Professioni Sanitarie 23 Febbraio 2021 12:08

Osteopati, raggiunto l’accordo per la definizione del profilo professionale ma manca il decreto attuativo

Sciomachen (ROI): «Il Miur istituirà il percorso di laurea triennale in osteopatia. A completare l’iter verso il riconoscimento tra le professioni sanitarie sarà, poi, l’equipollenza dei titoli degli osteopati che già praticano la professione»

di Isabella Faggiano

Attendono la definizione del proprio profilo professionale, l’istituzione di una laurea ad hoc e l’equipollenza dei titoli di coloro che già svolgono la professione. La situazione in cui si trovano oggi gli osteopati è la stessa di tre anni fa, al momento dell’approvazione della legge Lorenzin (la n. 3 dell’11 gennaio 2018: “Delega al Governo in materia di sperimentazione clinica di medicinali nonché disposizioni per il riordino delle professioni sanitarie e per la dirigenza sanitaria del Ministero della salute”).

Con Paola Sciomachen, presidente del ROI,  il Registro degli Osteopati d’Italia, l’Associazione più rappresentativa della categoria, ripercorriamo le tappe essenziali di questo percorso, per capire quanta strada è stata realmente fatta e quanta ce n’è ancora da percorrere.

Fase 1, profilo professionale

«Non siamo a buon punto – confessa Paola Sciomachen –. Dal 2018 ad oggi, nonostante l’innegabile impegno della nostra categoria professionale, non abbiamo completato ancora il primo passaggio, ovvero l’approvazione del decreto attuativo che individui il profilo professionale. Anche se, per fortuna, non siamo proprio al punto di partenza, anzi, forse abbiamo già affrontato proprio la parte più difficile: il raggiungimento di un accordo sulla definizione del profilo professionale dell’osteopata. Il fatto che manchi tuttora il decreto attuativo, che attende il benestare del Consiglio dei Ministri, è anche una conseguenza della pandemia e della situazione politica degli ultimi tempi».

Istituzione del corso di laurea in Osteopatia

Quando il Consiglio dei Ministri avrà approvato il decreto attuativo in questione, la palla passerà nelle mani del Miur che avrà il compito di definire il percorso di laurea in Osteopatia. «Si tratterà di una laurea triennale e – aggiunge la presidente del ROI -, per avere un’idea più precisa di quali dovrebbero essere le materie di studio, abbiamo chiesto il parere degli esperti della Bocconi di Milano che, facendo il punto della situazione tra la figura dell’osteopata in Italia ed all’estero, hanno individuato gli insegnamenti cardine. Resta, però, un importante nodo da sciogliere: chi insegnerà all’interno del corso di laurea in osteopatia se, finora – chiede la presidente del ROI -, gli stessi osteopati operanti sul territorio nazionale, non hanno conseguito una laurea? Staremo a vedere quale sarà la decisione che metterà tutti d’accordo», dice Sciomachen. E, una volta che anche il percorso di laurea in Osteopatia sarà inaugurato, sarà il momento di risolvere la terza ed ultima questione: l’equipollenza dei titoli. «Questo – dice Sciomachen – è un passaggio che, stando alle stime attuali, riguarderà circa 12mila professionisti».

Benefici per cittadini e professionisti

E quanto ci vorrà affinché gli osteopati potranno tagliare il traguardo definitivo? «Difficile dirlo – risponde Sciomachen -. Il passaggio più difficile e più lungo, quello dell’identificazione del profilo professionale, è stato completato. Quindi, speriamo che tutto il resto possa essere definito in tempi ragionevoli: noi lavoriamo per questo, e continueremo senz’altro a farlo».

Ma l’attesa varrà i risultati che si otterranno: «L’appartenenza ad un ordine professionale sarà una garanzia per il cittadino: nessuno potrà più improvvisarsi osteopata, praticherà la professione solo chi avrà alle spalle una formazione adeguata. Emergerà finalmente l’abusivismo professionale e anche gli osteopati – conclude la presidente Sciomachen – potranno avere l’opportunità di instaurare una collaborazione proficua con tutti gli altri professionisti sanitari».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
#bastaunafirma, il ROI lancia campagna social per la creazione del profilo professionale di osteopata
In attesa di una normativa di riferimento, la categoria degli osteopati permane in una situazione di incertezza, aggravata dalla pandemia e dalle misure straordinarie adottate per gestire l’emergenza sanitaria
Laurea in Osteopatia, i risultati della ricerca SDA – Bocconi. Sciomachen (ROI): «Pronti a garantire massimo supporto alle istituzioni»
Dopo l’approvazione del profilo professionale degli osteopati, la seconda tappa dell’iter per l’istituzione della professione osteopatica riguarda la definizione del programma di formazione universitaria e delle equipollenze
Osteopati e chiropratici, approvati i profili professionali. Via libera dalla conferenza Stato-Regioni
Sciomachen (ROI): «Da oggi abbiamo la nostra identità, l’osteopatia è finalmente degli osteopati»
Lettera aperta degli Osteopati italiani: «Sbloccare l’iter per la creazione del profilo professionale»
Il profilo professionale è da tempo in un cassetto della Conferenza Stato-Regioni, in attesa della calendarizzazione, dell’esame e di un accordo che possa portare a un primo passaggio ufficiale e dare il via all’istruttoria sulla formazione
Osteopati, fase 2: «Siamo pronti a ripartire in sicurezza»
Sciomachen (ROI): «Dodicimila professionisti di nuovo a lavoro. Seguiremo le indicazioni del maxi ordine delle professioni sanitarie e le direttive delle singole regioni. Già redatte anche le linee guida per la sicurezza degli ambienti e la gestione dell’uso dei DPI con i pazienti»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...