Lavoro 12 Luglio 2019

L’ISMETT di Palermo compie 20 anni. Il direttore sanitario Di Benedetto: «L’informatizzazione il nostro punto di forza»

Abbiamo visitato i reparti dell’ISMETT, centro di eccellenza per i trapianti e punto di riferimento per tutto il bacino del Mediterraneo. Per i prossimi 10 anni, continuerà ad essere co-gestito dalla Regione Sicilia e dal centro medico dell’Università di Pittsburgh. Un partner privato che, a detta della dottoressa Di Benedetto, «fa la differenza»

Immagine articolo

Tra pochi giorni, l’ISMETT di Palermo festeggerà i 20 anni dal primo intervento. Era il 31 luglio 1999 quando Ignazio Marino, oggi forse più conosciuto per i suoi trascorsi in politica, eseguì il primo trapianto di fegato in Sicilia. Prima di allora, i pazienti dell’isola che necessitavano di un trapianto venivano trasferiti a Bruxelles. Ma gli organi erano pochi, e il Belgio iniziò a chiudere le porte agli italiani, dando la precedenza ai propri cittadini e ai cugini francesi. Inoltre, continuare a mandare fuori Regione e fuori Italia i siciliani che avevano bisogno del trapianto rappresentava un costo non indifferente per il Sistema sanitario regionale. Un gruppo di epatologi dell’ospedale “Cervello” di Palermo, guidato dal professor Luigi Pagliaro, contattò quindi l’University of Pittsburgh Medical Center (UPMC), che aveva inventato la tecnica del trapianto, per proporre di realizzare a Palermo un centro trapianti.

LEGGI ANCHE: #DESTINAZIONESANITÀ IN SICILIA. TRA IMMOBILISMO E MOBILITA’, STABILIZZAZIONI E PRECARIETÀ, ECCELLENZA E STANCHEZZA

Da allora, all’ISMETT (Istituto mediterraneo per i trapianti e le terapie ad alta specializzazione) sono stati compiuti oltre mille trapianti; continuano ad essere eseguite terapie ad alta specializzazione e procedure mininvasive che riguardano fegato, cuore, reni, polmone e pancreas; l’Istituto è diventato un centro di eccellenza ed un punto di riferimento per tutto il bacino del Mediterraneo; è accreditato alla Joint Commission, cosa che significa aderire a più di 300 standard e a 1200 elementi misurabili che riguardano la cura e la qualità dei servizi erogati ai pazienti; è diventato un Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS), e UPMC e Regione Sicilia hanno deciso di continuare a lavorare insieme per i prossimi dieci anni per gestirlo e potenziarlo.

L’UPMC continua infatti ad essere il socio istituzionale dell’ISMETT. I circa 110 medici e 300 infermieri che vi lavorano sono dipendenti dell’università di Pittsburgh. Un partner privato «che fa la differenza», commenta a Sanità Informazione il direttore sanitario Cinzia Di Benedetto, che ci ha fatto visitare i reparti della struttura.

Un Istituto privato accreditato con il Servizio sanitario regionale, quindi, cui i cittadini possono accedere richiedendo una prima visita ambulatoriale, pagando solo il ticket. «Sarà poi il medico specialista – spiega la dottoressa Di Benedetto – a decidere se inserire o meno il paziente in lista d’attesa, seguendo le classi di priorità e l’urgenza clinica previste dalla normativa. In caso di ricovero o per il day hospital, invece, non c’è il ticket».

A detta della dottoressa Di Benedetto, è l’informatizzazione il punto di forza del modello organizzativo dell’ISMETT: «Probabilmente un elemento non ancora comune a tutte le strutture, ma su cui il centro medico dell’università di Pittsburgh ha investito molto sin dalla nascita dell’Istituto. L’informatizzazione consente infatti da un lato di migliorare la qualità delle cure erogate al paziente, e dall’altro rende possibile un’analisi dettagliata dei costi».

Da un’indagine sul benessere aziendale dei dipendenti, infine, sono emersi risultati positivi: «Abbiamo anche avviato una serie di programmi di riconoscimento del personale, come il premio Aces, destinato al miglior dipendente ISMETT UPMC che si è distinto nel corso dell’anno per impegno, passione e aderenza ai valori dell’Istituto. Con il Daisy Award, invece, ogni tre mesi premiamo il miglior infermiere, che viene però scelto dai pazienti e dai loro familiari. Per noi ha quindi più valore», conclude la dottoressa Di Benedetto.

Articoli correlati
«L’operazione a Giovanni Paolo II? Un miracolo». Chi era Gian Carlo Castiglioni, che operò il Papa dopo l’attentato
Lo raccontano la moglie Giovanna e le due figlie. A 26 anni dalla sua scomparsa, il Policlinico Agostino Gemelli di Roma, di cui ha contribuito a costruire i reparti chirurgici e le sale operatorie, ha deciso di dedicare al professor Castiglioni un’aula
Dai trapianti di faccia alla terapia genica, ecco le 10 scoperte che hanno rivoluzionato gli anni Duemila
Quali sono gli eventi e le scoperte scientifiche che hanno rivoluzionato gli ultimi venti anni? A rispondere è la rivista New Scientist
Donazione organi, firmato il regolamento sul Sistema informativo trapianti (Sit). Grillo: «Era atteso da vent’anni»
Il Sit regolamenta la tracciabilità e la trasparenza dell’intero processo di donazione-prelievo-trapianto di organi
Trapianti, Rostan (LeU): «Mancano decreti attuativi per donazione organi, interrogazione al ministro Grillo»
La vicepresidente della Commissione Affari Sociali sostiene la petizione di un gruppo di pazienti dell’ospedale Monaldi di Napoli, in lista di attesa per un trapianto di cuore, che hanno lanciato un appello pubblico che ha raccolto ben 70mila adesioni affinchè si proceda con la piena attuazione della legge 1° aprile 1999, n. 91
Visita all’ospedale Cannizzaro di Catania. Il DG: «Grazie a nostre professionalità, meno siciliani si curano al Nord»
Il direttore generale dell’AO Cannizzaro Salvatore Giuffrida: «A breve saranno pronti i nuovi locali del Pronto soccorso. Le liste d’attesa si combattono anche dialogando con i medici di famiglia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...