Lavoro 6 Febbraio 2019

In Italia sempre meno chirurghi, Schillaci (Tor Vergata): «Necessario ricreare rapporto di fiducia tra medico e paziente»

Il Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia all’Università Tor Vergata di Roma spiega ai nostri microfoni cosa bisogna fare per superare la “crisi di vocazione” in atto in Italia

Immagine articolo

La chirurgia è una parte fondamentale della medicina ma da qualche anno a questa parte si sta registrando un trend negativo per quanto riguarda il numero di medici che decidono di specializzarsi in questa disciplina. Una delle colpe di questa “crisi di vocazione” è rappresentata dall’aumento dei contenziosi aperti da pazienti che ritengono di essere stati vittima di un episodio di malpractice. E poco importa che nella stragrande maggioranza dei casi questi processi si concludono con l’assoluzione del professionista sanitario. Premi assicurativi alle stelle e la costante paura di sbagliare o di essere chiamati dal giudice senza aver commesso nulla di sbagliato rappresentano un grosso freno a chi vorrebbe intraprendere questa carriera. I chirurghi sono una delle categorie più esposte a questo tipo di problema, e in tanti rinunciano in partenza al loro sogno. Ma cosa si può fare per invertire la tendenza? Lo abbiamo chiesto ad Orazio Schillaci, Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia all’Università Tor Vergata.

Professore, sono sempre più pochi i medici che scelgono di specializzarsi in chirurgia. Perché avviene questo fenomeno e cosa si può fare per contrastarlo?

«La chirurgia rappresenta da sempre una parte fondamentale delle scuole di specializzazione di medicina. Penso che dare percorsi formativi migliori e far sì che i giovani chirurgi si sentano protetti in quella che è la loro attività sia indispensabile per far crescere le vocazioni verso questa disciplina insostituibile».

LEGGI ANCHE: ARBITRATO DELLA SALUTE, LA TORRE (COLLEGIO CHIRURGHI): «LEGGE GELLI NON STA FUNZIONANDO, POSITIVA IDEA DI UNA CAMERA DI COMPENSAZIONE»

Uno di questi problemi è il rischio del contenzioso. Una petizione lanciata proprio in questi giorni, e che ha raccolto migliaia di adesioni, è volta all’istituzione di una camera di compensazione che possa sminare questo contenzioso, che quasi sempre si conclude con l’assoluzione del medico. Lei pensa possa essere una buona soluzione?

«Si, credo che sia uno strumento utile perché bisogna risolvere le controversie anche nell’interesse dei pazienti. È necessario ricreare, tra medico e paziente, un rapporto di fiducia. Si tratta di un aspetto fondamentale perché il medico è una persona che aiuta il paziente a superare i suoi problemi di salute. Questi contenziosi vanno in qualche modo risolti e tutto riportato ad uno stato di normalità».

Articoli correlati
Obesità, Foschi (Sicob): «È una malattia cronica, e va affrontata come tale»
Il presidente eletto della Società italiana di chirurgia dell’obesità e delle malattie metaboliche: «Bisogna ricorrere alla chirurgia solo se non c’è altra soluzione»
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Casa di Cura La Madonnina, prima struttura privata lombarda a dotarsi di una colonna con la fluorescenza
Per la prima volta in una struttura privata lombarda approda un’apparecchiatura innovativa che permette ai chirurghi di “vedere l’invisibile”. La Casa di Cura La Madonnina, afferente al Gruppo San Donato, ha infatti acquistato una colonna con la fluorescenza, destinata principalmente alla chirurgia laparoscopica e basata sul principio della fluorescenza, che utilizza le proprietà di alcune […]
Obesità, la ricetta di Pierpaolo Sileri: «Educazione nelle scuole e approccio multidisciplinare per contrastarla. In futuro valutare l’ingresso nei LEA»
Il Presidente della Commissione Sanità di Palazzo Madama ha organizzato un incontro in Senato con società scientifiche e associazioni dei pazienti dal titolo “L’obesità, una malattia da prevenire e curare”
Labbro leporino, la missione umanitaria in Senegal diventa un docu-film. Il chirurgo Maestrini: «Così regaliamo un sorriso ai più piccoli»
Il giovane medico è il protagonista della pellicola “Sulla strada giusta - rinascere medico in Senegal”, dedicata alla missione chirurgica della Onlus Emergenza Sorrisi e prodotta in collaborazione con il provider ECM 2506 Sanità in-Formazione ed il sostegno di Consulcesi Onlus. Il 7 marzo a Roma la presentazione
Ecco il guanto sensorizzato che insegna ad operare, valuta la funzionalità della mano e traduce la lingua dei segni
Sembra uscito da un film di supereroi, il guanto ‘sensorizzato’ inventato dal professor Giovanni Saggio dell’università Tor Vergata di Roma. A vederlo sembra un guanto comune, ma è l’unico in grado di misurare i movimenti della mano, valutando ogni singola articolazione delle dita. Può pilotare a distanza una mano robotica e controllare oggetti virtuali, può […]