Lavoro 31 Ottobre 2017 16:22

Ddl Lorenzin: la sanità si divide. Fnomceo: «Occasione mancata». Il sì dell’AIFA: «Ora Italia allineata ad altri Paesi»

Pareri contrastanti sull’approvazione a Montecitorio della riforma delle professioni sanitarie voluta dal Ministro della Salute. Si attende la voce di Palazzo Madama che si pronuncerà entro dicembre

Ultimo giro di boa per il Ddl Lorenzin sulle professioni sanitarie che dopo il disco verde alla Camera passa in Senato dove verrà votato definitivamente dopo la Legge di Bilancio. La manovra che porta il nome del Ministro che l’ha fortemente voluta, ha come obiettivo quello di normare e armonizzare un sistema che non viene alterato da circa 70 anni. Il testo che è passato a Montecitorio con 215 voti a favore, 114 contrari e 39 astenuti, prevede una gamma di interventi ad hoc su sperimentazioni cliniche, riordino della disciplina degli ordini, esercizio abusivo della professione, nuove garanzie, diritti e tutele.

Una riforma lontana dalle aspettative, sostiene la Federazione nazionale degli Ordini dei medici e degli odontoiatri: «La Camera dei Deputati ha tentato di apportare dei correttivi a un testo completamente stravolto in Commissione Affari sociali della Camera rispetto a quanto era stato licenziato in Senato, e sufficientemente condiviso – prosegue la Federazione -. Tali correttivi non mutano tuttavia la ratio né la sostanza del provvedimento, molto lontane da una vera riforma degli Ordini, attesa e auspicata da medici e cittadini».

Dello stesso parere è la Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani che definisce la manovra «un’occasione mancata». «Non è questa una riforma all’altezza della storia degli Ordini delle professioni sanitarie ma, probabilmente, dopo una legislatura all’insegna della svalutazione di tutti i corpi intermedi della società, non era lecito aspettarsi un esito differente» spiega il Segretario della Fofi, Maurizio Pace. Insoddisfatto dell’approvazione anche Anaao Assomed che definisce la riforma «una manovra nata in una travagliata navetta tra i due rami del Parlamento, nella tenaglia tra il populismo ostile ai corpi intermedi e l’ossessione di normare fino ai più minuti dettagli, al di fuori di una idea di sanità e di professione che rispetti, anche in un contesto sociale profondamente cambiato, il ruolo di chi, come medici, è chiamato a garantire la esigibilità di un diritto fondamentale come la salute dei cittadini».

Un grande risultato invece per Paola Sciomachen, Presidente del ROI – Registro degli Osteopati d’Italia, per cui «la manovra è un altro importante risultato verso il riconoscimento della professione sanitaria. La strada per il riconoscimento è ancora lunga e impegnativa. Continuiamo a lavorare perché, anche in Italia, come negli altri Paesi d’Europa, l’osteopatia abbia la propria autonomia e identità».

«Una svolta storica per tutte le professioni sanitarie» commenta Maria Vicario, Presidente della Federazione Nazionale dei Collegi delle Ostetriche  che aggiunge «manca solo il traguardo finale e poi finalmente il Ddl Lorenzin sarà approvato anche dal Senato nel testo che, a meno di sorprese, sarà lo stesso di quello licenziato dalla Camera. La Federazione dei Collegi delle Ostetriche non può che dichiararsi soddisfatta per questo importante passo».

Lo stesso entusiasmo anche da parte dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) che per bocca del Direttore Generale Mario Melazzini commenta l’approvazione: «È un’ottima notizia per il mondo della sanità e della ricerca. Il provvedimento introduce delle novità fondamentali, attese da anni, che hanno il merito di allineare il Paese con il resto d’Europa e con le realtà più avanzate a livello mondiale in materia di sperimentazioni cliniche» conclude Melazzini.

Articoli correlati
Professioni sanitarie, Riposati (CdA Educatori professionali): «Abusivismo ancora diffuso, è il momento di un educatore professionale a tutto tondo»
Il Presidente della commissione d’Albo nazionale degli educatori professionali chiede nuove assunzioni in vista della riforma dell’assistenza territoriale. Tra i problemi anche una disomogeneità nella presenza dei corsi di laurea sul territorio nazionale, con corsi di laurea in educazione professionale scarsamente presenti nel sud Italia
di Francesco Torre
Osteopatia, gli italiani chiedono regolamentazione della professione e corso di studi ad hoc
Al Congresso ROI 2022 a Napoli il punto su percorsi accademici e tirocini formativi, equipollenze ed inserimento nei LEA
Ortottisti: ecco che ruolo avranno per la realizzazione del PNRR
Lucia Intruglio, presidente della Commissione d’Albo Nazionale degli Ortottisti: «Puntare sulla telemedicina per raggiungere anche le isole minori, dove la figura dell’ortottista è quasi del tutto assente. Sì ad una formazione quinquennale, ma accompagnata da un pari percorso contrattuale»
Gestione del rischio e Covid, Casalino (Tor Vergata): «Con la pandemia abbiamo imparato a lavorare in équipe»
A Tor Vergata le professioni sanitarie hanno così stilato una buona pratica per la gestione del rischio che è stata anche approvata dall’Agenas. Il dirigente Paolo Casalino: «La difficoltà era quella di creare percorsi ben definiti. Ci siamo trovati una pandemia che non sapevamo ancora come poteva evolvere»
di Francesco Torre
Medici contro l’ipotesi di usare gli infermieri come «supplenti» degli mmg
La Fnomceo e la Cimo-Fesmed rispondono all'assessore della Lombardia Letizia Moratti, secondo la quale gli infermieri potrebbe sostituire e contribuire alla carenza di medici di famiglia
di Redazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali