Contributi e Opinioni 11 Giugno 2020

«Al San Raffaele condizioni retributive e normative invariate e DPI sempre disponibili»

L’Ospedale San Raffaele rigetta completamente le dichiarazioni di “Paola” pubblicate sulla vostra testata. In particolare: Per quanto riguarda la questione del contratto: L’applicazione del CCNL AIOP della sanità privata dal 1° giugno 2020 al personale infermieristico e del comparto non comporterà alcun arretramento economico per i lavoratori, e consentirà all’Ospedale San Raffaele di uniformarsi alla […]

di Ufficio stampa IRCCS Ospedale San Raffaele

L’Ospedale San Raffaele rigetta completamente le dichiarazioni di “Paola” pubblicate sulla vostra testata.

In particolare:

  1. Per quanto riguarda la questione del contratto: L’applicazione del CCNL AIOP della sanità privata dal 1° giugno 2020 al personale infermieristico e del comparto non comporterà alcun arretramento economico per i lavoratori, e consentirà all’Ospedale San Raffaele di uniformarsi alla generalità delle strutture sanitarie operanti nella sanità privata, compresi gli IRCCS, all’interno delle quali viene applicato il CCNL AIOP. Sino al 30 maggio, infatti, l’Ospedale San Raffaele ha applicato un contratto collettivo aziendale che richiamava alcuni istituti del contratto della sanità pubblica, ma non era un contratto collettivo nazionale. Sul piano sostanziale l’azienda ha comunicato ai lavoratori che dal 1° giugno 2020 le loro condizioni retributive restano invariate, così come gli istituti della maternità, delle ferie e dell’orario di lavoro, già applicati e più favorevoli rispetto alla disciplina AIOP.Inoltre, ieri è stata firmata la preintesa per il rinnovo del contratto nazionale della sanità privata (CCNL AIOP) per la piena parità di trattamento economico rispetto al pubblico.
  2. Per quanto riguarda l’utilizzo dei DPI: l’Ospedale San Raffaele li ha forniti  da subito e non sono mai mancati. Il personale è stato anche adeguatamente formato per il corretto utilizzo degli stessi.
  3. Per quanto riguarda l’organizzazione del turno al pit stop tamponi: al di là delle condizioni atmosferiche particolari che possono verificarsi in alcuni giorni, il personale infermieristico ha la possibilità di bere, cambiare la tuta all’interno dell’unità mobile adiacente, e recarsi ai servizi igienici.

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 ottobre, sono 40.792.599 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.124.918 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...