Lavoro 9 Giugno 2020 17:11

Flash mob degli infermieri del sindacato Nursing up: «Non chiamateci eroi, dateci rispetto e riconoscimento»

Tra le rivendicazioni: rinegoziazione del contratto con minimi europei, competenze riconosciute e possibilità di andare in ferie

di Federica Bosco
Flash mob degli infermieri del sindacato Nursing up: «Non chiamateci eroi, dateci rispetto e riconoscimento»

“Non chiamateci eroi, ma dateci rispetto e riconoscimento”. Con questo slogan gli infermieri e i professionisti sanitari del sindacato Nursing up si sono dati appuntamento questa mattina sul piazzale antistante l’ingresso dell’Ospedale Niguarda per un flash mob con lo scopo di sensibilizzare il governo su quelle che sono le problematiche della categoria. Si sono inginocchiati, hanno cantato e applaudito alla lettura di un messaggio rivolto alle istituzioni per chiedere maggiore considerazione per gli uomini e le donne che hanno combattuto in prima linea il Covid.

«È andata esattamente come era prevedibile – commenta un esponente sindacale dinanzi ai colleghi inginocchiati e coperti da una mascherina che raffigura un supereroe –. Ci chiamavano eroi, fotografavano il volto ustionato dalle mascherine e tutti ci celebravano durante la quarantena, mentre noi in prima linea abbiamo combattuto; molti sono stati contagiati e sono morti per salvare i pazienti. Siamo stati tutti travolti dalla frenesia di passare alla fase 2, della vita che doveva riprendere, e tutti, comprese le istituzioni e il governo, si sono dimenticati di noi. Eppure, gli occhi sofferenti, i volti consumati sono stati visti da tutti e sono stati il tramite attraverso cui l’Italia, per la prima volta, ha preso coscienza del dramma umano e sanitario che si andava consumando nei nostri ospedali, ma anche del valore di tutti gli operatori sanitari. Ci hanno chiamato angeli, eroi, ma nessuno di noi si è mai sentito tale, siamo solo professionisti con grosse competenze sviluppate in anni di studio universitario, che oggi devono essere riconosciute».

LEGGI ANCHE: IL 91% DEGLI ITALIANI SI FIDA DEGLI INFERMIERI E CHIEDE CHE SE NE ASSUMANO DI PIU’: I DATI DEL RAPPORTO CENSIS-FNOPI

Un lungo applauso accompagna uno dei passaggi più significativi delle rivendicazioni sindacali degli infermieri di Nursing up: «Le nostre dotazioni organiche sono ferme ad una legge di 30 anni fa, i nostri stipendi sono i più bassi d’Europa e le indennità sono ferme da oltre 25 anni. E allora siamo qui a pretendere quello che è giusto. Il riconoscimento del merito che purtroppo in Italia è sconosciuto, perché la meritocrazia è ancora un tabù. Le frasi di elogio non servono a nessuno, neppure a creare nuove professionalità e un sistema sanitario più efficiente. E i bonus che sono arrivati nelle tasche dei professionisti sanitari non colmano il vuoto dei diritti cancellati negli ultimi 20 anni di politica sanitaria scellerata né ripagano i sacrifici degli ultimi tre mesi. Se il virus si sta vincendo è grazie alle capacità, alla preparazione e alla formazione di tutti i professionisti sanitari. Senza competenze l’umanità è fragile come un bicchiere di cristallo. Oggi chiediamo ai cittadini e al governo il riconoscimento concreto del nostro ruolo».

LEGGI ANCHE: «LA MIA VITA DA INFERMIERA, TRA AMBULANZE E CASE DI RIPOSO, AI TEMPI DEL COVID-19»

Gli occhi si riempiono di lacrime, nella mente di alcuni corrono veloci i ricordi di un vissuto che rimarrà attaccato alla pelle. «Molti di noi hanno problemi di insonnia, avremmo bisogno di recuperare energie e tranquillità, di andare in ferie, ma non possiamo: gli organici sono ridotti all’osso e le meritate vacanze di qualcuno sarebbero un aggravio di lavoro per tanti altri – commenta Gianluca Ghilardi, coordinatore infermieristico ed esponente del sindacato -. Spesso sono costretto a rifiutare il congedo ordinario alle persone, nonostante il contratto sia chiaro in tema di giorni di diritto all’interno del periodo estivo, ma è difficile. Noi coordinatori siamo costretti ad andare contro i lavoratori stessi e contro il contratto pur sapendo, da sindacalista, di fare qualcosa di non corretto. Ma di fatto non ho le risorse e le conseguenze penali sono quelle delle coperture delle unità operative».

Un dramma che sembra non placarsi per una categoria che è la meno pagata d’Europa ed è proprio in questa direzione che si sposta l’attenzione del nostro interlocutore. «Per quanto riguarda il contratto vorremmo livellare il nostro stipendio ai colleghi degli altri Paesi europei ed avere una contrattazione decentrata».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Come assistere una persona portatrice di catetere vescicale a domicilio
Il cateterismo vescicale consiste nell’introduzione di un tubicino in vescica che permette il deflusso delle urine all’esterno
di Dott. Enrico Pinton
Consiglio di Stato boccia i reparti gestiti dagli infermieri. CIMO-FESMED: «Competenze mediche non siano affidate ad altri professionisti»
Il sindacato commenta la sentenza: «La gestione del percorso terapeutico e clinico del pazienti deve essere in capo ai medici»
Medici e infermieri: patto su assistenza. Anelli (Fnomceo): «Regioni in ritardo sui fabbisogni»
Riuniti i due Comitati Centrali Fnomceo-Fnopi: «Da noi le indicazioni per la qualità e l’efficienza dei servizi. Ai cittadini vanno garantite le competenze delle due professioni». Anelli: «DM 71 ha sottostimato fabbisogno infermieri nelle case di comunità e non ha risolto il problema della carenza dei MMG»
Lombardia indietreggia, infermieri come supporto e non supplenti dei mmg
La Direzione Generale del Welfare in Lombardia risponde alle critiche dei medici, precisando in una nota che gli infermieri possono aiutare e non sostituire i medici di famiglia
Medici contro l’ipotesi di usare gli infermieri come «supplenti» degli mmg
La Fnomceo e la Cimo-Fesmed rispondono all'assessore della Lombardia Letizia Moratti, secondo la quale gli infermieri potrebbe sostituire e contribuire alla carenza di medici di famiglia
di Redazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 agosto, sono 587.500.701 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.427.422 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale