Lavoro 24 Giugno 2021 16:13

L’osteopata è (da oggi) un professionista sanitario

Ad annunciarlo sui social il ministro della Salute, Roberto Speranza. Sciomachen (ROI): «Un giorno storico. Ora istituire un percorso di laurea universitario ad hoc e stabilire l’iter per l’equipollenza dei titoli»

di Isabella Faggiano
L’osteopata è (da oggi) un professionista sanitario

L’osteopatia da oggi è una professione sanitaria. Un traguardo atteso da tutti i professionisti di categoria da oltre tre anni, più precisamente dall’11 gennaio del 2018, giorno in cui è entrata in vigore la legge Lorenzin per il riordino delle professioni sanitarie.
Ad annunciarlo alle 12 di oggi, 24 giugno 2021, è stato il ministro della Salute, Roberto Speranza, attraverso un post pubblicato su Facebook: «Si completa, con il Cdm di oggi, il percorso del Governo per istituire la professione sanitaria dell’Osteopata. È un momento importante per tanti professionisti e per quei cittadini che hanno bisogno delle loro prestazioni».

Le reazioni

Pronta la risposta del Roi, il Registro osteopati italiani che dopo pochi minuti ha lanciato l’hashtag #OsteopatiaProfessioneSanitaria: «Finalmente – commentano i rappresentati del ROI sui social – l’importante momento che abbiamo atteso da anni, e richiesto a gran voce dal ROI anche negli ultimi mesi, attraverso la campagna social e stampa #bastaunafirma, è arrivato. Oggi abbiamo raggiunto il primo fondamentale traguardo del percorso di istruzione della professione sanitaria dell’#Osteopatia che consegna una identità agli osteopati».

Trascorse poche decine di minuti dall’annuncio ufficiale, Sanità Informazione ha raggiunto la Presidente del ROI Paola Sciomachen: «È una giornata storica, che gli osteopati italiani aspettavano da molto tempo – dice Sciomachen -. La prima grande tappa ufficiale del riconoscimento della nostra professione, già sancita dalla legge Lorenzin. L’adozione di questo primo decreto è un passo cruciale. Attendiamo ora, con ansia, la firma del Presidente della Repubblica e la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale».

Osteopati al servizio del SSN

La figura professionale dell’osteopata potrà finalmente essere ben delineata attraverso la definizione del profilo professionale. «Una chiarificazione di ruoli e compiti che permetterà all’osteopata di offrire il suo pieno supporto al sistema Paese, dando delle risposte concrete al bisogno di salute del cittadino, soprattutto in questo difficile periodo di ripresa. L’osteopata rappresenta un valore aggiunto per la gestione di diverse categorie di pazienti, in questo momento cruciali per il Sistema Sanitario Nazionale, come coloro che patiscono gli effetti del Long Covid, i malati cronici, i pazienti vittime delle lunghe attese scaturite dallo stop delle prestazioni non urgenti durante i periodi di lockdown».

Le prossime tappe

Il traguardo di oggi è solo il successo di una tappa intermedia. «Senza dubbio si tratta del primo importante passo, ma non siamo alla fine», aggiunge la presidente. Così come previsto dalla legge, ci saranno altre partite da giocare: «Andrà definito il percorso universitario in osteopatia e, contemporaneamente, sarà necessario adoperarsi per stabilire l’iter per ottenere l’equipollenza dei titoli di coloro che già praticano la professione di osteopata».

Una realtà che, secondo una recente ricerca commissionata dal ROI, riguarderebbe tra i 4.600 e i 5.600 professionisti. Parlare al condizionale è d’obbligo. O, almeno, lo è stato finora, in assenza di un ordine professionale. «La regolamentazione della professione dell’osteopata agevolerà anche un’altra delle nostre grandi battaglie: la lotta all’abusivismo professionale – aggiunge la presidente del ROI -. Una garanzia non soltanto per quegli osteopati che già operano nel pieno rispetto della professione, ma anche per i cittadini che non rischieranno più di trovarsi di fronte a praticanti abusivi».

Verso il traguardo finale

Questo, dunque, è un giorno di grande gioia per tutti gli osteopati d’Italia: «Oggi si festeggia, ma da domani ci si rimetterà subito a lavoro – assicura Paola Sciomachen -. Il ROI resterà, come ha fatto finora, a disposizione delle Istituzioni per offrire il suo contributo. E speriamo – conclude la presidente – che, una volta delineato il profilo professionale, i tempi di attesa siano brevi e che non ci troveremo di nuovo ad attendere altri tre lunghi anni».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tre anni da Ministro della Salute, il bilancio di Roberto Speranza
Dal PNRR alla formazione continua, dalle esigenze del personale sanitario alla riforma del Numero chiuso. Alla vigilia delle elezioni, il quadro generale del Ministro uscente
Dalla medicina territoriale all’infermiere di comunità, tutte le riforme a rischio con la crisi di governo
La fine anticipata della legislatura, sempre più probabile dopo le dimissioni di Mario Draghi, rischia di fermare molti disegni di legge all’esame del Parlamento: dallo psicologo delle cure primarie al budget di salute fino alle norme sulla Concorrenza. La crisi rischia di ritardare anche alcuni decreti attuativi come quelli per le malattie rare e per i ristori ai sanitari deceduti per il Covid
di Francesco Torre
Quarta dose: vicini a estensione per over 60 e sanitari, il pressing dell’EMA
L'Agenzia europea per i medicinali consiglia di vaccinare con il secondo booster gli over 60. Il ministro Speranza aspetta le raccomandazioni ufficiali, mentre gli scienziati invitano ad agire subito
Lavoro Usurante, apprezzamento AAROI-EMAC per le parole del Ministro Speranza
L'AAROI-EMAC (Associazione Anestesisti Rianimatori Ospedalieri Italiani – Emergenza Area Critica) accoglie positivamente le parole di Speranza «sulla richiesta inviata al Ministro del Lavoro Andrea Orlando di estendere le tutele e le agevolazioni previdenziali previste per i lavori usuranti ai professionisti sanitari che svolgono la loro attività nei servizi di emergenza-urgenza e nei pronto soccorso»
Quarta dose agli over 70, si partirà subito o in autunno con un vaccino nuovo?
A causa dell'aumento dei contagi ai tecnici del ministero della Salute è stato chiesto di anticipare l'estensione della somministrazione della quarta dose agli over 80. Inizialmente era prevista in autunno, in coincidenza con l'arrivo dei vaccini «aggiornati». Ora le cose potrebbero cambiare, anche se non tutti sono d'accordo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi