Lavoro 19 Ottobre 2020 09:59

Geriatria, Vetta (Sigot): «Rinnovare il sistema di cura dell’anziano». Ecco come

«Diminuire l’esigenza di ospedalizzazione attraverso una solida e capillare rete di assistenza territoriale che impedisca la riacutizzazione delle patologie»

di Isabella Faggiano
Geriatria, Vetta (Sigot): «Rinnovare il sistema di cura dell’anziano». Ecco come

Un posto letto per acuti ogni 5.500 abitanti: sarebbe questa l’offerta necessaria in geriatria per rispettare il fabbisogno minimo. «Numeri – sottolinea Francesco Vetta, cardiologo aritmologo presso le case di cura Paideia e Mater Dei di Roma, tesoriere della Società italiana di Geriatria Ospedale e Territorio (Sigot) – raggiunti solo dalla sanità veneta, dove il rapporto posti letto-abitanti è pari allo 0,18 ogni mille cittadini. Cifre che nel Lazio sono di 5 volte inferiori e in Lombardia di ben 10 volte». Da una recentissima ricognizione Sigg-Sigot emerge, infatti, che la sanità lombarda offre solo 202 posti letto di geriatria per acuti per più di 10 milioni di abitanti, pari allo 0,02 per 1.000 abitanti, a fronte di una media nazionale dello 0,059.

LA POPOLAZIONE INVECCHIA, MA IL SISTEMA NON STA AL PASSO COI TEMPI

«Il sinonimo geriatria-cronicità – continua Vetta – è ormai desueto, una rappresentazione errata della sanità italiana. L’anziano che arriva al pronto soccorso è di solito in una fase acuta della sua patologia, quella cronica è spesso trattata a domicilio o comunque non necessariamente in regime di ricovero. In altre parole – aggiunge il cardiologo – la popolazione continua ad invecchiare, ma il sistema ospedaliero italiano non riesce a stare al passo con il cambiamento». La soluzione? «Non è aumentare il numero di posti letto – risponde Vetta – ma diminuire l’esigenza di ospedalizzazione attraverso una solida e capillare rete di assistenza territoriale che, seguendo costantemente i pazienti anziani, possa impedire la riacutizzazione delle patologie».

PIU’ GERIATRI AL SERVIZIO DEL TERRITORIO

Dalla recente indagine Sigg-Sigot è emersa anche una scarsa presenza di geriatri nelle RSA, per non parlare della gestione a domicilio dell’anziano fragile troppo spesso affidata al sacrificio dei medici di medicina generale. «Manca un riconoscimento di specificità della condizione della persona che invecchia: un ottantenne – dice lo specialista – non è un adulto con anni in più, è un organismo biologicamente, psicologicamente e affettivamente diverso, e come tale richiede un’assistenza che ne rispetti le peculiari esigenze».

TELEMEDICINA: UN’ALLEATA DELLA SALUTE E DELLA GERIATRIA

Il sistema di cura dell’anziano, dunque, ha bisogno di essere rinnovato, e per completare il suo restyling non può di certo rinunciare al sostegno delle nuove  tecnologie: «L’utilizzo della telemedicina – spiega Vetta – va necessariamente incrementato. Si tratta di una risorsa non solo culturale, ma anche diagnostica e terapeutica. In cardiologia, ad esempio, è molto utilizzata con i pazienti portatori di pace-maker che, in tal modo, possono essere monitorati sempre e in tempo reale. È dimostrato che la telemedicina riduce la mortalità e il numero di ricoveri di circa il 50%, con un risparmio di oltre la metà delle finanze pubbliche attualmente investite nel settore. Un successo importante che, però, resta una prerogativa di poche realtà virtuose: sono ancora troppe le regioni che non riconoscono la telemedicina in convenzione con il Sistema Sanitario, costringendo i pazienti che ne vogliano usufruire – conclude il cardiologo – a mettere mano al proprio portafoglio».

 

Articoli correlati
Il 10 ottobre scatta l’obbligo vaccinale nelle RSA ma manca il decreto per stabilire chi controlla
Degani (Uneba Lombardia) «L’obbligo vaccinale scatta il 10 ottobre e l’accertamento del rispetto dell’obbligo viene affidato ai responsabili delle strutture e ai datori di lavoro. Il testo però rimanda per le modalità di verifica dell’adempimento ad un successivo decreto di cui non c’è notizia»
di Federica Bosco
Salvare i nonni colpiti dall’Ictus si può con Fast Heroes
Al via nelle scuole primarie milanesi, in collaborazione con l’’associazione A.L.I.Ce, il progetto che insegna ai bambini delle scuole primarie a riconoscere i sintomi e ad attivare il numero di emergenza
di Federica Bosco
HappyAgeing, come gestire l’immunizzazione negli anziani in vista dell’inverno
In occasione della II Assise Nazionale HappyAgeing sull’immunizzazione dell’adulto e dell’anziano, un dialogo tra il presidente del CTS Conversano e tanti professionisti sui risultati da raggiungere per la stagione fredda e sul nuovo approccio per avvicinare la popolazione a vaccini come influenza, pneumococco e Herpes Zoster
Salute anziani, consegnato a Roma il Premio De Sanctis per la Salute Sociale
A Croce Rossa Italiana, Comunità Sant’Egidio, Regione Emilia Romagna, Roberto Bernabei e Alessandro Boccanelli la prima edizione del Premio De Sanctis per la Salute Sociale. Consegnato oggi a Roma da un parterre d’eccezione il riconoscimento a coloro che si sono distinti nella tutela della salute degli anziani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...