Lavoro 23 Giugno 2020

Ex specializzandi, Binetti: «Mi auguro si faccia giustizia attraverso una transazione con lo Stato»

La senatrice è tra i firmatari dei Disegni di legge che prevedono un accordo tra Stato ed ex specializzandi. Poi un pensiero alle generazioni future: «Non vogliamo che il problema dell’imbuto formativo si trasformi in un altro contenzioso pesantissimo»

Giustizia per gli specializzandi di ieri e di domani. Questa la richiesta della senatrice Paola Binetti, che siede in commissione Igiene e Sanità. «I medici specializzandi – spiega ai nostri microfoni – sono lavoratori a tutti gli effetti. Da una parte continuano ad apprendere, e dall’altra mettono in pratica ciò che hanno imparato. La specializzazione è la migliore esperienza di learning in action che esista, una sorta di apprendistato continuo in cui si interiorizza ciò che consentirà a questi medici di essere autonomi nella loro professione. Ma quelli dopo la laurea sono anni di lavoro, che in quanto tali devono essere retribuiti. Non ci sono alternative».

Il riferimento ovviamente è alla questione degli ex specializzandi che, tra il 1978 ed il 2006, hanno frequentato le scuole di specializzazione senza ricevere il corretto trattamento economico previsto dalla normativa europea. Un diritto riconosciuto dai tribunali di tutta Italia, che hanno risarcito migliaia di medici, ma che dovrebbe tornare nelle mani dello Stato per una definitiva risoluzione della questione: «Il diritto riconosciuto a coloro che in anni precedenti hanno prestato il servizio e non sono stati retribuiti è un diritto che va sanato e va risolto attraverso anche una potenziale transazione tra lo Stato e loro», è l’opinione della senatrice Binetti. E vanno proprio in tal senso di Disegni di legge presentati dalla senatrice Maria Rizzotti e firmati, tra gli altri, anche dalla Binetti.

«Mi auguro allora che si faccia giustizia – aggiunge – per coloro che sono passati attraverso questa difficile esperienza. Ma anche nei confronti di coloro che si apprestano adesso ad entrare in questo mondo». Il cosiddetto imbuto formativo, infatti, impedisce ancora oggi a migliaia di giovani medici di proseguire gli studi post-laurea a causa dello scarto tra numero di laureati e borse di specializzazione disponibili: «Se quello alla specializzazione è un diritto esigibile, vorrei che il Governo si ponesse con totale chiarezza e senso di responsabilità nei confronti delle nuove generazioni di laureati. Non vogliamo che anche questa materia si trasformi in un contenzioso pesantissimo per lo Stato», conclude.

 

Articoli correlati
Covid-19, Tortorella (Consulcesi): «Chiamata alle armi per medici ma chiediamo rispetto per ex specializzandi e nuove regole all’Università»
Oggi scadono i termini del bando per arruolare personale da impiegare negli ospedali più in difficoltà. Il presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella: «Sosteniamo l’iniziativa del Governo con una campagna senza precedenti per la pandemia con la forza del più grande big data italiano, ma pretendiamo il rispetto degli specialisti non pagati e di chi fa ricorso per entrare a Medicina: subito la soluzione con l’approvazione della nuova Manovra finanziaria»
Medici specializzandi, giustizia per 390 camici bianchi: rimborsi per 10 milioni di euro
Massimo Tortorella (Presidente Consulcesi): «Confidiamo nell'intervento del Parlamento e auspichiamo soluzione nella prossima finanziaria, altrimenti siamo pronti a fare guerra nei tribunali»
Piano nazionale demenze, in Senato Ddl per implementarlo. Spadin (AIMA): «Sui familiari il peso delle chiusure»
Forti difformità tra regioni nell’applicazione del Piano e il Covid ha peggiorato la situazione. La senatrice Guidolin (M5S): «Coinvolgere le associazioni del territorio per combattere l’isolamento»
La petizione per chiudere il contenzioso Stato-medici specialisti sfonda quota 10mila firme
Tortorella (Consulcesi): «Con la petizione abbiamo dato voce a decine di migliaia di medici. Abbiamo più volte sollecitato la politica a trovare una soluzione, il Recovery Fund rappresenta un’occasione che non può essere sprecata»
Ex specializzandi, Scotti (Fimmg): «Risolvere vicenda anche per stimolare aumento borse MMG»
Il segretario generale della Federazione dei medici di medicina generale: «La politica si faccia carico del problema e adotti una soluzione transattiva»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli