Diritto 6 dicembre 2016

Referendum, l’Italia ha detto No. Quale futuro per la sanità?

A rischio Lea, Ddl Gelli, rinnovo contratti e convenzioni SSN. Con il No al Referendum si aprono nuovi scenari per la sanità. Tante le domande in attesa di risposta

Lea, rinnovo contratti, rischio clinico, Ddl concorrenza e nodo farmacie, su questi punti forti incertezze all’indomani del No. Bocciata la riforma costituzionale, si aprono altri scenari politici. Un nuovo premier e una nuova squadra, il Governo è da riscrivere e anche per il comparto sanità c’è da mettere in conto una serie di cambiamenti. Intanto su richiesta del presidente della Repubblica Mattarella, il premier Renzi ha congelato le sue dimissioni in previsione dell’approvazione della importantissima Legge di Bilancio, il cui iter parlamentare ipoteticamente si concluderà entro la settimana. Nei prossimi giorni sarà tutto da vedere. Ma quali saranno le possibili trasformazioni che subirà la sanità? Alla guida del Ministero della Salute rimarrà Beatrice Lorenzin? Il Ministro, una delle maggiori sostenitrici del Sì e insieme a Matteo Renzi, con cui ha sottoscritto un patto dalle larghe intese, incassa la drammatica sconfitta. Dopo un iniziale silenzio stampa la Lorenzin ha fatto capolino su Twitter: «Insieme a milioni di italiani, abbiamo giocato una bella partita e l’abbiamo persa. È stato bello e giusto giocarla: per l’Italia», ha dichiarato con un pizzico di malinconia.

Sono molti i provvedimenti il cui futuro, all’indomani del No, diventa incerto. Innanzitutto, che accadrà ai Lea? Sui Livelli Essenziali di Assistenza il Parlamento deve ancora pronunciarsi ma dopo un lungo iter sembrava fossero giunti vicini al traguardo. Ora lo stop è inevitabile. Dunque toccherà al nuovo Governo vararli in Consiglio dei Ministri, ma quando? Con a capo quale Premier? I tempi sono stretti e per adesso si brancola nel buio. Molto probabilmente per l’approvazione definitiva si dovrà attendere più del previsto. Per quanto riguarda il rinnovo dei contratti invece, cosa accadrà? Quello per il pubblico impiego sembrerebbe una promessa che Renzi vuole mantenere a tutti i costi, ma i dipendenti del Sistema Sanitario Nazionale cosa devono aspettarsi? E per il rinnovo delle convenzioni? In questo scenario anche il rischio clinico rischia di sprofondare nella palude dell’incertezza.

Per quanto riguarda la responsabilità professionale invece, quale sarà il destino del Ddl Gelli? Il Disegno è stato approvato lo scorso gennaio alla Camera e attende la seconda lettura in Senato. Anche in questo caso, l’ipotesi più attendibile è un probabile slittamento a data da definire. C’è poi la Riforma Madia sulla Pubblica Amministrazione che, respinta dalla Corte Costituzionale, rimane sospesa insieme agli sforzi della Lorenzin e della Madia per riformare il sistema di nomine dei Direttori generali delle Aziende sanitarie con la costituzione del primo Albo nazionale. A rischio inoltre l’approvazione del Ddl di Riforma degli ordini, il Ddl Concorrenza e tutta la partita sul farmaco, sui ticket e sulle cure.

Articoli correlati
Sanità Regioni, la proposta di Sileri: «Serve commissariamento ‘chirurgico’ solo su aspetti che vanno male». Luca Coletto: «In Patto Salute nuove modalità»
Il Presidente della Commissione Sanità del Senato sottolinea: «Non ha senso commissariare l'intero settore Sanità di una Regione quando ci sono strutture che vanno male e altre che invece funzionano benissimo. Serve un accordo su qualità e meritocrazia». E anche il Sottosegretario alla Salute parla di «verifica straordinaria, che individui le disfunzioni persistenti sulle quali intervenire e soltanto dopo saremo in grado di stabilire l'intensità del commissariamento di cui la regione necessita»
Blockchain, Scaccabarozzi (Farmindustria): «Tecnologia utile anche per farmacovigilanza e ricerca staminali»
Il Presidente degli industriali farmaceutici al convegno in Senato promosso dal presidente della Commissione Sanità Pierpaolo Sileri e da realtà come Consulcesi Tech. «È bene che se ne cominci a parlare, anche se siamo in una fase molto iniziale. Bene anche l’uso per la ricerca come quella sulle cellule staminali», sottolinea a Sanità Informazione
Con autonomia differenziata 21 Sistemi sanitari diversi? Razza (Assessore Salute Sicilia): «Nessun rischio con coordinamento Regioni»
L’assessore alla Salute della Regione governata da Nello Musumeci spiega ai nostri microfoni cosa si aspetta dal Governo dopo il tavolo di trattativa avviato con le Regioni del Nord. «Sud venga messo in condizione di crescere»
Salute, De Poli (Udc): «Serve Piano Marshall per ‘nuova primavera’ sanità italiana»
«Il Servizio Sanitario nazionale ha da poco compiuto i 40 anni. Nonostante i limiti presenti e passati, rimane uno tra i migliori al mondo. C’è un ‘ma’. Oggi dobbiamo chiederci cosa fare per mantenere questo modello sostenibile, considerando la stagione dei tagli in sanità, gli aumenti dei costi dovuti all’invecchiamento della popolazione e all’aumento della […]
Autonomia differenziata, nord avanti ma crescono i dubbi. Luca Zaia (Veneto): «Governo ha ribadito più volte che si farà»
Per la FNOMCeO a rischio «l’uguaglianza dei cittadini nell’accesso al diritto alla salute», ma Zaia e Toti confermano. «Vogliamo trovare accordo ma nessuna soluzione annacquata», annuncia il Presidente della Regione Veneto. «Presenteremo testo al Ministro Stefani con cui chiederemo un’intesa al Governo», spiega invece il Governatore della Liguria
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...