Lavoro 23 Giugno 2021 11:58

Legge Gelli: i requisiti minimi di garanzia delle polizze assicurative

Nella bozza del decreto attuativo è previsto il diritto di rivalsa nei confronti del professionista sanitario che non ha regolarmente assolto l’obbligo formativo

La bozza del decreto attuativo della legge Gelli sui requisiti minimi di garanzia delle polizze assicurative per le strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private e per gli esercenti le professioni sanitarie è ancora ferma in Conferenza Stato-Regioni.

Il Professor Stefano d’Errico, medico legale presso l’Istituto di medicina legale dell’Università degli studi di Trieste, ha approfondito il tema nel corso del webinar promosso dal provider Ecm di Consulcesi Club a cura della professoressa Paola Frati e del professor Vittorio Fineschi.

La bozza del decreto: prevista la rivalsa verso i professionisti sanitari non in regola con la formazione

«Tra le principali novità che riguardano le strutture sanitarie pubbliche e private e i liberi professionisti – spiega D’Errico a Sanità Informazione – al di là dell’obbligatorietà della polizza per colpa grave per tutti i professionisti sanitari, c‘è la possibilità di individuare delle classi di rischio in funzione della specifica disciplina e la previsione della copertura dell’intero importo in caso di responsabilità».

L’altro aspetto da menzionare riguarda il legame con l’assolvimento dell’obbligo di formazione continua in medicina da parte dei professionisti sanitari. «Il legislatore sembrerebbe vincolare la copertura assicurativa, che nel caso dei dipendenti sanitari del SSN sarebbe in relazione alla colpa grave, all’aver atteso, nell’ultimo triennio, tutti gli obblighi formativi che la normativa prevede. Per questa tipologia di polizza – precisa il professore – il diritto di rivalsa può essere esercitato nei confronti dell’assicurato qualora l’esercente la professione sanitaria non abbia regolarmente assolto l’obbligo formativo e di aggiornamento previsto per l’Ecm nel triennio precedente la data del fatto generatore di responsabilità. Per le strutture e i liberi professionisti, invece, il mancato raggiungimento dei crediti Ecm viene in gioco alla scadenza contrattuale che dovrà prevedere la variazione in aumento o in diminuzione in relazione all’assolvimento dell’obbligo formativo e di aggiornamento Ecm» evidenzia.

Il richiamo all’obbligo di formazione continua per tutti i professionisti sanitari, anche quelli dipendenti delle strutture, secondo il professore è positivo, «perché è evidente che un buon professionista, oggi, non può prescindere da un percorso formativo continuo che lo tenga aggiornato rispetto alle principali tematiche che riguardano la propria disciplina. È anche vero che assolvere agli obblighi formativi, soprattutto per un medico dipendente del SSN, diventa sempre più difficile a causa di carenze organizzative e turni massacranti».

«Giusto favorire un percorso formativo corretto»

«É giusto favorire un percorso formativo corretto previsto non solo dalla norma ma da un obbligo deontologico che abbiamo nei confronti dei pazienti – aggiunge il professore -. È nostro dovere fornire una prestazione sanitaria in linea con le più aggiornate evidenze scientifiche». Secondo il professore, quindi, «il premio di polizza potrà essere modulato rispetto all’assolvimento degli obblighi formativi, ma è necessario anche verificare la qualità della formazione del professionista sanitario» conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Le Federazioni degli Ordini sanitarie verso l’adozione di un’unica carta etica. Fondamentale l’aggiornamento continuo
Al Forum Risk Management in sanità la terza Conferenza nazionale sulla vulnerabilità e fragilità
PharmExpo 2021, a Napoli le nuove frontiere della farmaceutica tra formazione e innovazione
Tre giorni di kermesse con i principali attori del sistema. Protagonisti la farmacia dei servizi e il ruolo centrale del farmacista nel panorama sanitario
Ecm, Foschi (Cic): «Dal Covid grande insegnamento su utilità formazione a distanza»
Tra poco più di un mese scadrà la proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019. Il presidente del Collegio italiano dei chirurghi: «L’invito è tornare ad una vita normale anche professionale. Giusto riprendere verifiche e meccanismi di superamento degli ostacoli»
Legge Gelli, Speranza: «In arrivo i decreti attuativi». Ok anche dalla Conferenza delle Regioni
Il presidente della Fondazione Italia in Salute Federico Gelli al Governo: «Istituire un Fondo pubblico nazionale indennizzi per tutelare i professionisti»
Professioni Sanitarie in Campania, in due atenei mancano i profili nell’organico dei corsi di laurea
L’allarme del presidente Ordine TSRM PSTRP Napoli Avellino Benevento Caserta: «A rischio la validità della formazione nei tirocini professionalizzanti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 2 dicembre, sono 263.601.780 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.226.923 i decessi. Ad oggi, oltre 8 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano