Diritto 17 Dicembre 2018

Legge Gelli. Senatori (Ageo): «Responsabilità medico-legale libere professioni sia equiparata a dipendenti. Non siamo medici di serie B»

Il presidente del XVIII Congresso dell’Associazione Ginecologi Extra Ospedalieri: «Con chirurghi plastici, ortopedici e anestesisti siamo i professionisti più a rischio contenzioso». Aumenta disaffezione alla professione: «Recenti bandi di concorso andati deserti o quasi»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Non esistono ginecologi di serie A e di serie B.  La laurea conseguita dai liberi professionisti è uguale a quella dei medici del Sistema Sanitario Nazionale. Nel momento in cui il ginecologo si adegua alle normative, rispetta le linee guida, i buoni consigli, segue la medicina basata sull’evidenza, deve avere gli stessi diritti e gli stessi doveri dei suoi colleghi – anche da un punto di vista legale e di responsabilità civile e professionale – a prescindere dal luogo della sua professione, che sia una struttura pubblica o privata». Sono critiche le parole di Roberto Senatori che, in qualità di presidente del XVIII Congresso Nazionale  dell’Associazione Ginecologi Extra Ospedalieri (Ageo), racconta le difficoltà che ancora permangono per i medici liberi professionisti nonostante l’emanazione di nuove normative. L’Ageo ha dedicato un’intera sessione del suo ultimo Congresso, tenutosi in questi giorni a Roma nella cornice della “Domus Circo Massimo”, ai temi della medicina legale, da segnalare la tavola rotonda con l’intervento dell’avvocato Marco Tortorella, esperto nella tutela legale della categoria medica, sul tema della tutela assicurativa dei ginecologi.

«La legge Gelli  – ha continuato Senatori – è stato un passo importantissimo. Ha modificato la concezione della responsabilità professionale del ginecologo». Ma non di tutti: «Ha cambiato la realtà dei medici che lavorano per il Sistema Sanitario Nazionale all’interno di una struttura pubblica – ha aggiunto il presidente  del XVIII Congresso Ageo –  di coloro che indossano una casacca, una divisa, che intorno a sé hanno un reparto che li tutela».

LEGGI ANCHE: GINECOLOGIA, SCAMBIA (SIGO): «NUOVE TERAPIE ALLUNGHERANNO SOPRAVVIVENZA PAZIENTI CON TUMORE OVARICO»

E per il libero professionista? «Non è cambiato niente – ha risposto Senatori -. Lo specialista che lavora in un regime libero professionale instaura un rapporto di tipo contrattuale con la donna che lo sceglie. La sua paziente si affida a lui, ma nello stesso tempo, se qualcosa non dovesse andare secondo le sue aspettative, la signora avrà 10 anni di tempo per denunciare il suo ginecologo. Dal canto suo, il medico per tutelarsi ed esercitare serenamente deve  dotarsi di una polizza assicurativa che abbia un decennio di retroattività.  E credo – ha sottolineato Senatori – che nessun paziente sia realmente informato su quello che noi paghiamo per poter assistere le gravide e i loro parti. Si tratta di polizze che ogni anno ci costano dai 15 ai 18 mila euro, difficilmente rinnovabili qualora sia abbia un sinistro, dove per sinistro non si intende la condanna, poiché quasi mai ci si arriva, ma la semplice notifica di un problema».

Una situazione che riguarda diverse branche della medicina e che sempre più  specialisti preferiscono evitare, piuttosto che affrontare.  «Noi ginecologi, con i chirurghi plastici, gli ortopedici e gli anestesisti siamo i professionisti statisticamente più a rischio. E non escludo che questo possa essere uno dei motivi che allontana molti colleghi dallo scegliere queste specializzazioni». Quelle di Roberto Senatori non sono semplici supposizioni, lo specialista racconta ai microfoni di Sanità Informazione  alcuni avvenimenti recenti: «Vorrei che fosse noto – ha sottolineato – che ultimamente ci sono stati dei bandi di concorso per ginecologi e ostetrici, nelle Regioni del nord Italia, andati deserti o a cui si è presentato un iscritto su tre».

Non è una questione solo di responsabilità professionale, ma anche di rapporto medico-paziente, modificatosi negli ultimi anni. «Oggi la donna non vuole più un figlio sano,  vuole un figlio perfetto. E questo – ha detto Senatori – è molto difficile, poiché l’evento parto non è programmabile in tutte le sue caratteristiche. Il nostro dovere è di cura, non necessariamente di guarigione. Ma allo stesso tempo, in qualità di medici di fiducia, scelti liberamente dalle pazienti, dobbiamo avere la possibilità di svolgere pienamente il nostro lavoro, prevenendo e riducendo le emergenze della sala parto, urgenze che poi – ha concluso il presidente  del XVIII Congresso Ageo – rappresentano la principale causa di contenzioso medico-legale».

Articoli correlati
I due anni della Legge Gelli nel primo Quaderno della Fondazione Italia in Salute
Il presidente della Fondazione Federico Gelli: «Ecco la fotografia dello stato dell'arte dell'applicazione della legge sulla sicurezza delle cure e la responsabilità professionale»
Decreti attuativi Legge Gelli, ecco i temi. Rischio rivalse delle assicurazioni per chi non è in regola con ECM
Dai requisiti delle polizze assicurative alle regole per le strutture che si auto-assicurano, i contenuti principali dei quattro decreti attuativi della Legge sulla responsabilità professionale di medici e professionisti sanitari. Nodo ECM: le assicurazioni potranno rivalersi sui medici non in regola con l’obbligo formativo, ma da più parti si chiede inversione del sistema e introduzione di meccanismi premiali      
Responsabilità medica, Federico Gelli: «In alcune regioni c’è già deflazione del contenzioso. Entro quattro mesi ultimi decreti»
«Abbiamo ricevuto il testo dal Mise finalmente dopo circa un anno», spiega Federico Gelli, presidente della Fondazione Italia in Salute e padre della legge 24 del 2017. Sul contenzioso medico-paziente «puntare sul Garante del diritto alla Salute»
Responsabilità professionale, Gelli: «Entro l’autunno avremo i decreti attuativi legge 24»
Il testo dei quattro decreti è stato elaborato dal MISE e ha ricevuto il parere positivo da parte del MEF e del ministero della Salute. Il padre della legge Gelli: «Ora manca concertazione. Accolto il 90% delle nostre proposte»
Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»
L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato al risarcimento perché ha violato la giurisprudenza dell'Unione europea e dell'Italia», sottolinea l’avvocato. La materia è anche oggetto di un Master alla Luiss
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone