Lavoro 4 Dicembre 2017 16:20

Legge Bilancio: Filippi e Sorrentino (Cgil Medici): «La politica mortifica SSN, medici e operatori emarginati, devono tornare protagonisti»

Difesa dei servizi pubblici e legittimazione dei ruoli professionali, queste le richieste che arrivano dalla Fp Cgil Medici in mobilitazione contro i tagli alla sanità in programma con la Legge Bilancio 2018. Ai nostri microfoni il neoeletto segretario nazionale Andrea Filippi e la Segretaria Nazionale Serena Sorrentino

Legge Bilancio: Filippi e Sorrentino (Cgil Medici): «La politica mortifica SSN, medici e operatori emarginati, devono tornare protagonisti»

«Il nostro Sistema Sanitario Nazionale è fra i migliori al mondo, eppure la politica italiana lo sta mortificando. Oggi si fa risparmio per risparmiare e non per rendere efficienti i servizi, è ora di cambiare le carte in tavola». Lo spiega Andrea Filippi, neoeletto Segretario Nazionale Fp Cgil Medici.

«Come siamo arrivati a questo punto di delegittimazione dei professionisti sanitari e di mortificazione del sistema assistenziale?» sottolinea il nuovo Segretario subentrato a Massimo Cozza che ricopriva il ruolo in Cgil Medici dal 2004. «Il cardine di quello che sta avvenendo in questi anni, il punto più debole di tutte le riforme che ci sono state è proprio questo: la progressiva emarginazione degli operatori, dalla Legge Brunetta in poi, con la perdita del potere contrattuale, con la perdita della possibilità di entrare nei meccanismi di riorganizzazione del lavoro e di organizzazione dei servizi. Un enorme passo avanti era stato fatto con l’accordo del 30 novembre, solo che poi è stato un pò stiepidito con la Legge Madia sul testo unico della pubblica amministrazione. Quello che noi rivendichiamo fortemente della nostro punto di vista dell’Intersindacale e della Cgil è proprio la necessità di rendere protagonisti di nuovo gli operatori».

«Abbiamo denunciato da tempo che c’è una scelta politica ormai perpetuata da anni che favorisce la crescita di un mercato dei servizi privati con il continuo ricorso a forme d’incentivazione e a fondi sanitari integrativi che stanno mettendo in discussione il principio di universalità di accesso al diritto alla salute» interviene Serena Sorrentino, Segretaria Nazionale Cgil. «Questa scelta politica noi non solo non la condividiamo ma pensiamo che quei 10 milioni di cittadini che rinunciano alle cure perché non possono accedere economicamente all’assistenza abbiano bisogno di una risposta in un’altra direzione, chiediamo di ripristinare il finanziamento ordinario al Sistema Sanitario Nazionale ma anche di cambiare il meccanismo su cui si basa la definizione del budget per finanziare il patto per la salute».

LEGGI ANCHE: GRASSELLI (FVM): «SCIOPERIAMO NON SOLO PER IL NOSTRO CONTRATTO, MA PER EVITARE NAUFRAGIO DELLA SANITÀ»

Proprio in questa direzione va la manifestazione organizzata il 12 dicembre che vedrà «tutte le organizzazioni rappresentanti dei medici tra cui la funzione pubblica Cgil – prosegue la Sorrentino – per denunciare il definanziamento strutturale della sanità che oltre a compromettere il rinnovo del contratto per noi rappresenta un grave problema di sistema. Noi vorremmo rilanciare il servizio sanitario pubblico e le scelte che sono state fatte anche con questa Legge di Bilancio che, secondo varie statistiche, porterà la spesa in percentuale al Pil sotto il 6,50% entro il 2020. Questo elemento probabilmente metterà a rischio i Lea e porterà in futuro una riduzione sempre maggiore dell’opportunità per i cittadini di accedere al diritto alla salute e alle prestazioni».

 

Articoli correlati
Il caso degli embriologi clinici: protagonisti della PMA ma orfani di una specializzazione
SIRU, Biologi e CGIL al lavoro per il riconoscimento professionale della categoria
Smi, Cgil Medici e Simet a Speranza: «Rilanciare medicina generale con contratto innovativo e dignitoso»
Pina Onotri, Andrea Filippi e Mauro Mazzoni, in rappresentanza dei tre sindacati, scrivono una lettera al Ministro della Salute sul contratto dei MMG e sul Pnrr
Chi soccorre il 118? Fotografia di un sistema a geometria variabile
Il racconto di Andrea Filippi (Fp Cgil Medici), Alessandro Vergallo (Aaroi-Emac), Cristina Girardet (Usb) e Maurizio Borgese (SMI)
di Peter D'Angelo
Legge di Bilancio 2021, tutte le reazioni. Anelli (FNOMCeO) critico: «Insufficiente l’attenzione alla sanità»
«Ci aspettavamo molto di più - spiega Anelli - contrari agli specializzandi senza compenso per vaccinazione Covid». Fials e assistenti sanitari plaudono indennità professioni sanitarie. Federazione Alzheimer Italia: «Finanziamento Piano Nazionale Demenze primo passo per dare il via a interventi concreti»
Università, Fp Cgil Medici: «Sbloccare procedure per immatricolazione medici specializzandi»
Il segretario Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn, Andrea Filippi: «L'ennesimo quiz sbagliato nel test di ammissione alle scuole di specializzazione e che ha generato un altro fiume di ricorsi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa