Lavoro 22 Settembre 2020

Intelligenza artificiale e medicina: «In Italia ancora troppo poche le competenze nel pubblico»

La rivista Nature fa il punto sulle procedure di clinical trial assistite da algoritmi. Caruso (AISDET): «Vedo rischi nell’uso dei fondi Recovery Plan»

di Tommaso Caldarelli

Medicina e tecnologia, un binomio che è sempre più presente nei discorsi degli addetti ai lavori – e non solo. Con l’epidemia da coronavirus si sono imposti, oltre allo smart working per tanti lavoratori italiani, anche importanti novità nel mondo della sanità, come ad esempio la telemedicina. Uno dei prossimi capitoli dell’innovazione in questo settore è già presente ed è l’utilizzo delle tecnologie di intelligenza artificiale in sanità. Secondo l’autorevole Nature, «i recenti progressi tecnologici negli algoritmi di machine learning e di deep learning, e la loro applicazione nella risoluzione di questioni cliniche, stanno espandendo le possibilità per aumentare i risultati del sistema sanitario e ad oggi rappresentano una importante promessa nella trasformazione della ricerca clinica».

Sono già molti i trial, infatti, che vengono assistiti da algoritmi di intelligenza artificiale: la data-driven healthcare è nelle condizioni di permettere un salto di qualità, soprattutto se le basi dati da analizzare sono molto ampie e l’utilizzo di sistemi di automazione può così permettere un risultato puntuale e significativo. «La ricerca clinica», continua Nature, «è all’alba di una nuova fase dove l’innovazione ha un potenziale enorme per far avanzare i sistemi di cura. Ci sono, tuttavia», ed è il successivo punto da evidenziare, «rischi che devono essere anticipati e passi necessari per assicurare che le soluzioni basate sull’IA mettano al primo posto i bisogni dei pazienti e, così facendo, si guadagnino la fiducia degli utenti». Cosa sta succedendo, allora?

Massimo Caruso è il segretario generale di AISDET, l’Associazione Italiana di Sanità Digitale e Telemedicina; Sanità Informazione l’ha raggiunto al telefono: «Attualmente manca una regia sia pubblica che sanitaria riguardo l’utilizzo dell’intelligenza artificiale in sanità», ci spiega: «Si procede a macchia di leopardo e senza linee guida approvate, molto spesso è tutto lasciato nelle mani del comparto informatico che, avendo le competenze per capire su cosa sta operando, viene giudicato più efficiente. Ma è un errore». Si tratta, in effetti, proprio del rischio evidenziato da Nature che con la sua pubblicazione propone che si arrivi ad un consenso su di un protocollo con parametri specifici per l’utilizzo della AI nelle procedure sanitarie. «L’approccio per così dire informatico al dato», continua Caruso, «rischia di essere troppo tetragono e troppo decontestualizzato rispetto alla complessità del sistema sanitario. Le basi di dati in possesso delle amministrazioni sanitarie devono essere utilizzate con un obiettivo ed è necessario avere un pensiero digitale».

Due esempi: «Prendiamo la recente digitalizzazione delle ricette sanitarie. Ci sono molti presidi sanitari, molte Aziende Sanitarie che hanno scambiato la scannerizzazione della ricetta classica per una digitalizzazione; con l’arrivo della ricetta dematerializzata ora tutto questo lavoro si può prendere e buttare, è inservibile, anche perché da una scansione io non ho alcuna possibilità di ricavare un dato manipolabile. Pensiamo poi ai piani di telemedicina: le regioni hanno dato mandato alle aziende sanitarie di sviluppare i loro piani, ma molto spesso è come parlare nel deserto se le ASL non hanno in pancia le competenze necessarie ad interpretare questi nuovi linguaggi. Su questo, fra l’altro, io vedo un grosso rischio nell’utilizzo dei fondi del Recovery Plan europeo».

Il problema è, sostiene Caruso, che ad oggi il “motore dell’innovazione digitale” risiede nelle industrie, «che hanno ovviamente fondi e professionalità per promuoverlo – anche se alcuni progetti molto mediatizzati globalmente hanno dato poi risultati sinceramente inferiori alle aspettative; e marginalmente nel mondo universitario, certo non nel livello amministrativo e gestionale della sanità. Non esiste in Italia un’autorità di governo e coordinamento di questi processi, un passo avanti si è fatto con l’Agenzia per l’Italia Digitale AGID, ma le procedure sono ancora complesse e farraginose. Sarebbe invece necessario», continua, «reingegnerizzare completamente i sistemi. Io, responsabile ricerca, io direttore generale di una ASL, devo percepire quanto sia importante il flusso dati all’interno della struttura su cui lavoro e devo poter avere quei dati formattati in un certo modo e utilizzabili per il mio territorio. Servono più competenze nel settore pubblico, serve uno scatto di velocità nel rapporto fra amministrazioni dello stato e università, meno elefantiasi e più attitudine a comprendere che il digitale non è uno strumento, ma un ambiente in cui si costruiscono relazioni».

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Terapie intensive Covid. Reverberi (logopedista): «Tra i nuovi pazienti diminuiscono i casi di disfagia»
I risultati della fase 2. La logopedista: «I pazienti con disfagia sono riusciti rapidamente a riprendere l’alimentazione per bocca. Meno incoraggianti, invece, i risultati per coloro che non hanno contratto il virus, ma che hanno dovuto interrompere cure e percorsi riabilitativi a causa del lockdown»
di Isabella Faggiano
Identificato e colpito il tallone di Achille del SARS-CoV-2. Lo studio della Sapienza
I risultati del lavoro, in pubblicazione sulla rivista Pharmacological Research, aprono la strada a strategie innovative per la terapia medica di questo tipo di infezioni virali
Torna la conferenza Iss-Ministero Salute. Brusaferro: «Continuando così mancheranno posti per altri malati in intensiva »
21.994 nuovi casi e 221 morti in Italia nelle ultime 24 ore. Il tasso di incidenza è alto in tutto il Paese: «Preservare gli anziani e i fragili o decessi cresceranno»
Seconda ondata, quali errori sul territorio? La risposta di FIMMG
La riorganizzazione della medicina generale, la gestione della domiciliarità e le Usca. Il quadro tracciato dal Vicesegretario FIMMG, Domenico Crisarà
Nuovo DPCM, cosa pensa il mondo sanitario delle ultime misure del Governo?
Abbiamo chiesto a Palermo (Anaao), Cricelli (SIMG) e Vergallo (Aaroi-Emac) come valutano le decisioni prese dal Governo per limitare il contagio. Ecco cosa ci hanno risposto
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...