Lavoro 19 Maggio 2020

Ex specializzandi, presentati nuovi Ddl per accordo transattivo. Rizzotti (FI): «Diritti riconosciuti anche dall’Europa, il vulnus va sanato»

I testi presentati riguardano gli iscritti alle scuole di specialità dal ’78 al ’92 e dal ’93 al 2006: «La sentenza di Genova farà giurisprudenza. Meglio per lo Stato riconoscere subito il giusto risarcimento ai camici bianchi e non pagare ad ogni nuovo giudizio»

Immagine articolo

«Lo scopo di questi Disegni di legge è far sì che lo Stato possa sanare finalmente un vulnus che va avanti da troppi anni», garantendo al tempo stesso un «grosso risparmio alle casse pubbliche» e «riconoscendo il diritto al risarcimento dei medici». Così la senatrice Maria Rizzotti (Forza Italia), membro della 12ª Commissione permanente (Igiene e sanità), sui Ddl presentati proprio in queste ore che vogliono risolvere, una volta per tutte, la questione degli ex specializzandi che tra il 1978 e il 2006 non hanno ricevuto il corretto trattamento economico durante gli anni di scuola post-laurea. Un’ingiustizia «che dura ormai da oltre 20 anni» e che «colpisce quei professionisti, i camici bianchi, che oggi vengono considerati “eroi”, ma solo a parole».

Come detto, i Ddl sono due: «Uno per gli iscritti alle scuole di specialità dal ’78 al ’92, quando non c’era alcuna retribuzione per gli specializzandi, e l’altro per i medici iscritti dal ’93 al 2006, per i quali era sì previsto un minimo riconoscimento economico, ma molto lontano da quello individuato dalla normativa europea e dalle sentenze della Corte europea».

LEGGI ANCHE: EX SPECIALIZZANDI, RIZZOTTI (FI): «PRESENTERÒ DDL PER RISOLVERE QUESTIONE. LO STATO HA MOLTISSIMO DA FARSI PERDONARE»

I testi vanno dunque a coprire tutto l’arco temporale in cui è esistita questa ingiustizia e andrebbero anche a tutelare le casse pubbliche da un’eccessiva emorragia di risorse: «Nel corso degli anni – spiega la Senatrice – tantissimi medici hanno fatto ricorso, e diversi Tribunali hanno riconosciuto l’ovvietà del risarcimento. Ciò ha comportato per lo Stato un esborso molto alto. Mi sembra folle continuare a pagare cifre così importanti aspettando le decisioni dei Tribunali».

Un esempio è la sentenza n.353/2020 del Tribunale di Genova pubblicata lo scorso 11 febbraio, che ha sancito tre importanti principi: niente prescrizione, rimborsi anche agli ante ‘83 e importi triplicati, in alcuni casi anche fino a 100mila euro per specializzazione. «La sentenza di Genova – spiega la senatrice Rizzotti – ha riconosciuto totalmente le ragioni dei ricorrenti, dando anzi diritto ad un risarcimento superiore a quello richiesto dagli stessi medici. Mi sembra dunque stupido che lo Stato continui a pagare a piccoli lotti qualcosa che può sanare riconoscendo quelli che sono diritti già riconosciuti dalla Corte europea».

LEGGI ANCHE: EX SPECIALIZZANDI, SENTENZA STORICA A GENOVA. CONSULCESI: «RIMBORSI FINO A 100MILA EURO E LA PRESCRIZIONE NON E’ MAI INIZIATA»

I Ddl prevedono che le cifre spettanti ai medici ricorrenti vengano riconosciute come contributo integrativo figurativo ai fini pensionistici: «Un modo ovvio – spiega la Senatrice – per sanare la questione e non tirare fuori dalle casse pubbliche qualche miliardo. Da un lato dunque si riconosce il diritto del medico, dall’altro si risolve una questione che va avanti da anni, con conseguente risparmio per lo Stato. Perché se le cose dovessero continuare ad andare così (e la sentenza di Genova farà comunque storia, nel senso che anche Tribunali finora meno propensi ad accettare i ricorsi saranno “costretti” a riconoscere i risarcimenti proprio per le motivazioni di quella sentenza), il rischio di esborso è molto più alto».

«Mi auguro che questa volta – conclude la prima firmataria dei Ddl – venga presa una decisione in merito, in modo da chiudere questa lunghissima vertenza. E me lo auguro sia per quello che è il clima attuale del Paese nei confronti dei camici bianchi sia per quello che è doveroso, da parte di uno Stato, riconoscere».

 

Articoli correlati
La petizione per chiudere il contenzioso Stato-medici specialisti sfonda quota 10mila firme
Tortorella (Consulcesi): «Con la petizione abbiamo dato voce a decine di migliaia di medici. Abbiamo più volte sollecitato la politica a trovare una soluzione, il Recovery Fund rappresenta un’occasione che non può essere sprecata»
Ex specializzandi, Scotti (Fimmg): «Risolvere vicenda anche per stimolare aumento borse MMG»
Il segretario generale della Federazione dei medici di medicina generale: «La politica si faccia carico del problema e adotti una soluzione transattiva»
Ex specializzandi, Anelli (FNOMCeO): «Giusto trovare soluzione transattiva, anche con fondi europei»
Il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici: «Porre fine allo stillicidio tra le giuste richieste dei medici e le resistenze dello Stato. Una transazione può andare incontro alle due esigenze»
Ex specializzandi, il giurista Tronca: «Vicenda storicamente pesante. Ben vengano transazione e petizione»
«Anche sul web si esercita la democrazia. È auspicabile una partecipazione ampia alla petizione perché in questo momento la proposta di transazione merita davvero il massimo sostegno da parte degli italiani»
Ex specializzandi, dopo i Ddl arriva la petizione. Dalla politica sostegno bipartisan
La petizione, lanciata da Consulcesi su Change.org, ha come obiettivo quello di dare ulteriore spinta ai Disegni di legge presentati in Parlamento
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...