Salute 5 novembre 2018

Partoanalgesia, in Italia garantita al 20% delle donne. Astuto (Siaarti): «Evitare il dolore non necessario è sinonimo di civiltà»

L’analgesia in travaglio è stata introdotta nei Lea  il 18 marzo 2017, ma  la situazione nazionale non si è modificata: «Le regioni,  delegate all’applicazione delle indicazioni del piano sanitario nazionale – ha spiegato l’anestesista  – non hanno provveduto ai Drg (Raggruppamenti omogenei di diagnosi)»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Evitare il dolore laddove non necessario provarlo è sintomo di civiltà». Per questo, Marinella Astuto, anestesista, direttrice della scuola di specializzazione di Anestesia e Rianimazione dell’università di Catania e responsabile Area Materno-Infantile della Siaarti, la Società Italiana di Anestesia Analgesia Rianimazione e Terapia, si schiera, accanto ad altri colleghi, affinché la partoanalgesia diventi un reale diritto per tutte le donne.

Secondo i più recenti dati diffusi dalla stessa Società Italiana di Anestesia Analgesia Rianimazione e Terapia, le partorienti che possano usufruire di un’analgesia in travaglio, gratuita e istituzionalmente garantita 24 ore al giorno, non superano il 20%. «E questo – ha sottolineato la professoressa Astuto – nonostante l’analgesia sia stata introdotta nei Lea il 18 marzo 2017».

LEGGI ANCHE: PUERICULTRICI, UN MESTIERE IN VIA DI ESTINZIONE. SILVANA PARISI: «MAMME HANNO BISOGNO DI AIUTO COME 80 ANNI FA. SERVONO PERCORSI DI LAUREA AD HOC»

Il parto indolore è una pratica diffusa in Italia sin dai primi anni ’80, ma questi quasi 40 anni di storia, probabilmente, non sono bastati a sfatare falsi miti ed errate credenze: «Chiariamo subito – ha detto la responsabile dell’area Materno-Infantile della Siaati –  che la partoanalgesia non comporta rischi aggiuntivi per la madre e il suo bambino. Le conseguenze sono quelle a cui andrebbe incontro chiunque si sottoponga ad un’anestesia epidurale e, quindi, un possibile blocco loco-regionale. È possibile praticarla in qualsiasi momento del travaglio, dall’inizio delle contrazioni fino a prima che cominci la fase espulsiva. Inoltre, non è stato scientificamente dimostrato che questa anestesia possa comportare un ritardo della dilatazione o un allungamento del travaglio. E –  ha aggiunto l’esperta –  seppure dovesse accadere, questo aumento dei tempi non sarebbe sintomo di inefficienza, non creerebbe complicazioni al parto».

In altre parole, la professoressa Astuto è convinta che mettendo sulla bilancia i rischi e i benefici dell’analgesia in travaglio l’ago tenderebbe a favore di questi ultimi. E allora perché la sua diffusione stenta a decollare? «Innanzitutto per la carenza di anestesisti – ha precisato l’anestesista -. Il numero di specialisti è insufficiente nei punti nascita, così come in molti altri reparti. Poi, nelle strutture dove il numero di parti non supera i 500 all’anno non è prevista la presenza di un’anestesista di guardia, figura assicurata solo laddove si superano le mille nascite. Terzo problema: non sempre esiste una sinergia con il resto del personale. Ci sono ostetriche che non accettano di buon grado la partoanalgesia. E più di recente, nonostante l’approvazione dei nuovi Lea, la situazione nazionale non è cambiata, in quanto, le regioni delegate all’applicazione delle indicazioni del piano sanitario nazionale, non hanno attuato il Drg (Raggruppamenti omogenei di diagnosi)».

Per la professoressa Astuto sono diverse le soluzioni possibili per modificare la situazione attuale: «Raggruppare, laddove geograficamente possibile, i punti nascita così da creare strutture con un  numero di parti superiori ai mille e – ha aggiunto la responsabile Siaarti – rendere obbligatoria la presenza di un anestesista 24 ore su 24».

Poi investire, oltre che sulle risorse umane, anche sulla comunicazione. «La stessa Siaarti ha deciso di puntare su una diffusione capillare di queste informazioni, istituendo da quest’anno l’area Materno-infantile che presiedo. Un lavoro – ha detto Astuto – che dovrà necessariamente coinvolgere anche ginecologi e ostetrici: sono loro ad avere un rapporto di fiducia con la donna e, pertanto, i professionisti più indicati ad informarla sui benefici della partoanalgesia. Allo stesso tempo, gli anestesisti potrebbero conquistare un ruolo accanto alla neomamme prevedendo la loro presenza durante i corsi preparto».

Di strada da fare ce n’è, «ma – ha assicurato la professoressa – l’Italia non è fanalino di coda rispetto agli altri Paesi d’Europa».  Ed anzi, impegnarsi per non restare indietro potrebbe contribuire a migliorare la posizione della Nazione in altri ambiti dove si è ancora troppo poco virtuosi. È il caso dei parti cesarei che, in Italia, superano il 30% , cifra molto al di sopra dei limiti fissati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. «La partoanalgesia ridurrebbe di molto anche il ricorso al parto cesareo – ha assicurato l’anestesista -. Perché, oggi, ci sono molte donne che scelgono il bisturi proprio per la paura di soffrire. Paura che potrebbe essere superata e soprattutto evitata – ha concluso Astuto –  con un accesso alla analgesia in travaglio garantita per diritto a tutte le donne, in qualunque luogo d’Italia».

 

Articoli correlati
Casa e salute, D’Alessandro (Ingegnere Ambientale): «Ecco tutte le patologie fisiche e mentali conseguenti a problematiche abitative»
In Italia il patrimonio immobiliare è, nella maggior parte dei casi, figlio degli anni ’70. A distanza di quasi 50 anni l’evoluzione della società non rispecchia più totalmente la situazione abitativa: «Questo elemento, e non solo, può condizionare la salute». L’intervista alla direttrice del Dipartimento di Ingegneria Civile Edile e Ambientale dell’Università Sapienza di Roma
Novembre Azzurro: al via la campagna nazionale di informazione sul tumore alla prostata
Cinque fra le più importanti statue maschili del patrimonio artistico italiano si illuminano di azzurro per la sensibilizzazione sul tumore alla prostata. “Novembre Azzurro” è la prima campagna nazionale partita lo scorso 29 ottobre, organica e coordinata sul tema promossa da Europa Uomo, l’associazione italiana che da oltre 15 anni è impegnata nel campo dell’informazione sulle patologie prostatiche. “Fai luce […]
Stop al certificato medico per le assenza a scuola
Anche nella Regione Lazio, come già succede in altre regioni italiane, non sarà più necessario per le famiglie portare il certificato medico per le assenze per malattia superiori ai cinque giorni. È stata infatti pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio la legge sulle semplificazioni delle certificazioni sanitarie in ambito scolastico. «L’unico caso in cui è esclusa […]
Policlinico Umberto I, il nuovo programma per i pazienti con insufficienza cardiaca
Il Congresso “Global Management for Advanced Heart Failure“, che si terrà il 26 e 27 ottobre prossimi a Roma sarà l’occasione per presentare il nuovo programma del Policlinico Umberto I per la gestione dei pazienti affetti da insufficienza cardiaca avanzata tramite impianto di sistemi di assistenza ventricolari, noti come VAD (Ventricular Assist Device) realizzato in […]
Milano, l’Osservatorio Onda presenta il libro “Viaggio nella depressione”
Si terrà mercoledì 8 novembre alle ore 11.00 presso la Sala Ricci – Fondazione culturale San Fedele (Piazza San Fedele, 4 Milano) la presentazione del libro “Viaggio nella depressione. Esplorarne i confini per riconoscerla e affrontarla” scritto dagli autori Claudio Mencacci e Paola Scaccabarozzi. L’incontro è curato dalla Fondazione Onda, Osservatorio Nazionale sulla salute della donna e […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...
Formazione

Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi

Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esa...
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...