Lavoro 23 Luglio 2020

Massofisioterapisti, tutte le questioni aperte. Cirelli (Presidente AIMFI): «Norma transitoria per chi non ha i 36 mesi di lavoro»

«Molti colleghi sono rimasti fuori dagli elenchi speciali» spiega il Presidente dell’Associazione Italiana Massofisioterapisti -. E sui 36 mesi: «È un’ingiustizia, non si può lasciare senza lavoro gente che ha studiato e che ha una qualifica: tanti hanno aperto gli studi e si trovano costretti a chiudere»

Superare le ormai storiche criticità che ruotano attorno a una figura da sempre giuridicamente nebbiosa: quella del massofisioterapista. È questa la richiesta del Presidente nazionale dell’Associazione Italiana massofisioterapisti Roberto Cirelli che ripercorre con noi l’ormai ventennale e complessa storia dei massofisioterapisti e sottolinea le questioni irrisolte malgrado l’istituzione dell’elenco speciale ad esaurimento presso l’Ordine TSRM e PSTRP (Tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione).

Il massofisioterapista occupa da sempre un posto all’interno del contesto riabilitativo; la normativa che regola l’inquadramento di questo profilo professionale è stata modificata di recente con la legge 145 del 30 dicembre 2018 e con il D.M. 9 agosto 2019 mediante l’istituzione presso l’Ordine dei TSRM e PSTRP dell’elenco “speciale ad esaurimento” per tutti i massofisioterapisti che esercitano da almeno 36 mesi, negli ultimi 10 anni, chiudendo, di fatto, la formazione di questa figura sanitaria. Questo significa che, in futuro, non saranno attivati nuovi corsi di formazione.

«Tuttavia – precisa il presidente Cirelli – ci sono ancora problemi che vanno affrontati -. La prima criticità riguarda i molti colleghi che, nonostante i nostri sforzi, non sono venuti al corrente della possibilità di iscriversi agli albi fino al 30 giugno 2020. Per questo e anche a causa del Covid-19 – continua – avevamo chiesto una proroga che però non ci è stata concessa. Stiamo ricevendo quotidianamente richieste di reintegro da parte di colleghi rimasti fuori, tra cui professionisti che lavorano in squadre di serie A».  All’interno del calderone, tra le figure che sono andate in esaurimento, non ci sono solo i massofisioterapisti, ma anche educatori professionali e terapisti della riabilitazione.

L’altra problematica riguarda i massofisioterapisti che non hanno maturato i 36 mesi di attività negli ultimi 10 anni. E qui va fatta una precisazione: il massofisioterapista è una figura sanitaria che si è formata ai sensi della Legge 403 del 19 maggio 1971. La Legge 145/2018, ha, di fatto, abrogato l’art.1 della legge 403/71 ma non ha introdotto una norma transitoria per tutti le persone che al 31/12/2018 non avevano ancora i requisiti per procedere all’iscrizione ma che avevano già conseguito un diploma correttamente riconosciuto oppure che si erano già iscritti ad un corso istituito dalle Regioni.

«Lo trovo ingiusto – ammette Cirelli – un ragazzo che frequentava il corso nel 2018, ossia quando è uscita la famosa legge Lorenzin, non poteva sapere che non avrebbe potuto più lavorare con quel diploma perché avrebbero introdotto l’obbligo dei 36 mesi. Siamo di fronte a persone che hanno un titolo correttamente riconosciuto e nei prossimi mesi non potranno più svolgere la loro attività professionale già avviata o potrebbero avere problemi sul luogo di lavoro. Non si può lasciare senza lavoro gente che ha studiato e che ha una qualifica: parliamo di centinaia di massofisioterapisti coinvolti, ma penso che in questo momento storico perdere il lavoro, anche per una sola persona, sia di una gravità inaudita. Per questo – ribadisce Cirelli – bisognerà trovare una forma per far rientrare questi colleghi. È evidente l’urgente necessità di una norma transitoria e l’istituzione di un tavolo tecnico specifico con il Governo e il Ministero della Salute. Ci stiamo dando da fare ma non è semplice. Riceviamo tante telefonate di colleghi in difficoltà con famiglia e figli che hanno aperto gli studi anni fa e si trovano costretti a chiudere» conclude il presidente.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Massofisioterapisti, F.I.MFT: «C’è ancora tanto da fare»
Nonostante l’istituzione, presso l’Ordine dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione, dell’elenco speciale Massofisioterapisti (dm 9/8/19, art.5), sono ancora tante le improrogabili necessità e problematiche legate alla categoria dei Massofisioterapisti. Da tempo la F.I.MFT (Federazione Italiana Massofisioterapisti) si adopera e collabora con le Istituzioni al fine […]
di Giacomo Russo, Presidente F.I.MFT (include AIMFI, AIMTES e AMS)
Covid-19, arriva docufilm e libro: il titolo lo decideranno medici e operatori sanitari
Consulcesi lancia un sondaggio su 300 mila operatori sanitari. Le proposte sono quattro: “Psicovid-19”; “Covid-19 - Psicosi virale”; “Covid-19 - Il virus della paura” e infine “Infodemia la paura del contagio”
Professioni sanitarie, Bortone (Conaps): «Elenchi speciali completano processo di riordino». Resta il nodo dei massofisioterapisti
«Finalmente le persone potranno legittimamente iscriversi a un elenco speciale, non solo continuare ad esercitare ma avere anche tutte le tutele giuridiche che comporta tale iscrizione», sottolinea Antonio Bortone, presidente del Conaps. Sull’ingresso dei massofisioterapisti precisa: «Secondo noi non avrebbero dovuto avere titolo per essere inquadrati negli elenchi speciali, Ordine valuterà con attenzione le domande»
Patto per la salute, Giulia Grillo: «Ascolteremo i protagonisti della sanità per raccogliere idee e modelli innovativi»
L’8, il 9 e il 10 luglio, per tre giorni consecutivi, il ministero della Salute ascolterà i protagonisti della sanità italiana, in vista della definizione del Patto per la Salute 2019-21. L’accordo sarà stipulato da Governo e Regioni per progettare le politiche sanitarie del prossimo triennio. La tre giorni sarà una vera e propria maratona […]
Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione del Simmas
Di Direttivo Simmas (Sindacato Italiano Massofisioterapisti Massaggiatori Sportivi)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...