Lavoro 8 Agosto 2019

Ginecologia, la professoressa Caserta: «Gravidanza e parto siano trattati come eventi fisiologici»

La direttrice della UOC di Ginecologia dell’Ospedale Sant’Andrea di Roma contro la medicina difensiva. E sfata le fake news più comuni sulla gravidanza: «Non è vero che la donna incinta deve mangiare per due»

di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

Recuperare la naturalità della gravidanza e del parto, senza ricorrere alla medicina difensiva e senza spaventare i genitori. È il consiglio che la direttrice della UOC di Ginecologia dell’Ospedale Sant’Andrea di Roma Donatella Caserta dà ai suoi colleghi. Se da un lato infatti il ginecologo è uno degli specialisti a maggior rischio di contenzioso, la professoressa Caserta ricorda che «le gravidanze devono essere seguite per quello che sono: un evento fisiologico da monitorare con attenzione».

LEGGI ANCHE: RISCHIO CLINICO E CONTENZIOSO, PAOLA FRATI (MEDICINA LEGALE): «PROMUOVERE FORMAZIONE DI QUALITÀ PER IMPLEMENTARE BUONE PRATICHE»

Professoressa Caserta, perché Ostetricia e Ginecologia è una delle specialità a più alto rischio clinico?

«Per tanti motivi. Innanzitutto perché si ha a che fare con una donna ed un feto. Poi perché si tende ad avere sempre meno figli. In un Paese con una denatalità molto elevata come l’Italia, si ha un’aspettativa altissima per la gravidanza della donna, che spesso ne porta avanti solo una. Inoltre l’età in cui le donne decidono di avere un bambino è sempre più avanzata, di conseguenza i rischi della gravidanza aumentano. Quindi, visto che le aspettative sono tante e le variabili sono molte di più rispetto a qualunque altra specialità, la nostra diventa una specialità a rischio».

E questo può portare all’aumento del ricorso alla medicina difensiva…

«Le gravidanze devono essere seguite per quello che sono: un evento naturale e fisiologico da monitorare con grande attenzione. Non si deve pensare di far tutto ciò che potrebbe evitare problematiche medico-legali. Si fa quello che si deve fare in maniera corretta e facendo partecipare anche i genitori alle decisioni. Senza spaventarli ma rassicurandoli».

In questo momento si predilige il parto naturale o il parto cesareo? Qual è la tendenza?

«Come dicevo, si dovrebbero recuperare la fisiologia e la naturalità della gravidanza e del parto, rispettando i tempi che la natura ha previsto per l’evoluzione del travaglio. Poi ci sono casi in cui gravidanze che sono state assolutamente regolari si complichino proprio al momento del parto a causa di variabili legate ad esempio all’età della donna o ad alcune morbilità che prima non erano state evidenti e che determinano una decisione diversa».

Parlava del ruolo dei genitori: quali sono le domande più frequenti che le sottopongono durante la gravidanza e le fake news a cui molti ancora credono?    

«La prima fake news che ancora resiste è quella di dover mangiare per due: non è così, bisogna solo mangiare due volte meglio. Poi c’è chi crede che le donne in gravidanza non possano guidare, fare attività fisica o lavorare: ovviamente dipende dal tipo di lavoro e da come la gravidanza sta procedendo, ma in linea di massima sono tutte fake news».

LEGGI ANCHE: ALIMENTAZIONE E GRAVIDANZA, DA IVI I CONSIGLI PER LE FUTURE E NEO MAMME

Articoli correlati
Al via il 14° Forum Risk Management. Giannotti: «Ministro lancerà tavolo permanente con le professioni sanitarie»
“La sanità che cambia” è il titolo dell’edizione di quest’anno che si svolge alla Fortezza di Basso di Firenze e che vedrà oltre 1300 relatori. Tra le novità la prima Conferenza nazionale della fragilità
Giornata contro la violenza sulle donne, le ostetriche: il 30% dei maltrattamenti ha inizio in gravidanza
Aumentano negli ultimi cinque anni le violenze sessuali denunciate: 4.886 unità nel 2018, con una crescita del 5,4% sul 2017. La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica (FNOPO): «Ostetriche da sempre sentinelle di episodi di violenza»
Influenza, per i neonati è prima causa di ospedalizzazione. Waidid: «Vaccino unico strumento di prevenzione»
L'Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici (WAidid) sottolinea come l'immunizzazione in gravidanza contro l'influenza rappresenti l'unica arma in grado di proteggere il neonato e il lattante fino a 6 mesi di età
Gravidanza, FNOPO: «Vaccinazioni contro l’influenza e acido folico fondamentali per salute delle donne e dei nascituri»
La FNOPO, anche quest’anno si associa al messaggio delle altre professioni sanitarie, medici di famiglia, ginecologi e pediatri, affinché «si comprenda che non sono i vaccini a dover far paura, ma al contrario si devono temere le malattie, e le loro possibili complicanze»
Responsabilità professionale, Frati: «Documentazione sanitaria dimostra la competenza del medico e aiuta difesa»
La professoressa Paola Frati, Professore Ordinario di Medicina Legale alla Sapienza di Roma, ha fatto il punto su criticità e nuove prospettive della Legge Gelli a margine del 121° Congresso Nazionale della Società Italiana di Chirurgia
di Cesare Buquicchio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...
Formazione

Triennio Ecm in scadenza, Speranza: «Nella riforma del Ssn ruolo fondamentale avrà la formazione»

Presidente della Commissione Ecm, il Ministro della Salute Roberto Speranza ha posto l’accento sull’importante ruolo dell’aggiornamento professionale: «Do un grande peso alla formazione continu...