Lavoro 12 Luglio 2019 11:54

L’ISMETT di Palermo compie 20 anni. Il direttore sanitario Di Benedetto: «L’informatizzazione il nostro punto di forza»

Abbiamo visitato i reparti dell’ISMETT, centro di eccellenza per i trapianti e punto di riferimento per tutto il bacino del Mediterraneo. Per i prossimi 10 anni, continuerà ad essere co-gestito dalla Regione Sicilia e dal centro medico dell’Università di Pittsburgh. Un partner privato che, a detta della dottoressa Di Benedetto, «fa la differenza»

L’ISMETT di Palermo compie 20 anni. Il direttore sanitario Di Benedetto: «L’informatizzazione il nostro punto di forza»

Tra pochi giorni, l’ISMETT di Palermo festeggerà i 20 anni dal primo intervento. Era il 31 luglio 1999 quando Ignazio Marino, oggi forse più conosciuto per i suoi trascorsi in politica, eseguì il primo trapianto di fegato in Sicilia. Prima di allora, i pazienti dell’isola che necessitavano di un trapianto venivano trasferiti a Bruxelles. Ma gli organi erano pochi, e il Belgio iniziò a chiudere le porte agli italiani, dando la precedenza ai propri cittadini e ai cugini francesi. Inoltre, continuare a mandare fuori Regione e fuori Italia i siciliani che avevano bisogno del trapianto rappresentava un costo non indifferente per il Sistema sanitario regionale. Un gruppo di epatologi dell’ospedale “Cervello” di Palermo, guidato dal professor Luigi Pagliaro, contattò quindi l’University of Pittsburgh Medical Center (UPMC), che aveva inventato la tecnica del trapianto, per proporre di realizzare a Palermo un centro trapianti.

LEGGI ANCHE: #DESTINAZIONESANITÀ IN SICILIA. TRA IMMOBILISMO E MOBILITA’, STABILIZZAZIONI E PRECARIETÀ, ECCELLENZA E STANCHEZZA

Da allora, all’ISMETT (Istituto mediterraneo per i trapianti e le terapie ad alta specializzazione) sono stati compiuti oltre mille trapianti; continuano ad essere eseguite terapie ad alta specializzazione e procedure mininvasive che riguardano fegato, cuore, reni, polmone e pancreas; l’Istituto è diventato un centro di eccellenza ed un punto di riferimento per tutto il bacino del Mediterraneo; è accreditato alla Joint Commission, cosa che significa aderire a più di 300 standard e a 1200 elementi misurabili che riguardano la cura e la qualità dei servizi erogati ai pazienti; è diventato un Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS), e UPMC e Regione Sicilia hanno deciso di continuare a lavorare insieme per i prossimi dieci anni per gestirlo e potenziarlo.

L’UPMC continua infatti ad essere il socio istituzionale dell’ISMETT. I circa 110 medici e 300 infermieri che vi lavorano sono dipendenti dell’università di Pittsburgh. Un partner privato «che fa la differenza», commenta a Sanità Informazione il direttore sanitario Cinzia Di Benedetto, che ci ha fatto visitare i reparti della struttura.

Un Istituto privato accreditato con il Servizio sanitario regionale, quindi, cui i cittadini possono accedere richiedendo una prima visita ambulatoriale, pagando solo il ticket. «Sarà poi il medico specialista – spiega la dottoressa Di Benedetto – a decidere se inserire o meno il paziente in lista d’attesa, seguendo le classi di priorità e l’urgenza clinica previste dalla normativa. In caso di ricovero o per il day hospital, invece, non c’è il ticket».

A detta della dottoressa Di Benedetto, è l’informatizzazione il punto di forza del modello organizzativo dell’ISMETT: «Probabilmente un elemento non ancora comune a tutte le strutture, ma su cui il centro medico dell’università di Pittsburgh ha investito molto sin dalla nascita dell’Istituto. L’informatizzazione consente infatti da un lato di migliorare la qualità delle cure erogate al paziente, e dall’altro rende possibile un’analisi dettagliata dei costi».

Da un’indagine sul benessere aziendale dei dipendenti, infine, sono emersi risultati positivi: «Abbiamo anche avviato una serie di programmi di riconoscimento del personale, come il premio Aces, destinato al miglior dipendente ISMETT UPMC che si è distinto nel corso dell’anno per impegno, passione e aderenza ai valori dell’Istituto. Con il Daisy Award, invece, ogni tre mesi premiamo il miglior infermiere, che viene però scelto dai pazienti e dai loro familiari. Per noi ha quindi più valore», conclude la dottoressa Di Benedetto.

Articoli correlati
Trapianti, Biotest dona 100mila euro al CNT. L’Ad Audisio: «Scienza fatta con passione vince sempre»
Un aiuto al mondo dei trapianti, che ha subito una leggera flessione durante la pandemia. Biotest Italia, che opera da anni in questo campo, dona 100mila euro. Con l'Ad Silvio Audisio parliamo del ruolo delle case farmaceutiche in questo momento storico
Trapianti, Carletti (Aned): «Numeri ridotti per pandemia e vaccini mal distribuiti, Ssn deve cambiare»
Con il segretario dell'Associazione emo-dializzati Lazio parliamo di trapianti e pandemia: le operazioni rimandate, le differenze regionali sui vaccini e le richieste urgenti che la comunità di pazienti rivolge al Sistema sanitario
Trapianti, Spada (Bambino Gesù): «Nel 2020 flessione del 10%. Ora vaccinare chi è in lista d’attesa»
Il professor Spada, responsabile della Chirurgia epato-bilio-pancreatica al Bambino Gesù, parla dell'attività di trapianti in Italia durante la pandemia e dell'importanza che ha avuto l'organizzazione per non ritardare le operazioni salvavita
Al Policlinico di Milano un trapianto domino di fegato salva due vite
L’intervento durato 18 ore ha coinvolto 40 professionisti ed è stato coordinato dal professor Rossi, direttore di Chirurgia Generale: «Lavoro eccezionale perché eseguito in un momento critico per la sanità. Nonostante l’emergenza Covid, tutto l’ospedale coinvolto nella lunga maratona per il doppio trapianto»
di Federica Bosco
Trapianti, da Biotest Italia 100mila euro per sostenere donazione di organi e tessuti ai tempi del Covid
I fondi serviranno a supportare i pazienti attraverso progetti delle associazioni della Rete trapianti. L’azienda ha poi donato il LegoWall “Be a donor. Be a hero” dell’artista Ale Giorgini, che rappresenta simbolicamente il valore della donazione, all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 160.469.865 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.331.823 i decessi. Ad oggi, oltre 1,35 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...