AI SANITARI PER IL “DISAGIO” COVID. PALERMO (ANAAO): «SU MILLE EURO, UN MEDICO NE INTASCA 350»

Abbiamo chiesto, sulla questione, il parere del Segretario Nazionale FIMMG, Silvestro Scotti. «Il primo punto sui cui improntare la questione è lampante – esordisce Scotti – e cioè la necessità di uno strumento legislativo che permetta all’Inail di assicurare anche il personale convenzionato». «Il secondo punto nevralgico – continua – risiede nel fatto che, come sappiamo, l’Inail è un ente statale con una consolidata giurisprudenza sull’infortunistica dell’area sanitaria, e ha ritenuto estensibile la copertura come infortunio ai casi di malattia ad alta virulenza. Sappiamo anche che però le coperture assicurative dei medici di famiglia sono state determinate con gli stessi criteri delle coperture dell’Inail».

«Va da sé – aggiunge il Segretario Fimmg – che se io medico di famiglia ho un’assicurazione per infortunio sul lavoro, e so che l’Inail considera infortunio sul lavoro, alla luce di giurisprudenza e di normativa, anche le malattie infettive ad alta virulenza, avrei tutto il diritto di aspettarmi, in sede generale e di contenzioso, dall’assicurazione privata lo stesso riconoscimento».

LEGGI ANCHE BONUS COVID, FONDI PER BORSE DI SPECIALIZZAZIONE E STABILIZZAZIONE PRECARI: TUTTE LE NOVITA’ IN SANITA0 DEL DL RILANCIO

Un altro punto sottolineato da Scotti è l’opportunità che una eventuale estensione della norma a favore dei medici di medicina generale non si ripercuota poi, economicamente, proprio su di loro. «Sappiamo che l’azienda sanitaria dei medici dipendenti ha l’obbligo di versamento all’Inail. La domanda è – osserva Scotti –  perchè l’azienda sanitaria non ha quest’obbligo anche rispetto ai medici convenzionati? È chiaro, come prima sottolineato, che l’Inail senza un intervento legislativo può poco. Intervento legislativo che noi come Fimmg abbiamo peraltro sollecitato a sostegno del disegno di legge del senatore Pd, Vincenzo Pittella». «Un disegno di legge – conclude il Segretario Fimmg – che prevede, appunto, che venga estesa anche alla medicina generale la copertura attraverso l’Inail, con un finanziamento specifico per questo tipo di attività, cosicché la spesa ricada sulle aziende sanitarie e non sui medici».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Riforma medicina territoriale, Scotti (Fimmg): «Microteam e contratti legati al raggiungimento di obiettivi»
In Senato le audizioni di SIMG e FIMMG per riscrivere l’assistenza territoriale del futuro
Medici di base sotto accusa, Caudo (Fimmg): «Attacchi strumentali e facilmente contestabili. Siamo il primo riferimento dei cittadini»
Giacomo Caudo, presidente nazionale della Fimmg, pone l’accento sui mancati investimenti per la medicina di famiglia e ricorda: «Mezzo milione di positivi chiamano i medici di base per motivi di salute, psicologici, sociali e anche burocratico-amministrativi»
Monza Brianza, contagi in aumento. Il tour de force dei MMG: «Turni di 18 ore, tra visite a domicilio e vaccini»
Ruggero Molteni, medico di famiglia a Cesano Maderno: «Entro oggi l’adesione ad ATS per avere i tamponi nasofaringei antigenici rapidi. Questo permetterà di accorciare i tempi di attesa e accertare la positività anche dei contatti»
di Federica Bosco
Tamponi negli studi MMG, sanzioni e precettazione per chi si rifiuta. Onotri (Smi): «40% medici contrari»
Fimmg: «Ci siamo fatti carico di una scelta difficile e impopolare. Ma la firma dell'ACN è stata strumentalizzata gettando benzina sul fuoco attraverso messaggi falsi e fuorvianti»
Tamponi rapidi dai medici di famiglia: sì all’accordo ma i sindacati sono divisi
Siglato l’accordo con la Sisac per l’effettuazione dei tamponi rapidi dai medici di famiglia. Raggiunta l’intesa con la medicina generale, contrari anche Smi e Cgil. Scotti (Fimmg): «Pronti ad assumerci ulteriori responsabilità, ma sempre nel rispetto della sicurezza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 4 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli