Lavoro 4 dicembre 2017

Legge Bilancio: Filippi e Sorrentino (Cgil Medici): «La politica mortifica SSN, medici e operatori emarginati, devono tornare protagonisti»

Difesa dei servizi pubblici e legittimazione dei ruoli professionali, queste le richieste che arrivano dalla Fp Cgil Medici in mobilitazione contro i tagli alla sanità in programma con la Legge Bilancio 2018. Ai nostri microfoni il neoeletto segretario nazionale Andrea Filippi e la Segretaria Nazionale Serena Sorrentino

Immagine articolo

«Il nostro Sistema Sanitario Nazionale è fra i migliori al mondo, eppure la politica italiana lo sta mortificando. Oggi si fa risparmio per risparmiare e non per rendere efficienti i servizi, è ora di cambiare le carte in tavola». Lo spiega Andrea Filippi, neoeletto Segretario Nazionale Fp Cgil Medici.

«Come siamo arrivati a questo punto di delegittimazione dei professionisti sanitari e di mortificazione del sistema assistenziale?» sottolinea il nuovo Segretario subentrato a Massimo Cozza che ricopriva il ruolo in Cgil Medici dal 2004. «Il cardine di quello che sta avvenendo in questi anni, il punto più debole di tutte le riforme che ci sono state è proprio questo: la progressiva emarginazione degli operatori, dalla Legge Brunetta in poi, con la perdita del potere contrattuale, con la perdita della possibilità di entrare nei meccanismi di riorganizzazione del lavoro e di organizzazione dei servizi. Un enorme passo avanti era stato fatto con l’accordo del 30 novembre, solo che poi è stato un pò stiepidito con la Legge Madia sul testo unico della pubblica amministrazione. Quello che noi rivendichiamo fortemente della nostro punto di vista dell’Intersindacale e della Cgil è proprio la necessità di rendere protagonisti di nuovo gli operatori».

«Abbiamo denunciato da tempo che c’è una scelta politica ormai perpetuata da anni che favorisce la crescita di un mercato dei servizi privati con il continuo ricorso a forme d’incentivazione e a fondi sanitari integrativi che stanno mettendo in discussione il principio di universalità di accesso al diritto alla salute» interviene Serena Sorrentino, Segretaria Nazionale Cgil. «Questa scelta politica noi non solo non la condividiamo ma pensiamo che quei 10 milioni di cittadini che rinunciano alle cure perché non possono accedere economicamente all’assistenza abbiano bisogno di una risposta in un’altra direzione, chiediamo di ripristinare il finanziamento ordinario al Sistema Sanitario Nazionale ma anche di cambiare il meccanismo su cui si basa la definizione del budget per finanziare il patto per la salute».

LEGGI ANCHE: GRASSELLI (FVM): «SCIOPERIAMO NON SOLO PER IL NOSTRO CONTRATTO, MA PER EVITARE NAUFRAGIO DELLA SANITÀ»

Proprio in questa direzione va la manifestazione organizzata il 12 dicembre che vedrà «tutte le organizzazioni rappresentanti dei medici tra cui la funzione pubblica Cgil – prosegue la Sorrentino – per denunciare il definanziamento strutturale della sanità che oltre a compromettere il rinnovo del contratto per noi rappresenta un grave problema di sistema. Noi vorremmo rilanciare il servizio sanitario pubblico e le scelte che sono state fatte anche con questa Legge di Bilancio che, secondo varie statistiche, porterà la spesa in percentuale al Pil sotto il 6,50% entro il 2020. Questo elemento probabilmente metterà a rischio i Lea e porterà in futuro una riduzione sempre maggiore dell’opportunità per i cittadini di accedere al diritto alla salute e alle prestazioni».

 

Articoli correlati
Contratto medici, sindacati soddisfatti da incontro Funzione Pubblica, ma per ora scioperi confermati
Un emendamento al decreto Semplificazione, in discussione al Senato martedì 22, posticiperà gli effetti del comma 687 della legge di Bilancio al contratto 2019-2021. Ma rimane il nodo della RIA, su cui c'è il blocco del ministero dell'Economia
Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»
Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano
Legge di Bilancio, educatori socio-pedagogici potranno lavorare anche nelle strutture sanitarie. Ascani (PD): «Sanità italiana ha bisogno di questi professionisti»
«Oggi diamo a queste figure la possibilità di spendersi nei presidi socio-sanitari e quindi finalmente diamo lo sbocco che quell’indirizzo avrebbe dovuto avere sin dall’inizio» sottolinea la deputata del Partito democratico che boccia la manovra: «Serviva più attenzione alle persone fragili, alle famiglie che sono più in difficoltà, ai portatori di disabilità»
Liste d’attesa, Bologna (M5S): «Ora Dg saranno valutati anche per questo. Sanità più trasparente e funzionale ci aiuterà a prevenire anche le aggressioni»
In legge di Bilancio previsti 350 milioni di euro per contrastare le lunghe attese. La neurologa Cinque Stelle annuncia: «Con Dl Fiscale altri fondi per la digitalizzazione»
Pubblicità sanitaria, stop a spot “promozionali o suggestivi”. Boldi (Lega): «Indurre scelta su basi propagandistiche danneggia utenti»
Passato in manovra l’emendamento proposto della deputata leghista Rossana Boldi che ‘depotenzia’ la legge Bersani sulla comunicazione sanitaria. In caso di violazioni il testo prevede che gli ordini professionali procedano in via disciplinare nei confronti dei professionisti o delle società iscritti segnalando tali violazioni all'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano