Formazione 26 Settembre 2019

Violazioni diritto UE in ambito sanitario, ecco i primi professionisti d’Italia con competenze specifiche

Abbiamo incontrato i discenti del corso di alta formazione dell’università Luiss “Inadempimento di direttive comunitarie e obblighi risarcitori dello Stato nell’ambito sanitario”: «Aperti nuovi scenari da mettere a frutto nel nostro lavoro»

Sfilano sorridenti davanti alle macchine fotografiche, pronte ad immortalare le strette di mano con i docenti e la consegna dei diplomi che attestano la conclusione del corso di alta formazione dedicato all’inadempimento delle direttive comunitarie e agli obblighi risarcitori dello Stato nell’ambito sanitario. È la barocca Sala delle Colonne dell’università di Roma Luiss Guido Carli a far da scenario. Si è appena concluso il convegno nazionale in cui è stato presentato lo studio, condotto dalla Luiss in collaborazione con Sanità Informazione, sulla violazione delle direttive europee da parte dello Stato italiano e da cui è emersa la necessità di formare professionisti specializzati su questi temi.

LEGGI ANCHE: EX SPECIALIZZANDI, DI AMATO: «SCORRETTE LE SENTENZE CONTRARIE BASATE SU PRESCRIZIONE»

Ed eccoli qui, allora, i primi in Italia ad avere competenze così specifiche sulla penetrazione del diritto dell’Unione Europea nell’ordinamento italiano in materia sanitaria. «Assolutamente positivo», nelle loro parole, il bilancio del corso organizzato dalla Luiss: «Ci sono stati aperti nuovi scenari che metteremo sicuramente a frutto in ambito lavorativo – ci dice l’avvocato Enrico Di Cintio, che lavora presso il network legale Consulcesi -. Adesso spetta anche a noi analizzare quelle parti dell’intero sistema che vanno a stridere con il contesto normativo europeo. Temi che sfuggono troppo spesso all’attenzione ma che dovrebbero tornare alla ribalta».

«Siamo onorati che tanti dei nostri avvocati e consulenti legali abbiano formato ulteriormente la loro professionalità frequentando il corso di alta formazione organizzato da questa prestigiosa università che ha fatto crescere tantissimi studenti e professionisti in ambito economico e legale – commenta Andrea Tortorella, amministratore delegato di Consulcesi Group -. Non ho dubbi che portino a casa ulteriori skills da mettere a frutto nella loro professionalità di ogni giorno».

«È stata un’esperienza molto bella – aggiunge Antonino Pisano, il diploma stretto ancora tra le mani –. Ci ha dato modo di approfondire quali sono le conseguenze, sullo Stato e sul singolo cittadino, di decisioni prese dall’alto». «Le novità principali emerse nel corso delle lezioni derivano dalla Corte europea – sottolinea Antonella Radicchi – che danno una visione di insieme ai nostri giudici e che porterà sicuramente ad un’evoluzione della nostra giurisprudenza».

Articoli correlati
Nutrizione grande assente nei percorsi formativi dei medici europei. L’allarme di Espen
Muscaritoli: «L'apprendimento della nutrizione è obbligatorio per i futuri medici»
Proroga Ecm: da Consulcesi il vademecum per evitare sanzioni
Dopo la decisione della Commissione Nazionale per l’Educazione Continua in Medicina di concedere un altro anno per assolvere all’obbligo formativo ecco tutto quello che c’è da sapere ed i principali rischi che corre chi non sarà in regola entro il 31 dicembre 2020
Aggressioni e Consulta, al Ministero le prime riunioni. Speranza: «Da febbraio Ddl antiviolenza alla Camera»
Il Ministro ha convocato a Lungotevere Ripa i rappresentanti degli Ordini delle professioni sanitarie: cronicità e riforma della Formazione continua in primo piano. Sul Ddl aggressioni sottolinea: «Se tempi in Parlamento andranno per le lunghe non escludo decreto d’urgenza»
ECM, nasce l’Associazione dei provider: «Pronti a contribuire alla Riforma»
Simone Colombati, Presidente di “Formazione nella Sanità”, presenta gli obiettivi al Ministro Speranza: «In Italia operano 1.128 provider privati, una voce che non può essere ignorata: pronti a partecipare al tavolo di lavoro della Commissione ECM»
Formazione manageriale in Sanità, il 19 gennaio si chiude il bando per selezionare i migliori 30: la Campania forma i manager di domani
La Campania come fucina dei manager della Sanità. Non si tratta di uno spot, bensì della tendenza ormai consolidata di Direttori Sanitari Aziendali e Direttori di UOC delle Aziende e degli Enti del Servizio Sanitario Regionale a tentare di entrare nella cerchia dei 30 ai quali sarà consentito l’accesso al “Corso di formazione manageriale in materia di […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...