Lavoro 9 Giugno 2020

Lo sfogo di un’infermiera del San Raffaele di Milano: «Dopo il Covid, a causa del nuovo contratto, non possiamo nemmeno andare in ferie»

«Lavoriamo in condizioni disumane, e come regalo addio a permessi retribuiti e scatti»

di Federica Bosco

Per qualche mese sono stati i nostri eroi, gli angeli delle corsie, instancabili servitori nella battaglia contro il Covid. Oggi molti operatori sanitari lamentano di essere stati dimenticati troppo presto. Tra questi, Paola (nome di fantasia), infermiera del Gruppo San Donato, che non nasconde la delusione per il nuovo contratto entrato in vigore il primo giugno. «Dopo aver subito, qualche anno fa, una riduzione dello stipendio per risolvere il debito della vecchia proprietà – racconta l’infermiera del San Raffaele a Sanità Informazione – oggi hanno cambiato il contratto, equiparandolo a quello AIOP dei nuovi assunti, perdendo scatti, permessi retribuiti ed altre agevolazioni come “regalo” dopo il Covid. Senza dimenticare che ci stanno facendo lavorare in condizioni disumane – rimarca –. Ora siamo impegnati nel servizio di tamponi drive in che, se da un lato è un ottimo servizio per la città, dall’altra ci costringe a stare ore sotto un tendone con la tuta protettiva addosso, la mascherina e gli occhiali, senza possibilità, durante il turno di sei ore, di bere o di andare in bagno. Nelle giornate di sole fa molto caldo, quando piove e tira vento restiamo ore bagnati senza possibilità di cambiare gli indumenti».

LEGGI ANCHE: FLASH MOB DEGLI INFERMIERI DEL SINDACATO NURSING UP: «NON CHIAMATECI EROI, DATECI RISPETTO E RICONOSCIMENTO»

Il ricordo dei giorni trascorsi in corsia con i malati di Covid è vivo nella mente, soprattutto perché il ritorno alla normalità sembra essere ancora lontano: «Ho contratto il virus – rivela l’infermiera –, molti di noi si sono ammalati, non potevamo mettere la mascherina per non impressionare i pazienti. In ospedale da subito abbiamo avuto la reale percezione del problema: quando ancora tutti dicevano che era una influenza, qui ci si ammalava e si moriva. Avevamo solo le mascherine chirurgiche e poi neppure più quelle. Ad un certo punto facevamo assistenza a mani nude e senza protezioni. Abbiamo avuto interi reparti con operatori infettati, alcuni sono finiti in rianimazione. Dalla battaglia siamo usciti con le ossa rotte – chiosa con un pizzico di rammarico – ed ora non possiamo neppure andare in ferie».

LEGGI LA REPLICA DELL’OSPEDALE SAN RAFFAELE

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Il Covid-19 può essere trasmesso per via sessuale? Come fare per limitare i rischi?
Una risposta arriva dal sito della FNOMCeO “Dottore, ma è vero che…?”. «Evitare rapporti con sconosciuti e curare al meglio la propria igiene personale»
Parla l’ex Ministro Sirchia: «Sul territorio servono strutture sempre aperte, con MMG dipendenti»
L’ematologo, alla guida del dicastero della Salute dal 2001 al 2005, punta il dito contro le regioni: «Non si sono dimostrate all’altezza». E aggiunge: «Errore la chiusura del CCM che avrebbe dovuto elaborare un piano pandemico, sconsiderati i tagli lineari in sanità». Poi attacca: «Sulla comunicazione dell’emergenza in tv tragica baraonda»
Report Gimbe: «Positivi in calo, scendono anche i ricoveri. Ma allentare a Natale sarebbe un errore»
I nuovi casi scendono e c'è una leggera flessione anche nei ricoveri in ospedale, ma le soglie di occupazione sono sopra i limiti in 15 Regioni. Cartabellotta: «Servono scelte coraggiose anche se impopolari, perché i dati e l’allarme dell’Ecdc non lasciano adito a dubbi sui rischi del Natale»
Carenza anestesisti, Canino (ASST Cremona): «Al bando per 6 posti arrivate 5 domande. Così non ce la facciamo»
Il direttore sanitario dell'ospedale di Cremona: «C’è una carenza strutturale, fondamentale aumentare le borse di studio e fare una programmazione corretta»
di Federica Bosco
La proroga dello stato di emergenza fino al 31 gennaio 2021 è legge
La Camera ha approvato definitivamente il decreto che proroga lo stato di emergenza sanitaria, 252 voti a favore e 203 contrari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 novembre, sono 60.420.355 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.421.650 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 26 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli