Lavoro 9 Giugno 2020 20:41

Lo sfogo di un’infermiera del San Raffaele di Milano: «Dopo il Covid, a causa del nuovo contratto, non possiamo nemmeno andare in ferie»

«Lavoriamo in condizioni disumane, e come regalo addio a permessi retribuiti e scatti»

di Federica Bosco

Per qualche mese sono stati i nostri eroi, gli angeli delle corsie, instancabili servitori nella battaglia contro il Covid. Oggi molti operatori sanitari lamentano di essere stati dimenticati troppo presto. Tra questi, Paola (nome di fantasia), infermiera del Gruppo San Donato, che non nasconde la delusione per il nuovo contratto entrato in vigore il primo giugno. «Dopo aver subito, qualche anno fa, una riduzione dello stipendio per risolvere il debito della vecchia proprietà – racconta l’infermiera del San Raffaele a Sanità Informazione – oggi hanno cambiato il contratto, equiparandolo a quello AIOP dei nuovi assunti, perdendo scatti, permessi retribuiti ed altre agevolazioni come “regalo” dopo il Covid. Senza dimenticare che ci stanno facendo lavorare in condizioni disumane – rimarca –. Ora siamo impegnati nel servizio di tamponi drive in che, se da un lato è un ottimo servizio per la città, dall’altra ci costringe a stare ore sotto un tendone con la tuta protettiva addosso, la mascherina e gli occhiali, senza possibilità, durante il turno di sei ore, di bere o di andare in bagno. Nelle giornate di sole fa molto caldo, quando piove e tira vento restiamo ore bagnati senza possibilità di cambiare gli indumenti».

LEGGI ANCHE: FLASH MOB DEGLI INFERMIERI DEL SINDACATO NURSING UP: «NON CHIAMATECI EROI, DATECI RISPETTO E RICONOSCIMENTO»

Il ricordo dei giorni trascorsi in corsia con i malati di Covid è vivo nella mente, soprattutto perché il ritorno alla normalità sembra essere ancora lontano: «Ho contratto il virus – rivela l’infermiera –, molti di noi si sono ammalati, non potevamo mettere la mascherina per non impressionare i pazienti. In ospedale da subito abbiamo avuto la reale percezione del problema: quando ancora tutti dicevano che era una influenza, qui ci si ammalava e si moriva. Avevamo solo le mascherine chirurgiche e poi neppure più quelle. Ad un certo punto facevamo assistenza a mani nude e senza protezioni. Abbiamo avuto interi reparti con operatori infettati, alcuni sono finiti in rianimazione. Dalla battaglia siamo usciti con le ossa rotte – chiosa con un pizzico di rammarico – ed ora non possiamo neppure andare in ferie».

LEGGI LA REPLICA DELL’OSPEDALE SAN RAFFAELE

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Via libera alla Certificazione verde Covid-19 in Italia
L’Italia anticipa la diffusione del documento digitale che rende più semplice l'accesso ad eventi e strutture in Italia e che faciliterà dal 1° luglio gli spostamenti in Europa. Tutte le informazioni
Allarme SIRU: «Natalità in calo, ritorniamo a prenderci cura della fertilità»
Antonino Guglielmino, presidente della SIRU: «Recuperiamo visite e interventi rimandati, ma soprattutto creiamo iniziative a favore del grave calo di desiderio di genitorialità»
Iannelli (FAVO): «Reddito di ultima istanza Covid riconosciuto ai lavoratori autonomi e liberi professionisti invalidi»
di Avv. Elisabetta Iannelli, Segretario Generale FAVO e V. Presidente Aimac
di Avv. Elisabetta Iannelli, Segretario Generale FAVO e V. Presidente Aimac
Covid-19, Palamara (ISS): «No a terrorismo su varianti, primo obiettivo rafforzare piano sequenziamenti»
La nuova direttrice del dipartimento malattie infettive dell’ISS tra i protagonisti dell'incontro "Infodemia da Covid-19: cronache di un’emergenza mediatica" organizzato dall'università Sapienza di Roma
Senior Italia FederAnziani: «Boom di calo dell’aderenza alla terapia negli anziani»
Messina: «Occorrono nuove forme di supporto per migliorare la presa in carico del paziente e l’aderenza terapeutica, sfruttando le potenzialità delle nuove tecnologie»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 giugno, sono 177.043.245 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.833.075 i decessi. Ad oggi, oltre 2,44 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM