Salute 8 Agosto 2019 11:27

Ginecologia, la professoressa Caserta: «Gravidanza e parto siano trattati come eventi fisiologici»

La direttrice della UOC di Ginecologia dell’Ospedale Sant’Andrea di Roma contro la medicina difensiva. E sfata le fake news più comuni sulla gravidanza: «Non è vero che la donna incinta deve mangiare per due»

di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Ginecologia, la professoressa Caserta: «Gravidanza e parto siano trattati come eventi fisiologici»

Recuperare la naturalità della gravidanza e del parto, senza ricorrere alla medicina difensiva e senza spaventare i genitori. È il consiglio che la direttrice della UOC di Ginecologia dell’Ospedale Sant’Andrea di Roma Donatella Caserta dà ai suoi colleghi. Se da un lato infatti il ginecologo è uno degli specialisti a maggior rischio di contenzioso, la professoressa Caserta ricorda che «le gravidanze devono essere seguite per quello che sono: un evento fisiologico da monitorare con attenzione».

LEGGI ANCHE: RISCHIO CLINICO E CONTENZIOSO, PAOLA FRATI (MEDICINA LEGALE): «PROMUOVERE FORMAZIONE DI QUALITÀ PER IMPLEMENTARE BUONE PRATICHE»

Professoressa Caserta, perché Ostetricia e Ginecologia è una delle specialità a più alto rischio clinico?

«Per tanti motivi. Innanzitutto perché si ha a che fare con una donna ed un feto. Poi perché si tende ad avere sempre meno figli. In un Paese con una denatalità molto elevata come l’Italia, si ha un’aspettativa altissima per la gravidanza della donna, che spesso ne porta avanti solo una. Inoltre l’età in cui le donne decidono di avere un bambino è sempre più avanzata, di conseguenza i rischi della gravidanza aumentano. Quindi, visto che le aspettative sono tante e le variabili sono molte di più rispetto a qualunque altra specialità, la nostra diventa una specialità a rischio».

E questo può portare all’aumento del ricorso alla medicina difensiva…

«Le gravidanze devono essere seguite per quello che sono: un evento naturale e fisiologico da monitorare con grande attenzione. Non si deve pensare di far tutto ciò che potrebbe evitare problematiche medico-legali. Si fa quello che si deve fare in maniera corretta e facendo partecipare anche i genitori alle decisioni. Senza spaventarli ma rassicurandoli».

In questo momento si predilige il parto naturale o il parto cesareo? Qual è la tendenza?

«Come dicevo, si dovrebbero recuperare la fisiologia e la naturalità della gravidanza e del parto, rispettando i tempi che la natura ha previsto per l’evoluzione del travaglio. Poi ci sono casi in cui gravidanze che sono state assolutamente regolari si complichino proprio al momento del parto a causa di variabili legate ad esempio all’età della donna o ad alcune morbilità che prima non erano state evidenti e che determinano una decisione diversa».

Parlava del ruolo dei genitori: quali sono le domande più frequenti che le sottopongono durante la gravidanza e le fake news a cui molti ancora credono?    

«La prima fake news che ancora resiste è quella di dover mangiare per due: non è così, bisogna solo mangiare due volte meglio. Poi c’è chi crede che le donne in gravidanza non possano guidare, fare attività fisica o lavorare: ovviamente dipende dal tipo di lavoro e da come la gravidanza sta procedendo, ma in linea di massima sono tutte fake news».

LEGGI ANCHE: ALIMENTAZIONE E GRAVIDANZA, DA IVI I CONSIGLI PER LE FUTURE E NEO MAMME

Articoli correlati
“Alliance for woman’s Health”: per la cura della donna non solo farmaci
Per la prima volta gli esperti mondiali sulla ricerca dell’inositolo (EGOI) partecipano al congresso congiunto della Società Italiana di Fitoterapia e Integratori Ostetricia e Ginecologia (SIFIOG) e l’International Society of Dietary Supplements and Phytotherapy (ISDSP). Molte patologie ostetrico-ginecologiche richiedono, ormai, un approccio integrato
Medicina legale, Frati: «Settore in evoluzione, tra nuove problematiche e novità legislative»
La professoressa Paola frati presenta il convegno «Problematiche attuali della medicina legale: contenzioso, assicurazione e autoritenzione», che si terrà il prossimo 9 e 10 giugno. Si tratta di una due giorni di incontri e dibattiti attorno alle tematiche più innovative della medicina legale
Voglie e nausee in gravidanza? «La risposta non è negli ormoni ma nella psiche»
Colacurci (SIGO – Università Vanvitelli): «Per gestire al meglio questi disturbi puntare su maggior accudimento della gravida e supporto emotivo/psicologico, soprattutto nel post parto»
Lo smog provoca danni non solo ai polmoni e al cuore, anche al cervello
Lo studio DeprAir coordinato da Michele Carugno ha evidenziato come la qualità dell’aria possa influenzare negativamente la salute mentale fino a comportare cambiamenti biologici nell’organismo tale da aumentare la vulnerabilità e sviluppare sintomi depressivi
Sondaggio CIMO-FESMED: 75% delle mediche in maternità non viene sostituita a lavoro. Quici: «Sia obbligatorio»
Le testimonianze: «Mi è stato rinfacciato più volte di aver scelto di essere madre oltre che chirurgo». «La carenza cronica di personale ha aggravato un ambiente già culturalmente deviato». «Ad oggi quello del medico rimane un mestiere per uomini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali