Lavoro 24 Ottobre 2019 10:00

Cybersecurity, Chiappetta (Aspisec): «I dati sanitari fanno gola agli hacker. Ecco come proteggerli»

Il settore sanitario è il nuovo bersaglio degli attacchi informatici: gli ospedali e le strutture sanitarie devono mettere in campo strategie adeguate a garantire la sicurezza dei dati dei pazienti. Ci spiega tutto Andrea Chiappetta, Amministratore di Aspisec

La sanità è un settore particolarmente vulnerabile agli attacchi degli hacker. I vantaggi delle nuove tecnologie applicate alla salute sono indubbi, ma è anche vero che i dati sanitari sono estremamente “appetibili” per i cyber criminali e aumentano sempre di più i tentativi di violazione e sottrazione. Per questo, le strutture sanitarie devono investire in sicurezza e mantenere alto il livello di protezione dei dati sensibili dei pazienti. Ne abbiamo parlato con Andrea Chiappetta, Executive Director di Aspisec, azienda che si occupa di sicurezza informatica, in occasione della conferenza Big Data In Health di cui Sanità Informazione è stata media partner.

Parliamo di di cybersecurity in ambito sanitario: quali sono i maggiori rischi e che cosa si può fare per contenerli?

«Il comparto sanitario è una realtà critica che necessita di attenzioni sia per la protezione del paziente e dei suoi dati, sia per mantenere l’integrità e il funzionamento dell’infrastruttura. Dai trend che abbiamo analizzato emerge che il settore della sanità è oggetto di attenzione da parte di soggetti esterni alle infrastrutture sanitarie. L’obiettivo è arrivare ai dati personali e arrecare danni tramite l’impiego di fishing, social engineering e malware ad hoc che vanno a bloccare il funzionamento della struttura stessa mettendo a repentaglio tutto ciò che ne deriva».

In che modo le strutture sanitarie possono proteggersi?

«In Aspisec ci occupiamo di mettere in sicurezza le infrastrutture attraverso tecnologie di offensive security. Questo come viene fatto? Con una soluzione hardware che analizza le metodologie utilizzate per cercare di accedere al sistema e arrecare danni. Usiamo tecniche di offensive security all’interno di un prodotto che mira alla defense security. Questo strumento consentirà di capire se c’è qualcuno che sta cercando di acquisire informazioni in modo fraudolento e agire di conseguenza».

Perché il dato sanitario è così appetibile?

«I dati sanitari sono un elemento importante della vita di una persona sia essa pubblica che privata. Provate e immaginare il danno che può portare la fuoriuscita di dati sensibili e informazioni personali da un database sanitario relativi a qualsiasi tipo di soggetto che ha una vita pubblica. Non è un segreto che esistono tante azioni di ransomware per bloccare i pc e creare disagi alle aziende con la finalità del riscatto economico. Si tratta di un malware che limita l’accesso del dispositivo che infetta sotto richiesta di un riscatto da pagare per rimuovere la limitazione. Per questo, è necessario fare un check puntuale da parte delle aziende sanitarie. Parliamo non solo di ospedali, cliniche e ambulatori che acquisiscono e utilizzano dati riservati, ma anche di tutti quegli enti che gestiscono i dati fondamentali per il SSN: ad esempio gli enti di previdenza. La vita e i dati di ognuno di noi vanno messi in sicurezza».

Articoli correlati
Pendolari della salute: ogni anno un milione e mezzo di persone viaggiano alla ricerca di nuove speranze
Sanità Informazione è entrata con le sue telecamere all’interno della struttura romana di Casa Amica Onlus, sorta a Trigoria nel 2017. La responsabile della Casa: «Ci sono famiglie che alloggiano qui anche un intero anno. Il nostro obiettivo è farli sentire a casa propria». I migranti della salute arrivano soprattutto da Campania, Sicilia, Puglia e Calabria
di Isabella Faggiano
Giornata mondiale del Malato, la voce dei pazienti: «Investire in ricerca, assistenza territoriale e accessibilità delle cure»
Per la XXIX edizione Antonio Gaudioso (Cittadinanzattiva), Filippo Anelli (Fnomceo), Maddalena Pelagalli (RelaCare) e Francesco Vacca (Aism) raccontano, a Sanità Informazione, le difficoltà quotidiane dei malati e di chi se ne prende cura, tra i successi della scienza e i limiti del Ssn
di Isabella Faggiano
Sla, sì unanime della Camera per tre mozioni a sostegno di pazienti e familiari
Ogni anno 2 mila nuove diagnosi di Sclerosi laterale amiotrofica. Governo impegnato a creare Registro nazionale e ad assicurare l'accesso permanente delle associazioni dei pazienti ai tavoli istituzionali. Soddisfatta la deputata della Lega Arianna Lazzarini, la prima a presentare una mozione sul tema: «Maggioranza ed esecutivo si sono impegnati, su questi temi non bisogna dividersi. Ora lotta a burocrazia»
Covid-19: pazienti cronici gastro reumatologici pagano prezzo psicologico più alto
Doppio stress per i pazienti reumatici con malattie infiammatorie articolari
Cure ospedaliere domiciliari, a Milano arriva il Virtual Hospital per seguire i pazienti da remoto
L’ideatore del progetto, il Preside della facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università Statale, Gian Vincenzo Zuccotti, spiega: «Piattaforma per ospedali e medici di base per garantire visite specialistiche a tutti i pazienti da remoto. Modalità semplice, due sms e una tele visita. Al termine il referto viene inserito nel fascicolo sanitario elettronico»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 aprile, sono 143.863.870 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.058.640 i decessi. Ad oggi, oltre 928,68 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...