Lavoro 9 Giugno 2020 17:11

Flash mob degli infermieri del sindacato Nursing up: «Non chiamateci eroi, dateci rispetto e riconoscimento»

Tra le rivendicazioni: rinegoziazione del contratto con minimi europei, competenze riconosciute e possibilità di andare in ferie

di Federica Bosco
Flash mob degli infermieri del sindacato Nursing up: «Non chiamateci eroi, dateci rispetto e riconoscimento»

“Non chiamateci eroi, ma dateci rispetto e riconoscimento”. Con questo slogan gli infermieri e i professionisti sanitari del sindacato Nursing up si sono dati appuntamento questa mattina sul piazzale antistante l’ingresso dell’Ospedale Niguarda per un flash mob con lo scopo di sensibilizzare il governo su quelle che sono le problematiche della categoria. Si sono inginocchiati, hanno cantato e applaudito alla lettura di un messaggio rivolto alle istituzioni per chiedere maggiore considerazione per gli uomini e le donne che hanno combattuto in prima linea il Covid.

«È andata esattamente come era prevedibile – commenta un esponente sindacale dinanzi ai colleghi inginocchiati e coperti da una mascherina che raffigura un supereroe –. Ci chiamavano eroi, fotografavano il volto ustionato dalle mascherine e tutti ci celebravano durante la quarantena, mentre noi in prima linea abbiamo combattuto; molti sono stati contagiati e sono morti per salvare i pazienti. Siamo stati tutti travolti dalla frenesia di passare alla fase 2, della vita che doveva riprendere, e tutti, comprese le istituzioni e il governo, si sono dimenticati di noi. Eppure, gli occhi sofferenti, i volti consumati sono stati visti da tutti e sono stati il tramite attraverso cui l’Italia, per la prima volta, ha preso coscienza del dramma umano e sanitario che si andava consumando nei nostri ospedali, ma anche del valore di tutti gli operatori sanitari. Ci hanno chiamato angeli, eroi, ma nessuno di noi si è mai sentito tale, siamo solo professionisti con grosse competenze sviluppate in anni di studio universitario, che oggi devono essere riconosciute».

LEGGI ANCHE: IL 91% DEGLI ITALIANI SI FIDA DEGLI INFERMIERI E CHIEDE CHE SE NE ASSUMANO DI PIU’: I DATI DEL RAPPORTO CENSIS-FNOPI

Un lungo applauso accompagna uno dei passaggi più significativi delle rivendicazioni sindacali degli infermieri di Nursing up: «Le nostre dotazioni organiche sono ferme ad una legge di 30 anni fa, i nostri stipendi sono i più bassi d’Europa e le indennità sono ferme da oltre 25 anni. E allora siamo qui a pretendere quello che è giusto. Il riconoscimento del merito che purtroppo in Italia è sconosciuto, perché la meritocrazia è ancora un tabù. Le frasi di elogio non servono a nessuno, neppure a creare nuove professionalità e un sistema sanitario più efficiente. E i bonus che sono arrivati nelle tasche dei professionisti sanitari non colmano il vuoto dei diritti cancellati negli ultimi 20 anni di politica sanitaria scellerata né ripagano i sacrifici degli ultimi tre mesi. Se il virus si sta vincendo è grazie alle capacità, alla preparazione e alla formazione di tutti i professionisti sanitari. Senza competenze l’umanità è fragile come un bicchiere di cristallo. Oggi chiediamo ai cittadini e al governo il riconoscimento concreto del nostro ruolo».

LEGGI ANCHE: «LA MIA VITA DA INFERMIERA, TRA AMBULANZE E CASE DI RIPOSO, AI TEMPI DEL COVID-19»

Gli occhi si riempiono di lacrime, nella mente di alcuni corrono veloci i ricordi di un vissuto che rimarrà attaccato alla pelle. «Molti di noi hanno problemi di insonnia, avremmo bisogno di recuperare energie e tranquillità, di andare in ferie, ma non possiamo: gli organici sono ridotti all’osso e le meritate vacanze di qualcuno sarebbero un aggravio di lavoro per tanti altri – commenta Gianluca Ghilardi, coordinatore infermieristico ed esponente del sindacato -. Spesso sono costretto a rifiutare il congedo ordinario alle persone, nonostante il contratto sia chiaro in tema di giorni di diritto all’interno del periodo estivo, ma è difficile. Noi coordinatori siamo costretti ad andare contro i lavoratori stessi e contro il contratto pur sapendo, da sindacalista, di fare qualcosa di non corretto. Ma di fatto non ho le risorse e le conseguenze penali sono quelle delle coperture delle unità operative».

Un dramma che sembra non placarsi per una categoria che è la meno pagata d’Europa ed è proprio in questa direzione che si sposta l’attenzione del nostro interlocutore. «Per quanto riguarda il contratto vorremmo livellare il nostro stipendio ai colleghi degli altri Paesi europei ed avere una contrattazione decentrata».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Volo in mongolfiera per dire «2020 volte grazie agli infermieri»
L’iniziativa è stata organizzata dalla Balloon Team Italia Srl in collaborazione con l’Ordine delle Professioni Infermieristiche Interprovinciale Firenze-Pistoia
Vaccini, Ordini e sindacati: «Assicuriamo nostro impegno, ma intensificare opera di sensibilizzazione»
Ordini e sindacati dei professionisti sanitari e socio-sanitari si uniscono in un messaggio di impegno e fermezza: «Da questa pandemia si uscirà soltanto affidandosi alla scienza»
Covid-19, la grande fuga dagli ospedali. Il sondaggio di Anaao-Assomed
Solo il 54% dei medici si vede ancora in un ospedale pubblico tra due anni e il 75% ritiene che il proprio lavoro non sia stato valorizzato. Più positivo il giudizio dei dirigenti sanitari (biologi, chimici, fisici, psicologi, farmacisti)
Farmaci immunosoppressori per i trapianti di fegato, utili nella battaglia contro il Covid
La scoperta in uno studio europeo coordinato dagli specialisti dell’Epatologia e del Transplant Center del Niguarda di Milano diretto da Luca Belli: «Farmaci come il tacrolimus prevengono forme più gravi e riducono la mortalità e con il cortisone permettono di curare malati Covid anche non trapiantati»
di Federica Bosco
Recovery Plan, Carbone (Fials): «Nove miliardi alla sanità una presa in giro, ne servono almeno 35-40. Abolire il numero chiuso»
Il Segretario generale del sindacato Fials tuona contro la bozza del Recovery Plan e chiede più risorse per la sanità. Poi contesta la discriminante sulle indennità tra professioni sanitarie nella Legge di Bilancio: «Non riempiamoci la bocca continuando a chiamarli eroi e poi materialmente li discriminiamo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 15 gennaio, sono 93.129.104 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.994.440 i decessi. Ad oggi, oltre 35,57 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...