Lavoro 24 Settembre 2019

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i professori e i principali esperti tra cui Sergio Di Amato, già presidente della terza sezione civile della Corte di Cassazione e attuale presidente della Commissione Tributaria Provinciale di Roma

Volontà di chiudere il contenzioso e preoccupazione per il bilancio dello Stato. Sono i due motivi che, secondo il professor Sergio Di Amato, già magistrato e presidente della Terza Sezione civile della Corte di Cassazione nonché attuale presidente della Commissione tributaria provinciale di Roma, hanno spinto alcuni giudici a ritenere prescritto il diritto degli ex specializzandi ad ottenere il risarcimento di quanto non percepito negli anni di formazione post-laurea. «Sentenze non corrette» e «incongruenze giuridiche», aggiunge dal tavolo della Sala delle Colonne dell’università Luiss Guido Carli, che ha ospitato il secondo convegno nazionale, organizzato da Luiss e Sanità Informazione, dedicato all’“Inadempimento degli obblighi comunitari: responsabilità degli Stati membri in ambito sanitario”.

LEGGI ANCHE: CORSO LUISS SU VIOLAZIONI DIRITTO UE IN SANITÀ ED EX SPECIALIZZANDI, L’AVVOCATO TORTORELLA: «ESITI E NOVITÀ DI DOTTRINA PRESTO SU PRINCIPALI RIVISTE GIURIDICHE»

«L’incertezza giuridica della questione è stata risolta nel 2011, quando è stato individuato il soggetto passivo destinatario dell’azione – spiega il professor Di Amato -. È da quel momento che decorre il termine di prescrizione, e non dal 2009 come stabilito dalla Corte di Cassazione. Mi auguro quindi che la Cassazione possa ritornare sui suoi passi o, altrimenti, che intervenga la Corte di Giustizia Europea. Intervento che, naturalmente, deve essere sollecitato da un giudice nazionale. I giudici dovrebbero quindi avere più coraggio».

LEGGI ANCHE: VIOLAZIONI DIRITTO UE IN AMBITO SANITARIO, ECCO I PRIMI PROFESSIONISTI D’ITALIA CON COMPETENZE SPECIFICHE

Secondo l’autorevole parere del professore, quindi, la prescrizione non è ancora scattata, e quei medici che non hanno ottenuto il giusto riconoscimento economico durante la scuola di specializzazione sono ancora in tempo per intraprendere le vie legali e chiedere il rimborso delle somme dovute dallo Stato: «In assenza di sentenze e normative chiare ed univoche sulla posizione dei medici immatricolati dal 1978 in poi – si legge nello studio condotto dal professor Di Amato -, non si è formata la certezza del diritto necessaria per il decorso della prescrizione». In particolare, «la situazione di grave incertezza, oltre che allo Stato legislatore, che ha pervicacemente disatteso i suoi obblighi anche quando ha emanato leggi espressamente definite di adempimento, è riconducibile ai tempi occorsi alla giurisprudenza nazionale per pervenire ad una definizione del rimedio ed anche all’Avvocatura dello Stato, anch’essa tenuta all’obbligo di leale collaborazione, la quale ha sollevato eccezioni di ogni tipo. Solo dal 2011 lo Stato, attraverso l’elaborazione giurisprudenziale, ha messo a disposizione dei soggetti lesi dal suo inadempimento un sufficientemente certo e perciò effettivo rimedio giurisdizionale e può, quindi, iniziare a decorrere la prescrizione decennale. La situazione di incertezza si è dunque risolta soltanto nel 2011. Ecco perché credo che il termine di prescrizione debba decorrere proprio dal 2011», conclude.

Articoli correlati
Ex specializzandi, lo Stato paga altri 18 milioni. Il racconto della vicenda dagli inizi ad oggi
Continuano le sentenze in favore dei camici bianchi che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico durante la scuola post-laurea. Online un reportage esclusivo che racconta ciò che è successo in questi anni, dal ritardo con cui lo Stato italiano si è adeguato alle direttive europee agli ultimi Ddl presentati in Senato
Ex specializzandi, raffica di sentenze: Stato condannato a pagare altri 18 milioni
Con le ultime vittorie salgono ad otto le pronunce positive da gennaio nonostante lo stop imposto dal Covid-19. Tortorella (Presidente Consulcesi): «Tribunali e Corti continuano a sanare ingiustizia. Impegno politico bipartisan su Ddl per l’accordo conferma volontà politica di trovare soluzione ma il provvedimento va migliorato»
Ddl ex specializzandi, il senatore Zaffini: «Lo Stato dimostri di essere Stato»
Tra i 28 firmatari dei Disegni di legge che prevedono una soluzione transattiva alla vicenda degli ex specializzandi, il senatore auspica un'approvazione rapida dei testi
Ddl ex specializzandi, indennizzi solo a chi ha fatto ricorso. Consulcesi: «Tutelare il diritto con le azioni legali»
Il sì bipartisan accelera l’iter per l’accordo transattivo. Anche la FNOMCeO appoggia l’iniziativa parlamentare per i medici specialisti 78-2006. La dottrina conferma il diritto con la pubblicazione del professor Sergio Di Amato sulla rivista della “School of law” della Luiss
Ex specializzandi, anche la FNOMCeO appoggia i Ddl per la transazione
Il presidente Anelli: «Invitiamo ad approvare i provvedimenti e a individuare le risorse necessarie per chiudere l’annosa questione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»