Lavoro 24 Settembre 2019 17:30

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i professori e i principali esperti tra cui Sergio Di Amato, già presidente della terza sezione civile della Corte di Cassazione e attuale presidente della Commissione Tributaria Provinciale di Roma

Volontà di chiudere il contenzioso e preoccupazione per il bilancio dello Stato. Sono i due motivi che, secondo il professor Sergio Di Amato, già magistrato e presidente della Terza Sezione civile della Corte di Cassazione nonché attuale presidente della Commissione tributaria provinciale di Roma, hanno spinto alcuni giudici a ritenere prescritto il diritto degli ex specializzandi ad ottenere il risarcimento di quanto non percepito negli anni di formazione post-laurea. «Sentenze non corrette» e «incongruenze giuridiche», aggiunge dal tavolo della Sala delle Colonne dell’università Luiss Guido Carli, che ha ospitato il secondo convegno nazionale, organizzato da Luiss e Sanità Informazione, dedicato all’“Inadempimento degli obblighi comunitari: responsabilità degli Stati membri in ambito sanitario”.

LEGGI ANCHE: CORSO LUISS SU VIOLAZIONI DIRITTO UE IN SANITÀ ED EX SPECIALIZZANDI, L’AVVOCATO TORTORELLA: «ESITI E NOVITÀ DI DOTTRINA PRESTO SU PRINCIPALI RIVISTE GIURIDICHE»

«L’incertezza giuridica della questione è stata risolta nel 2011, quando è stato individuato il soggetto passivo destinatario dell’azione – spiega il professor Di Amato -. È da quel momento che decorre il termine di prescrizione, e non dal 2009 come stabilito dalla Corte di Cassazione. Mi auguro quindi che la Cassazione possa ritornare sui suoi passi o, altrimenti, che intervenga la Corte di Giustizia Europea. Intervento che, naturalmente, deve essere sollecitato da un giudice nazionale. I giudici dovrebbero quindi avere più coraggio».

LEGGI ANCHE: VIOLAZIONI DIRITTO UE IN AMBITO SANITARIO, ECCO I PRIMI PROFESSIONISTI D’ITALIA CON COMPETENZE SPECIFICHE

Secondo l’autorevole parere del professore, quindi, la prescrizione non è ancora scattata, e quei medici che non hanno ottenuto il giusto riconoscimento economico durante la scuola di specializzazione sono ancora in tempo per intraprendere le vie legali e chiedere il rimborso delle somme dovute dallo Stato: «In assenza di sentenze e normative chiare ed univoche sulla posizione dei medici immatricolati dal 1978 in poi – si legge nello studio condotto dal professor Di Amato -, non si è formata la certezza del diritto necessaria per il decorso della prescrizione». In particolare, «la situazione di grave incertezza, oltre che allo Stato legislatore, che ha pervicacemente disatteso i suoi obblighi anche quando ha emanato leggi espressamente definite di adempimento, è riconducibile ai tempi occorsi alla giurisprudenza nazionale per pervenire ad una definizione del rimedio ed anche all’Avvocatura dello Stato, anch’essa tenuta all’obbligo di leale collaborazione, la quale ha sollevato eccezioni di ogni tipo. Solo dal 2011 lo Stato, attraverso l’elaborazione giurisprudenziale, ha messo a disposizione dei soggetti lesi dal suo inadempimento un sufficientemente certo e perciò effettivo rimedio giurisdizionale e può, quindi, iniziare a decorrere la prescrizione decennale. La situazione di incertezza si è dunque risolta soltanto nel 2011. Ecco perché credo che il termine di prescrizione debba decorrere proprio dal 2011», conclude.

Articoli correlati
Test corso Medicina generale, prime irregolarità. Avv. Tortorella: «I posti sono troppo pochi»
Dopo il concorso per l'ingresso al Corso di Formazione in Medicina Generale, le prime segnalazioni parlano di numeri decisamente troppo ridotti rispetto al fabbisogno del Ssn. L'avvocato Tortorella spiega cosa può fare chi vuol fare ricorso
Ex specializzandi, Consulcesi: «Con transazione risparmio di oltre 78 milioni per i costi delle cause»
Rappresentanti dei medici e politici fanno fronte comune per chiudere la vertenza. Richiamo anche da Bruxelles. Il Vicepresidente del Parlamento Ue, Castaldo: «Recovery fund e presupposti per trovare soluzione». Il senatore di maggioranza Pagano in pressing sul governo e pronto a nuovo Ddl. Forte appello a immediata risoluzione anche da Anelli (FNOMCeO), Oliveti (Enpam) e Magi (OMCeO Roma)
Azione collettiva medici ex specializzandi. Stato condannato a pagare altri 7 milioni di euro
Il Tribunale di Roma (Sentenza n. 951/2021) accoglie il nuovo ricorso di Consulcesi: riconosciuto il diritto negato ad altri 259 medici per la violazione delle direttive Ue. Massimo Tortorella (presidente Consulcesi): «La pandemia non frena la giustizia. Andremo avanti finché ogni medico non riceverà ciò che gli spetta».
Dal Recovery Plan alle malattie rare, la crisi di governo mette in bilico alcune riforme chiave per la sanità
Il ritorno alle urne, per quanto improbabile, resta sullo sfondo di una crisi di governo dall’esito imprevedibile. Rischiano di saltare riforme chiave della sanità: dalla medicina territoriale all'infermiere di comunità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 160.469.865 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.331.823 i decessi. Ad oggi, oltre 1,35 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...