Lavoro 3 Luglio 2020 17:50

Medici di famiglia, l’ennesima beffa del mancato indennizzo per le vittime di Covid-19

Per le casse private non è infortunio sul lavoro, l’Inail non li tutela. Scotti (FIMMG): «Urge intervento normativo per estendere copertura ai convenzionati»

Medici di famiglia, l’ennesima beffa del mancato indennizzo per le vittime di Covid-19

Finita la prima ondata di Covid, con lo spauracchio di una seconda in autunno, si iniziano a tirare le somme. Letteralmente, perché il punto caldo all’ordine del giorno è il fatto che i medici di famiglia, la categoria più falcidiata in termini di vite umane dall’inizio dell’epidemia, deve fare i conti con un problema, l’ennesimo, di natura economica. Che in realtà sottende una questione ideologica: la mancanza di qualsiasi indennizzo per morte da Coronavirus, dal momento che le compagnie assicurative private non riconoscono il contagio tra i casi di infortunio sul lavoro.

A differenza di quanto prevede l’Inail che, grazie a una interpretazione estensiva della norma, ha potuto allargare la copertura per infortunio anche alle malattie “ad alta virulenza”. Come il Covid, appunto. Peccato che l’Inail tuteli solo i medici dipendenti dal Ssn e non i medici convenzionati. Insomma, non pagano le assicurazioni, non paga l’Inail, e alle famiglie dei medici di medicina generale deceduti si somma amarezza a dolore, l’ennesimo mancato riconoscimento a chi è sceso in campo in prima linea, pagando con la propria vita.

LEGGI ANCHE BONUS AI SANITARI PER IL “DISAGIO” COVID. PALERMO (ANAAO): «SU MILLE EURO, UN MEDICO NE INTASCA 350»

Abbiamo chiesto, sulla questione, il parere del Segretario Nazionale FIMMG, Silvestro Scotti. «Il primo punto sui cui improntare la questione è lampante – esordisce Scotti – e cioè la necessità di uno strumento legislativo che permetta all’Inail di assicurare anche il personale convenzionato». «Il secondo punto nevralgico – continua – risiede nel fatto che, come sappiamo, l’Inail è un ente statale con una consolidata giurisprudenza sull’infortunistica dell’area sanitaria, e ha ritenuto estensibile la copertura come infortunio ai casi di malattia ad alta virulenza. Sappiamo anche che però le coperture assicurative dei medici di famiglia sono state determinate con gli stessi criteri delle coperture dell’Inail».

«Va da sé – aggiunge il Segretario Fimmg – che se io medico di famiglia ho un’assicurazione per infortunio sul lavoro, e so che l’Inail considera infortunio sul lavoro, alla luce di giurisprudenza e di normativa, anche le malattie infettive ad alta virulenza, avrei tutto il diritto di aspettarmi, in sede generale e di contenzioso, dall’assicurazione privata lo stesso riconoscimento».

LEGGI ANCHE BONUS COVID, FONDI PER BORSE DI SPECIALIZZAZIONE E STABILIZZAZIONE PRECARI: TUTTE LE NOVITA’ IN SANITA0 DEL DL RILANCIO

Un altro punto sottolineato da Scotti è l’opportunità che una eventuale estensione della norma a favore dei medici di medicina generale non si ripercuota poi, economicamente, proprio su di loro. «Sappiamo che l’azienda sanitaria dei medici dipendenti ha l’obbligo di versamento all’Inail. La domanda è – osserva Scotti –  perchè l’azienda sanitaria non ha quest’obbligo anche rispetto ai medici convenzionati? È chiaro, come prima sottolineato, che l’Inail senza un intervento legislativo può poco. Intervento legislativo che noi come Fimmg abbiamo peraltro sollecitato a sostegno del disegno di legge del senatore Pd, Vincenzo Pittella». «Un disegno di legge – conclude il Segretario Fimmg – che prevede, appunto, che venga estesa anche alla medicina generale la copertura attraverso l’Inail, con un finanziamento specifico per questo tipo di attività, cosicché la spesa ricada sulle aziende sanitarie e non sui medici».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Giornata Nazionale della Salute della Donna. LILT, Unità Mobile di Fondazione Consulcesi e FIMMG a sostegno della lotta alle patologie oncologiche
Lunedì 22 aprile, screening di prevenzione con gli specialisti LILT presso le Unità Mobili attive su Roma
Medici di famiglia sull’orlo di una crisi di nervi… Stressati 9 su 10. Pesano Covid, burocrazia e Whatsapp
Il malessere dei medici di famiglia, tra carenza di colleghi, difficoltà a trovare sostituti e una burocrazia sempre più elevata, «è palpabile» e arriva a sfiorare il 90% di professionisti. Lo dicono i sindacati, gli esperti di sanità, gli analisti del settore. E lo dicono i pensionamenti anticipati che crescono
di V.A.
FIMMG, Scotti riconfermato Segretario: «Serve medicina generale forte. Le Case di comunità così non funzionano»
Concluso il 79° Congresso Nazionale FIMMG. La squadra che supporterà Scotti per i prossimi quattro anni è composta da Pier Luigi Bartoletti, Nicola Calabrese, Fiorenzo Corti, Domenico Crisarà, Alessandro Dabbene e Noemi Lopes
di Arnaldo Iodice e Ciro Imperato
Fimmg: ok a «storico» accordo nazionale per medici dell’Inps
Approvato l'accordo nazionale per le attività libero professionali in convenzione dei medici Inps. Ne dà notizia Alfredo Petrone, segretario nazionale settore Fimmg Inps che definisce la firma della convenzione «un momento storico»
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...