Lavoro 23 Giugno 2020 12:00

Ex specializzandi, Binetti: «Mi auguro si faccia giustizia attraverso una transazione con lo Stato»

La senatrice è tra i firmatari dei Disegni di legge che prevedono un accordo tra Stato ed ex specializzandi. Poi un pensiero alle generazioni future: «Non vogliamo che il problema dell’imbuto formativo si trasformi in un altro contenzioso pesantissimo»

Giustizia per gli specializzandi di ieri e di domani. Questa la richiesta della senatrice Paola Binetti, che siede in commissione Igiene e Sanità. «I medici specializzandi – spiega ai nostri microfoni – sono lavoratori a tutti gli effetti. Da una parte continuano ad apprendere, e dall’altra mettono in pratica ciò che hanno imparato. La specializzazione è la migliore esperienza di learning in action che esista, una sorta di apprendistato continuo in cui si interiorizza ciò che consentirà a questi medici di essere autonomi nella loro professione. Ma quelli dopo la laurea sono anni di lavoro, che in quanto tali devono essere retribuiti. Non ci sono alternative».

Il riferimento ovviamente è alla questione degli ex specializzandi che, tra il 1978 ed il 2006, hanno frequentato le scuole di specializzazione senza ricevere il corretto trattamento economico previsto dalla normativa europea. Un diritto riconosciuto dai tribunali di tutta Italia, che hanno risarcito migliaia di medici, ma che dovrebbe tornare nelle mani dello Stato per una definitiva risoluzione della questione: «Il diritto riconosciuto a coloro che in anni precedenti hanno prestato il servizio e non sono stati retribuiti è un diritto che va sanato e va risolto attraverso anche una potenziale transazione tra lo Stato e loro», è l’opinione della senatrice Binetti. E vanno proprio in tal senso di Disegni di legge presentati dalla senatrice Maria Rizzotti e firmati, tra gli altri, anche dalla Binetti.

«Mi auguro allora che si faccia giustizia – aggiunge – per coloro che sono passati attraverso questa difficile esperienza. Ma anche nei confronti di coloro che si apprestano adesso ad entrare in questo mondo». Il cosiddetto imbuto formativo, infatti, impedisce ancora oggi a migliaia di giovani medici di proseguire gli studi post-laurea a causa dello scarto tra numero di laureati e borse di specializzazione disponibili: «Se quello alla specializzazione è un diritto esigibile, vorrei che il Governo si ponesse con totale chiarezza e senso di responsabilità nei confronti delle nuove generazioni di laureati. Non vogliamo che anche questa materia si trasformi in un contenzioso pesantissimo per lo Stato», conclude.

 

Articoli correlati
Psicologo scolastico, CNOP chiede il rinnovo del protocollo con il Ministero dell’Istruzione. E alla Camera arriva un nuovo ddl
Nel primo anno, coperte dall’assistenza psicologica il 70% delle scuole: il 50% delle attività dedicata ai docenti. Ora alla Camera un nuovo ddl del deputato Emilio Carelli. Lazzari (CNOP): «Servono interventi tempestivi. Mettere questa figura a sistema sarebbe importante. I ragazzi hanno risentito della psicopandemia»
Medici e scuole di specializzazione, Binetti: «Una sinergia tra tre numeri per evitare cervelli in fuga»
La senatrice dell'Udc spiega quale dovrebbe essere, dal suo punto di vista, uno dei perni del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per quanto riguarda l’ambito della salute
Osservatorio, centri e sportelli: un nuovo Ddl per potenziare la lotta alle dipendenze sul territorio
Lo ha presentato il senatore M5S Ruggiero Quarto: obiettivo legare la riforma ai fondi del PNRR. «Riorientare il SSN verso un modello incentrato sui territori e sulle reti di assistenza sociosanitaria. Il nostro Ordinamento non può abbandonare i più deboli e non può consentire che questi rinuncino ad una vita dignitosa» spiega il parlamentare Cinque Stelle
Ex specializzandi, altre sentenze e novità su quantum risarcitorio e prescrizione
Intervista all’avvocato Marco Tortorella che spiega le novità che interessano i medici che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico durante gli anni di scuola post-laurea
Ex specializzandi, Stato condannato a pagare ancora 5 milioni ad altri 200 medici
Una recente pronuncia del Tribunale di Firenze raddoppia i rimborsi per ogni anno frequentato e allunga i tempi per la prescrizione. Avv. Tortorella (Consulcesi): «Affermate le tesi che Consulcesi ha sempre portato avanti con il parere pro-veritate del presidente Di Amato«»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco