Lavoro 24 Ottobre 2019 10:00

Cybersecurity, Chiappetta (Aspisec): «I dati sanitari fanno gola agli hacker. Ecco come proteggerli»

Il settore sanitario è il nuovo bersaglio degli attacchi informatici: gli ospedali e le strutture sanitarie devono mettere in campo strategie adeguate a garantire la sicurezza dei dati dei pazienti. Ci spiega tutto Andrea Chiappetta, Amministratore di Aspisec

La sanità è un settore particolarmente vulnerabile agli attacchi degli hacker. I vantaggi delle nuove tecnologie applicate alla salute sono indubbi, ma è anche vero che i dati sanitari sono estremamente “appetibili” per i cyber criminali e aumentano sempre di più i tentativi di violazione e sottrazione. Per questo, le strutture sanitarie devono investire in sicurezza e mantenere alto il livello di protezione dei dati sensibili dei pazienti. Ne abbiamo parlato con Andrea Chiappetta, Executive Director di Aspisec, azienda che si occupa di sicurezza informatica, in occasione della conferenza Big Data In Health di cui Sanità Informazione è stata media partner.

Parliamo di di cybersecurity in ambito sanitario: quali sono i maggiori rischi e che cosa si può fare per contenerli?

«Il comparto sanitario è una realtà critica che necessita di attenzioni sia per la protezione del paziente e dei suoi dati, sia per mantenere l’integrità e il funzionamento dell’infrastruttura. Dai trend che abbiamo analizzato emerge che il settore della sanità è oggetto di attenzione da parte di soggetti esterni alle infrastrutture sanitarie. L’obiettivo è arrivare ai dati personali e arrecare danni tramite l’impiego di fishing, social engineering e malware ad hoc che vanno a bloccare il funzionamento della struttura stessa mettendo a repentaglio tutto ciò che ne deriva».

In che modo le strutture sanitarie possono proteggersi?

«In Aspisec ci occupiamo di mettere in sicurezza le infrastrutture attraverso tecnologie di offensive security. Questo come viene fatto? Con una soluzione hardware che analizza le metodologie utilizzate per cercare di accedere al sistema e arrecare danni. Usiamo tecniche di offensive security all’interno di un prodotto che mira alla defense security. Questo strumento consentirà di capire se c’è qualcuno che sta cercando di acquisire informazioni in modo fraudolento e agire di conseguenza».

Perché il dato sanitario è così appetibile?

«I dati sanitari sono un elemento importante della vita di una persona sia essa pubblica che privata. Provate e immaginare il danno che può portare la fuoriuscita di dati sensibili e informazioni personali da un database sanitario relativi a qualsiasi tipo di soggetto che ha una vita pubblica. Non è un segreto che esistono tante azioni di ransomware per bloccare i pc e creare disagi alle aziende con la finalità del riscatto economico. Si tratta di un malware che limita l’accesso del dispositivo che infetta sotto richiesta di un riscatto da pagare per rimuovere la limitazione. Per questo, è necessario fare un check puntuale da parte delle aziende sanitarie. Parliamo non solo di ospedali, cliniche e ambulatori che acquisiscono e utilizzano dati riservati, ma anche di tutti quegli enti che gestiscono i dati fondamentali per il SSN: ad esempio gli enti di previdenza. La vita e i dati di ognuno di noi vanno messi in sicurezza».

Articoli correlati
Anemia da malattia renale cronica, un peso da alleggerire
Promuovere la conoscenza dell'Anemia, fare una diagnosi tempestiva, gestire il paziente con malattia renale cronica in maniera multidisciplinare, realizzare una presa in carico in maniera omogenea sul territorio e monitorare l'Anemia lungo tutto il percorso del paziente sono le proposte per salvaguardare qualità di vita delle persone con Anemia da malattia renale cronica.
Tumori: in Italia 1740 associazioni di pazienti e caregiver, numero 1 in Europa
Oltre 1.740 associazioni oncologiche di pazienti e caregiver censite in Italia solo nel 2023. Il nostro paese detiene dunque il record europeo in proporzione al numero di abitanti. Sono i dati «di capillarità» del primo Libro Bianco sul mondo del volontariato oncologico, promosso e redatto da ROPI
Caldo, una mappa degli interventi per proteggere i fragili a domicilio
Una mappa di alcuni degli interventi in corso da Nord a Sud per proteggere i pazienti fragili dall’emergenza caldo. Il presidente Fiaso, Migliore: «Grande attenzione alla comunicazione per evitare afflusso eccessivo nei pronto soccorso nei prossimi giorni»
L’Europa accelera su ricerca e dati sanitari, l’Italia è pronta?
Secondo Giovanni Apolone (Direttore Scientifico della Fondazione IRCCS Istituto dei Tumori di Milano) per vincere la sfida occorre superare l’interpretazione restrittiva della norma europea sul GDPR
Le associazioni dei pazienti contro il Piano oncologico: «Si rischia di sprecare occasione PNRR»
Il Piano oncologico, appena varato dal Ministero della Salute, non convince le associazioni dei pazienti. Per Elisabetta Iannelli (FAVO) «manca una visione strategica a monte», mentre per Francesca Traclò (AIMAC) «il sistema è intrappolato sui numeri e le prestazioni e non si guarda alla qualità delle cure». Polemiche per la scomparsa dell’esenzione 048 temporanea e per l’assenza di riferimenti all’assistenza psicologica
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...