Lavoro 6 settembre 2018

Donne e medicina, Le Mediche: «Curiamo meglio degli uomini, ma il nostro contributo ai sistemi sanitari è ancora insufficiente»

Sandra Morano, coordinatrice dell’Accademia: «Dove le donne sono protagoniste, la sanità è migliorata. Le mediche devono entrare in rotta di collisione con l’attuale sistema in crisi e iniziare a pensare con mente di donna a come cambiare veramente le cose»

Immagine articolo

Nonostante lo si indichi con un nome femminile, quello della medicina è un mondo più per uomini. Le donne storicamente sono addette alle cure, ma sono sempre state fuori dall’ambito accademico o dalla ricerca. E nonostante oggi in Italia rappresentino il 40% dei medici, non esiste ancora, secondo l’Accademia “Le Mediche”, un modo di lavorare e di pensare che tenga conto della differenza di donna. Come cambierebbe la medicina se venisse insegnata al femminile? E in che modo cambierebbero la ricerca scientifica, i sistemi sanitari, gli orari di lavoro o gli stessi luoghi di cura, se “le mediche” fossero realmente protagoniste? Sono solo alcune delle domande che si pone l’Accademia, nata nell’ambito dell’Accademia delle maestrie femminili creata dalla filosofa Annarosa Buttarelli. Temi che vengono affrontati nel ciclo di incontri in corso a Roma, presso la Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea, e che abbiamo approfondito con la coordinatrice de Le Mediche Sandra Morano, specialista in ginecologia ed ostetricia, che non ha dubbi: «Le donne dovrebbero essere protagoniste in assoluto, portando il segno della loro differenza».

Dottoressa, qual è la differenza tra un medico e una medica?

«Ci sono molti studi su questo tema ed è stato dimostrato che quando i pazienti sono curati da donne sembra che guariscano meglio, che le donne chirurgo sono più precise, che dedicano molto più tempo e sono più brave nella relazione con il paziente. Questo significa che i talenti sono molti, estremamente diversificati e si devono scoprire nella loro globalità. E se questi talenti sono espressi così bene in una situazione di cattività, figuriamoci se ci fosse anche l’apporto nel disegno globale di cure, fatte completamente in un’ottica di tempo, disponibilità ed empatia femminili».

Qual è quindi il messaggio che lanciate alle donne in questi seminari?

«Il messaggio alle donne è di iniziare ad attrezzarsi e cominciare a pensare con mente di donna a come potrebbero cambiare le cose. Potrà sembrare assurdo o banale affrontare questi temi in un momento in cui sembra che i problemi siano altri, ma oggi i sistemi sanitari sono in crisi anche perché per troppo tempo si è fatto a meno del contributo delle donne. Laddove “la medica” è diventata protagonista, infatti, le cose sono veramente cambiate: i reparti sono diversi, l’insegnamento è centrato sui bisogni delle donne e degli uomini, così come cose più banali come gli orari o più importanti come i luoghi di lavoro».

Come mai secondo lei non c’è questo protagonismo femminile?

«Perché per essere realmente protagoniste occorre entrare in rotta di collisione con la situazione attuale, e non tutte ne hanno voglia o tempo. L’obiettivo invece è di portare dentro tutte le contraddizioni di cui siamo portatrici, cosa che vale per tutte le professioni, ma crediamo sia ancora più importante per le donne che si curano del corpo, che hanno contatto con la vita, la morte e la sofferenza tutti i giorni, quindi non si può prescindere da questo dualismo. Ed è questa la cosa più difficile: per farlo abbiamo avuto bisogno dei contributi di altre discipline, come l’arte, la letteratura, la psicologia, la storia, la filosofia, che possono dare una chiave molto più completa alla cura dell’uomo. Per questo motivo i moduli che l’Accademia propone sono arricchiti da un apporto interdisciplinare. Con l’aiuto di tutte queste discipline penso che le cose possano cambiare, e molto dipenderà dalle donne».

LEGGI ANCHE LO SPECIALE DI SANITÀ INFORMAZIONE “DONNA È SALUTE

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
“Testa o croce? Non affidarti al caso”. A Bologna i maxi poster della campagna UAAR sui medici obiettori | FOTO
«Avere un ginecologo di fiducia del quale sono note le opinioni su questi aspetti è fondamentale. La nostra libertà è un bene prezioso, esercitiamola sin dall’inizio e fino alla fine. Non affidiamoci al caso» così l’Unione degli atei e degli agnostici razionalisti (UAAR) avvisa le donne
Milano, Onda premia le Best Practice degli ospedali per la sclerosi multipla
Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, ha organizzato a Milano la cerimonia di premiazione delle Best Practice degli ospedali con i Bollini Rosa per la sclerosi multipla. L’evento si svolgerà  presso la Regione Lombardia – Sala Pirelli, Via Fabio Filzi 22 – mercoledì 12 dicembre 2018 alle ore 11.30. La Sclerosi Multipla è una […]
Violenza donne, OMCeO Roma celebra giornata contro il femminicidio. Scalise: «Riconoscere comportamento a rischio all’interno della coppia»
Tra gli ospiti del workshop il Magistrato del Tribunale di Roma Antonio Calaresu: «La violenza di genere è frutto del pregiudizio di genere; ha radici educative gravi e profonde. Ricordiamoci, noi genitori, di non fare distinzioni “di genere” nell'educazione dei figli»
“La violenza fisica e psichica sulla persona”: il convegno a Sassari
La violenza fisica e psichica sulla persona” è il titolo del convegno in programma venerdì 16 novembre, alle ore 15, nell’aula magna della Facoltà di Medicina e Chirurgia, in viale San Pietro a Sassari. L’incontro, organizzato dal Centro di vittimologia della Clinica psichiatrica dell’Aou di Sassari e dell’Università di Sassari in collaborazione con la Società, […]
Milano, l’Osservatorio Onda presenta il libro “Viaggio nella depressione”
Si terrà mercoledì 8 novembre alle ore 11.00 presso la Sala Ricci – Fondazione culturale San Fedele (Piazza San Fedele, 4 Milano) la presentazione del libro “Viaggio nella depressione. Esplorarne i confini per riconoscerla e affrontarla” scritto dagli autori Claudio Mencacci e Paola Scaccabarozzi. L’incontro è curato dalla Fondazione Onda, Osservatorio Nazionale sulla salute della donna e […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano