Diritto 6 Dicembre 2016

Referendum, l’Italia ha detto No. Quale futuro per la sanità?

A rischio Lea, Ddl Gelli, rinnovo contratti e convenzioni SSN. Con il No al Referendum si aprono nuovi scenari per la sanità. Tante le domande in attesa di risposta

Lea, rinnovo contratti, rischio clinico, Ddl concorrenza e nodo farmacie, su questi punti forti incertezze all’indomani del No. Bocciata la riforma costituzionale, si aprono altri scenari politici. Un nuovo premier e una nuova squadra, il Governo è da riscrivere e anche per il comparto sanità c’è da mettere in conto una serie di cambiamenti. Intanto su richiesta del presidente della Repubblica Mattarella, il premier Renzi ha congelato le sue dimissioni in previsione dell’approvazione della importantissima Legge di Bilancio, il cui iter parlamentare ipoteticamente si concluderà entro la settimana. Nei prossimi giorni sarà tutto da vedere. Ma quali saranno le possibili trasformazioni che subirà la sanità? Alla guida del Ministero della Salute rimarrà Beatrice Lorenzin? Il Ministro, una delle maggiori sostenitrici del Sì e insieme a Matteo Renzi, con cui ha sottoscritto un patto dalle larghe intese, incassa la drammatica sconfitta. Dopo un iniziale silenzio stampa la Lorenzin ha fatto capolino su Twitter: «Insieme a milioni di italiani, abbiamo giocato una bella partita e l’abbiamo persa. È stato bello e giusto giocarla: per l’Italia», ha dichiarato con un pizzico di malinconia.

Sono molti i provvedimenti il cui futuro, all’indomani del No, diventa incerto. Innanzitutto, che accadrà ai Lea? Sui Livelli Essenziali di Assistenza il Parlamento deve ancora pronunciarsi ma dopo un lungo iter sembrava fossero giunti vicini al traguardo. Ora lo stop è inevitabile. Dunque toccherà al nuovo Governo vararli in Consiglio dei Ministri, ma quando? Con a capo quale Premier? I tempi sono stretti e per adesso si brancola nel buio. Molto probabilmente per l’approvazione definitiva si dovrà attendere più del previsto. Per quanto riguarda il rinnovo dei contratti invece, cosa accadrà? Quello per il pubblico impiego sembrerebbe una promessa che Renzi vuole mantenere a tutti i costi, ma i dipendenti del Sistema Sanitario Nazionale cosa devono aspettarsi? E per il rinnovo delle convenzioni? In questo scenario anche il rischio clinico rischia di sprofondare nella palude dell’incertezza.

Per quanto riguarda la responsabilità professionale invece, quale sarà il destino del Ddl Gelli? Il Disegno è stato approvato lo scorso gennaio alla Camera e attende la seconda lettura in Senato. Anche in questo caso, l’ipotesi più attendibile è un probabile slittamento a data da definire. C’è poi la Riforma Madia sulla Pubblica Amministrazione che, respinta dalla Corte Costituzionale, rimane sospesa insieme agli sforzi della Lorenzin e della Madia per riformare il sistema di nomine dei Direttori generali delle Aziende sanitarie con la costituzione del primo Albo nazionale. A rischio inoltre l’approvazione del Ddl di Riforma degli ordini, il Ddl Concorrenza e tutta la partita sul farmaco, sui ticket e sulle cure.

Articoli correlati
Abruzzo, la ricetta del governatore Marsilio: «Stop debiti e nuove assunzioni. Tagli? Fake news»
Il Presidente della Regione Abruzzo fa il punto a un anno dalla sua elezione: «Non spenderemo più soldi di quelli destinati all’Abruzzo. Sui farmaci, con la centrale unica di committenza abbiamo già risparmiato molti soldi». Sulle aggressioni: «È un imbarbarimento della nostra civiltà, giusto che ci sia allarme sociale»
Formazione manageriale in Sanità, il 19 gennaio si chiude il bando per selezionare i migliori 30: la Campania forma i manager di domani
La Campania come fucina dei manager della Sanità. Non si tratta di uno spot, bensì della tendenza ormai consolidata di Direttori Sanitari Aziendali e Direttori di UOC delle Aziende e degli Enti del Servizio Sanitario Regionale a tentare di entrare nella cerchia dei 30 ai quali sarà consentito l’accesso al “Corso di formazione manageriale in materia di […]
Molise, parla Toma. «Stop tagli, ecco come potenzieremo le strutture. Sui commissariamenti mi dileggiavano ma poi…»
Il Presidente della Regione Molise spiega che si arriverà a una sanità ‘a misura di molisani’: «Potenziamento delle strutture di Campobasso, Isernia e Termoli, mantenimento punti nascita e nosocomio di Agnone come ‘ospedale di area disagiata». Dopo la vittoria alla Consulta sull’incompatibilità Commissario-Presidente al via i tavoli con il Governo
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
Fragilità, Durigon (Lega): «Più welfare aziendale per aiutare SSN a essere più efficiente»
L’ex Sottosegretario al Lavoro contesta la manovra finanziaria: «Su sanità e sociale poco o niente e sul Terzo settore sono da valutare gli effetti dell’aumento dell’Ires»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano