Lavoro 19 Ottobre 2020 09:59

Geriatria, Vetta (Sigot): «Rinnovare il sistema di cura dell’anziano». Ecco come

«Diminuire l’esigenza di ospedalizzazione attraverso una solida e capillare rete di assistenza territoriale che impedisca la riacutizzazione delle patologie»

di Isabella Faggiano
Geriatria, Vetta (Sigot): «Rinnovare il sistema di cura dell’anziano». Ecco come

Un posto letto per acuti ogni 5.500 abitanti: sarebbe questa l’offerta necessaria in geriatria per rispettare il fabbisogno minimo. «Numeri – sottolinea Francesco Vetta, cardiologo aritmologo presso le case di cura Paideia e Mater Dei di Roma, tesoriere della Società italiana di Geriatria Ospedale e Territorio (Sigot) – raggiunti solo dalla sanità veneta, dove il rapporto posti letto-abitanti è pari allo 0,18 ogni mille cittadini. Cifre che nel Lazio sono di 5 volte inferiori e in Lombardia di ben 10 volte». Da una recentissima ricognizione Sigg-Sigot emerge, infatti, che la sanità lombarda offre solo 202 posti letto di geriatria per acuti per più di 10 milioni di abitanti, pari allo 0,02 per 1.000 abitanti, a fronte di una media nazionale dello 0,059.

LA POPOLAZIONE INVECCHIA, MA IL SISTEMA NON STA AL PASSO COI TEMPI

«Il sinonimo geriatria-cronicità – continua Vetta – è ormai desueto, una rappresentazione errata della sanità italiana. L’anziano che arriva al pronto soccorso è di solito in una fase acuta della sua patologia, quella cronica è spesso trattata a domicilio o comunque non necessariamente in regime di ricovero. In altre parole – aggiunge il cardiologo – la popolazione continua ad invecchiare, ma il sistema ospedaliero italiano non riesce a stare al passo con il cambiamento». La soluzione? «Non è aumentare il numero di posti letto – risponde Vetta – ma diminuire l’esigenza di ospedalizzazione attraverso una solida e capillare rete di assistenza territoriale che, seguendo costantemente i pazienti anziani, possa impedire la riacutizzazione delle patologie».

PIU’ GERIATRI AL SERVIZIO DEL TERRITORIO

Dalla recente indagine Sigg-Sigot è emersa anche una scarsa presenza di geriatri nelle RSA, per non parlare della gestione a domicilio dell’anziano fragile troppo spesso affidata al sacrificio dei medici di medicina generale. «Manca un riconoscimento di specificità della condizione della persona che invecchia: un ottantenne – dice lo specialista – non è un adulto con anni in più, è un organismo biologicamente, psicologicamente e affettivamente diverso, e come tale richiede un’assistenza che ne rispetti le peculiari esigenze».

TELEMEDICINA: UN’ALLEATA DELLA SALUTE E DELLA GERIATRIA

Il sistema di cura dell’anziano, dunque, ha bisogno di essere rinnovato, e per completare il suo restyling non può di certo rinunciare al sostegno delle nuove  tecnologie: «L’utilizzo della telemedicina – spiega Vetta – va necessariamente incrementato. Si tratta di una risorsa non solo culturale, ma anche diagnostica e terapeutica. In cardiologia, ad esempio, è molto utilizzata con i pazienti portatori di pace-maker che, in tal modo, possono essere monitorati sempre e in tempo reale. È dimostrato che la telemedicina riduce la mortalità e il numero di ricoveri di circa il 50%, con un risparmio di oltre la metà delle finanze pubbliche attualmente investite nel settore. Un successo importante che, però, resta una prerogativa di poche realtà virtuose: sono ancora troppe le regioni che non riconoscono la telemedicina in convenzione con il Sistema Sanitario, costringendo i pazienti che ne vogliano usufruire – conclude il cardiologo – a mettere mano al proprio portafoglio».

 

Articoli correlati
Anziani, l’indagine di Italia Longeva: «Covid ha congelato vaccinazioni contro le altre malattie infettive»
Il Presidente Bernabei: «Abbattere le barriere culturali, organizzative e professionali per rilanciare le vaccinazioni ordinarie degli adulti anziani. Puntare su infrastrutture adeguate, campagne di comunicazione e anagrafe vaccinale»
Fibrillazione Atriale: dati real – world riaffermano benefici di edoxaban
I benefici di edoxaban in tutti i gruppi di età, compresi i pazienti anziani, sono confermati dai risultati real -world a due anni di follow up del programma ETNA-AF (Europe e Global), ad oggi è il più ampio studio prospettico non interventistico che studia un singolo anticoagulante orale non antagonista della vitamina K (NOAC) in pazienti con fibrillazione atriale non valvolare (FANV)
Nao, il robot umanoide che ravviva la memoria dei malati di demenza
Fumagalli (educatore): «È un emotional toy, un oggetto che funge da mediatore emozionale per il trattamento delle persone con demenza. È stato programmato per svolgere sei attività di edutainment, gioco e supporto cognitivo, adatte ai malati di Alzheimer»
di Isabella Faggiano
Longevità, nasce intergruppo. Taverna (M5S): «Tutela degli anziani nella Carta»
Al Senato la presentazione di due Ddl: il primo punta a modificare l’articolo 31 della Costituzione introducendo la parola ‘anziani’, il secondo prevede una Delega al Governo in materia di tutela e valorizzazione della terza età. Centri diurni, servizi di prossimità e assistenza domiciliare integrata continuativa nel piano di Monsignor Paglia, Presidente della Commissione per la riforma dell'assistenza agli anziani
Covid, nelle RSA primi effetti del vaccino: in calo incidenza e decessi
Lo dimostra la seconda edizione del report di sorveglianza sulle strutture realizzato dall’Iss in collaborazione con il Ministero della Salute, il Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale e l’ARS Toscana
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...