Lavoro 9 Ottobre 2020

Covid-19, Palermo (Anaao): «Carico di lavoro medici aumenterà. Servono nuove risorse e assunzioni»

Il segretario del sindacato: «L’epidemia è ora, i soldi del Recovery Fund arriverebbero troppo tardi. Intanto prendiamo i 36 miliardi del Mes»

«I posti nelle terapie intensive e sub-intensive non operano da soli. Senza medici e infermieri è impossibile garantirne piena funzionalità e sicurezza. Ma a fronte di un aumento dei letti in questi reparti, le risorse di personale sono pressoché invariate rispetto all’era pre-Covid. Si registravano 9mila vuoti nelle dotazioni organiche, non colmati dalle assunzioni effettuate. Questo significa che il carico di lavoro per il personale ospedaliero in servizio aumenterà in modo preoccupante».

Carlo Palermo, segretario del sindacato Anaao Assomed, illustra così la situazione negli ospedali italiani alle prese con la seconda ondata di Covid-19, e chiede quindi nuove risorse per i dirigenti sanitari e «un CCNL 2019-2021 che non sia ordinaria amministrazione, a partire dall’entità degli investimenti necessari per il lavoro, da aprire al più presto e da chiudere nel più breve tempo possibile».

«Il governo ha previsto l’assunzione di 6mila medici, ma si tratta, per la maggior parte dei casi, di contratti precari – continua Palermo -. Ma in sanità non si può fare cura e crescita professionale con un rapporto precario».

UN NUOVO SISTEMA SANITARIO CON IL MES

«E adesso – aggiunge Palermo – si apre finalmente la prospettiva di una riforma del Sistema sanitario nazionale al di fuori della stagione dei tagli, con la possibilità di investimenti importanti per sanare tutte le debolezze che il virus ha messo in evidenza e per affrontare tutte le criticità che si è portato dietro, a cominciare dall’epidemia sommersa di tutti quei pazienti “ordinari” che aspettano risposte alle loro esigenze».

Investimenti da effettuare sfruttando i fondi europei: «Prima di pensare al Recovery Fund, che potrebbe arrivare nella seconda metà del 2021, prendiamo i 36 miliardi di euro del Mes che sono prontamente disponibili. L’epidemia è ora, il pericolo rischia di salire progressivamente e diventare incontrollabile. E abbiamo bisogno di aumentare il numero dei tamponi, di acquistare reagenti, di assumere personale a tempo determinato (perché parliamo di fondi una tantum, non strutturali) per poter allargare la possibilità di intervento, di testing e tracing. Combattendo l’epidemia sul territorio, che è quello che dobbiamo fare in questa fase», conclude il segretario Anaao.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Anticorpi monoclonali, Andreano (Toscana Life Sciences): «A marzo possibile distribuzione negli ospedali»
Gli anticorpi monoclonali potrebbero farci uscire dalla pandemia. Ma cosa sono e come funzionano? Lo abbiamo chiesto a Emanuele Andreano, ricercatore presso la Fondazione Toscana Life Sciences
di Peter D'Angelo
Tamponi rapidi Covid, CIDEC: «Il ‘Decreto Ristori’ priva i laboratori di analisi della propria funzione»
Elisa Interlandi, Presidente Cidec Federazione Sanità: «Nostra esclusione dal finanziamento aggiuntivo previsto dal Decreto danno per la salute dei cittadini e per il tracciamento dei contagi»
Von der Leyen annuncia le 8 misure della Commissione europea contro il Covid-19
Garantire informazioni chiare, test precisi e viaggi sicuri. Queste le regole su cui la Commissione europea punta per combattere il virus in seconda ondata pensando all'economia. Prorogata la sospensione dell'Iva sull'attrezzatura medica
Covid-19, Magrini (Aifa): «Primi dati sui vaccini all’inizio del prossimo anno»
Il direttore Generale dell’Agenzia italiana del Farmaco ha fatto il punto su farmaci e vaccini in corso di valutazione e sugli attuali standard terapeutici per il COVID-19
Covid-19, Rostan (IV): «Diagnosi oncologiche e biopsie dimezzate con lockdown. Garantire accesso a farmaci innovativi»
Nell'interrogazione al Ministro della Salute Speranza presentata da Michela Rostan (Iv) anche la richiesta di istituire un Fondo Unico per l’innovazione farmaceutica, superando il sistema duale previsto dalla normativa vigente
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 ottobre, sono 43.979.777 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.167.124 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 28 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...