Lavoro 13 Ottobre 2017 16:25

Cumulo contributivo, Cavallero (Cosmed): «Finalmente pari dignità per tutti. Ma restano discriminazioni economiche»

L’intervista al Segretario nazionale Cosmed Giorgio Cavallero: «Cumulo questione di civiltà giuridica. Ma si aprirà indubbiamente la strada dei contenziosi per la sterilizzazione del quantum economico e sarà la giurisprudenza a decidere»

«Finalmente viene riconosciuta pari dignità a tutte le attività svolte. Il cumulo contributivo è una questione di civiltà giuridica, ma ci sono contraddizioni e incongruenze tra la Legge, questa circolare e le circolari precedenti sul cumulo», è il commento a caldo del Segretario Nazionale della Cosmed Giorgio Cavallero, a poche ore dalla pubblicazione della circolare Inps che dà operatività alla disciplina del cumulo contributivo gratuito. I medici si vedono riconoscere automaticamente gli anni della formazione come anzianità contributiva e il coinvolgimento dei contributi alle casse previdenziali autonome allontana per i medici e i dirigenti sanitari la prospettiva di dover lavorare fino a 70 anni, con tutte le conseguenze sul lavoratore e sulla sicurezza dei servizi resi ai cittadini.

LEGGI ANCHE ENPAM: «PRONTI DA SUBITO A PAGARE PENSIONI IN CUMULO. ORA IL PROBLEMA SONO I TEMPI»

«Tuttavia – precisa Cavallero – resta il rammarico per la discriminazione che rimane. I contributi versati fino al 1996 saranno considerati ai fini dell’anzianità, e quindi saranno utili per il calcolo degli anni della contribuzione per la pensione, ma non sono utili per passare dal sistema contributivo al misto e per raggiungere i 18 anni nel 1995».

«Questo aprirà indubbiamente la strada dei contenziosi e sarà la giurisprudenza a decidere – prosegue il Segretario -, anche perché non penso che ci siano margini di trattativa oramai, nonostante le differenze tra la Legge, questa circolare e le circolari precedenti sul cumulo come la numero 120 del 2013».

LEGGI ANCHE: PENSIONI, L’INPS DÀ IL VIA LIBERA AL CUMULO CONTRIBUTIVO. PARTONO LE DOMANDE: ECCO COME FUNZIONERÀ

Il provvedimento infatti nega che gli anni di contribuzione alle Casse Professionali anteriori al 1996 siano utilizzabili per raggiungere i 18 anni al 31 dicembre 1995 (ottenendo il calcolo retributivo fino al 2011) e per passare dal sistema contributivo a quello misto. Se così fosse stato, e la circolare dell’Inps avesse dato seguito al cosiddetto “tombolone”, come definito dallo stesso Segretario Cavallero, gli aspiranti pensionati avrebbero avuto la possibilità di convertire sedici anni di contributi versati con sistema contributivo nel sistema retributivo, molto più vantaggioso economicamente.

«Io mi rendo conto che questo sia costoso, ma se parliamo di uguaglianza e pari dignità poi non possiamo sterilizzare la parte economica – continua Cavallero –. In questo modo non c’è equiparazione del trattamento economico tra chi lavorava e versava contributi all’Inps e chi versava in altre casse. Sul quantum economico e le modalità di calcolo quindi non c’è quel pari trattamento che in punta di diritto, anche costituzionale, a mio avviso doveva esserci».

In ogni caso – continua Cavallero – questi dettagli economici non devono sminuire la validità dell’impianto, che comunque consente di sbloccare la situazione e di mandare in pensione molte persone che hanno maturato i requisiti necessari».

«Non dimentichiamoci, poi, che nonostante questo provvedimento sia stato aspettato dagli aspiranti pensionati di oggi, di fatto è a favore dei giovani. Il mondo è cambiato, non c’è più come una volta il posto fisso per tutta la vita. È normale quindi che prima di ottenere un posto stabile i giovani vivano dei periodi di precariato, che magari li portano a versare contributi a gestioni differenti. Grazie al cumulo contributivo gratuito, anche i pensionati di domani potranno mettere insieme ciò che è diviso», conclude il Segretario Cavallero.

Articoli correlati
Enpam, patrimonio raddoppiato in dieci anni. Oliveti: «E con fiscalità europea più vantaggi agli iscritti»
Il presidente dell’ente previdenziale di medici e dentisti racconta l’anno del Covid: «Adottate misure per 700 milioni di euro per aiutare gli iscritti danneggiati dall’epidemia, ma assicurata sostenibilità dell’ente a 30 anni»
La ricetta Anaao per fermare la fuga dagli ospedali: «Ora contratto di lavoro e retribuzioni adeguate»
Il Segretario Palermo: «Una sofferenza che viene da lontano, amplificata dalla pandemia, e che ha reso insostenibili intensità assistenziale e carichi di lavoro»
Trattativa pensioni, Cignarelli (Codirp): «Utilizzare risorse del Recovery Fund per prepensionare lavoratori a rischio Covid»
Ai nostri microfoni, la Segretaria generale della Confederazione Dirigenti della Repubblica spiega cosa non sta andando ai tavoli di trattativa con il Ministero del Lavoro e quali sono le soluzioni per riformare il sistema (e prevedere maggiore flessibilità in uscita)
Salute, benessere e stili di vita: nasce Senior News, il Tg di Senior Italia FederAnziani
Senior news sarà pubblicato ogni giorno alle ore 14:30 sul canale YouTube di Senior Italia FederAnziani e sulle pagine Facebook della federazione e sarà distribuito via Whatsapp a tutti gli aderenti
Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»
Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5.260 euro per ciascun anno»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’8 marzo, sono 116.859.911 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.593.931 i decessi. Ad oggi, oltre 300,10 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elabo...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...