Professioni Sanitarie 28 Gennaio 2019

Massofisioterapisti, professione legittimata da Legge dello Stato. Luca De Martino (Simmas): «Provvedimento del Governo passo avanti importante, ma non basta»

L’intervista esclusiva al Presidente Simmas: «L’emendamento inserito in Manovra di Bilancio permetterà a 20.000 massofisioterapisti di continuare a lavorare. Chiediamo la possibilità di iscrizione agli elenchi speciali anche per gli attuali studenti e i diplomati che non hanno maturato 36 mesi di lavoro»

Immagine articolo

«Il massofisioterapista esiste nel panorama delle professioni riabilitative da circa 50 anni, è la professione più “raccontata” nei tribunali amministrativi italiani dove i giudici hanno riconosciuto la legittimità dei corsi di formazione abilitanti alla professione. Per questo, la Manovra 2019 non autorizza persone prive di un titolo a lavorare ma permette a professionisti formati ai sensi di una Legge dello Stato – la 403 del 19 maggio 1971 –  di poter continuare a lavorare». È questa la posizione del Simmas (sindacato italiano massofisioterapisti massaggiatori sportivi) in merito alle polemiche sollevate dall’emendamento del Governo che permette ai massofisioterapisti l’iscrizione negli elenchi speciali. Al fine di fare chiarezza sull’argomento, il presidente Luca De Martino ha fatto alcune precisazioni sullo status normativo di cui gode il massofisioterapista e sulle sue competenze, avanzando al Governo richieste specifiche.

Qual è l’inquadramento giuridico del massofisioterapista e quali sono le sue competenze?

«Il massofisioterapista è una figura sanitaria formata ai sensi della Legge 403 del 19 maggio 1971 che all’art. 1 comma 1 la definiva “professione sanitaria ausiliaria”. Quanto alle competenze, la Legge sottolinea che “il massofisioterapista è in possesso di una solida cultura di base e di una preparazione professionale che gli consentono sicure competenze operative atte alla prevenzione, alla cura e riabilitazione. La professione sanitaria ausiliaria di massofisioterapista è praticata attraverso il massaggio terapeutico, igienico, connettivale, estetico applicato allo sport, con modalità differenti a seconda della patologia e dell’età dei pazienti. Il massofisioterapista per le competenze acquisite è in grado di: lavorare sia in strutture pubbliche che private; svolgere tutte le terapie di massaggio e di fisioterapia in ausilio all’opera dei medici”. Numerose sentenze del Consiglio di Stato hanno ribadito che “tenuto conto del fatto che nel nostro ordinamento, la nuova figura del fisioterapista non ha assorbito la preesistente figura del massofisioterapista e che non essendo intervenuto un atto di individuazione della figura del massofisioterapista, come una di quelle da riordinare, né essendo intervenuti atti di riordinamento del relativo corso di formazione o di esplicita soppressione, quella professione (e relativa abilitazione) è in sostanza rimasta configurata nei termini del vecchio ordinamento, con conseguente conservazione dei relativi corsi di formazione». L’ approvazione della legge 145 del 30 dicembre 2018 oltre a prevedere l’inserimento dei massofisioterapisti che abbiano lavorato almeno 36 mesi negli ultimi dieci anni in speciali elenchi ad esaurimento, ha anche abrogato l’articolo 1 della legge 403/71. In futuro non saranno attivati nuovi corsi di formazione di massofisioterapia.

LEGGI ANCHE: MANOVRA, SIMMAS (MASSOFISIOTERAPISTI): «NON È SANATORIA, MA PERMETTE A PROFESSIONISTI DI CONTINUARE A LAVORARE»

Il provvedimento del Governo inserito nella Legge di Bilancio, ha stabilito la deroga per l’iscrizione al maxi ordine delle professioni sanitarie anche per i professionisti che abbiano lavorato per 36 mesi nell’arco di 10 anni purché si iscrivano agli elenchi speciali istituiti entro il 31-12-2019. Questa decisione ha suscitato critiche e polemiche. La posizione del Simmas è stata favorevole. Cosa risponde a chi ha sostenuto che la manovra autorizzi persone “prive di titoli” a lavorare?

«È stato approvato un provvedimento importante che permetterà a circa 20mila massofisioterapisti di continuare a lavorare. Il massofisioterapista esiste nel panorama delle professioni riabilitative da circa 50 anni, è indubbiamente la professione più “raccontata” nei Tribunali amministrativi italiani. Innumerevoli volte i giudici hanno sostenuto la legittimità dei corsi di formazione che hanno permesso di formare ai sensi di una Legge dello Stato. La manovra autorizzerebbe persone prive di titoli a lavorare? Nonostante il tentativo maldestro di far passare questo messaggio, non è certamente il nostro caso».

Qual è l’appello e le richieste che fate al Governo?

«È stato fatto un passo in avanti importante, ma non basta. Innanzitutto, chiediamo di essere convocati dal Ministero della Salute insieme alle altre associazioni rappresentative della categoria, per contribuire all’elaborazione dei decreti attuativi della Legge 145/2018. In secondo luogo, chiediamo che venga concessa la possibilità di iscrizione agli elenchi speciali ad esaurimento, da articolare nel prossimo provvedimento utile, anche agli attuali studenti del corso di massofisioterapia e ai diplomati che non hanno maturato 36 mesi di lavoro. Se così non fosse, si delineerebbero giustificati profili di incostituzionalità perché non si possono creare disparità di trattamento tra chi ha avuto la “fortuna” di maturare 36 mesi di lavoro e chi no. Tutti i massofisioterapisti si sono diplomati e si diplomeranno ai sensi della medesima Legge, non possono esistere differenze».

Articoli correlati
Professioni sanitarie, Bortone (Conaps): «Elenchi speciali completano processo di riordino». Resta il nodo dei massofisioterapisti
«Finalmente le persone potranno legittimamente iscriversi a un elenco speciale, non solo continuare ad esercitare ma avere anche tutte le tutele giuridiche che comporta tale iscrizione», sottolinea Antonio Bortone, presidente del Conaps. Sull’ingresso dei massofisioterapisti precisa: «Secondo noi non avrebbero dovuto avere titolo per essere inquadrati negli elenchi speciali, Ordine valuterà con attenzione le domande»
Professioni sanitarie, Istituiti gli ‘Elenchi speciali’ per 18 categorie professionali
Il ministro della Salute, Giulia Grillo firma il decreto: «Salvi 20.000 operatori che rischiavano di non poter più lavorare a causa di una norma pasticciata»
Professioni sanitarie, maxi Ordine verso il Congresso. Beux: «Commissioni d’albo il prima possibile. Equivalenza, soluzione vicina. Preoccupa nodo elenchi speciali»
Il Presidente dell’Ordine TSRM e PSTRP commenta i decreti attuativi della legge 3 del 2018: «Prima partiamo e meglio è, perché in questo modo riusciamo finalmente a dare a tutte le 19 professioni la piena e diretta partecipazione alla vita istituzionale». E lancia l’idea del ‘contratto unico’ in sanità: «Contribuirebbe alla creazione di un unicum all’interno del quale le differenze sono riconosciute e coordinate»
Università, chiuse le iscrizioni ai test per i corsi ad accesso programmato. Gli aspiranti medici sono: 79mila
Le iscrizioni ai test per l’ammissione ai corsi di laurea in Medicina e Odontoiatria, Architettura e Veterinaria per il 2019/2020, si sono chiuse ieri. Si sono iscritti 84.716 i candidati
Test Specializzazioni, speranze e paure dei giovani medici: «Molti di noi andranno via dall’Italia»
All’uscita dal test di ingresso alle Scuole di specializzazioni mediche gli studenti commentano la prova appena affrontata. Tra chi vuole rimanere in Italia e chi sogna una carriera all’estero, l’entusiasmo per il futuro non viene minato dall’assenza del numero definitivo di borse finanziate
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali