Contributi e Opinioni 5 Aprile 2019

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione del Simmas

Di Direttivo Simmas (Sindacato Italiano Massofisioterapisti Massaggiatori Sportivi)

Gentile direttore,

ci corre l’obbligo di rispondere alle parole contenute nell’articolo “Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)” pubblicato sulla vostra testata il 4 aprile. Il presidente Beux probabilmente non conosce nei dettagli l’iter parlamentare che ha permesso l’istituzione degli elenchi speciali ad esaurimento. La legge 145/18 ha istituito gli elenchi speciali con l’obiettivo di tutelare primariamente i massofisioterapisti diplomati dopo il 1999 concedendo la possibilità a tali professionisti di poter continuare a svolgere le attività professionali previste dal profilo della professione sanitaria di riferimento, sia come dipendenti che come liberi professionisti, purché abbiano esercitato un’attività di almeno 36 mesi negli ultimi 10 anni. Secondo Beux «I massofisioterapisti post ’99 possono, però, continuare a esercitare serenamente come tali, perché’ in alcun modo interessati dalla legge 3/2018 o dagli elenchi speciali a esaurimento previsti dalla successiva finanziaria 2019.” Anche in questo contesto il dottor Beux non è informato correttamente, perché la costante confusione giuridica che da sempre ha caratterizzato la categoria dei massofisioterapisti non ha permesso a nessuno di lavorare serenamente, soprattutto gli ultimi anni. Non è un caso se il massofisioterapista ancora oggi rappresenta la categoria più discussa in assoluto nei tribunali amministrativi e penali italiani. Gli elenchi speciali rappresentano la tutela necessaria per tutti colori i quali lavorano da anni alle dipendenze o come libero professionisti. Il Ministero della Salute, inoltre, all’ultimo tavolo tecnico che ha coinvolto tutte le sigle di categoria, ha assicurato l’inserimento dei massofisioterapisti diplomati dopo il 1999 in questi “albi speciali” in linea con quanto previsto dalla legge 145/18. Alle parole di Beux, per chiudere il discorso, ricordiamo quanto riportato dallo stesso Ministro della Salute on. Grillo di qualche mese fa: “Non si toglie nulla a chi è iscritto agli albi delle professioni sanitarie e non si creano equipollenze. Non creiamo abusivi e finalmente si mette fine al caos prodotto da una giungla di corsi regionali che negli anni hanno creato situazioni incontrollabili. Grazie ai parlamentari, in particolare alla presidente della Commissione Affari Sociali della Camera Marialucia Lorefice M5S e ai tecnici del ministero della Salute che hanno ascoltato decine di sigle sindacali e datoriali, Regioni e strutture sanitarie, per arrivare a un testo condiviso. Abbiamo evitato che 20.000 famiglie di lavoratori finissero in mezzo a una strada, questa è la realtà, tutto il resto è disinformazione”.

 

Direttivo SIMMAS

Articoli correlati
Coronavirus e certificati, tutto quello che medici e cittadini devono sapere
Nel Decreto ministeriale 26/02/2020 sono contenute le misure di contenimento della diffusione del Covid-19 che devono adottare tutte le Regioni non ancora toccate dal contagio
Malnutrizione, documento ANDID: «Pasto ad alta densità nutritiva nelle strutture sanitarie per combatterla»
«Con questo atto - spiega Marco Tonelli, Presidente ANDID, Associazione nazionale dei Dietisti -, intendiamo promuovere un’alleanza sulla prevenzione e gestione del rischio nutrizionale nella convinzione che il diritto alla salute e la sicurezza delle cure passi anche attraverso la capacità di fare ciascuno la propria parte. Ci allineiamo ad altre associazioni di Dietisti europee»
Ordini professionali, in Parlamento si cerca di rinviare il limite dei due mandati. Grillo (M5S): «Idea insulsa»
Il meccanismo previsto dalla legge Lorenzin impedirebbe a quasi il 60% degli attuali presidenti degli Ordini dei Medici di ricandidarsi alla stessa carica. Un emendamento al Milleproroghe ha tentato di annullare, ai fini del computo dei mandati, quelli svolti prima dell’entrata in vigore della legge. Il testo è poi stato ritirato, ma l’ex ministro della Salute Giulia Grillo avverte: «Ci riproveranno»
Coronavirus, Speranza: “Accordo con Facebook. La corretta informazione è parte della prevenzione”
“Accordo fatto con Facebook. Da oggi ogni ricerca sul coronavirus suggerirà di visitare il sito del Ministero della Salute. La corretta informazione è parte della prevenzione”. Queste le parole del ministro della Salute, Roberto Speranza, sull’iniziativa realizzata in collaborazione con il popolare social network. LEGGI ANCHE: TASK-FORCE. MINISTERO DELLA SALUTE: “PIU’ MEDICI IN PORTI E […]
Task-force Ministero della Salute: «Più medici in porti e aeroporti»
Si è riunita questa mattina la task-force coronavirus 2019-nCoV del Ministero della Salute alla presenza del ministro, Roberto Speranza. Presa la decisione, insieme alla Protezione Civile, di rafforzare sensibilmente i controlli e il personale medico e sanitario in tutti gli aeroporti e i porti. A Roma Fiumicino si stanno attivando in queste ore corridoi sanitari […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 febbraio 2020 sono 83.704 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 36.654 mentre i morti sono 2.859. I CASI IN ITALIA Bollettino delle or...
Diritto

Reperibilità notturna, Palermo (Anaao): «Se succede un “fattaccio” gli avvocati controllano se il medico ha riposato almeno 11 ore»

Il Segretario del sindacato spiega a Sanità Informazione i motivi alla base del ricorso alla Commissione europea: «Rischi enormi per la salute dei pazienti e per il professionista. Speriamo in pronu...