Lavoro 22 Dicembre 2015

Lorenzin: «Sbloccate le assunzioni per fermare l’emorragia di ricorsi»

Il Ministro ai microfoni di Sanità informazione: «Abbiamo voluto fortemente la norma per garantire un diritto dei medici e per salvaguardare le casse pubbliche dall’ondata di contenziosi legali sul mancato rispetto degli orari di lavoro»

Immagine articolo

Credo che sia un diritto dei medici usufruire dei turni di riposo e un diritto dei pazienti essere curati da chi ha potuto riposarsi. Chiediamoci se qualcuno di noi andrebbe mai su un aereo dove il comandante non dorme da 72 ore. Allo stesso modo, non vedo perché dover entrare nelle stesse condizioni in una sala operatoria. È una domanda semplice. E la risposta è altrettanto semplice: ripristinare una corretta turnazione di riposo e permettere a medici e infermieri di lavorare agevolmente in un ambito di rischio e complessità. È anche e soprattutto una questione di civiltà».


Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, risponde con chiarezza e fermezza al perdurante problema dei turni massacranti che da troppo tempo affligge il personale sanitario italiano e che è stato al centro delle proteste culminate con lo sciopero del 16 dicembre. La risposta sistemica a questo problema è tutta nel provvedimento governativo che sblocca le assunzioni di medici e infermieri (fondo da 329 milioni per 6mila assunzioni e via libera alle Regioni per le assunzioni a tempo), ma i tempi tecnici e quelli della burocrazia rischiano di rallentare l’iter e, nella sostanza, rimandare la fine dei turni massacranti spingendo molti medici a ricorrere ai tribunali per vedersi riconoscere il pregresso.

«La norma sull’assunzione di medici e infermieri viene da un lungo percorso – spiega ancora il Ministro –. Abbiamo fortemente voluto l’applicazione della direttiva europea per interrompere la lunga fase sanzionatoria che l’Italia ha avuto a causa dell’infrazione di una norma europea. L’avevo detto e l’abbiamo fatto e fare una proroga sarebbe stata innanzitutto una lesione dei diritti dei medici e dei pazienti. Inoltre, l’abbiamo fatto nell’interesse della cosa pubblica perché i contenziosi legali sarebbero stati sicuramente grandissimi».

Ministro, ma quando finiranno i turni massacranti? Che tempi ci sono per le nuove assunzioni?
«Su questo noi abbiamo dato una deadline precisa. Più di quello non possiamo fare. Siamo in Italia, se ci sono i ricorsi, quelli non li possiamo né prevedere, né prevenire. Tutto l’iter comunque si dovrà concludere entro il 2017» chiarisce ancora Lorenzin durante la conferenza stampa in cui ha annunciato un’ importante serie di interventi inseriti nell’ambito della Legge di Stabilità, che vanno dalle leve di risparmio certificate e bollinate dalla Ragioneria dello Stato, con risorse liberate che saranno reinvestite nel sistema sanitario nazionale, ai nuovi Lea, i livelli essenziali di assistenza, che dovranno entrare in scena entro la fine di febbraio, grazie a 800 milioni vincolati dal Fondo sanitario nazionale, fino alle nuove norme sull’acquisto di beni e servizi mediante le centrali di committenza.

Ma intanto, Ministro, la norma sugli orari dei medici è già legge dal 25 novembre…  E alcune strutture hanno già fatto proroghe alla legge, i direttori sanitari come si devono comportare?
«Dal 1° gennaio avranno gli strumenti per fare assunzioni flessibili».

Nel frattempo i ricorsi continueranno sul pregresso… 
«Sicuramente», ammette il Ministro. «Di ricorsi ce ne sono già cinquemila» aggiunge il sottosegretario alla Salute Vito De Filippo. «Noi abbiamo creato la norma proprio per bloccare il contenzioso e per bloccare le infrazioni. Gli strumenti li abbiamo dati, ora ognuno deve assumersi le proprie responsabilità nell’attuarli…» conclude Lorenzin.

Articoli correlati
Ex specializzandi, raffica di sentenze: Stato condannato a pagare altri 18 milioni
Con le ultime vittorie salgono ad otto le pronunce positive da gennaio nonostante lo stop imposto dal Covid-19. Tortorella (Presidente Consulcesi): «Tribunali e Corti continuano a sanare ingiustizia. Impegno politico bipartisan su Ddl per l’accordo conferma volontà politica di trovare soluzione ma il provvedimento va migliorato»
Covid e assicurazioni, è infortunio? Per l’INAIL sì, per le compagnie no. Ma in caso di risarcimento negato si può fare ricorso
Larussa (Sapienza): «Le compagnie assicurative vogliono far passare l’infezione da Covid non come infortunio ma come malattia e, in quanto tale, non indennizzarla». L’avvocato Cecconi: «Una disparità inaccettabile tra dipendenti e libero professionisti»
Gelli (Fondazione Italia In Salute): «Per il post Covid, 10mila medici in più. Mes occasione da non perdere»
«Dovremo da una parte aumentare la dotazione di posti letto per non rimanere in coda alle classifiche europee, e dall'altra procedere a nuove assunzioni. Vanno poi rinnovate le tecnologie per lo più obsolete che abbiamo nei nostri ospedali e risolto una volta per tutte il problema dell'imbuto formativo». Così il presidente della Fondazione Italia in Salute, Federico Gelli
Clausola di esclusività, in partenza i primi ricorsi. Avv. Galiano: «È una componente fissa, ingiuste le diminuzioni per chi è in ferie o malattia»
Le richieste di risarcimento vengono curate da Consulcesi & Partners in collaborazione con lo studio “De Berardinis e Mozzi”, inserito da Forbes tra i 100 studi legali più importanti d’Italia
Coronavirus, Consulcesi & Partners: «Manca sicurezza, ondata di esposti e diffide per tutelare i camici bianchi»
Centinaia di segnalazioni al network legale su mancanza di Dpi, turni infiniti ed esposizione a rischi di contagio, situazione particolarmente critica al Sud e nelle isole.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto