Lavoro 14 Marzo 2018 14:13

Legge Gelli, De Vincentiis (Otorino): «Necessario scoraggiare medicina difensiva durante formazione specialisti»

Secondo il professore «I giovani hanno un approccio “spaventato” ma seguendo linee guida e buone pratiche si possono evitare errori». Dello stesso parere anche il collega Massimo Ralli: «Aggiornarsi è indispensabile per adeguare il proprio operato»

Legge Gelli, De Vincentiis (Otorino): «Necessario scoraggiare medicina difensiva durante formazione specialisti»

Mancano ancora tre decreti attuativi per rendere completa la La Legge Gelli-Bianco sulla responsabilità dell’esercente la professione sanitaria, in vigore dal 1 aprile 2017. È con impazienza che la  classe medica attende la conclusione del cerchio normativo arrivato alle battute finali con le elezioni dello scorso 4 marzo e lo scioglimento delle Camere. I restanti decreti, in tema assicurativo, dovrebbero essere emanati prima dell’insediamento del nuovo governo e dimostreranno concretamente se sono stati raggiunti gli obiettivi prefissati: ridurre il contenzioso medico legale e arginare la medicina difensiva che ha un costo per la spesa pubblica, stimato dal Ministero della Salute, di oltre 10 miliardi di euro.

La nuova legge prevede l’istituzione dell’Osservatorio nazionale delle buone pratiche sulla sicurezza in sanità presso l’Agenas (Agenzia Nazionale per i servizi sanitari regionali) per prevenire e gestire il rischio clinico, monitorare le buone pratiche e l’aggiornamento del personale sanitario. La formazione dei medici, assume, infatti, un ruolo di primaria importanza nell’attuazione della normativa: per questo, il provider Ecm 2056 Sanità in-Formazione, in partnership con Consulcesi Club, ha arricchito la collana dei corsi a tema risk management per rispondere alla crescente richiesta formativa.

«La legge Gelli ha introdotto novità che vanno modulate alla luce della costituzione della linee guida» spiega a Sanità Informazione il Professor Marco de Vincentiis – Ordinario di Otorinolaringoiatria e Direttore della Scuola di specializzazione in Otorinolaringoiatria della Sapienza, interpellato a margine dell’incontro sulla “Responsabilità professionale nel distretto Testa Collo. Cosa cambia con la Legge Gelli” organizzato a La Sapienza Università di Roma. «C’è da considerare la lunga tempistica che prevede l’accreditamento presso l’Istituto Superiore di Sanità – prosegue il Professore -. Durante questo periodo possiamo seguire le buone pratiche stabilite dalle società scientifiche che per quanto riguarda l’otorinolaringoiatria, esistono in letteratura e sono già stabilite».

«Mi rendo conto che i giovani medici hanno un approccio di persone “spaventate” ma in realtà, seguendo le linee guida e la buona pratica e rimanendo sereni si può cercare di evitare di non fare o di fare troppo» precisa il Professore sottolineando quanto una corretta formazione dei professionisti sanitari sia fondamentale per guidare soprattutto i giovani medici e scoraggiare il ricorso alla medicina difensiva.

LEGGI ANCHE: PUNZO (AMTRUST): «UN MEDICO FORMATO HA MINORE PROPENSIONE AL RISCHIO, ALLO STUDIO UN SISTEMA PREMIALE PER ASSICURAZIONI

Dello stesso avviso anche il Dottor Massimo Ralli – Specialista in Otorinolaringoiatria alla Sapienza di Roma intervistato in occasione dell’incontro presso l’Ateneo:«Le linee guida e le buone pratiche hanno un ruolo molto importante nella legge Gelli. Si andrà a definire la regolamentazione dell’emanazione delle linee guida, la validazione dei soggetti e delle società che potranno elaborarle e l’aggiornamento delle stesse – sostiene il dottor Ralli -. Attualmente ci troviamo davanti ad indicazioni vecchie chiamate impropriamente linee guida; devono essere definite, aggiornate, e presenti in un database di facile accesso. Renderle consultabili a chi poi dovrà effettivamente usufruirne e adeguare il proprio operato ad esse. Le buone pratiche clinico assistenziali – prosegue – saranno “subordinate” alle linee guida: il medico potrà attenersi ad esse nel caso in cui le linee guida non siano presenti. Saranno più snelle, facili da reperire però sicuramente meno rilevanti e meno istituzionalizzate rispetto alle linee guida».

Con l’attuazione della legge, diventa sempre più importante essere adeguatamente preparati, competenti e aggiornati: «Formarsi è indispensabile per far sì che il medico non risponda penalmente del proprio operato, qualora vada a agire per imperizia – conclude il dottore -. La legge agevolerà il lavoro di tutti: sarà più semplice per il professionista sanitario sapere come comportarsi ed essere tutelato e sarà più facile per chi andrà a gestire il contenzioso (medico legale in primis ma anche avvocati, assicuratori, magistrati)» conclude.

LEGGI ANCHE: LEGGE GELLI, PARLA IL CHIRURGO: «VALUTARE CASO PER CASO, A VOLTE IL RISCHIO È NECESSARIO»

 

Articoli correlati
Celiachia: aumenta la stima dei casi, 600mila. Dal Sige nuove linee guida su diagnosi e terapia
La dieta senza glutine resta la terapia da seguire per i pazienti affetti da celiachia. Alla diagnosi, alla terapia e al follow-up della malattia e della dermatite erpetiforme, la Società Italiana di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva (Sige), in collaborazione con altre società scientifiche, ha dedicato un documento contenente le Linee guida nazionali, presentato questa mattina nella Sala Caduti di Nassirya del Senato
di V.A.
Malattia di Crohn, prime linee guida Usa su test per monitoraggio infiammazione. AMICI: “Fondamentale garantirli gratis anche in Italia”
La ricerca dei biomarcatori presenti nel sangue e nelle feci entra nelle nuove linee guida appena pubblicate dall’American Gastroenterological Association (AGA) per aiutare, in modo mini-invasivo, i pazienti con malattia di Crohn a monitorare e gestire la loro condizione. Negli Stati Uniti viene dunque riconosciuta ufficialmente l'utilità e la necessità di test del sangue e delle feci per monitorare e valutare se la malattia è attiva o in remissione. Le nuove linee guida sono state pubblicate dalla rivista Gastroenterology e vengono oggi rilanciate da AMICI Italia
Dall’Istituto Superiore di Sanità nuove linee guida sull’autismo
L’ISS ha pubblicato il testo completo della Linea Guida sulla diagnosi e il trattamento del disturbo dello spettro autistico in bambini e adolescenti che include 27 raccomandazioni e 1 indicazione di buona pratica clinica che gli esperti hanno formulato sulla base della letteratura più aggiornata e della loro esperienzanprofessionale e personale
Responsabilità medica: Fondazione Italia in Salute, via a tavolo per un «tagliando» della Legge 24
Dagli accertamenti tecnici preventivi alla conciliazione obbligatoria fino alla gradazione della colpa in ambito penale, al ruolo degli audit clinici, alle ipotesi di costituzione di un fondo per l'alea terapeutica e l'importanza delle linee guida. Questi sono alcuni dei temi emersi dal tavolo tecnico voluto dalla Fondazione Italia in Salute per una revisione della legge sulla Responsabilità medica (Legge 24/2017)
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...