Voci della Sanità 3 Maggio 2021 16:31

#bastaunafirma, il ROI lancia campagna social per la creazione del profilo professionale di osteopata

In attesa di una normativa di riferimento, la categoria degli osteopati permane in una situazione di incertezza, aggravata dalla pandemia e dalle misure straordinarie adottate per gestire l’emergenza sanitaria

Il ROI – Registro degli Osteopati d’Italia – chiede alle istituzioni competenti di fare presto. A tre anni dall’approvazione della legge 3/2018 e a cinque mesi dall’adozione in Conferenza Stato-Regioni del profilo professionale, gli osteopati italiani sono ancora costretti in un limbo legislativo reso ancora più drammatico da questo momento storico.

In attesa di una normativa di riferimento, la categoria degli osteopati permane in una situazione di incertezza, aggravata dalla pandemia e dalle misure straordinarie adottate per gestire l’emergenza sanitaria.   L’impossibilità di ricevere indicazioni formali circa la propria attività, a differenza delle categorie professionali sanitarie già istituite, ha avuto pesantissime ripercussioni sul lavoro e sulla gestione dei pazienti.

Ci sono migliaia di professionisti, donne e uomini, che hanno creduto nello sviluppo dell’osteopatia come percorso per supportare e rafforzare il sistema sanitario e rispondere alla domanda di salute di milioni di cittadini italiani che hanno scelto e che scelgono l’osteopatia. Nonostante una legge che identifica l’osteopatia come professione sanitaria, ad oggi, gli osteopati si trovano ancora in una situazione di stallo che non permette di procedere nell’iter di istituzione della professione.

#bastaunafirma è la campagna social avviata da qualche settimana dal ROI per sollecitare il Governo ad adottare il Decreto del Presidente della Repubblica con il quale formalizzare il profilo professionale atteso da anni. Perché basta una firma per sbloccare un percorso avviato ormai tre anni fa.

Le prossime settimane saranno cruciali per capire se l’Italia riuscirà, nel suo percorso di ripresa, a non lasciare indietro nessuno. Si tratta di settimane cruciali anche per la professione di osteopata, per consentire di offrire la propria professionalità a chi ha studiato e si è formato per anni con passione e serietà.

In questo percorso, il ROI è pronto ad offrire la propria collaborazione e tutto il supporto necessario affinché i prossimi passaggi istituzionali possano svolgersi rapidamente, nel modo costruttivo e leale che ha sempre contraddistinto il proprio modo di agire.

Articoli correlati
Osteopati, raggiunto l’accordo per la definizione del profilo professionale ma manca il decreto attuativo
Sciomachen (ROI): «Il Miur istituirà il percorso di laurea triennale in osteopatia. A completare l’iter verso il riconoscimento tra le professioni sanitarie sarà, poi, l’equipollenza dei titoli degli osteopati che già praticano la professione»
di Isabella Faggiano
Laurea in Osteopatia, i risultati della ricerca SDA – Bocconi. Sciomachen (ROI): «Pronti a garantire massimo supporto alle istituzioni»
Dopo l’approvazione del profilo professionale degli osteopati, la seconda tappa dell’iter per l’istituzione della professione osteopatica riguarda la definizione del programma di formazione universitaria e delle equipollenze
Osteopati e chiropratici, approvati i profili professionali. Via libera dalla conferenza Stato-Regioni
Sciomachen (ROI): «Da oggi abbiamo la nostra identità, l’osteopatia è finalmente degli osteopati»
Lettera aperta degli Osteopati italiani: «Sbloccare l’iter per la creazione del profilo professionale»
Il profilo professionale è da tempo in un cassetto della Conferenza Stato-Regioni, in attesa della calendarizzazione, dell’esame e di un accordo che possa portare a un primo passaggio ufficiale e dare il via all’istruttoria sulla formazione
Osteopati, fase 2: «Siamo pronti a ripartire in sicurezza»
Sciomachen (ROI): «Dodicimila professionisti di nuovo a lavoro. Seguiremo le indicazioni del maxi ordine delle professioni sanitarie e le direttive delle singole regioni. Già redatte anche le linee guida per la sicurezza degli ambienti e la gestione dell’uso dei DPI con i pazienti»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 maggio, sono 159.703.471 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.318.053 i decessi. Ad oggi, oltre 1,32 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...