Lavoro 31 Ottobre 2017

Ddl Lorenzin: la sanità si divide. Fnomceo: «Occasione mancata». Il sì dell’AIFA: «Ora Italia allineata ad altri Paesi»

Pareri contrastanti sull’approvazione a Montecitorio della riforma delle professioni sanitarie voluta dal Ministro della Salute. Si attende la voce di Palazzo Madama che si pronuncerà entro dicembre

Ultimo giro di boa per il Ddl Lorenzin sulle professioni sanitarie che dopo il disco verde alla Camera passa in Senato dove verrà votato definitivamente dopo la Legge di Bilancio. La manovra che porta il nome del Ministro che l’ha fortemente voluta, ha come obiettivo quello di normare e armonizzare un sistema che non viene alterato da circa 70 anni. Il testo che è passato a Montecitorio con 215 voti a favore, 114 contrari e 39 astenuti, prevede una gamma di interventi ad hoc su sperimentazioni cliniche, riordino della disciplina degli ordini, esercizio abusivo della professione, nuove garanzie, diritti e tutele.

Una riforma lontana dalle aspettative, sostiene la Federazione nazionale degli Ordini dei medici e degli odontoiatri: «La Camera dei Deputati ha tentato di apportare dei correttivi a un testo completamente stravolto in Commissione Affari sociali della Camera rispetto a quanto era stato licenziato in Senato, e sufficientemente condiviso – prosegue la Federazione -. Tali correttivi non mutano tuttavia la ratio né la sostanza del provvedimento, molto lontane da una vera riforma degli Ordini, attesa e auspicata da medici e cittadini».

Dello stesso parere è la Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani che definisce la manovra «un’occasione mancata». «Non è questa una riforma all’altezza della storia degli Ordini delle professioni sanitarie ma, probabilmente, dopo una legislatura all’insegna della svalutazione di tutti i corpi intermedi della società, non era lecito aspettarsi un esito differente» spiega il Segretario della Fofi, Maurizio Pace. Insoddisfatto dell’approvazione anche Anaao Assomed che definisce la riforma «una manovra nata in una travagliata navetta tra i due rami del Parlamento, nella tenaglia tra il populismo ostile ai corpi intermedi e l’ossessione di normare fino ai più minuti dettagli, al di fuori di una idea di sanità e di professione che rispetti, anche in un contesto sociale profondamente cambiato, il ruolo di chi, come medici, è chiamato a garantire la esigibilità di un diritto fondamentale come la salute dei cittadini».

Un grande risultato invece per Paola Sciomachen, Presidente del ROI – Registro degli Osteopati d’Italia, per cui «la manovra è un altro importante risultato verso il riconoscimento della professione sanitaria. La strada per il riconoscimento è ancora lunga e impegnativa. Continuiamo a lavorare perché, anche in Italia, come negli altri Paesi d’Europa, l’osteopatia abbia la propria autonomia e identità».

«Una svolta storica per tutte le professioni sanitarie» commenta Maria Vicario, Presidente della Federazione Nazionale dei Collegi delle Ostetriche  che aggiunge «manca solo il traguardo finale e poi finalmente il Ddl Lorenzin sarà approvato anche dal Senato nel testo che, a meno di sorprese, sarà lo stesso di quello licenziato dalla Camera. La Federazione dei Collegi delle Ostetriche non può che dichiararsi soddisfatta per questo importante passo».

Lo stesso entusiasmo anche da parte dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) che per bocca del Direttore Generale Mario Melazzini commenta l’approvazione: «È un’ottima notizia per il mondo della sanità e della ricerca. Il provvedimento introduce delle novità fondamentali, attese da anni, che hanno il merito di allineare il Paese con il resto d’Europa e con le realtà più avanzate a livello mondiale in materia di sperimentazioni cliniche» conclude Melazzini.

Articoli correlati
Un medico su due ha subito aggressioni, Grillo e Anelli: «È emergenza, si approvi subito ddl anti-violenza»
Tra i temi affrontati dal ministro della Salute e dal presidente della FNOMCeO, anche il finanziamento del Fondo sanitario nazionale, le soluzioni alla carenza di medici ed il sistema della prescrizione dei farmaci
L’ex ministro Beatrice Lorenzin chiude il ciclo di incontri dei “Venerdì degli igienisti dentali”
Tra gli ospiti dell'evento UNID anche Fernando Capuano, presidente della Simedet, l'avvocato Laila Perciballi in rappresentanza del Movimento consumatori e il Presidente dell’Ordine TSRM-PSTRP di Roma e provincia, Claudio Dal Pont
Rapporto Gimbe, Lorenzin: «Non può non destare preoccupazione. Ci aspetta un autunno difficile»
L’ex ministro della Salute a Farma & Friends: «Necessaria una chiamata alle armi di tutte le forze politiche. Gli operatori della sanità sono preoccupati per i tagli preventivati al settore»
Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»
Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virgili: «Il tecnico di laboratorio è sempre più un gestore di tecnologia oltre che di tecnica, mentre prima si basava su metodiche da banco. Figure professionali come biostatistici e i bioinformatici saranno quelle che affiancheranno medici e tecnici del prossimo futuro»
Emergenza-urgenza, CIMO-FESMED al ministro Grillo: «Necessario tavolo per migliorare procedure di assistenza»
Il Presidente federale Guido Quici: «La presenza di un medico sui mezzi di soccorso avanzato è fondamentale. La carenza di medici non sia una scusa»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...