Salute 5 novembre 2018

Partoanalgesia, in Italia garantita al 20% delle donne. Astuto (Siaarti): «Evitare il dolore non necessario è sinonimo di civiltà»

L’analgesia in travaglio è stata introdotta nei Lea  il 18 marzo 2017, ma  la situazione nazionale non si è modificata: «Le regioni,  delegate all’applicazione delle indicazioni del piano sanitario nazionale – ha spiegato l’anestesista  – non hanno provveduto ai Drg (Raggruppamenti omogenei di diagnosi)»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Evitare il dolore laddove non necessario provarlo è sintomo di civiltà». Per questo, Marinella Astuto, anestesista, direttrice della scuola di specializzazione di Anestesia e Rianimazione dell’università di Catania e responsabile Area Materno-Infantile della Siaarti, la Società Italiana di Anestesia Analgesia Rianimazione e Terapia, si schiera, accanto ad altri colleghi, affinché la partoanalgesia diventi un reale diritto per tutte le donne.

Secondo i più recenti dati diffusi dalla stessa Società Italiana di Anestesia Analgesia Rianimazione e Terapia, le partorienti che possano usufruire di un’analgesia in travaglio, gratuita e istituzionalmente garantita 24 ore al giorno, non superano il 20%. «E questo – ha sottolineato la professoressa Astuto – nonostante l’analgesia sia stata introdotta nei Lea il 18 marzo 2017».

LEGGI ANCHE: PUERICULTRICI, UN MESTIERE IN VIA DI ESTINZIONE. SILVANA PARISI: «MAMME HANNO BISOGNO DI AIUTO COME 80 ANNI FA. SERVONO PERCORSI DI LAUREA AD HOC»

Il parto indolore è una pratica diffusa in Italia sin dai primi anni ’80, ma questi quasi 40 anni di storia, probabilmente, non sono bastati a sfatare falsi miti ed errate credenze: «Chiariamo subito – ha detto la responsabile dell’area Materno-Infantile della Siaati –  che la partoanalgesia non comporta rischi aggiuntivi per la madre e il suo bambino. Le conseguenze sono quelle a cui andrebbe incontro chiunque si sottoponga ad un’anestesia epidurale e, quindi, un possibile blocco loco-regionale. È possibile praticarla in qualsiasi momento del travaglio, dall’inizio delle contrazioni fino a prima che cominci la fase espulsiva. Inoltre, non è stato scientificamente dimostrato che questa anestesia possa comportare un ritardo della dilatazione o un allungamento del travaglio. E –  ha aggiunto l’esperta –  seppure dovesse accadere, questo aumento dei tempi non sarebbe sintomo di inefficienza, non creerebbe complicazioni al parto».

In altre parole, la professoressa Astuto è convinta che mettendo sulla bilancia i rischi e i benefici dell’analgesia in travaglio l’ago tenderebbe a favore di questi ultimi. E allora perché la sua diffusione stenta a decollare? «Innanzitutto per la carenza di anestesisti – ha precisato l’anestesista -. Il numero di specialisti è insufficiente nei punti nascita, così come in molti altri reparti. Poi, nelle strutture dove il numero di parti non supera i 500 all’anno non è prevista la presenza di un’anestesista di guardia, figura assicurata solo laddove si superano le mille nascite. Terzo problema: non sempre esiste una sinergia con il resto del personale. Ci sono ostetriche che non accettano di buon grado la partoanalgesia. E più di recente, nonostante l’approvazione dei nuovi Lea, la situazione nazionale non è cambiata, in quanto, le regioni delegate all’applicazione delle indicazioni del piano sanitario nazionale, non hanno attuato il Drg (Raggruppamenti omogenei di diagnosi)».

Per la professoressa Astuto sono diverse le soluzioni possibili per modificare la situazione attuale: «Raggruppare, laddove geograficamente possibile, i punti nascita così da creare strutture con un  numero di parti superiori ai mille e – ha aggiunto la responsabile Siaarti – rendere obbligatoria la presenza di un anestesista 24 ore su 24».

Poi investire, oltre che sulle risorse umane, anche sulla comunicazione. «La stessa Siaarti ha deciso di puntare su una diffusione capillare di queste informazioni, istituendo da quest’anno l’area Materno-infantile che presiedo. Un lavoro – ha detto Astuto – che dovrà necessariamente coinvolgere anche ginecologi e ostetrici: sono loro ad avere un rapporto di fiducia con la donna e, pertanto, i professionisti più indicati ad informarla sui benefici della partoanalgesia. Allo stesso tempo, gli anestesisti potrebbero conquistare un ruolo accanto alla neomamme prevedendo la loro presenza durante i corsi preparto».

Di strada da fare ce n’è, «ma – ha assicurato la professoressa – l’Italia non è fanalino di coda rispetto agli altri Paesi d’Europa».  Ed anzi, impegnarsi per non restare indietro potrebbe contribuire a migliorare la posizione della Nazione in altri ambiti dove si è ancora troppo poco virtuosi. È il caso dei parti cesarei che, in Italia, superano il 30% , cifra molto al di sopra dei limiti fissati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. «La partoanalgesia ridurrebbe di molto anche il ricorso al parto cesareo – ha assicurato l’anestesista -. Perché, oggi, ci sono molte donne che scelgono il bisturi proprio per la paura di soffrire. Paura che potrebbe essere superata e soprattutto evitata – ha concluso Astuto –  con un accesso alla analgesia in travaglio garantita per diritto a tutte le donne, in qualunque luogo d’Italia».

 

Articoli correlati
Salute, ecco l’app “Farmacia aperta” con mappe, orari e informazioni sulla farmacia più vicina
È scaricabile su App Store la nuova App “Farmacia Aperta”. Sviluppata da Federfarma Lombardia in collaborazione con T4Project, l’applicazione permette di geolocalizzarsi e individuare rapidamente la farmacia aperta più vicina, con informazioni dettagliate su orario, turni, e percorso più rapido per raggiungerla. L’applicazione è gratuita ed è fruibile in modo facile e intuitivo: dopo aver […]
Rapporto annuale Aiop, 20 milioni di italiani bloccati da liste di attesa. Barbara Cittadini: «Pronti a contribuire per risolvere problema»
A Roma il 16esimo Report Ospedali&Salute. Un italiano su tre insoddisfatto dell'SSN, 50% ricorre a Pronto soccorso per ridurre tempi di attesa. La presidente dell'Associazione Italiana Ospedalità Privata sottolinea: «Governo ha iniziato bene». «I tetti di spesa per la sanità privata accreditata saranno rivisti sicuramente», annuncia il Sottosegretario alla Salute Luca Coletto
Malata di leucemia, tutta la classe si vaccina per farla tornare a scuola
Il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti si è detto fiero dei bambini della scuola di Faenza (Ravenna) dove una classe di quarta elementare si è vaccinata contro l’influenza per permettere a una compagna malata di leucemia di poter tornare a scuola sicura. «Voglio ringraziarli, insieme ai loro genitori e ai loro insegnanti, per la sensibilità e la prontezza che […]
Lotta alla peste suina africana, Giulia Grillo: «In pochi mesi risultati eccezionali, Sardegna merita sblocco export»
«Nelle prossime settimane sarò in Sardegna per incontrare anche gli allevatori e i lavoratori del comparto suinicolo che, grazie alla strategia messa in campo dalle autorità veterinarie regionali e dal ministero della Salute, hanno raggiunto risultati eccezionali nella lotta alla peste suina africana che tanto ha danneggiato il settore, imponendo vincoli all’export che hanno gravemente […]
Sanità e integrazione, Foad Aodi: «No a medici di serie A e B in un momento di grave carenza a livello mondiale»
L’associazione medici di origine straniera in Italia (AMSI) e la Confederazione Internazionale-Unione Medica Euro Meditteranea (UMEM) lanciano l’allarme sulle barriere burocratiche imposte ai professionisti della sanità di origine straniera in Italia in relazione al loro diritto all’esercizio della professione presso le strutture pubbliche tramite concorsi. «Purtroppo esiste ancora l’obbligo della cittadinanza per poter sostenere i […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano