Salute 29 Marzo 2019

Professioni sanitarie, Nicola Titta (Anep): «Equivalenza titoli, Ministero ha 60 giorni per dare risposte ai 40mila educatori a rischio»

Dopo la decisione del TAR del Lazio spetta a Miur e Ministero della Salute avviare il percorso per il riconoscimento dei titoli. Il presidente dell’Associazione Nazionale Educatori Professionali continua la sua battaglia: «Abbiamo circa 35-40mila persone che esercitano questa posizione ma non possono entrare nell’Ordine perché non hanno un titolo abilitante, non possiamo più aspettare»

Immagine articolo

«Miur e Ministero della Salute hanno 60 giorni di tempo. Ci aspettiamo di essere sentiti: farò passare qualche altro giorno dopo di che sarò io a scrivere alla Direzione professioni sanitarie che Anep non permetterà che i tempi si allunghino ulteriormente». Nicola Titta, Presidente dell’Associazione Nazionale Educatori Professionali, è combattivo dopo la sentenza del TAR del Lazio che ha accolto il ricorso presentato per conto di ANEP imponendo al Ministero della Salute, al Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca ed alla Presidenza di Consiglio di avviare iniziative dirette a far sì che, come avvenuto per altre figure professionali dell’Area Sanitaria, si proceda all’individuazione dei criteri e delle modalità per il riconoscimento dell’equivalenza dei titoli conseguiti con il precedente ordinamento al diploma universitario di Educatore professionale.

LEGGI ANCHE: EQUIVALENZA TITOLI, TAR LAZIO ACCOGLIE RICORSO ANEP. L’AVVOCATO CROCE: (CONSULCESI&PARTNERS): «RISULTATO APRE STRADA ANCHE ALLE ALTRE FIGURE»

«La sentenza chiarisce in modo chiaro chi è la responsabilità – continua Titta –. Il Ministero della Salute per tanti anni ha continuato a dire che la responsabilità, dato che i bandi sono su base regionale, è delle regioni che devono fare una proposta al Ministero. La sentenza, al contrario, stabilisce che la responsabilità è del Governo centrale che deve sentire le Regioni ma non deve aspettare il placet di queste. Noi ci auguriamo che questo avvenga molto velocemente».

La decisione del Tribunale amministrativo del Lazio può rappresentare una svolta importante anche per tutte le altre professioni sanitarie confluite nel maxi-Ordine TSRM-PSTRP.

«Il problema – spiega ancora il presidente Anep – è l’entrata in vigore della legge 3 del 2018: quindi dal luglio scorso tutti coloro che lavorano hanno l’obbligo di iscriversi all’Albo e all’Ordine e noi, facendo una stima, abbiamo circa 35-40mila posizioni scoperte, cioè di persone che esercitano questa posizione ma non possono entrare nell’Ordine perché non hanno un titolo abilitante».

Per gli educatori professionali un problema che riguarda soprattutto i laureati in Scienze dell’Educazione: «Chi ha svolto i corsi regionali è a posto. Le professioni si sono formate nel modo più disparato. Noi invece abbiamo l’enorme problema dei colleghi di Scienze dell’Educazione. Nonostante avessero la stessa denominazione nostra, educatore professionale, in realtà dal 1998 la laurea sanitaria in educazione professionale dava alle università la possibilità di fare un’unione tra facoltà, tra Medicina e chirurgia e Scienze dell’educazione, cosa che non hanno voluto fare né l’una né l’altra lasciando il vuoto totale. A questo si aggiungano le regioni che non hanno controllato i titoli per l’accesso ai concorsi pubblici e quindi tutti coloro che hanno vinto concorsi soprattutto negli anni ‘90 ma anche oggi. Alcune regioni non sanno neanche quali sono i titoli abilitanti per l’accesso alla professione e hanno lasciato servizi interi accreditati dal Servizio sanitario regionale e nazionale con decine di persone che non hanno i titoli abilitanti. Non si può scaricare sul lavoratore questa cosa: la responsabilità è della regione che avrebbe dovuto controllare prima i titoli».

Per gli Educatori professionali, dal 2011 ad oggi, non è mai stata fatta la ricognizione dei titoli pregressi, quindi molti di loro non sanno se possono continuare a lavorare o no.

«I colleghi delle altre professioni sanitarie – spiega ancora Titta – si sono congratulati perché è una vittoria che fa respirare. Questa è una garanzia anche per loro. Avere finalmente contezza che tutti gli operatori o almeno la stragrande maggioranza è riassumibile nel processo di equipollenza ed equivalenza vuol dire non avere il pericolo di persone che fanno indebitamente questo lavoro: persone che non hanno titolo, che non hanno la formazione per poter andare a ricoprire la professione. Se si lascia campo libero vuol dire che chiunque può continuare a fare l’educatore professionale senza doversi iscrivere all’Albo e all’Ordine. Noi abbiamo il grosso problema ad esempio in molte comunità anche con minori di psicologi, pedagogisti, assistenti sociali che fanno gli educatori professionali o regolamentiamo tutto o sennò chiunque può arrivare con un titolo riconosciuto come professione normata e accredita/abilitata e continuerebbe la storia».

«C’è anche il tema dell’elenco speciale – conclude Titta –. Anche in quella forma dev’essere garantita finalmente il controllo di chi esercita le professioni. Dobbiamo andare a chiudere e costringere le persone a entrare in un contesto in cui ci sono delle regole uguali per tutti. Chi sta fuori stavolta starà fuori…».

Articoli correlati
Successo per il primo webinar della FNO TSRM e PSTRP sul Codice etico: 5 ore di confronto e 350 partecipanti
Il Presidente del Maxi Ordine delle Professioni sanitarie Alessandro Beux annuncia: «In autunno il testo per la consultazione pubblica»
Intramoenia e sviluppo di carriera per professioni sanitarie, Boldrini (Pd): «È il momento giusto»
Coinvolti in primis gli infermieri ma anche ostetriche e professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione, della prevenzione. «La proposta va in sinergia quella sull’infermiere di comunità che è tornata di grande attualità con l’emergenza Covid» spiega la capogruppo Pd in Commissione Sanità. «Non ci deve essere più conflittualità tra le professioni ma una collaborazione messa in pratica da tanti anni negli altri Paesi»
Tecnici ortopedici, Guidi (ANTOI): «Aziende in crisi economica: riapertura a rischio per il 30%»
Attività riconvertite per la pandemia. La presidente ANTOI: «Abbiamo prodotto mascherine e, laddove si disponeva di stampanti 3D, anche valvole per la terapia intensiva. Ora per ripartire il Sistema Sanitario Nazionale dovrebbe saldare il suo debito»
di Isabella Faggiano
Dl Rilancio, Beux (TSRM e PSTRP): «Bene fondi per sanità. Per potenziare territorio serve piano organico»
«Apprezziamo il tentativo di dare risposte alle esigenze di tutti e auspichiamo che possa tradursi rapidamente in un concreto supporto al Paese» sottolinea il Presidente del Maxi Ordine delle Professioni sanitarie Alessandro Beux
25 aprile, Perciballi (TSRM e PSTRP): «Diamo nuova effettività ai diritti sanciti nella Costituzione. Stato sia vicino a vittime pandemia»
La referente della FNO  TSRM e PSTRP  per le relazioni con la cittadinanza e la promozione dei valori dell’Ordine sottolinea: «Crediamo in uno Stato che faccia giustizia da un lato, ma che sia al contempo espressione di quella necessità di rinnovamento e di vero cambiamento che si è accesa in ogni professionista della sanità, ma anche in ogni persona di buona volontà»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 giugno, sono 6.514.359 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 386.111 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 4 giugno: nel...
Formazione

Fuga dagli ospedali, 500 specialisti hanno tentato il concorso di Medicina Generale

Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori. Lo studio dell'Associazione Liberi Specializzandi
di Tommaso Caldarelli
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco