Lavoro 13 Ottobre 2017 16:25

Cumulo contributivo, Cavallero (Cosmed): «Finalmente pari dignità per tutti. Ma restano discriminazioni economiche»

L’intervista al Segretario nazionale Cosmed Giorgio Cavallero: «Cumulo questione di civiltà giuridica. Ma si aprirà indubbiamente la strada dei contenziosi per la sterilizzazione del quantum economico e sarà la giurisprudenza a decidere»

«Finalmente viene riconosciuta pari dignità a tutte le attività svolte. Il cumulo contributivo è una questione di civiltà giuridica, ma ci sono contraddizioni e incongruenze tra la Legge, questa circolare e le circolari precedenti sul cumulo», è il commento a caldo del Segretario Nazionale della Cosmed Giorgio Cavallero, a poche ore dalla pubblicazione della circolare Inps che dà operatività alla disciplina del cumulo contributivo gratuito. I medici si vedono riconoscere automaticamente gli anni della formazione come anzianità contributiva e il coinvolgimento dei contributi alle casse previdenziali autonome allontana per i medici e i dirigenti sanitari la prospettiva di dover lavorare fino a 70 anni, con tutte le conseguenze sul lavoratore e sulla sicurezza dei servizi resi ai cittadini.

LEGGI ANCHE ENPAM: «PRONTI DA SUBITO A PAGARE PENSIONI IN CUMULO. ORA IL PROBLEMA SONO I TEMPI»

«Tuttavia – precisa Cavallero – resta il rammarico per la discriminazione che rimane. I contributi versati fino al 1996 saranno considerati ai fini dell’anzianità, e quindi saranno utili per il calcolo degli anni della contribuzione per la pensione, ma non sono utili per passare dal sistema contributivo al misto e per raggiungere i 18 anni nel 1995».

«Questo aprirà indubbiamente la strada dei contenziosi e sarà la giurisprudenza a decidere – prosegue il Segretario -, anche perché non penso che ci siano margini di trattativa oramai, nonostante le differenze tra la Legge, questa circolare e le circolari precedenti sul cumulo come la numero 120 del 2013».

LEGGI ANCHE: PENSIONI, L’INPS DÀ IL VIA LIBERA AL CUMULO CONTRIBUTIVO. PARTONO LE DOMANDE: ECCO COME FUNZIONERÀ

Il provvedimento infatti nega che gli anni di contribuzione alle Casse Professionali anteriori al 1996 siano utilizzabili per raggiungere i 18 anni al 31 dicembre 1995 (ottenendo il calcolo retributivo fino al 2011) e per passare dal sistema contributivo a quello misto. Se così fosse stato, e la circolare dell’Inps avesse dato seguito al cosiddetto “tombolone”, come definito dallo stesso Segretario Cavallero, gli aspiranti pensionati avrebbero avuto la possibilità di convertire sedici anni di contributi versati con sistema contributivo nel sistema retributivo, molto più vantaggioso economicamente.

«Io mi rendo conto che questo sia costoso, ma se parliamo di uguaglianza e pari dignità poi non possiamo sterilizzare la parte economica – continua Cavallero –. In questo modo non c’è equiparazione del trattamento economico tra chi lavorava e versava contributi all’Inps e chi versava in altre casse. Sul quantum economico e le modalità di calcolo quindi non c’è quel pari trattamento che in punta di diritto, anche costituzionale, a mio avviso doveva esserci».

In ogni caso – continua Cavallero – questi dettagli economici non devono sminuire la validità dell’impianto, che comunque consente di sbloccare la situazione e di mandare in pensione molte persone che hanno maturato i requisiti necessari».

«Non dimentichiamoci, poi, che nonostante questo provvedimento sia stato aspettato dagli aspiranti pensionati di oggi, di fatto è a favore dei giovani. Il mondo è cambiato, non c’è più come una volta il posto fisso per tutta la vita. È normale quindi che prima di ottenere un posto stabile i giovani vivano dei periodi di precariato, che magari li portano a versare contributi a gestioni differenti. Grazie al cumulo contributivo gratuito, anche i pensionati di domani potranno mettere insieme ciò che è diviso», conclude il Segretario Cavallero.

Articoli correlati
Covid, amministrazioni sanitarie in tilt: +20% errori in retribuzione sanitari
L’allarme di Consulcesi & Partners: «La pandemia ha generato caos, boom errori in buste paga e calcolo pensioni»
Emergenza Covid e medici vaccinatori, in quali casi scatta lo stop alla pensione?
Sul banco degli imputati l’articolo 3 bis del Dl 2 del 2021: chi ha stipulato un incarico ai sensi di questa norma rischia di vedersi bloccata la pensione. Pulci (ENPAM): «Molte persone hanno dato disponibilità sulla base di un contesto normativo in cui non c’era nessuna penalizzazione». De Matteis (SMI): «Molti si tireranno indietro, regole assurde»
Vaccini, C&P: «Per medici pensionati rischio di essere vittime di norma incostituzionale»
Ad esprimersi sulla vicenda che ha alimentato la preoccupazione di molte aziende sanitarie per i possibili contraccolpi in un momento di emergenza nazionale, sono gli avvocati di Consulcesi & Partners, network legale dell’azienda Consulcesi
Come capire se un medico riceve (o riceverà) la giusta pensione
È possibile che un professionista sanitario che non esercita più riceva una pensione più bassa di quanto gli spetterebbe. Errori nelle pratiche amministrative possono portare ad una rata mensile sensibilmente meno corposa di quanto maturato. Abbiamo parlato con Francesco Russo, amministratore Con.Ser.Imp srl, studio associato a Consulcesi & Partners, per capire cosa deve fare un medico per farsi restituire quanto ingiustamente tolto
Enpam, patrimonio raddoppiato in dieci anni. Oliveti: «E con fiscalità europea più vantaggi agli iscritti»
Il presidente dell’ente previdenziale di medici e dentisti racconta l’anno del Covid: «Adottate misure per 700 milioni di euro per aiutare gli iscritti danneggiati dall’epidemia, ma assicurata sostenibilità dell’ente a 30 anni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 9 dicembre, sono 267.880.128 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.280.456 i decessi. Ad oggi, oltre 8,28 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Perché nonostante i vaccini i casi di Covid-19 aumentano?

di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi