Lavoro 9 Giugno 2020

Lo sfogo di un’infermiera del San Raffaele di Milano: «Dopo il Covid, a causa del nuovo contratto, non possiamo nemmeno andare in ferie»

«Lavoriamo in condizioni disumane, e come regalo addio a permessi retribuiti e scatti»

di Federica Bosco

Per qualche mese sono stati i nostri eroi, gli angeli delle corsie, instancabili servitori nella battaglia contro il Covid. Oggi molti operatori sanitari lamentano di essere stati dimenticati troppo presto. Tra questi, Paola (nome di fantasia), infermiera del Gruppo San Donato, che non nasconde la delusione per il nuovo contratto entrato in vigore il primo giugno. «Dopo aver subito, qualche anno fa, una riduzione dello stipendio per risolvere il debito della vecchia proprietà – racconta l’infermiera del San Raffaele a Sanità Informazione – oggi hanno cambiato il contratto, equiparandolo a quello AIOP dei nuovi assunti, perdendo scatti, permessi retribuiti ed altre agevolazioni come “regalo” dopo il Covid. Senza dimenticare che ci stanno facendo lavorare in condizioni disumane – rimarca –. Ora siamo impegnati nel servizio di tamponi drive in che, se da un lato è un ottimo servizio per la città, dall’altra ci costringe a stare ore sotto un tendone con la tuta protettiva addosso, la mascherina e gli occhiali, senza possibilità, durante il turno di sei ore, di bere o di andare in bagno. Nelle giornate di sole fa molto caldo, quando piove e tira vento restiamo ore bagnati senza possibilità di cambiare gli indumenti».

LEGGI ANCHE: FLASH MOB DEGLI INFERMIERI DEL SINDACATO NURSING UP: «NON CHIAMATECI EROI, DATECI RISPETTO E RICONOSCIMENTO»

Il ricordo dei giorni trascorsi in corsia con i malati di Covid è vivo nella mente, soprattutto perché il ritorno alla normalità sembra essere ancora lontano: «Ho contratto il virus – rivela l’infermiera –, molti di noi si sono ammalati, non potevamo mettere la mascherina per non impressionare i pazienti. In ospedale da subito abbiamo avuto la reale percezione del problema: quando ancora tutti dicevano che era una influenza, qui ci si ammalava e si moriva. Avevamo solo le mascherine chirurgiche e poi neppure più quelle. Ad un certo punto facevamo assistenza a mani nude e senza protezioni. Abbiamo avuto interi reparti con operatori infettati, alcuni sono finiti in rianimazione. Dalla battaglia siamo usciti con le ossa rotte – chiosa con un pizzico di rammarico – ed ora non possiamo neppure andare in ferie».

LEGGI LA REPLICA DELL’OSPEDALE SAN RAFFAELE

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Real World Evidence e Covid, Trifirò (farmacologo): «Con studi sul “mondo reale” dati per decisioni certe»
«In una situazione di emergenza sanitaria i trial clinici non forniscono risultati in tempi ragionevoli. Gli studi osservazionali, basati su dati di Real Evidence, sono più veloci e, se condotti da professionisti esperti, molto attendibili»
di Isabella Faggiano
Migranti, interrogazione di Regimenti (Lega) a Commissione Ue: «Salute pubblica a rischio, valuti blocco navale per gestire flussi»
In una interrogazione alla Commissione Regimenti chiede anche di «affrontare la questione degli sbarchi nei Paesi del Mediterraneo in coordinazione col Consiglio, con riferimento al pericolo costituito dai migranti contagiosi», risultati positivi al Covid-19
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Strascichi psichiatrici per più di metà dei guariti da Covid-19, i risultati di uno studio italiano
Le più colpite sono le donne, in cui gli straschichi psichiatrici sono più forti: depressione, ansia e insonnia. Tra le causa risposta immuntaria e stress
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...