Lavoro 19 Ottobre 2020 09:59

Geriatria, Vetta (Sigot): «Rinnovare il sistema di cura dell’anziano». Ecco come

«Diminuire l’esigenza di ospedalizzazione attraverso una solida e capillare rete di assistenza territoriale che impedisca la riacutizzazione delle patologie»

di Isabella Faggiano
Geriatria, Vetta (Sigot): «Rinnovare il sistema di cura dell’anziano». Ecco come

Un posto letto per acuti ogni 5.500 abitanti: sarebbe questa l’offerta necessaria in geriatria per rispettare il fabbisogno minimo. «Numeri – sottolinea Francesco Vetta, cardiologo aritmologo presso le case di cura Paideia e Mater Dei di Roma, tesoriere della Società italiana di Geriatria Ospedale e Territorio (Sigot) – raggiunti solo dalla sanità veneta, dove il rapporto posti letto-abitanti è pari allo 0,18 ogni mille cittadini. Cifre che nel Lazio sono di 5 volte inferiori e in Lombardia di ben 10 volte». Da una recentissima ricognizione Sigg-Sigot emerge, infatti, che la sanità lombarda offre solo 202 posti letto di geriatria per acuti per più di 10 milioni di abitanti, pari allo 0,02 per 1.000 abitanti, a fronte di una media nazionale dello 0,059.

LA POPOLAZIONE INVECCHIA, MA IL SISTEMA NON STA AL PASSO COI TEMPI

«Il sinonimo geriatria-cronicità – continua Vetta – è ormai desueto, una rappresentazione errata della sanità italiana. L’anziano che arriva al pronto soccorso è di solito in una fase acuta della sua patologia, quella cronica è spesso trattata a domicilio o comunque non necessariamente in regime di ricovero. In altre parole – aggiunge il cardiologo – la popolazione continua ad invecchiare, ma il sistema ospedaliero italiano non riesce a stare al passo con il cambiamento». La soluzione? «Non è aumentare il numero di posti letto – risponde Vetta – ma diminuire l’esigenza di ospedalizzazione attraverso una solida e capillare rete di assistenza territoriale che, seguendo costantemente i pazienti anziani, possa impedire la riacutizzazione delle patologie».

PIU’ GERIATRI AL SERVIZIO DEL TERRITORIO

Dalla recente indagine Sigg-Sigot è emersa anche una scarsa presenza di geriatri nelle RSA, per non parlare della gestione a domicilio dell’anziano fragile troppo spesso affidata al sacrificio dei medici di medicina generale. «Manca un riconoscimento di specificità della condizione della persona che invecchia: un ottantenne – dice lo specialista – non è un adulto con anni in più, è un organismo biologicamente, psicologicamente e affettivamente diverso, e come tale richiede un’assistenza che ne rispetti le peculiari esigenze».

TELEMEDICINA: UN’ALLEATA DELLA SALUTE E DELLA GERIATRIA

Il sistema di cura dell’anziano, dunque, ha bisogno di essere rinnovato, e per completare il suo restyling non può di certo rinunciare al sostegno delle nuove  tecnologie: «L’utilizzo della telemedicina – spiega Vetta – va necessariamente incrementato. Si tratta di una risorsa non solo culturale, ma anche diagnostica e terapeutica. In cardiologia, ad esempio, è molto utilizzata con i pazienti portatori di pace-maker che, in tal modo, possono essere monitorati sempre e in tempo reale. È dimostrato che la telemedicina riduce la mortalità e il numero di ricoveri di circa il 50%, con un risparmio di oltre la metà delle finanze pubbliche attualmente investite nel settore. Un successo importante che, però, resta una prerogativa di poche realtà virtuose: sono ancora troppe le regioni che non riconoscono la telemedicina in convenzione con il Sistema Sanitario, costringendo i pazienti che ne vogliano usufruire – conclude il cardiologo – a mettere mano al proprio portafoglio».

 

Articoli correlati
Mandelli (Fofi): «Tamponi, screening, vaccini. La farmacia dei servizi rivoluzionerà il territorio»
Il Presidente della Federazione Ordini dei farmacisti italiani (Fofi) a margine del convegno “La sanità per la terza età” ha dichiarato: «Farmacista e farmacia dei servizi al centro del nuovo modello di sanità di prossimità»
Terza età, Magi (Omceo Roma): «Siamo indietro, cambiare impostazione organizzativa»
Il convegno “La sanità per la terza età” nella sede dell'Ordine dei medici e degli odontoiatri di Roma. De Lillo (Vicepresidente): «Investire risorse Pnrr sulla formazione dei professionisti sanitari del domani»
Invecchiamento attivo, FederAnziani: «È la sfida del nostro tempo. Urge politica che lo promuova sul territorio nazionale»
Secondo FederAnziani ancora manca una linea di sviluppo che renda l’invecchiamento attivo un obiettivo strategico
Liste d’attesa e ritardi, il punto d’ascolto Pronto Senior Salute per aiutare i cittadini
Attivato da Senior Italia FederAnziani, il servizio supporta chi ha problemi con le liste d’attesa. Il tema al centro di una puntata speciale del tg Senior News
FederAnziani: «A gennaio il Covid miete 8975 vittime, tutto come se niente fosse»
Messina (FederAnziani): «Quante vite avremmo salvato con una politica vaccinale più incisiva? Scelte tentennanti hanno messo in ginocchio il Paese»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 522.071.859 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.267.246 i decessi. Ad oggi, oltre 11,41 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...